Riki (cantante)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riki
NazionalitàItalia Italia
GenerePop[1]
Dance pop[1]
Teen pop[1]
Periodo di attività musicale2017 – in attività
EtichettaSony Music
Album pubblicati1
Studio1

Riki, pseudonimo di Riccardo Marcuzzo (Segrate, 4 febbraio 1992), è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Sin da piccolo Riki si avvicina al mondo della musica, come ha raccontato lui stesso ai casting della sedicesima edizione del talent show Amici di Maria De Filippi, dove ha dichiarato che il primo brano da lui composto si intitolava Una calza sì una calza no, nata da un taglio provocatosi sul lido che frequentava con i suoi genitori. Dopo gli studi di recitazione e poi di canto, e il diploma all'Istituto europeo di design a Milano, si specializza in Design della Comunicazione e del Prodotto.

Dopo aver concluso gli studi, ha aperto uno studio di design, abbandonato tuttavia per iniziare il percorso ad Amici di Maria De Filippi.

Amici di Maria De Filippi e Perdo le parole[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2016-2017, partecipa alla sedicesima edizione di Amici di Maria De Filippi, entrando nella squadra capitanata da Elisa. Vince nella categoria canto, ma perde lo scontro finale con il vincitore della categoria ballo, il suo compagno di squadra Andreas Müller. Durante il programma viene scoperto da Francesco Facchinetti che in seguito diventerà il suo mentore e manager.

Il 19 maggio 2017 è stato pubblicato per la Sony Music il suo EP d'esordio, Perdo le parole, composto da sette brani, arrivando in cima alla classifica degli album più venduti in Italia.[2]

Il 5 e 6 giugno successivi si è esibito sul palco dei Wind Music Awards 2017. L'album è rimasto al primo posto in classifica per cinque settimane consecutive, ottenendo a un mese e mezzo dalla sua pubblicazione la certificazione di doppio platino[3] risultando inoltre al primo posto tra gli album più venduti in Italia nei primi sei mesi del 2017.[4] Successivamente partecipa al Summer Festival con il singolo Polaroid esibendosi nella seconda serata e nella finale.

A luglio gira il videoclip del brano Balla con me[5], con Andreas Müller e la modella Ella Ayalon. Il video verrà poi pubblicato l'11 agosto sul suo canale Youtube.

Ad un anno dalla tragedia del terremoto del Centro Italia, Riki devolve il montepremi della vittoria ottenuto ad Amici di Maria De Filippi alla popolazione di Amatrice.[6]

L'11 settembre il disco è stato certificato triplo disco di platino ed è l'album più venduto del primo semestre 2017.

Mania[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 settembre 2017 esce il singolo Se parlassero di noi, primo estratto dall'album d'esordio di Riki, Mania. Uscito il 20 ottobre del medesimo anno, l'album si compone di altri undici brani ed è stato certificato disco di platino dalla FIMI per le oltre 50.000 copie vendute.[7]

Inoltre, viene annunciato che nel 2018 ci sarà un tour che toccherà varie città italiane.[8]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Matt Collar, Riki, AllMusic. URL consultato il 12 agosto 2017.
  2. ^ Classifica fimi 19 maggio
  3. ^ RIKI: Doppio Disco di Platino per "Perdo Le Parole" in 40 giorni - Team World, in Team World, 26 giugno 2017. URL consultato il 16 luglio 2017.
  4. ^ Riki re della classifica nella prima metà del 2017, su Radio Italia. URL consultato il 16 luglio 2017.
  5. ^ Riki: online il videoclip del singolo "Balla con me", in Recensiamo Musica, 11 agosto 2017. URL consultato il 21 agosto 2017.
  6. ^ Riccardo Marcuzzo devolve il montepremi di Amici ad Amatrice, Velvet Music, 28 agosto 2017. URL consultato il 28 agosto 2017.
  7. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 19 dicembre 2017.
  8. ^ Riki: Se parlassero di noi, il nuovo singolo da Mania, Tour nel 2018, in Team World, 28 settembre 2017. URL consultato il 28 settembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]