Riccardo Villari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Villari
Riccardo Villari.jpg

Sottosegretario di Stato del Ministero per i Beni e le Attività Culturali
Durata mandato 5 maggio 2011 –
16 novembre 2011
Presidente Silvio Berlusconi
Predecessore Andrea Marcucci
Successore Roberto Cecchi

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature - XVI

- XVII

Gruppo
parlamentare
XVI:

- Coesione Nazionale (Dal 2/03/2011 a fine legislatura)

In precedenza:

- Partito Democratico (Da inizio legislatura al 3/12/2008)

- GRUPPO MISTO (Dal 4/12/2008 all'1/03/2011)

XVII:

- Grandi Autonomie e Libertà (Dal 10/02/2016-attualmente)

In precedenza:

- Forza Italia - Il Popolo della Libertà XVII Legislatura (Da inizio legislatura al 9/02/2016)

Coalizione XVI:

PD-IdV

XVII:

Coalizione di centro-destra del 2013

Circoscrizione Regione Campania

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature - XIV

- XV

Gruppo
parlamentare
XIV:

- Margherita-DL-L'Ulivo

XV:

- Partito Democratico-L'Ulivo

Coalizione XIV:

L'Ulivo

XV:

L'Unione

Circoscrizione Campania 1
Collegio XIV:

17-Pomigliano d'Arco


Dati generali
Partito politico Indipendente (Dal 2016)

In precedenza:

Democrazia Cristiana (Fino al 1994)

Partito Popolare Italiano (1994-1995)

Cristiani Democratici Uniti (1995-1999)

Popolari UDEUR (1999-2002)

La Margherita (2002-2007)

Partito Democratico (2007-2008)

Radicali Italiani (2008-2009)

Movimento per le Autonomie (2009-2010)

Indipendente (2010-2013)

Il Popolo della Libertà (2013)

Forza Italia (2013-2016)

Titolo di studio Laurea in Medicina e Chirurgia
Professione Docente universitario

Medico

Riccardo Villari (Napoli, 15 marzo 1956) è un medico, politico e docente italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia di medici, ha proseguito la tradizione laureandosi in medicina.

È medico e ricercatore universitario in Malattie infettive (s.s.d. MED/17) al Policlinico dell'Università Federico II di Napoli[1]

Villari ha coordinato i lavori sulla vaccinazione anti epatite B in collaborazione con l'istituto Pasteur di Parigi, lavori diretti dal Prof. Marcello Piazza con la collaborazione del Prof.Picciotto.

  • Piazza M, Picciotto L, Villari R, et al. Hepatitis B immunization with a reduced number of doses in newborn babies and children. Lancet 1985; i: 949-951.
  • Piazza M, Picciotto L, Villari R, et al. Two doses hepatitis B immunization regimen for infants. Lancet 1985; ii: 1120-1121.

Tale studio ha favorito l'adozione di un regime di vaccinazione neonatale contro l'epatite B (Schema Piazza).

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato a fare politica alla fine degli anni '80, nell'entourage democristiano di Vincenzo Scotti.

Allo scoppio di Tangentopoli, entra a far parte della giunta di salute pubblica del Comune di Napoli, per soli tre mesi, come assessore alla Cultura.

Nel 1994 entra nel Partito Popolare Italiano di Rocco Buttiglione, seguendolo poi nei Cristiani Democratici Uniti.[2]

Alle elezioni politiche del 1996 è candidato alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Campania 1, nel collegio uninominale n°2 (Napoli-Vomero) sostenuto dal Polo delle Libertà (in quota CDU), risultando sconfitto per poco più di 1.400 voti dal candidato de L'Ulivo Vincenzo Siniscalchi.

Secondo quanto raccontato da Mastella fu l'ex ministro a convincerlo a trasferirsi nell'UDEUR, nominandolo segretario regionale del partito.

Alle elezioni regionali in Campania del 2000 viene eletto consigliere tra le fila dell'UDEUR (nella coalizione di centro-sinistra di Antonio Bassolino) in provincia di Napoli.

Alle elezioni politiche del 2001 è ricandidato alla Camera dei Deputati, nella circoscrizione Campania 1, questa volta nel collegio uninominale di Pomigliano D'Arco sostenuto da L'Ulivo (in quota UDEUR), venendo eletto deputato della XIV Legislatura.

Nel 2002 i partiti fino ad allora federati, decisero di sciogliersi per costituire la Margherita-D.L. . I Democratici di Prodi, Rinnovamento di Dini, i Popolari di Bianco diedero vita al nuovo partito mentre Mastella decise di non proseguire e non sciolse l'Udeur. Villari e tra gli altri, Enzo Carra, Salvatore Cardinale, Agazio Loiero, rappresentarono un pezzo di Udeur che, diversamente da Mastella, confluì nella Margherita partecipandone alla fondazione.

Nel 2004 Villari si candidó alla carica di segretario regionale della Margherita in Campania contro Ciriaco De Mita; il congresso fu vinto dal leader irpino che in seguito lo propose senza successo come candidato sindaco di Napoli.[3]

L'allora segretario nazionale Rutelli lo nominò responsabile nazionale per il Mezzogiorno della Margherita e quindi componente dell'Esecutivo Nazionale.

Alle elezioni politiche del 2006 è rieletto deputato nella circoscrizione Campania 1 nelle liste de L'Ulivo.

Alle elezioni politiche del 2008 è eletto al Senato della Repubblica con il Partito Democratico in regione Campania.

