Rifugio Luigi Vaccarone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rifugio Luigi Vaccarone
RifugioVaccarone082011.JPG
Il rifugio Luigi Vaccarone durante gli ultimi lavori di riqualificazione
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudine2 747 m s.l.m.
LocalitàGiaglione
CatenaAlpi Cozie
Coordinate45°09′14.33″N 6°55′01.27″E / 45.15398°N 6.91702°E45.15398; 6.91702Coordinate: 45°09′14.33″N 6°55′01.27″E / 45.15398°N 6.91702°E45.15398; 6.91702
Dati generali
Inaugurazione1900[1]
ProprietàClub Alpino Italiano
GestioneClub Alpino Italiano, sezione di Chiomonte
Periodo di aperturaCustodito
Capienza24[1] posti letto
Mappa di localizzazione
Sito internet

Il rifugio Luigi Vaccarone è un rifugio situato nel comune di Giaglione (TO), in Val di Susa, nelle Alpi Cozie, a 2.747 m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio, costruito nel maggio del 1900, è dedicato a Luigi Vaccarone.

Luigi Vaccarone - di nobile famiglia piemontese - nel 1863 fu tra i 200 fondatori del Club Alpino Italiano presenti nella "prima lista di adesione", unitamente ai più noti Quintino Sella, Bettino Ricasoli e Giovanni Battista Schiapparelli.

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio è stato da poco riaperto e la fruizione per il pubblico ricomincerà, dopo più di dieci anni di chiusura, a partire da luglio 2012. Il nuovo gestore è Nino Malavenda.

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

  • Da Exilles: con la carrozzabile del vallone di Galambra si raggiunge la località Grange della Valle (1769 m - ampio parcheggio in prossimità del ponte). Di qui la strada ora sterrata prosegue ancora un paio di tornanti, fino alla quota del rifugio Levi Molinari (1849 m), che si trova a sinistra nel bosco di larici. Prendere a destra la mulattiera ex-militare, che conduce ad una conca di pascoli ove si trova la fontana di S. Giovanni (2055 m). poi si inerpica a tornanti per ampi pendii aperti, fino al poco evidente passo Clopacà (m. 2750). Dal colle si scende leggermente verso la valle Clarea, poco oltre si tralascia il bivio che scende nel vallone del Tiraculo, per continuare a mezza costa in direzione nord, per chine dapprima erbose e poi detritiche, in ultimo per cresta morenica si sale in direzione del lago dell'Agnello (2768 m). ed in breve al Rifugio (h. 4.00) In quest'ultimo tratto l'orientamento è complesso in caso di nebbia.
  • Da Giaglione: salendo in direzione del colle del Moncenisio, imboccare a sinistra la strada della valle Clarea, inoltrarsi fin poco oltre il bacino artificiale, in località Case Goranda (m. 1100), quindi attraversare il torrente Clarea e per mulattiera raggiungere l'Alpe del Tiraculo (m. 1392), quindi le Grange Valentino (m. 1964), e poco a sopra il guado sul Rio Tiraculo (m. 2020), ora il sentiero prosegue in salita fino all'unione con quello proveniente dal passo Clopacà. Quindi si continua a mezza costa in direzione nord, per chine dapprima erbose e poi detritiche, in ultimo per cresta morenica si sale in direzione del lago dell'Agnello (2768 m). ed in breve al Rifugio. (h. 5.30)
  • Da Chiomonte: accesso interessante e storico, già per il sol fatto di una visita al Pertus de Romean. È questo una galleria di circa 500 metri di lunghezza, scavata a mano nel 1500 da Colombano Romean, per portare l'acqua del vallone Tiraculo alle regioni Ramà e Cels. Per carrozzabile in direzione delle frazioni Ramats, quindi voltare per il Cels, dopo circa 1.5 km imboccare la carrozzabile a fondo cattivo che conduce alle Grange del Guy (m. 1366). Qui parte la mulattiera che con ampi tornati sale alle Grange Pertuso e quindi allo sbocco del traforo di Thuille (m. 1980), da cui verso destra alla cima dei Quattro Denti di Chiomonte (m. 2100). Una breve discesa porta alle Grange Thuille (m. 2024) ed al guado sul rio Tiraculo, ora il sentiero prosegue in salita fino all'unione con quello proveniente dal passo Clopacà. Quindi si continua mezza costa in direzione nord, per chine dapprima erbose e poi detritiche, in ultimo per cresta morenica si sale in direzione del lago dell'Agnello (2768 m). ed in breve al Rifugio (h. 5.00)
  • Dal colle del Piccolo Moncenisio: da Susa con la Strada statale 25 del Moncenisio fino all'omonimo colle, poi per strada secondaria raggiungere il colle del Piccolo Moncenisio (m. 2182). Da qui lungo il vallone delle Savine e il lago delle Savine sino a raggiungere il colle Clapier, dal colle, su buon sentiero, dapprima perdendo un centinaio di metri toccare i laghi del Clapier, quindi superando la barriera del Gias raggiungere il rif. Vaccarone. (4.00 h dal Piccolo Moncenisio)

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Guida ai Rifugi del CAI, RCS MediaGroup, 2014, ISBN 9772036626210ISBN non valido (aiuto), ISSN 20366299 (WC · ACNP).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna