Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Riccardo Francalancia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Riccardo Francalancia (Assisi, 9 novembre 1886Roma, 20 maggio 1965) è stato un pittore italiano. Fu uno dei più importanti esponenti del movimento di Valori plastici.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studiò presso il collegio degli scolopi a Spello e si perfezionò alla Scuola diplomatico-coloniale dell'Università di Roma. Intorno al 1910 frequentò i circoli culturali romani, come quelli dei fratelli Bragaglia e il caffè Aragno, che lo condussero alla collaborazione con la rivista La Ronda.

Nell'immediato dopoguerra fu uno dei creatori del movimento dei Valori plastici, riunendo a Roma, attorno alla rivista dello stesso nome, diretta da Mario Broglio, alcuni artisti che volendo superare la polemica futurista, desideravano rimpiazzare l'arte italiana dal descrittivismo ottocentesco, riportando in auge i valori della forma, intesa come volume metafisico quattrocentesco.[1]

Venne incoraggiato al proseguimento artistico dal critico Broglio e sin dai suoi esordi eevidenziò l'inclinazione per nature morte e paesaggi di impronta realistica non disdegnanti la primitività. In questo movimento parteciparono personaggi come De Chirico, Morandi, Carrà, e Francalancia si distinse per la sua caratterizzazione di una vena candida, surnaturale, che gli consentì di interpretare in modo originale il paesaggio umbro, evidenziando una purezza nei profili e nei paesaggi, come ad esempio nei Paesaggio 1922, Chiesa di San Francesco 1926, Beccacce 1929.

Nel 1920 si sposò con Aurelia Rosignoli e la sua arte iniziò ad essere conosciuta ed apprezzata sin dalle prime esposizioni del movimento, a Berlino nell'ambito della mostra Das junge Italien del 1921, dove partecipò con Assisi, Natura morta copn specchio e Donna con begonie, a Roma e a Firenze. L'artista non si lasciò coinvolgere dalle contaminazioni neoclassiche del Novecento, divenendo un esempio di rettitudine artistica verso la successiva scuola romana, che da lui apprese notevolmente.[1]

Nelle sue principali opere degli anni venti, come il Ritratto di Gustavo 1923, Francalancia trasfigurò la realtà oggettiva incorporandola in atmosfere metafisiche trecentesche e quattrocentesche.

Successivamente si avvicinò alla poetica novecentesca con i paesaggi La rocca di Assisi, Gallese, La chiesa di san Francesco in Assisi.

Nel 1928 ottenne un importante riconoscimento internazionale a Budapest. Negli anni trenta l'artista introdusse aspetti sentimentali ed emotivi alle sue opere, intensificando le intonazioni cromatiche, come nel quadro san Chiara ad Assisi 1932.

Dopo alcuni anni di riposo a causa di un malessere nervoso, nel 1935 l'artista si rimise in luce con il Paesaggio crepuscolare e con Natura morta con alabastro.

Negli anni cinquanta e sessanta l'arte di Francalancia ottenne nuovi riconoscimenti, come ad esempio un'ampia retrospettiva al Centro Olivetti di Ivrea e una a La nuova Pesa di Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b "Le Muse", ediz. De Agostini, Novara, 1965 (Vol.V, pag.96)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G.Bonini, Il paesaggio nella pittura italiana dal primo dopoguerra agli anni '60 , Busto Arsizio, 1990, pag. 58-60
  • F.Boco, La pittura in Italia. Il Novecento, Milano, 1991, pag.895

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25517991 · ISNI (EN0000 0000 6151 7207 · SBN IT\ICCU\SBLV\061287 · LCCN (ENn80067264 · GND (DE123729203 · ULAN (EN500345352 · BAV ADV12023443
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie