Riccardo Valla

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Riccardo Valla

Riccardo Enzo Luigi Valla (Torino, 9 novembre 1942Torino, 14 gennaio 2013) è stato un traduttore, saggista e scrittore di fantascienza italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Riccardo Valla nel 2010, durante la convention Deepcon 11 / Italcon 36

Dopo gli studi al Politecnico di Torino, inizia a lavorare come redattore scientifico per Bollati Boringhieri. In carriera ha collaborato con diverse case editrici, tra cui Edizioni Nord, Tea e Arnoldo Mondadori Editore, casa per cui lavorò in prevalenza come traduttore; sua fra l'altro la traduzione del celebre romanzo Il codice Da Vinci, del quale scrisse anche una parodia, dal titolo Il Coccige da Vinci, che vinse il Premio Italia.[1]

Pubblicò inoltre articoli su diversi quotidiani e periodici, fra cui Stampa Sera, Tuttolibri, Specchio, Avanti, Robot.

Il suo campo preferito è sempre stato la fantascienza: curò insieme a Ruggero Bianchi le relative voci nel Grande dizionario enciclopedico UTET e scrisse una serie di articoli sui precursori della fantascienza, pubblicati sulla rivista Delos e su Carmilla on Line. È stato inoltre il promotore e fino alla morte il presidente del comitato di gestione del Museo del fantastico e della fantascienza (Mu.Fant) di Torino.[2]

È scomparso nel 2013 all'età di 70 anni a seguito di un infarto[3]. Il 9 febbraio 2016 gli è stato intitolato a Torino il piazzale alberato di via Scialoja.[4]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincitore del Premio Italia 2013[5] per la categoria miglior traduttore e la categoria migliore articolo su pubblicazione non amatoriale (Il viaggio nello spazio nella prima fantascienza, edito su Alpha Quadrant).
  • Vincitore del Premio Italia 2011[6] categoria miglior traduttore.
  • Vincitore del Premio Italia 2009[7] categoria miglior traduttore.
  • Vincitore del Premio Italia 2006[8] categoria miglior racconto professionale (Il coccige da Vinci).

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN61216836 · LCCN: (ENno2002072569 · SBN: IT\ICCU\CFIV\041656 · ISNI: (EN0000 0000 8140 172X · GND: (DE135614007 · BNF: (FRcb16598697h (data) · NLA: (EN41025772