Riccardo Cangini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Riccardo Cangini nel 2000, mentre mostra il sistema di motion capture allora usato da Artematica

Riccardo Cangini (Genova, 12 novembre 1968) è un imprenditore e autore di videogiochi italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pioniere dell'industria italiana della creazione di videogiochi[1] iniziò a programmare nel 1983 su Texas Instruments TI-99/4A e pubblicò i primi 2 videogiochi, Pazzo e Agente RV7, per MSX fra il 1987 ed il 1989.

Nel corso degli anni ha svolto diverse attività e ricoperto il ruolo di programmatore, designer, grafico 2D/3D, direttore di produzione presso Simulmondo.

Nel 1996 ha fondato la casa di produzione di videogiochi Artematica[2], produttrice di una serie di videogiochi venduti anche all'estero.

Fra le sue realizzazioni principali si ricordano:

Lavorando dal 1991 con licenze di terze parti, oltre alle già citate anche Violetta, Winx Club, Tommy & Oscar, Julia Kendall, Spider-Man, Totò Sapore, Pinocchio, Robin Hood, R.I.S., Riccardo Cangini è considerato un veterano nella conversione di marchi del mondo dei fumetti e dei cartoni animati in forma di videogioco, soprattutto per quanto concerne le avventure grafiche.[6][7][8]

Fra le attività di Cangini si annoverano anche docenze e interventi a sfondo didattico laddove strettamente correlati all'insegnamento dei processi di ideazione, sviluppo e produzione di videogiochi: nel 2006 e 2007 è stato prima docente poi coordinatore del 1° Master in videogame design presso l'Istituto Europeo di Design[9][10] di Roma, dal 2008 è docente presso Playmont il Festival del Multimediale[11] e dal 2010 anche presso la Dreamerschool.[12]

Nel 2013 Cangini è cofondatore di IUDAV, Institute University Digital Animation & Videogames, dove è parte del comitato di coordinamento e responsabile dell'area games[13].

Veterano nelle tecnologie 3D, oltre ai videogiochi, ha progettato e realizzato anche applicazioni custom, sistemi virtuali e televisivi come:

  • Top Moment, il primo sistema televisivo di moviola 3D delle partite di calcio (in differita) trasmesso dal TGS di RAI1 nel 1995 e nel 1996.[13]
  • per la trasmissione Solletico di RAI1 il videogioco Basket Mio 1996 e i cartoni animati interattivi di Redazione Misteri[14]
  • il primo simulatore di guida didattico italiano per le autoscuole (2000)[2]

Dal 2011 Riccardo Cangini dirige la startup Goods Games Srl[13], specializzata nello sviluppo di videogiochi per social network e mobile.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Da developonline.net, su develop-online.net. URL consultato il 2 maggio 2011 (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2010).
  2. ^ a b Da corriere.it
  3. ^ Da amr.abime.net
  4. ^ Da ciberludus.com Archiviato il 10 gennaio 2011 in Internet Archive.
  5. ^ Da lemonamiga.com
  6. ^ Andrea Peduzzi, Riccardo Cangini a Video Games History, su cinemaevideogiochi.com, 26 settembre 2009. URL consultato il 20 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2012).
  7. ^ Diabolik e Martin Mystère dal fumetto al videogioco :: LoSchermo.it
  8. ^ Riccardo Cangini vs Mario Gomboli - LASTAMPA.it
  9. ^ Da comuniclab.it Archiviato il 23 febbraio 2011 in Internet Archive.
  10. ^ Da assodigitale.it
  11. ^ Il “Prof.” Riccardo Cangini…. | Retrogaming Planet
  12. ^ Da coloryoutlife.it[collegamento interrotto]
  13. ^ a b c Da archiviolastampa.it
  14. ^ Da linguaggioglobale.com

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]