Ridi pagliaccio! (film 1928)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ridi pagliaccio!
Titolo originale Laugh, Clown, Laugh
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti
Anno 1928
Durata 73 min
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33 : 1
Genere drammatico
Regia Herbert Brenon
Soggetto dal lavoro teatrale Laugh, Clown, Laugh! di David Belasco, Tom Cushing
Produttore Herbert Brenon, Irving Thalberg
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer (MGM)
Fotografia James Wong Howe
Montaggio Marie Halvey
Musiche H. Scott Salinas
Scenografia Cedric Gibbons
Costumi Gilbert Clark
Interpreti e personaggi

Ridi pagliaccio! (Laugh, Clown, Laugh) è un film del 1928 diretto da Herbert Brenon. Il soggetto è l'adattamento cinematografico del lavoro teatrale Laugh, Clown, Laugh! di David Belasco e Tom Cushing tratto dal Ridi, Pagliaccio di Fausto Martini. Il dramma venne messo in scena a Broadway il 28 novembre 1923[1], interpretato da Lionel Barrymore e Irene Fenwick che si erano sposati proprio quell'anno.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Tito, clown in un circo girovago, trova una bambina abbandonata. Decide di adottarla. La chiama Simonetta, come il suo compagno Simon, e la alleva come fosse sua figlia. Un giorno, la ragazza, ormai cresciuta, incontra Luigi, un uomo molto ricco. Questi si innamora perdutamente di lei, ma Simonetta lo rifiuta. Tito, nel frattempo, si accorge tutto d'un tratto che Simonetta non è più una bambina. L'uomo realizza di provare per lei un sentimento amoroso ma si rende anche conto che quella è la bambina che lo ha sempre considerato un padre.

Luigi comincia ad avere un'incontrollabile risata poiché Simonetta lo ha rifiutato. Tito comincia a cadere in depressione poiché crede che non può avere nessuna possibilità di avere Simonetta come interesse d'amore. Tutti e due si fanno visitare dallo stesso dottore sulle loro condizioni e si incontrano per la prima volta. Essi condividono i loro rispettivi problemi e credono che possono aiutarsi a vicenda, non sapendo che tutti e due sono innamorati della stessa donna. Tuttavia i due iniziano una forte amicizia finché Luigi chiede a Simonetta di sposarlo. Alla fine Simonetta accetta la sua proposta, che getta Tito in una malinconia ancora più profonda. Simonetta sa degli affetti di Tito su di lei prima di sposare Luigi. Lei dice che amava Tito prima che amasse Luigi, poi va a rompere il fidanzamento con Luigi.

Mentre Simonetta rompe il fidanzamento con Luigi, Tito e Simon iniziano a provare qualche nuovo numero circense. Tito non crede che l'amore di Simonetta sia sincero, ma pensa che sia solo per pietà. Tito diventa talmente emotivamente isterico che cade dalla corda da funambolo e muore, permettendo a Simonette di sposare Luigi.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu prodotto da Herbert Brenon e da Irving Thalberg per la Metro-Goldwyn-Mayer (MGM) con un budget stimato di 293.000 dollari. Venne girato dal 19 dicembre 1927 al 2 febbraio 1928[2] all'Elysian Park di Los Angeles.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Distribuito dalla Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 14 aprile 1928. Del film esiste un'ottima copia in 35 mm conservata nel Regno Unito. Nel 2003, è stata masterizzata e distribuita in DVD dalla Warner Home Video.[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Laugh, Clown, Laugh! IBDB
  2. ^ IMDB business
  3. ^ Silent Era DVD

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) John Douglas Eames, The MGM Story Octopus Book Limited, Londra 1975 ISBN 0-904230-14-7
  • (EN) Jerry Vermilye, The Films of the Twenties, Citadel Press, 1985 - ISBN 0-8065-0960-0

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema