Riccardo Cordiferro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo Cordiferro

Riccardo Cordiferro, pseudonimo di Alessandro Sisca (San Pietro in Guarano, 27 ottobre 1875New York, 24 agosto 1940), è stato uno scrittore, poeta e paroliere italiano naturalizzato statunitense. La sua notorietà è soprattutto legata al fatto di essere stato l'autore dei versi di Core 'ngrato, una delle pietre miliari della canzone napoletana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1886 Alessandro entrò nel seminario francescano di San Raffaele a Materdei a Napoli, ma presto lasciò la vita religiosa per intraprendere la carriera letteraria.

Le origini dello pseudonimo derivano dal romanzo di Walter Scott Ivanhoe che utilizzò firmando le sue prime poesie pubblicate a Napoli[1]. Nel 1892 emigrò a Pittsburgh e in seguito si stabilì definitivamente a New York City. Nel gennaio del 1893, insieme al padre Francesco, fondò il settimanale letterario La Follia.

La rivista riscosse un discreto successo tra i letterati delle colonie Italiane di New York City, anche grazie alla varietà dei temi trattati, e riuscì a conquistare sempre maggiori consensi nella più ampia comunità italoamericana. Accanto all'attività giornalistica, intraprese quella politico/sindacale in difesa dei propri connazionali emigrati, cosa che lo condusse al carcere più di una volta. A seguito di questi eventi, e a causa del continuo crescere delle minacce a suo carico, decise di dimettersi dal comitato redazionale de La Follia, anche se continuò a pubblicare i suoi articoli grazie all'uso di pseudonimi.

Successivamente fece parte di una compagnia teatrale, la troupe Maiori-Rapone-Ricciardi, nella quale ottenne un discreto successo grazie alle sceneggiature Intrighi Femminili (1893), commedia ad atto unico in lingua napoletana; e Il genio incompreso, commedia in versi satirici. La sua carriera di autore proseguì con la stesura di diversi monologhi drammatici, quali "Per la Patria e per l'onore", "Il pezzente", "Dio dollaro", "La trappola del matrimonio". Sempre nel 1893, Codiferro scrisse il dramma in tre atti, Da volontario a disertore.

La vita sentimentale di Codiferro ebbe una svolta quando conobbe Annina Belli che sposò poco dopo e dalla quale ebbe due figli, Emilia e Franchino. Tuttavia, il matrimonio terminò tragicamente con la morte di tutti i familiari tra il 1897 e il 1898[2]. Sisca sposò in seconde nozze Lucia Fazio e riprese la carriera di sceneggiatore teatrale e intensificò l'attività giornalistica[senza fonte]. Fu anche autore di una serie di operette di discreto successo.

Sisca è noto anche per le sue poesie, alcune delle quali furono musicate, e ottennero un successo che perdura a tutt'oggi. Tra queste, ricordiamo: Nun 'o credere Lucì; Abbrile; Nu Riccio 'e Capille; Strazio d'O Core; Si a Capa Femmene 'e Sta Città; Luntano 'a Te.

Un posto a parte merita la celeberrima Core 'ngrato, musicata da Salvatore Cardillo e pietra miliare della canzone napoletana. Questa potente lirica, struggente ed emozionante, è stata interpretata da moltissimi tenori di successo quali Enrico Caruso, Luciano Pavarotti, Plácido Domingo e José Carreras.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Amelia Paparazzo, Calabresi sovversivi nel mondo, Rubbettino Editore, 2004.
  2. ^ Immigration History Research Center, The Sisca, Alessandro, 1875-1940 Papers, Italian American Collection, su ihrc.umn.edu, University of Minnesota.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Joseph Sciorra. “Diasporic Musings on Veracity and Uncertainties of ‘Core ‘ngrato’,” Neapolitan Postcards: The Canzone Napoletana as Transnational Subject, Ed. Goffredo Plastino and Joseph Sciorra. (Lanham, MD: The Scarecrow Press, 2016), 115- 150.
  • (EN) Emelise Aleandri, "Riccardo Cordiferri." In The Italian American Experience: An Encyclopedia, ed. S.J. LaGumina, et al. (New York: Garland, 2000), 146-148.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87915189 · ISNI (EN0000 0003 7425 3273 · LCCN (ENno2006051953 · GND (DE1061570525 · BNE (ESXX945752 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2006051953