Rifugio Bagnour

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rifugio Bagnour
RifugioBagnour.jpg
Il rifugio Bagnour visto dal Lago Bagnour
Ubicazione
StatoItalia Italia
Altitudine2 017 m s.l.m.
LocalitàPontechianale (CN)
CatenaAlpi Cozie
Coordinate44°36′48.57″N 7°04′34.86″E / 44.613491°N 7.076349°E44.613491; 7.076349Coordinate: 44°36′48.57″N 7°04′34.86″E / 44.613491°N 7.076349°E44.613491; 7.076349
Dati generali
Inaugurazione19 settembre 2004
ProprietàComunità montana Valle Varaita
GestioneLivio Martino e Elisa Tosco
Periodo di aperturada metà giugno a metà settembre, e in tutti i restanti week-end dell'anno
Capienza20 posti letto
Mappa di localizzazione
Sito internet

Il rifugio Bagnour è un rifugio situato nel comune di Pontechianale (CN), in valle Varaita, nelle Alpi Cozie, a 2017 m s.l.m.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio che ospita il rifugio nacque nel 1941 come punto di riferimento per l'allora Milizia forestale; utilizzato durante la seconda guerra mondiale per operazioni di avvistamento aereo, l'edificio fu abbandonato dopo la fine delle ostilità. Per iniziativa della Comunità montana Valle Varaita e degli attuali gestori, la ex caserma è stata ristrutturata e riadattata a rifugio. L'inaugurazione è avvenuta nel 2004.[1]

Caratteristiche e informazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio è situato nel mezzo del bosco dell'Alevè, sulle rive del lago Bagnour. Di proprietà della Comunità montana Valle Varaita, dispone di 20 posti letto; è aperto e gestito in estate e nei restanti week-end. È dotato di energia elettrica (generatore a pannelli fotovoltaici) e di telefono. Offre servizio ristorante (95 coperti totali), bar ed alberghetto.[2]

Accessi[modifica | modifica wikitesto]

Il rifugio si raggiunge partendo da Castello (Pontechianale), mediante il sentiero U8 (1h 15'-1h 30'). È anche raggiungibile partendo da Villaretto e da Alboin, entrambe frazioni di Casteldelfino.[2]

Ascensioni[modifica | modifica wikitesto]

Traversate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inaugurato nuovo rifugio nel bosco dell'Alevè, su La Stampa del 23-09-2004, pag. 53; disponibile online[collegamento interrotto]
  2. ^ a b Natura Occitana - Rifugio Bagnour

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]