Riccardo Staglianò

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo Staglianò al Festival Internazionale del Giornalismo del 2015[3]

Riccardo Staglianò (Viareggio, 1968) è uno scrittore e giornalista italiano[1][2], corrispondente per il quotidiano La Repubblica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Riccardo Staglianò ha iniziato la professione giornalistica in qualità di corrispondente da New York per il mensile Reset, collaborando successivamente al Corriere della Sera in tema di nuove tecnologie.

Dalla seconda metà degli anni 2000, ha tenuto la docenza dei corsi di Nuovi media e Giornalismo online all'Università di Roma Tre[2].

Nell’ottobre 2011 ha portato in Italia le Ted Conference.[1]

Oggi scrive inchieste e reportage dall’Italia e dall’estero per il Venerdì.

È autore del libro Bill Gates. Una biografia non autorizzata (Feltrinelli, 2000), e de L’impero dei falsi (Laterza, 2006).
Con Mattia Feltri e Benedetta Parodi, è risultato tra i vincitori del Premio Ischia di giornalismo nella sezione giovani per l'anno 2001[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Biondi, Giornalismo online: tagli negli Usa, fiducia in Italia, in il Ducato on line, Scuola di giornalismo di Urbino, 11 Giugno 2001. URL consultato il 13 Agosto 2012.
  2. ^ a b Domenico De Masi, Lavoro 2025: Il futuro dell’occupazione (e della disoccupazione), su books.google.it, Giulio Einaudi Editore, 2017, p. 427, ISBN 978-8831741644. URL consultato il 7 Novembre 2018.
  3. ^ Riccardo Staglianò - Festival Internazionale del Giornalismo, su festivaldelgiornalismo.com. URL consultato il 7 Novembre 2018.
  4. ^ Albo d'oro del Premio Ischia internazionale di giornalismo, su premioischia.it. URL consultato il 7 Novembre 2018.
  5. ^ Stefano Natoli, "L'impero dei falsi" di Riccardo Staglianò, in Il Sole 24 ORE, 24 Novembre 2006. URL consultato il 13 Agosto 2012.
  6. ^ Presentazione del libro, su radioradicale.it. URL consultato il 7 Novembre 2018.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN30773484 · ISNI (EN0000 0000 7890 0202 · SBN IT\ICCU\IEIV\045095 · LCCN (ENn00087899 · GND (DE141202106 · BNF (FRcb146250200 (data) · BNE (ESXX1711249 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n00087899