Il 13 novembre del 2008 viene eletto con 23 voti presidente della Commissione di vigilanza Rai: le preferenze gli arrivano principalmente da esponenti del PDL, mentre l'opposizione (PD, IdV e UDC), a cui tradizionalmente tocca la scelta dell'incaricato, si era schierata con Leoluca Orlando con la sola eccezione di due votanti.[4]

Non accettando di dare le dimissioni in seguito all'accordo raggiunto fra le due parti sul nome di Sergio Zavoli, viene espulso dal gruppo parlamentare del PD.[5]

Il 4 dicembre 2008 durante una riunione della Commissione nazionale di garanzia viene espulso anche dal Partito.[6]

Nel gennaio 2009 si iscrive a Radicali Italiani diventando una "doppia tessera" e, in quanto parlamentare, membro di diritto del Comitato Nazionale del Partito.[7]Villari era già stato vicino ai Radicali, avendo avuto la tessera del Partito Radicale Transnazionale dal 2004[8].

In seguito allo scioglimento della Commissione di Vigilanza RAI avvenuta il 21 gennaio 2009 da parte dei presidenti di Camera e Senato Fini e Schifani, Villari perde la presidenza della Vigilanza stessa.[9][10]

In seguito all'espulsione dal PD[11] aderisce all'Movimento per le Autonomie (MPA) di Raffaele Lombardo, che il 3 dicembre 2009 lo candida alla presidenza della Regione Campania[12], nell'ambito dell'elezione che si tiene nell'aprile successivo; in seguito però la candidatura salta, perché la sua nuova formazione politica decide infine di appoggiare la candidatura di Stefano Caldoro. Il 22 dicembre 2009 è nominato commissario regionale MPA in Campania, carica da cui si dimette il 14 luglio 2010, in seguito alla sua uscita dal partito[13].

Il 2 marzo 2011 aderisce al gruppo parlamentare a sostegno della maggioranza di governo Coesione Nazionale, di cui è vice presidente.[14]

Il 5 maggio 2011 viene nominato sottosegretario di Stato al Ministero dei Beni Culturali del Governo Berlusconi IV. Dopo la decisione da parte della Lega Nord di voler aprire delle sedi di rappresentanza di alcuni Ministeri al Nord, Villari decide di aprire una sede di rappresentanza del Ministero dei Beni Culturali a Castel dell'Ovo a Napoli. In qualità di Sottosegretario ai Beni Culturali con delega su Pompei contribuisce al l'approvazione del Grande Progetto che destina al sito archeologico 105 mln. di fondi europei la cui assegnazione sembrava compromessa. A tale positiva iniziativa del Governo Berlusconi il successivo Presidente del Consiglio Monti riconoscerà pubblicamente a Napoli la buona pratica giunta al traguardo positivamente.

Alle elezioni politiche del 2013 è rieletto al Senato della Repubblica tra le fila del Popolo della Libertà in regione Campania.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia.[15].

Il 10 febbraio 2016 abbandona Forza Italia[16] e si iscrive al gruppo Grandi Autonomie e Libertà.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Riccardo Villari sul sito dell'Università, www.docenti.unina.it. URL consultato il 27 aprile 2013.
  2. ^ Villari, l'epatologo convertitosi alla politica, corriere.it, 13 novembre 2008. URL consultato il 20 marzo 2009.
  3. ^ Aldo Cazzullo, Mastella: "L'ho cresciuto io. Abile ma sfaticato", in Corriere della Sera, 14 novembre 2008. URL consultato il 14 novembre 2008.
  4. ^ Blitz Pdl, Villari capo della Vigilanza Veltroni: "Questo è un atto da regime", in La Repubblica, 13 novembre 2008. URL consultato il 13 novembre 2008.
  5. ^ Rai, Villari non molla. Il Pd: "Espulso" E Berlusconi: "Lasci il posto a Zavoli", ilgiornale.it, 20 novembre 2008. URL consultato il 21 novembre 2008.
  6. ^ PD: "Villari è fuori dal PD, comportamento lesivo del partito e delle sue regole", Partitodemocratico.it, 4 dicembre 2008. URL consultato il 27 gennaio 2009.
  7. ^ Radicali Italiani: si sono aperti i lavori del Comitato Nazionale, Radicali.it, 9 gennaio 2009. URL consultato il 21 gennaio 2009.
  8. ^ Andrea Garibaldi, Villari, Del Turco e una tentazione: in lista con i radicali, Corriere della Sera, 21 dicembre 2008. URL consultato il 21 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il pre 1/1/2016).
  9. ^ Vigilanza Rai: nota dei Presidenti delle Camere, senato.it, 21 gennaio 2009. URL consultato il 21 gennaio 2009.
  10. ^ Lettera del Presidente Schifani ai Senatori della Commissione di vigilanza sui servizi radiotelevisivi, senato.it, 21 gennaio 2009. URL consultato il 21 gennaio 2009.
  11. ^ Rai, Il Senatore Villari Espulso Dal Pd, Fini E Schifani: ''Villari Si Dimetta'' E Anche Berlusconi Gli Chiede Di Farlo - Il Salvagente - Quotidiano On-Line Dei Consum...
  12. ^ http://www.mpa-italia.it/portal/modules/news/article.php?storyid=646
  13. ^ Riccardo Villari lascia anche l' Mpa - Repubblica.it » Ricerca
  14. ^ senato.it - Composizione del Gruppo Coesione Nazionale (Grande Sud-Sì Sindaci-Popolari d'Italia Domani-Il Buongoverno-Fare Italia)
  15. ^ L'addio al Pdl (in frantumi), rinasce Forza Italia
  16. ^ Luigi Frasca, Villari lascia Forza Italia, è il suo undicesimo cambio, su www.iltempo.it. URL consultato il 26 febbraio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Sottosegretario di Stato del Ministero per i Beni e le Attività Culturali Successore MiBAC.jpg
Andrea Marcucci dal5 maggio 2011 al16 novembre 2011 Roberto Cecchi