Ricomincio da capo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Ricomincio da capo (disambigua).
Ricomincio da capo
Ricomincio da capo.png
Una scena del film
Titolo originale Groundhog Day
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1993
Durata 101 min
Genere commedia, fantastico, sentimentale
Regia Harold Ramis
Soggetto Danny Rubin
Sceneggiatura Danny Rubin,
Harold Ramis
Casa di produzione Columbia Pictures
Fotografia John Bailey
Montaggio Pembroke J. Herring
Effetti speciali Jeff Frink, Rick Lazzarini
Musiche George Fenton
Scenografia David Nichols
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Ricomincio da capo (Groundhog Day) è un film commedia del 1993 diretto da Harold Ramis ed interpretato da Bill Murray e Andie MacDowell.

Alla sua uscita nelle sale cinematografiche, Ricomincio da capo fu un modesto successo al botteghino, ma con il passare degli anni il film si è guadagnato lo status di cult movie presso critica e pubblico. Nel 2006 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Phil Connors è un insopportabile meteorologo televisivo che, controvoglia, deve recarsi nella piccola città di Punxsutawney, in Pennsylvania, per fare un reportage sulla tradizionale ricorrenza del Giorno della marmotta (festa celebrata negli Stati Uniti e in Canada il 2 febbraio).

Qui però rimane intrappolato in un circolo temporale: ogni mattina, alle 06.00 in punto, viene svegliato dalla radio che trasmette sempre lo stesso brano musicale (I Got You Babe di Sonny & Cher), e da allora la giornata trascorre inesorabilmente allo stesso modo della precedente. Gli eventi si ripetono esattamente uguali ogni giorno, e lui ben presto impara a sfruttarli per passare una giornata stravagante, spendere soldi, conquistare donne. Ma ogni tentativo di sedurre la bella collega Rita fallisce invariabilmente.

Alla lunga questa vita ripetitiva lo porta però alla depressione e a tentare continuamente il suicidio, nei modi più strani, ma il giorno dopo si risveglia comunque, sempre nel Giorno della Marmotta. Durante uno di questi giorni Phil si confida con Rita che, comunque scettica, gli offre il consiglio di dedicare questa vita intrappolata ad aiutare il prossimo. Phil capisce così che non può in un singolo giorno - ovviamente - aiutare tutti, ma può migliorare se stesso. Scopre così i suoi talenti e capisce i bisogni altrui, il che lo rende un uomo apprezzato ed amato, insomma, un uomo migliore.

Alla fine tutto ciò lo porta ad uscire dall'incantesimo, e a trovare finalmente il vero amore.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 circa, Danny Rubin, dopo aver completato e venduto la sceneggiatura di Occhi per sentire, si trasferì da Chicago a Los Angeles per diventare uno sceneggiatore professionista.[2] Il suo agente gli suggerì di preparare un copione "di richiamo" da portare alle riunioni con i vari produttori.[2] Rubin abbozzò l'idea centrale di quello che sarebbe diventato Ricomincio da capo mentre era seduto in un cinema.[2] Si era chiesto: "se una persona potesse vivere per sempre, se una persona fosse immortale, come cambierebbe con il passare del tempo?"[3] Da lì partì l'idea di un uomo che rivive lo stesso giorno all'infinito. Pensando a questo, la prima cosa che venne in mente a Rubin fu che un uomo così esperto, avrebbe potuto far valere le sue conoscenze superiori per "rimorchiare" le ragazze, e ciò indirizzò il tono del film verso la commedia.[3]

Rubin sottopose la sceneggiatura a circa cinquanta produttori differenti. Anche se molti studi cinematografici espressero interesse per il progetto, rifiutarono il copione non ritenendosi in grado di produrre il film. Alla fine il copione capitò nelle mani di Richard Lovett della Creative Artists Agency, che lo fece arrivare a Harold Ramis nel 1991, il quale si offrì di produrre e dirigere la pellicola.[3]

Nella prima stesura del copione, Rubin non voleva svelare al pubblico come Phil rimaneva invischiato nel loop temporale, e quindi la storia iniziava in medias res, con Phil che ogni mattina si svegliava al suono di I Got You Babe sapendo già cosa lo aspettava, provocando così curiosità nello spettatore; la spiegazione della situazione sarebbe stata affidata ad una voce fuori campo.[3] Inoltre, anche Rita avrebbe confessato di essere intrappolata in un loop temporale.[4]

Quando però Ramis si interessò al progetto, lo studio fece pressioni per chiedere alcuni cambiamenti al copione e un ricorso a tecniche narrative meno inconsuete, costringendo Rubin a riscrivere l'intero copione sotto la supervisione di Ramis.[3] La seconda versione della sceneggiatura mostrava la ragione per la quale Phil restava intrappolato nel loop temporale. In questa versione, Phil scaricava bruscamente la fidanzata Stephanie durante le prime scene del film. La ragazza, abbandonata ed umiliata, usando un rito voodoo su un orologio rotto (che segnava le 5 e 59) gettava una maledizione sull'uomo; veniva inoltre specificato che Phil trascorreva ben 10.000 anni intrappolato nel loop temporale, e che era il bacio con Rita a spezzare la maledizione.[5] Secondo Rubin però, queste scene esplicative nulla aggiungevano al film, e quindi in accordo con Ramis decise di eliminarle.[2]

Il regista Harold Ramis aveva inizialmente contattato prima Tom Hanks e poi Michael Keaton[6] per il ruolo del protagonista, ma entrambi rifiutarono la parte.[7] Alla fine fu Bill Murray, che Ramis conosceva molto bene avendo già lavorato diverse volte con lui in passato, ad accettare il ruolo.

