Rifugio Boè

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rifugio Boè
Rifugio Boè 2.jpg
Il rifugio Boè visto dall'SimboloAltavia2.gif alta via n°2 che sale dal Passo Pordoi per il Piz Boè
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudinem 2 871 m s.l.m.
LocalitàCol Turond
CatenaGruppo del Sella
Coordinate46°30′52.6″N 11°49′24.3″E / 46.514611°N 11.823417°E46.514611; 11.823417Coordinate: 46°30′52.6″N 11°49′24.3″E / 46.514611°N 11.823417°E46.514611; 11.823417
Dati generali
Inaugurazione1898
reso agibile dopo la prima guerra mondiale nel 1924
ProprietàSAT
GestioneLodovico Vaia
Periodo di apertura20 giugno-20 settembre
Capienza69 posti letto
Locale invernale4 posti
Mappa di localizzazione
Sito internet
Rifugio Boè

Il rifugio Boè è un rifugio delle Dolomiti situato nel comune di Canazei (TN), costruito alla fine dell'Ottocento e ora di proprietà della Società Alpinisti Tridentini, sezione del Club Alpino Italiano.

È posto al centro orografico del Gruppo del Sella, di faccia alla parete nord-ovest del Piz Boè e sullo spartiacque tra la val Mezdì (nel comune di Badia[1] in Val Badia - Alto Adige) e la Val Lastìes (nel comune di Canazei[2] in val di Fassa - Trentino). Il paesaggio sull'altopiano è quasi lunare.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio Boè, come tutti i primi rifugi dolomitici, venne eretto dal D.Ö.A.V., precisamente dalla sezione di Bamberga. Per questo motivo inizialmente il rifugio prese il nome di "capanna di Bamberga al Boè". Uscì devastato dall prima guerra mondiale e nel 1921 passò dalla società alpinistica boema alla Società degli alpinisti tridentini (SAT) assieme ad altri 13 rifugi. Venne ristrutturato da quest'ultima, tornò in funzione nel 1924 e prese l'attuale nome di "rifugio Boè". Successivamente il rifugio venne ampliato in diverse occasioni. Dal 1992 il rifugio è stato dotato di un impianto per il trattamento e la depurazione biologica delle acque reflue in via sperimentale a cura del Servizio Opere igienico sanitarie della Provincia autonoma di Trento.[3]

Alta Via n° 2[modifica | modifica wikitesto]

SimboloAltavia2.gif

L'alta via n. 2 (in tedesco Höhenweg Nr. 2), detta "via delle leggende", è un'alta via situata sulle Dolomiti che parte da Bressanone e arriva a Feltre. L'intero tragitto è strutturato su 15 giorni di percorrenza, per un totale di circa 185 km e un dislivello totale di circa 11.000 metri.

L'Alta via n. 2 passa per il rifugio Boè. Per chi parte da Bressanone questo rifugio è la quarta tappa dopo un tragitto di circa 20 ore ed essendo passati per il rifugio Genova, il rifugio Puez ed il rifugio Cavazza al Pisciadù. Per chi invece percorre l'alta via nel verso opposto questo rifugio è la tredicesima tappa dopo un percorso di circa 54 ore ed essendo passati per 10 rifugi.

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio Boè è situato sull'alta via nº2 e di questa è un punto di pernottamento. Il rifugio, essendo situato sul Col Turound (vasto pianoro nel cuore del Gruppo di Sella, ai piedi del Piz Boè) è raggiungibile da moltissimi sentieri e molte vallate. I più comuni sono:

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Dal rifugio Boè si hanno diverse salite facili, non molto lunghe e di grande interesse panoramico:

  • la salita al Piz Boè (3.151 m) per il versante ovest è la salita maggiormente vicina a questo rifugio e offre un mix quota e panorama con un breve tempo e impegno alpinistico - ore 1;
  • la salita al Sass Mezdì (2.980 m) per l'Antersass è un'ascensione poco frequentata in sé. Vengono spesso saliti durante l'attraversata al rifugio Cavazza al Pisciadù - ore 1;
  • la salita al Sass dei Ciamorces (2999, anche cima Mesules) per la Sella del Pisciadù. Itinerario di media difficoltà - ore 2,30;
  • la salita al Piz Selva (2914 m) lungo un facile sentiero in quota che passa a pochi metri dalle raggiungibili cime - ore 2:
    • l'Antersass (2980 m);
    • Piz Rotic (2973 m);
    • Piz Beguz (2974 m);
    • Piz Miara (2964 m);
    • Piz Saliera (2859 m);
    • Piz Gralba (2972 m);
    • Piz Revis (2940 m).[7]
  • salita al sasso Pordoi (2950 m) - meno di un'ora.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dati presi dalla pagina Wikipedia Val Badia
  2. ^ Il rifugio Boè si trova in val di Fassa, precisamente nel comune di Canazei, vedi il sito del rifugio, su rifugioboe.it.
  3. ^ Sito del rifugio, su rifugioboe.it.
  4. ^ a b Vedi scheda itinerari sul sito del rifugio, su rifugioboe.it.
  5. ^ Vedi scheda di alta-badia.org.
  6. ^ Vedi le schede dei siti di Vie Ferrate.it, su vieferrate.it. e di (DEIT) Senters.com, su sentres.com.
  7. ^ Vedi il sito del GAV, su ilgav.com. per consultare i nomi delle cime ed il suo ordine.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Montagna