Dino Del Bo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Rinaldo Del Bo)
Dino Del Bo
Dino del bo.jpg

Presidente dell'Alta autorità della CECA
Durata mandato 22 ottobre 1963 –
8 marzo 1967
Predecessore Piero Malvestiti
Successore Albert Coppé

Ministro per i rapporti con il Parlamento
Durata mandato 19 maggio 1957 –
14 febbraio 1959
Presidente Governo Zoli, Governo Fanfani II
Predecessore Raffaele De Caro
Successore Giuseppe Bettiol

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV (sino a 21 ottobre 1963)
Gruppo
parlamentare
Democratico cristiano
Incarichi parlamentari
  • I
    • membro della I commissione affari interni (11 giugno 1948 - 26 giugno 1948)
    • membro della II commissione affari esterni (29 luglio 1952 - 24 giugno 1953)
    • membro della VI commissione istruzione e belle arti (26 giugno 1948 - 27 luglio 1951)
  • II
    • membro della III commissione giustizia (7 luglio 1954 - 9 luglio 1955)
    • componente della XI commissione lavoro e previdenza sociale (1º dicembre 1953 - 7 luglio 1954)
  • III
    • membro della I commissione affari costituzionali (1º luglio 1960 - 30 giugno 1961)
    • membro della II commissione interni (12 giugno 1958 - 30 giugno 1960)
    • membro della III commissione esteri (1º luglio 1960 - 15 maggio 1963)
    • membro della commissione speciale per l'esame del disegno n. 2076, delle proposte di legge nn. 247, 248, 933, 1172, 1714, 1903 e della proposta di inchiesta parlamentare n. 582, concernenti la tutela della libertà di concorrenza (31 maggio 1960 - 6 giugno 1960)
    • membro della commissione parlamentare per il parere sulla nuova tariffa generale dei dazi doganali (12 maggio 1960 - 15 maggio 1963)
  • IV
    • membro della III commissione esteri (1º luglio 1963 - 21 ottobre 1963)
    • membro della commissione parlamentare consultiva per il parere sulla nuova tariffa generale dei dazi doganali (19 giugno 1963 - 21 ottobre 1963)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza e in scienze politiche
Professione docente universitario

Rinaldo Del Bo, detto Dino[1] (Milano, 19 novembre 1916Milano, 16 gennaio 1991) è stato un antifascista, partigiano e politico italiano.

Fu uno dei cosiddetti "neo-atlantici" vicini a Giovanni Gronchi

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Esponente di spicco delle organizzazioni universitarie fasciste di Milano, collabora in posizione di fronda a riviste come Gerarchia e Dottrina fascista.[2] Dapprima vicino alla corrente di mistica fascista[3], dopo l'8 settembre 1943, assieme a Teresio Olivelli, Carlo Bianchi, David Maria Turoldo, Mario Apollonio, Giovanni Barbareschi, partecipa agli incontri che porteranno alla fondazione del giornale Il Ribelle[4]. Il giornale delle Brigate Fiamme Verdi esce quando può per 26 numeri, correndo grandi rischi sia per stamparlo sia poi per distribuirlo. Infatti uno dei tipografi, Franco Rovida, e lo stesso Teresio Olivelli finiranno la loro esistenza in un campo di concentramento.

Nel secondo dopoguerra fu deputato per quattro legislature nelle file della Democrazia Cristiana e ricoprì varie cariche governative, tra cui quella di Ministro del commercio con l'estero nel secondo governo Segni. Organizzò il viaggio in URSS del presidente Gronchi. Fu poi il quinto presidente della Alta Autorità della CECA nel quadriennio 1963-1967.[5]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Dino Del Bo, La preparazione spirituale dei giovani, Varese, Scuola di mistica fascista, 1936.
  • Dino Del Bo, La volontà dello Stato, Milano, Garzanti, 1956.
  • Dino Del Bo, L'Adamo celeste: riflessioni su cinque lettere di San Paolo, Milano, Istituto propaganda libraria, 1973.
  • Dino Del Bo, Il Dio della felicità: una storia di Gesù, Milano, Rizzoli, 1975.
  • Dino Del Bo, Simone Weil: dall'anarchismo alla cristianità, Milano, All'insegna del pesce d'oro, 1976.
  • Dino Del Bo, Caterina da Genova: l'amore è il purgatorio, Milano, All'insegna del pesce d'oroi, 1975.
  • Dino Del Bo, Le iscrizioni di Stendhal : elzeviri del tempo, Milano, Edizioni di V. Scheiwiller, 1981.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://storia.camera.it/deputato/rinaldo-del-bo-19161119
  2. ^ Nino Tripodi, Intellettuali sotto due bandiere, Ciarrapico, Roma, 1978, p. 330.
  3. ^ Monica Fioravanzano, Élites e generazioni politiche, F. Angeli, Milano, 2003, p. 285.
  4. ^ Magnani, Alberto, Partigiani tra le cascine. La divisione Garibaldi Magenta e la Resistenza nel sud-ovest milanese, Storia in Lombardia. Fascicolo 3, 2003, Milano : Franco Angeli, 2003.
  5. ^ EUR-Lex - Simple search

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Alta autorità della CECA Successore Flag of Europe.svg
Piero Malvestiti 22 ottobre 1963 - 8 marzo 1967 Albert Coppé
Controllo di autoritàVIAF: (EN46755601 · ISNI: (EN0000 0000 8124 5835 · LCCN: (ENn79038470 · BNF: (FRcb11886129s (data)