Rich Communication Services

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rich Communication Services (RCS)[1] è un protocollo di telefonia mobile che punta a sostituire gli SMS, arricchendoli di funzionalità come la possibilità di inviare elementi multimediali.

È conosciuto anche coi nomi commerciali Advanced Messaging, Advanced Communications,[2] joyn,[3] Message+[4] e SMS+[5].

Specifiche[modifica | modifica wikitesto]

RCS combina diversi servizi di 3GPP e Open Mobile Alliance (OMA). Ad esempio, fa uso dell'architettura IMS di 3GPP per gestire autenticazione, autorizzazione, registrazione, tariffazione e routing.

Alcuni servizi che fanno parte delle specifiche RCS sono:[6]

Spesso è possibile implementare alcuni servizi in vari modi, causando difficoltà per l'interoperabilità tra i diversi gestori di telefonia. Lo scopo delle specifiche RCS è di definire uno standard comune per semplificare la compatibilità tra gli operatori.

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni operatori che supportano lo standard RCS sono AT&T, Bell Mobility, Bharti Airtel, Deutsche Telekom, Jio, KPN, KT Corporation, LG U+), Orange, Orascom Telecom, Rogers Communications, SFR, SK Telecom, Telecom Italia, Telefónica, Telia Company, Telus, Verizon e Vodafone.[7]

L'Universal Profile ha 60 sostenitori:[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Google's SMS replacement ready to launch, in BBC News, 20 aprile 2018. URL consultato il 21 aprile 2018.
  2. ^ (EN) Advanced Messaging, su gsma.com. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2017).
  3. ^ (EN) about | joyn, su joynus.com. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2014).
  4. ^ faqs - Vodafone, su vodafone.com. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2018).
  5. ^ (SV) SMS+ - Telia.se, su telia.se. URL consultato il 21 aprile 2018.
  6. ^ (EN) RCS Documentation, su gsma.com, 14 novembre 2017. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2018).
  7. ^ (EN) GSMA, Mobile Operators Show Increased Momentum In Rich Communications, su prnewswire.com. URL consultato il 21 aprile 2018.
  8. ^ (EN) Universal Profile - Future Networks, in Future Networks. URL consultato il 21 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) GSMA RCS, su gsma.com. URL consultato il 21 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2013).