Ricettazione (ordinamento penale italiano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ricettazione (diritto))
Jump to navigation Jump to search
Delitto di
Ricettazione
Fonte Codice penale italiano
Libro II, Titolo XIII, Capo II
Disposizioni art. 648
Competenza tribunale monocratico
Procedibilità d'ufficio
Arresto facoltativo
Fermo consentito
Pena reclusione da 2 a 8 anni e multa da 516 a 10 329 euro

La ricettazione consiste nell'acquisto da parte di chiunque di beni illecitamente sottratti a un terzo o, più in generale, l'acquisto di beni derivanti da un delitto di qualsivoglia entità e natura. A seconda degli ordinamenti giuridici essa può assumere risvolti criminali con conseguenze variabili.

Nell'ordinamento giuridico italiano essa è un reato disciplinato dall'articolo 648 del codice penale, che definisce la fattispecie di ricettazione come quell'azione (tesa a procurare profitto per sé stessi o altri) di acquistare, detenere od occultare cose provenienti da un delitto; parimenti è responsabile di ricettazione chi si adopera indirettamente per far acquistare, detenere od occultare detti beni. Ai fini della legge, si ha ricettazione quando il soggetto che ne è responsabile è diverso da colui che ha eseguito materialmente il reato con il quale è venuto in possesso delle cose oggetto di ricettazione.

Di conseguenza, contrariamente alla vulgata comune, il reato di ricettazione non è limitato all'ipotesi in cui una persona acquisti un oggetto rubato altrove (consapevole o meno che esso sia di provenienza illecita), ma ricomprende anche l'ipotesi in cui la persona si adoperi in proprio o per conto di altri ad occultare tale oggetto (per esempio nascondendolo in casa propria o di un proprio conoscente).

Infine, il delitto presupposto può essere un furto, una rapina o comunque un delitto capace di procurare all'autore denaro o altri beni di cui egli può impossessarsi per effetto della commissione del delitto stesso.

Pena prevista[modifica | modifica wikitesto]

La sanzione prevista dall'art. 648 del codice penale è quella della reclusione da 2 ad 8 anni congiunta alla multa da 516 a 10 329 euro.

A discrezione dell'organo giudicante, nell'ipotesi la fattispecie criminosa sia di lieve entità, è irrogabile al colpevole la pena prevista dal II comma dell'art 648 che, decisamente più tenue, prevede la reclusione sino a sei anni e la multa fino a 516 euro.

Soggetto attivo[modifica | modifica wikitesto]

Il soggetto attivo della ricettazione può essere chiunque, escluso l'autore del delitto presupposto.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

avv. Pietro Semeraro, Tipicità e colpevolezza nel delitto di ricettazione, Rivista penale, 2015;

Mario Zanchetti, Ricettazione, Digesto disc. pen., vol. XII, Torino, 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4159357-1
Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto