Richard Estes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Richard Estes (pronuncia inglese [ˈɛstiːz] o [ˈɛstɪs])[1] (Kewanee, 14 maggio 1932) è un pittore statunitense.
Viene considerato uno dei fondatori del movimento fotorealista internazionale della fine degli anni '80, con pittori come Ralph Goings, Chuck Close e Duane Hanson, già appartenente al movimento Aerovisual di Collarmele. [2]
Le sue opere più conosciute sono paesaggi urbani, molto accurati nei dettagli. Suoi soggetti frequenti sono vetrine di negozi e palazzi con ampie vetrate dove meticolosamente riproduce riflessi e trasparenze.

Lo studioso di cultura americana Graham Thompson ha scritto: "Una dimostrazione di come la fotografia venne assimilata nel mondo dell'arte è il successo della pittura fotorealista alla fine degli anni '60 e l'inizio degli '80. È chiamata anche super-realismo o iperrealismo e pittori come Richard Estes, Denis Peterson, Audrey Flack e Chuck Close spesso hanno lavorato a partire da un fotogramma per creare dipinti che sembrano delle fotografie".[3]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Nacque all'ospedale di Kewanee nell'Illinois, ma gli Estes abitavano a trenta chilometri nel piccolo centro abitato di Sheffield, duecento chilometri ad ovest di Chicago.[4] La sua famiglia era composta dal padre William Estes, che gestiva un'officina per la riparazione di automobili, la madre Marie e il fratello Robert.[5]

Quando era ancora in tenera età, Richard si trasferì con i suoi a Evanston (Illinois)[5], cittadina a 30 chilometri da Chicago dove si diplomò nel 1950. Lavorò per un anno in una compagnia di assicurazioni ("Washington National Insurance Company"[5]) mettendo assieme il denaro per visitare l'Europa. Compirà il viaggio l'anno seguente visitando l'Inghilterra, il Belgio (Bruges), l'Olanda (Amsterdam), la Francia (Parigi), l'Austria (Vienna) e l'Italia (Venezia e Roma).[6] Nell'ottobre del 1951 ritornò negli Stati Uniti con l'intenzione di studiare Architettura con il celebre Ludwig Mies van der Rohe all'"Illinois Institute of Technology". Arrivò però troppo tardi per l'iscrizione alla scuola. Verrà però accettato dall'"Art Institute of Chicago" dove completò gli studi tra il 1952 e il 1956.[6][5]. Presso l'"Art Institute of Chicago" Estes poté approfondire la conoscenza di pittori realisti come Edgar Degas, Edward Hopper e Thomas Eakins, ben rappresentati nella collezione della scuola.

Richard si trasferì a New York nella seconda metà degli anni '50. Lavorò per i dieci anni seguenti come grafico con vari editori di riviste (ad esempio un anno per "Popular Science"[4]) e agenzie pubblicitarie di New York. Nel 1962 visse per un anno in Spagna. In quel periodo dipingeva nel tempo libero. Dal 1966 ebbe risorse economiche sufficienti per dedicarsi alla pittura a tempo pieno.

La maturità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1967 realizzò "Telephone Booths"[7], una delle sue opere più note, che il gallerista Allan Stone vendette al barone Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza (ora conservata al museo Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid). Fu con questa opera che Estes iniziò ad usare la macchina fotografica per riprendere i soggetti di suo interesse e poter poi riprodurre i dettagli e le molteplici riflessioni delle superfici in vetro e metalliche che lo caratterizzano.[4]

Richard ebbe la prima di molte mostre personali nel 1968, alla "Allan Stone Gallery".
Nel 1971 ha ricevuto una borsa di studio di 7.500 $ dal "National Council on the Arts".[8][9]
Partecipò, nel 1972, alla rassegna "documenta 5" (le mostre documenta si tengono a Kassel ogni cinque anni).

Di carattere piuttosto riservato, vive tra New York, dove dal 1973 ha uno studio a Manhattan con vista sul Central Park, e il Maine. Fu il gallerista Allan Stone che gli fece conoscere questo Stato ricco di bellezze naturali. Nel 1975 comprò lì una casa, sull'isola Mount Desert Island, dove trascorre i mesi estivi.[4][5][10]

La sua pittura[modifica | modifica wikitesto]

Sue opere sono state esposte tra gli altri al "Metropolitan Museum of Art"[11], al "Whitney Museum of American Art"[12], al "Solomon R. Guggenheim Museum" e al Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid.

