Riccardo Magi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo Magi
Riccardo magi.png

Segretario nazionale dei Radicali Italiani
In carica
Inizio mandato 4 novembre 2015
Predecessore Rita Bernardini

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVIII
Gruppo
parlamentare
GRUPPO MISTO - componente: +Europa-Centro Democratico
Circoscrizione Lazio 1
Collegio 10 (Roma-Gianicolense)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Radicali Italiani
Titolo di studio Laurea in Scienze storiche
Università Università degli Studi di Roma La Sapienza

Riccardo Magi (Roma, 7 agosto 1976) è un politico italiano, segretario nazionale dei Radicali Italiani.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2003 ha conseguito la laurea in scienze storiche con votazione 110/110 con lode presso l'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", con una tesi in storia dell'Europa.[1]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2009 al 2013 è segretario dell'associazione Radicali Roma[2] ed è tra i promotori delle proposte di delibere popolari per il registro comunale dei testamenti biologici[3] e il riconoscimento[4] delle unioni civili.

Nel 2012 è coordinatore della campagna referendaria cittadina "Roma Sì Muove"[5], su mobilità sostenibile, stop al consumo di suolo, i diritti civili e il libero accesso al mare di Ostia.

Consigliere comunale a Roma[modifica | modifica wikitesto]

Viene eletto in Consiglio Comunale nella Lista civica di Ignazio Marino[6] nel 2013.

Durante l'attività in consiglio comunale ha chiesto l'adozione, da parte di Roma Capitale, dell'Anagrafe dei Rifiuti[7], con di sciopero della fame[8] e un video-appello[9] a Matteo Renzi, volendo denunciare l'ostruzionismo del PD alla sua approvazione.

Il 4 novembre 2015 viene eletto segretario nazionale di Radicali Italiani.[10]

Alle elezioni amministrative 2016 a Roma è capolista della lista Radicali, Federalisti, Laici, Ecologisti ed ottiene 2606 preferenze, ma non viene più eletto.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2018 viene eletto alla Camera dei Deputati, nel collegio uninominale di Roma-Gianicolense sostenuto dalla coalizione di centro-sinistra (in quota +Europa/Radicali).[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ comune.roma.it, https://www.comune.roma.it/PCR/resources/cms/documents/Magi_CV.pdf.
  2. ^ Radicali Roma - dirigenti, su radicaliroma.com.
  3. ^ Riconoscimento registro comunale testamento biologico, su radiocolonna.it (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2016).
  4. ^ Riconoscimento unioni civili, su roma.repubblica.it.
  5. ^ Roma Sì Muove, su osservatorelaziale.it (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2016).
  6. ^ Elezioni comunali Roma 2013, su repubblica.it.
  7. ^ Anagrafe pubblica dei rifiuti, su comune.roma.it.
  8. ^ Marianna Rizzini, Oltre Mafia Capitale. Il radicale Magi: la politica si emancipi dai tic giustizialisti, Il Foglio, 4 novembre 2015. URL consultato il 2 marzo 2018.
  9. ^ Riccardo Magi, Caro Renzi, il tuo Pd tiene in ostaggio il Campidoglio (video e testo), Europa Quotidiano, 4 febbraio 2014. URL consultato il 2 marzo 2018.
  10. ^ Magi segretario Radicali Italiani, su ansa.it.
  11. ^ Liste Pd, pubblicati i nomi dei candidati nei collegi suddivisi Regione per Regione, in Today. URL consultato il 28 gennaio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]