Ridolfo Mazzucconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Ridolfo Mazzucconi (Firenze, 2 maggio 1889Forlì, 23 gennaio 1959) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fu autore di circa trenta libri. Per conto dell'Istituto per gli studi di politica internazionale nel 1937, dopo la guerra d'Etiopia, pubblicò la Storia della conquista dell'Africa in quattro volumi. Autodefinitosi «mente speculatrice d'inquieto ricercatore», scrisse novelle e romanzi apparsi a puntate su La Nazione[1] e si occupò, in modo antiaccademico e divulgativo, anche di storia dell'arte pubblicando alcune biografie romanzate.[2]

Insieme con Piero Bernardini, Giuseppe Cartoni, Bruno Fallaci, Puccio Pucci, costituì un cenacolo culturale, «Rosina»[3], che in una serata futurista al teatro Verdi di Firenze (12 dicembre 1913) Filippo Tommaso Marinetti definì "movimento contenente indubbi elementi di simultaneità".[4]

Collaboratore e redattore di vari periodici, tra cui Collegi d'Italia, Gazzetta dei Comuni (anche direttore nel 1925), Corriere d'America, L'Italia Letteraria, Stampa fascista, Italia e Civiltà, fu nominato direttore del quotidiano La Nazione dal governo della Repubblica Sociale Italiana, dal 17 settembre al 18 ottobre 1943, quando fu sostituito da Mirko Giobbe. Giobbe aveva improntato al quotidiano una linea moderata e dialogante che al ministro della cultura popolare Ferdinando Mezzasoma non piacque, pertanto Mazzucconi fu chiamato ad assumere la guida del giornale una seconda volta, dal 14 aprile fino all'arrivo degli Alleati.[5] La pubblicazione del giornale fu ufficialmente sospesa dal Comando Alleato in Italia il 18 agosto 1944.[1]

Da maggio 1944 fu direttore della Nuova Antologia (fino a dicembre) e fece parte di un comitato consultivo di cinque giornalisti per il rilancio del MinCulPop, con incarico riguardante editoria libraria, opuscoli e manifesti.[6]

Nel 1960 pubblicò un volume di poesie precedute da una prefazione di Ardengo Soffici.

«Fra gli scrittori italiani di questo tempo, Ridolfo Mazzucconi è uno dei più preparati e castigati. Preparato intellettualmente, culturalmente, storicamente, politicamente; castigato linguisticamente, stilisticamente nel senso classico cioè nostro, quale s’intende nell’ambito della civiltà caratteristica del mondo latino. Egli dà prova in tutti i suoi libri di vera superiorità e serietà di spirito, nonché di doti artistiche, come in certi suoi racconti fantastici, e soprattutto quale poeta lirico, singolare per forza di immagini ed elevatezza di sentimento e di pensiero»

(Ardengo Soffici, prefazione a Liriche, Milano, Garzanti 1960.)

Nell'Archivio Vieusseux è depositato un fondo con le carte (ritagli di giornali e manoscritti) di Ridolfo Mazzucconi.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(elenco parziale)

  • Giosuè Bors, Roma-Milano, Augustea, 1931.
  • Leonardo da Vinci, Firenze, Vallecchi, 1932.
  • La notte di San Bartolomeo (1572), Milano, Mondadori, 1933.
  • Una vita sbagliata: romanzo, Milano, Edizioni Ambrosiane, 1933.
  • La giornata di Adua (1896), Milano, Mondadori, 1935.
  • Scricciolo, quasi un uccello, 1935. Torino, SEI, 1953.
  • Guida allo scrivere corretto, Milano, Le Lingue Estere, 1936.
  • Lorenzaccio (Lorenzo de' Medici) 1514-1545, Milano, Mondadori, 1937.
  • Storia della conquista dell'Africa, Milano, Istituto per gli studi di politica internazionale, 1937-38.
  • Giotto, Firenze, Vallecchi, 1938.
  • Liriche; vita e morte di un poeta, presentazione di Ardengo Soffici, Milano, Garzanti, 1960.
  • Bigallo 1911, Milano, Il Luogo della Cascata (anche ebook), 2014

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Marco Palla, Firenze nel regime fascista (1929-1934), Firenze, L. S. Olschki, 1978, p. 317.
  2. ^ Samek Lodovici, p. 232.
  3. ^ Domenico Giuliotti e Giovanni Papini, Carteggio 1913-1927, a cura di Nello Vian, Roma, Edizioni di storia e letteratura, 1984, p. 166.
  4. ^ Paola Pallottino, BERNARDINI, Piero, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 34, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1988.
  5. ^ Roberto Cantagalli, Cronache fiorentine del ventennio fascista, Firenze, Cadmo, 1981, p. 271.
  6. ^ Maddalena Carli, MEZZASOMA, Fernando, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 74, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2010.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Morandi, Storia: R. Mazzucconi, , La notte di San Bartolomeo, in Leonardo : Rassegna mensile della coltura italiana, vol. 4, n. 8-9, 1933, p. 399.
  • Carlo Zaghi, Reale Società Geografica Italiana, L'Africa Orientale - Ridolfo Mazzucconi, La giornata di Adua (1896), in Nuova Antologia, n. 385, 1º maggio 1936, p. 114.
  • Sergio Samek Lodovici, Mazzucconi Ridolfo, in Storici, teorici e critici delle arti figurative d'Italia dal 1800 al 1940, Roma, Tosi, 1946.
  • Mazzucconi Ridolfo, in Enciclopedia biografica e bibliografica italiana, Milano, E.B.B.I., 1939-1947.
  • Mazzucconi Ridolfo, in Chi è? Dizionario degli Italiani d'oggi, Roma, Angelo Fortunato Formiggini, 1948.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89189549 · ISNI (EN0000 0001 0923 1217 · SBN RAVV029590 · BAV 495/213694 · LCCN (ENno97043797 · GND (DE1055474560 · CONOR.SI (SL193215075 · WorldCat Identities (ENlccn-no97043797