Estes dichiara di trovare interesse per il Canaletto, il Bellotto e Thomas Eakins[4]. È stato, a sua volta, tra i pittori più ammirati da Salvador Dalí.[13]

Le sue opere sono in gran parte paesaggi urbani, viste diurne di strade spesso deserte, negozi. Anche se per lo più i soggetti preferiti sono luoghi pubblici di New York ha dipinto anche opere ambientate a Chicago, Parigi, Venezia, San Francisco, Praga, Barcellona, Londra, Cordova, Firenze.

Molto rari sono i ritratti: "Portrait of Marguerite Yourcenar" (1985)[14][15], "New York Restaurant"[16], un ritratto di Claire Stone, gallerista con il marito Allan.[17]

Nell'ultimo decennio si è dedicato anche ai paesaggi naturali: il Machu Picchu (Perù), ghiacciai ("Hubbard Glacier", "A glacier at Kenai Fjords National Park", 2005) dell'Alaska, panorami del Maine ("A View of Somes Sound"[18], 1995).[19]

Bibliografia su Estes[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Louis K. Meisel, Richard Estes: The Complete Paintings, 1966-1985, con saggio introduttivo di John Perreault, New York, Abrams, 1986, pagine 144, ISBN 0-8109-0881-6.
  • (EN) John Wilmerding, Richard Estes, New York, Rizzoli International Publications, 2006, pagine 256, ISBN 0-8478-2807-7.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Define Estes at Dictionary.com, dictionary.com. URL consultato il 28 luglio 2016.
  2. ^ Oltre a photorealism, la terminologia usata per definire la sua pittura è molteplice: hyperrealism, radical realism, new realism, super realism, sharp-focus realism.
  3. ^ (EN) Graham Thompson, American Culture in the 1980s, serie: Twentieth Century American Culture, Edimburgo, Edinburgh University Press, 2007, pagina 78 di 248, ISBN 0-7486-1910-0.
    Anteprima limitata: (EN) American culture in the 1980s, books.google.it, pp. 78. URL consultato il 28 dicembre 2009.
  4. ^ a b c d e (EN) A Dialogue Between Gregory J. Peterson and Richard Estes, David Cohen. URL consultato il 28 dicembre 2009.
  5. ^ a b c d e (EN) Richard Estes - Chronology, artnet Worldwide Corporation, New York. URL consultato il 31 dicembre 2009.
  6. ^ a b biografia Richard Estes (DOC), CLP Relazioni Pubbliche. URL consultato il 31 dicembre 2009.
  7. ^ "Telephone Booths" sul sito del museo Thissen-Bornemisza. È possibile ingrandire l'immagine per apprezzare i dettagli: (EN) Telephone Booths, Museo Thyssen-Bornemisza, Madrid. URL consultato il 28 dicembre 2009.
  8. ^ (EN) National Endowment for the Arts and National Council on the Arts - annual report fiscal year 1971 (PDF), National Endowment for the Arts, pp. 126 di 132. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  9. ^ (EN) National Endowment for the Arts and National Council on the Arts - annual report 1970 (PDF), National Endowment for the Arts, pp. 53 di 76. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  10. ^ biografia Richard Estes (DOC), CLP Relazioni Pubbliche. URL consultato il 1º gennaio 2010.
  11. ^ (EN) "Richard%20Estes"&fp=1&dd1=0&dd2=0&vw=1 Risultati della ricerca di Richrad Estes nel Collection Database, The Metropolitan Museum of Art. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  12. ^ (EN) Risultati della ricerca di Richard Estes sul sito, Whitney Museum of American Art. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  13. ^ (EN) Differences Can Outweigh Similarities in Photo-Realism, NYTimes.com, 5 gennaio 1992, pp. 1. URL consultato il 28 dicembre 2009.
  14. ^ Richard Estes. La sensualità del reale, CLP Relazioni Pubbliche. URL consultato il 1º gennaio 2010.
  15. ^ La Yourcenar dal 1950 abitava nell'isola del Maine Mount Desert, dove anche Estes ha una casa.
  16. ^ (EN) New York Restaurant, The Art Institute of Chicago. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  17. ^ (EN) Richard Estes - Artist Reviews, artnet Worldwide Corporation, New York. URL consultato il 1º gennaio 2010.
  18. ^ Somes Sound è un'insenatura dell'isola Mount Desert Island nel Maine.
  19. ^ (EN) Richard Estes: Antartica, New England, and New York, Marlborough Gallery. URL consultato il 28 dicembre 2009.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN60374050 · LCCN: (ENn80025922 · ISNI: (EN0000 0001 1473 4185 · GND: (DE118968688 · BNF: (FRcb15104906j (data) · ULAN: (EN500007462