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

La pellicola non venne girata a Punxsutawney, troppo distante da strade statali e dunque difficilmente accessibile da parte della troupe, bensì nella cittadina di Woodstock, nell'Illinois.[8] Le riprese iniziarono il 16 marzo 1992, e proseguirono fino a maggio. La maggior parte delle scene furono girate in un clima estremamente rigido per la stagione, con temperature spesso sotto lo zero, e con nevicate fino a maggio inoltrato.[9]

Durante il periodo delle riprese, Murray stava attraversando un periodo di grave crisi coniugale e molti membri della troupe ricordano che sul set aveva un atteggiamento assente. L'attore non voleva interpretare il personaggio in maniera sfacciatamente comica, contro il parere del regista che voleva soprattutto sfruttare le sue innate doti di attore comico. Per soddisfare parzialmente le richieste di Murray, Ramis mandò l'attore a New York per lavorare al copione direttamente con Rubin.[10] L'attore Stephen Tobolowsky così descrisse i cambiamenti apportati alla sceneggiatura: «Quando ottenni la parte, era ancora solo un mediocre film di Bill Murray... Fu solo in seguito mentre giravamo che tutto si aggiustò e il film non solo divenne buono, non solo divenne un grande film, ma si trasformò in un classico».

Mentre lavorava con Rubin, Murray si rifiutò di parlare con Ramis, e quando l'attore tornò a Woodstock per completare le riprese, il rapporto tra i due si era definitivamente deteriorato.[10] Alla fine delle riprese, l'amicizia di lunga data e il rapporto lavorativo tra Ramis e Murray terminò bruscamente, senza nessuna spiegazione pubblica. Eccezion fatta per qualche parola scambiata durante un bar mitzvah, i due uomini non si parlarono più per circa vent'anni.[10][11] Fu solo dietro suggerimento di Brian Doyle-Murray, e dopo aver saputo che Ramis era gravemente ammalato, che Bill Murray tentò una riconciliazione.[12]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Debutto al cinema dell'attore Michael Shannon nel piccolo ruolo di Fred, il ragazzo che si deve sposare quel giorno.
  • Bill Murray per ben due volte è stato morso dalla marmotta Phil, durante le riprese del film[senza fonte].
  • Nei paesi di lingua inglese, il titolo originale del film (Groundhog Day) è diventato un'espressione comune per indicare un giorno noioso e ripetitivo.[13]
  • Nel punto dove Phil Connors inciampa continuamente in una pozzanghera è stata collocata una targhetta che dice: Bill Murray è inciampato qui![senza fonte]
  • Bill Murray e il regista Harold Ramis sono stati insigniti del titolo onorario di "Gran cerimonieri" del Giorno della marmotta[senza fonte].
  • La canzone Tomorrow never comes di Teddy Geiger (fa parte della colonna sonora del film The Rocker) è ispirata a questo film.
  • Il bed & breakfast nel quale il personaggio di Bill Murray alloggia nel film era in realtà una antica villa, vecchia ben 114 anni. Nell'ottobre del 2008 l'antico edificio è stato acquistato da una coppia di Milwaukee, nell'intento di ristrutturarlo per intero e trasformarlo in un vero bed & breakfast a cinque camere[14].
  • Il video musicale della canzone Piotta è morto dell'omonimo artista è basato su questo film.
  • Esiste un rifacimento italiano del film, intitolato È già ieri che ha per protagonista Antonio Albanese.
  • Un episodio della quinta stagione della serie Star Trek: The Next Generation è basato sulla medesima trama: il capitano Picard e il suo equipaggio si trovano intrappolati in un circolo temporale che termina invariabilmente con la distruzione dell'Enterprise.
  • Il film del 2014 Io vengo ogni giorno è una commedia americana costruita attorno a un tema simile a questo, ove il protagonista ogni giorno raggiunge in modi diversi l'orgasmo e si risveglia lo stesso giorno nel suo letto.
  • Anche l'episodio "Lunedì" (Monday) della sesta stagione della serie X-Files tratta lo stesso argomento.
  • Nella puntata "Un martedì infernale" della terza stagione del telefilm Supernatural, viene continuamente citato il film Ricomincio da capo, poiché Sam rivive lo stesso martedì dalla mattina fino a quando suo fratello Dean non muore.
  • L'episodio "Il tulipano bianco" della seconda stagione del telefilm Fringe è chiaramente ispirato a questo film. La trama verte su uno scienziato che tenta di tornare indietro nel tempo per salvare la moglie.
