Riccardo Rognoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Riccardo Rognoni (1550 circa – prima del 20 aprile 1620) è stato un teorico della musica, violinista e compositore italiano, primo membro conosciuto di una famosa famiglia creatrice di una delle prime scuole di violino con sede a Milano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Egli fu autore del primo metodo per l'insegnamento specifico del violino - Passaggi. Fu lui a trasformare il violino da strumento da strada a strumento di Corte nella zona lombarda. Alcuni dei suoi più bravi allievi di violino furono i suoi figli Francesco e Giovanni Domenico.

La famiglia Rognoni venne insignita del titolo nobiliare di "Taegio" dall'imperatore Sigismondo III di Polonia nel 1605.

Riccardo scrisse, nella prefazione di Passaggi, che venne "espulso dalla Val Tagegia" e il resoconto dei sanguinosi conflitti tra Milano e Venezia per spiegare il perché giunse a Milano come fuggitivo ghibellino. Picinelli lo descrive come un "eccellente virtuoso di violino e archi e altri strumenti a fiato, che è riuscito a diventare un Orfeo dei suoi giorni". Paolo Morigia scrisse che egli fu "molto elogiato per le sue esecuzioni con la viola giudicate tra le più belle della città".

Il suo Passaggi è fra i suoi due unici trattati pervenuti fino ai nostri giorni. L'altro è Il primo libro della musica a due voci, stampato da Gastoldi a Milano nel 1598.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Passaggi per potersi esercitare nel diminuire terminatamente con ogni sorte d'instrumento et anco diversi passaggi per la semplice voce humana di Richardo Rognoniono espulso di Val Tavegia, Venezia, 1592
  • Prefazione di Guglielmo Barblan a Francesco Rognoni Selva De Varii Passaggi, Arnaldo Forni Editore, 2001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 12727514 LCCN: n87824392