Rinaldo Settembrino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rinaldo Settembrino
Rinaldo Settembrino.JPG
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Carriera
Squadre di club1
1947-1951 Salernitana 90 (7)
1951-1953 Pro Patria 41 (1)
1953-1954 Padova 23 (0)
1954-1955 Pro Patria 22 (1)
1956-1957 Salernitana 16 (0)
1957-1959 Cirio 23+ (0+)
1959-1961 Casertana 41 (4)
1961-1963 Scafatese ? (?)
Carriera da allenatore
1967-1968 Salernitana
1969-1970 Avellino [1]
1970-1971 Enna [2]
1974-1975 Nuova Igea [3]
1975-1976 Salernitana
1977-1978 Paganese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Rinaldo Settembrino (Salerno, 12 novembre 1927Salerno, 14 febbraio 1980) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano di ruolo difensore, protagonista dello scandalo, passato alla storia come Confessione di Settembrino, che portò alla retrocessione in Serie B dell'Udinese nel 1955.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Confessione di Settembrino.

Cominciò nella Salernitana dove, dal 1947 al 1951, giocò 4 campionati totalizzando 90 presenze e 7 gol, tutte in Serie B.

Nel 1951 passò alla Pro Patria dove giocò due campionati in Serie A, l'ultimo dei quali chiuso con la retrocessione, prima di essere ceduto al Padova, in Serie B, nella stagione 1953-1954.

Tornato alla Pro Patria, di nuovo in massima serie, vi rimase una stagione prima di essere squalificato, dopo aver confessato di aver ricevuto, nel maggio 1953, la somma di 150.000 lire per far perdere ai bustocchi la gara che fruttò la salvezza all'Udinese.[4] Scontata la pena, decise di fare ritorno alla Salernitana in Serie C.

In carriera ha totalizzato complessivamente 63 presenze e 2 reti in Serie A e 113 presenze e 7 reti in Serie B.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1967-1968 allenò la Salernitana in Serie C[5]; nella stagione 1969-1970 ha allenato l'Avellino sempre in terza serie, mentre nella stagione 1974-1975 ha allenato l'Igea Virtus in Serie D. Nel campionato 1975-1976 torna alla Salernitana in Serie C, dalla quale però viene esonerato dopo la prima sconfitta alla 5' giornata, nonostante il primato in classifica; nel 1977-1978 passa alla Paganese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Almanacco illustrato del calcio 1971, edizioni Panini, pag. 266
  2. ^ Almanacco illustrato del calcio 1972, edizioni Panini, pag. 268
  3. ^ Almanacco illustrato del calcio 1975, edizioni Panini, pag. 327
  4. ^ Corriere dello Sport Archiviato il 6 gennaio 2014 in Internet Archive.
  5. ^ CAMPIONATO 1967-68[collegamento interrotto] teate.net

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]