  • Il videoclip della canzone Siamo uguali di Lorenzo Fragola è ispirato a questo film.
  • Nell'episodio "Una giornata infinita" della serie animata Sonic Boom c'è un chiaro riferimento a questo film e a vivere la condizione di loop temporale c'è il Dr. Eggman.
  • Nell'episodio L'incubo di Natale del film d'animazione Topolino e la magia del Natale Qui, Quo e Qua sono costretti a rivivere all'infinito il giorno di Natale, esattamente come accade a Phil Connors.
  • Nell'episodio Il giorno infinito del cartone animato Alieni Pazzeschi il protagonista Tommy Cadle rivive lo stesso giorno, il lunedì, più volte, finché non riuscirà a migliorarlo, esattamente come nel film.
  • Nel penultimo episodio della nona stagione di Doctor Who, Heaven sent, scritto da Steven Moffat, il Dottore è costretto, dai Signori del Tempo, a rivivere lo stesso giorno in continuazione, che finisce sempre con la propria morte, per 4 miliardi di anni. Tuttavia, a differenza di Phil Connor in Ricomincio da capo, il Dottore muore nello stesso modo, disintegrandosi per generare l'energia necessaria per creare una nuova copia ringiovanita del suo corpo. Il ciclo si interrompe quando il Dottore riesce a distruggere un muro di cristallo, e così facendo si ritrova su Gallifrey.
  • Nel film di fantascienza del 2014 Edge of Tomorrow (Senza domani) il protagonista Tom Cruise si trova a dover combattere la battaglia decisiva contro gli invasori extraterrestri che stanno conquistando la Terra e poco prima di morire rimane contagiato dal sangue dell'alieno che sta uccidendo; in seguito a questo evento finisce in una sorta di loop temporale che lo obbliga a rivivere ogni giorno quella medesima giornata. Questa pellicola è l'adattamento cinematografico dell'opera illustrata All You Need Is Kill, scritta nel 2004 da Hiroshi Sakurazaka, in cui il protagonista viene ucciso durante la sua prima battaglia contro una misteriosa specie aliena che ha invaso il nostro pianeta, ma si risveglia e si ritrova al giorno prima del combattimento; nel ciclo delle sue successive morti e resurrezioni le sue abilità militari si affinano ed egli impara sempre più l'arte di sopravvivere, nel disperato tentativo di cambiare il suo destino.
  • Nell'episodio Xena contro Metranidi e Leonidi la protagonista Xena è costretta a rivivere lo stesso giorno a causa di un desiderio espresso da un ragazzo di nome Nerion, che ha perso la sua amata proprio in quel giorno. Xena riuscirà, tra mille peripezie, ad impedire la morte della ragazza e ad uscire quindi dal ciclo ripetitivo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Librarian of Congress Adds Home Movie, Silent Films and Hollywood Classics to Film Preservation List, Library of Congress, 27 dicembre 2006. URL consultato il 2 gennaio 2012.
  2. ^ a b c d Danny Rubin, How I wrote the script for Groundhog Day in less than a week, su The Telegraph, 7 agosto 2016. URL consultato il 27 febbraio 2017.
  3. ^ a b c d e Paul Hoffman, Big Think Interview With Danny Rubin, su Big Think, 10 maggio 2010. URL consultato il 24 febbraio 2017.
  4. ^ Roger Cormier, 16 Repeatable Facts About 'Groundhog Day', su Mental Floss. URL consultato il 26 marzo 2016.
  5. ^ 7 Hotly Debated Movie Questions That Totally Have Answers, cracked.com.
  6. ^ Kristen Acuna, Why Michael Keaton Turned Down The Chance To Star In 'Groundhog Day' And 'Lost', su Business Insider. URL consultato il 26 marzo 2016.
  7. ^ Simon Calver, Success the Lovefilm Way: How to Grow a Fast Growth Business in Fast Changing Times, Capstone Ltd 2013
  8. ^ Don Yoder, Groundhog Day, Stackpole Books 2003
  9. ^ Paul Willistein, Groundhog Sinks Teeth Into Film Role Bill Murray Calls Co-star `Cranky', su The Morning Call, 12 febbraio 1993. URL consultato il 24 febbraio 2017.
  10. ^ a b c Tad Friend, Comedy First, su The New Yorker, 19 aprile 2004. URL consultato il 25 febbraio 2017.
  11. ^ Steve Heisler, Harold Ramis | Film, A.V. Club. URL consultato il 31 agosto 2009.
  12. ^ Gregory Wakeman, How Groundhog Day Ruined Bill Murray And Harold Ramis’ Partnership, cinemablend.com. URL consultato il 28 maggio 2015.
  13. ^ Hurricane Fatigue, in USA Today, 26 settembre 2004. URL consultato il 10 ottobre 2009.
  14. ^ Movie Tourism: Groundhog Day Location to Become a Real Bed and Breakfast | /Film

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN316751732 · LCCN: (ENno2004120005 · GND: (DE4781708-2
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema