Rina Maluta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pax Vobis, 1934

Rina Maluta (Padova, 1868Padova, 14 febbraio 1945) è stata una pittrice italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Padova, risiedeva a Luvigliano di Torreglia. È morta sempre a Padova dove è sepolta al Cimitero Maggiore.

Pittrice nota per varie opere di soggetto sacro presenti in diverse chiese, conventi e sacrari partecipa alla quadriennale di Torino del 1902 con due opere e a quella del 1908 con le opere Ritratto e Lotta intima e partecipa inoltre all'Esposizione nazionale di Milano del 1906 con l'opera Visione Gioconda [1]. Un'opera della pittrice la Madonna dell'Umiltà decora l'altare dell'oratorio del crocifisso nel colleggio delle dimesse a Padova [2] dove è presente un'altra opera dell'autrice Quo Vadis?[3], 21 opere della pittrice fanno parte della collezione dei beni storici e artistici della diocesi di Padova e sono collocate in varie sedi[4]. Un'opera di queste Sacro Cuore di Gesu si trova presso la chiesa di san Giuseppe a Padova [5]. Un'altra opera Gesù Cristo Imprigionato si trova presso la chiesa di S. Giustina a Enego [6].

Pax vobis[modifica | modifica wikitesto]

Pax vobis, il quadro più famoso della pittrice, riproduce il volto di Gesù. La pittrice per la sua realizzazione si era ispirata a un antichissimo crocifisso custodito nella cattedrale di Lucca.

Una riproduzione si trova nella Casa del Volto Santo di Napoli, ed è oggetto del culto legato alla figura della Serva di DIO Madre Flora de Santis. la Casa del Volto Santo è stata edificata nel luogo in cui aveva la propria casa privata Madre Flora de Santis in sua memoria e per custodire l'icona del volto santo e il culto che nel tempo è sorto attorno alla figura del volto di Cristo[7]. La casa di culto e l'immagine sacra sono gestite e custodite dalle Piccole ancelle di Cristo Re.

L'originale dell'opera di Rina Maluta si trova nella Pinacoteca vaticana a Roma.

Altre opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mater Sanctae Humilitatis - Padova, 1936

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [in Matteucci studio e catalogazione dell'arte italiana http://www.istitutomatteucci.it/artisti-censiti/maluta-rina ]
  2. ^ [pag 45 documento illustrativo colleggio delle dimesse http://www.dimessepadova.it/PDF/Dimesse%20390%20anni%20nel%202015.pdf]
  3. ^ [in Padova oggi notizia mostra convento delle dimesse http://www.padovaoggi.it/eventi/accoglienza-formazione-suore-dimesse-casa-storia-13-febbraio-29-maggio-2016.html]
  4. ^ [in sito ufficiale beni storico artistici della diocesi di Padova https://www.beweb.chiesacattolica.it/UI/page.jsp?locale=it&ambito=CEIOA&action=CERCAOA&domini=1&ordine=rilevanza&autn=Maluta%20Rina&da=1]
  5. ^ [in atlante delle parrocchie Padova http://www.parrocchiemap.it/parrocchiemap/other/atlante.jsp?icsc=7610183]
  6. ^ [in atlante delle parrocchie Padovahttp://www.parrocchiemap.it/parrocchiemap/other/atlante.jsp?icsc=7610405]
  7. ^ [in la voce del santo http://lavocedelsanto.altervista.org/voltosantocapodimonte/]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rina Maluta: la vita, il diario, le opere : una quotidiana esperienza di Dio - Progetto Editoriale Mariano, 1984

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]