Riccardo Antoniazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Riccardo Antoniazzi (Cremona, 19 dicembre 1853Milano, 10 novembre 1912) è stato un liutaio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Antoniazzi, sesto figlio ed allievo di Gaetano (come il fratello Romeo), è stato il liutaio più abile e più coerente della sua famiglia, anche se, un po' oscurato dalla figura di Leandro Bisiach, non ha firmato molti degli strumenti del suo periodo migliore. La sua carriera può essere suddivisa in tre periodi:

  • dal suo apprendistato e lo sviluppo iniziale fino a circa 1887-8, durante il quale produsse strumenti simili a quelli del padre,
  • il suo periodo migliore, che durò fino a circa il 1904, durante il quale sviluppò il suo stile e nel quale lavorò principalmente per Leandro Bisiach,
  • ed il periodo a partire dal 1904, quando lavorava per la ditta Monzino e Figli, durante il quale produsse ottimi strumenti, anche se lavorati con meno cura, soprattutto per quanto riguarda la vernice. Oggi questi sono i suoi più noti strumenti.

Tecnica[modifica | modifica wikitesto]

Riccardo utilizzava una grande varietà di modelli, e la sua vernice è di colore giallo-arancio o rosso, a volte scuro. Egli è noto per aver usato quattro etichette diverse, ed ha anche usato una marca durante il suo periodo con Monzino, con le sue iniziali "AR" all'interno di un doppio cerchio sormontato da una croce. Questo marchio è spesso attribuito a Romeo, che, tuttavia, sembra non averlo mai usato.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Eric Blot, Emilia e Romagna I, in Un Secolo di liuteria italiana, 1860-1960 - Un secolo di liuteria italiana, Cremona, Turris, 1994, ISBN 88-7929-026-6.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Philip J. Kass, Bisiach Family (PDF), William Moening & Sons Ltd., 1983. URL consultato il 5 aprile 2007.
  • Philip J. Kass, Selected World of Strings Newsletters, William Moening & Sons Ltd., 1982. URL consultato il 5 aprile 2007 (archiviato dall'url originale il 7 febbraio 2007).
  • Eric Blot, Emilia e Romagna I, in Un secolo di liuteria italiana, 1860-1960 - A century of Italian violin making, Cremona, Turris, 1994, ISBN 88-7929-026-6.
  • La Liuteria Italiana / Italian Violin Making in the 1800s and 1900s - Umberto Azzolina
  • I Maestri Del Novicento - Carlo Vettori
  • La Liuteria Lombarda del '900 - Roberto Codazzi, Cinzia Manfredini 2002
  • Dictionary of 20th Century Italian Violin Makers - Marlin Brinser 1978
  • Rene Vannes, Dictionnaire Universel del Luthiers (vol.3), Bruxelles, Les Amis de la musique, 1985 [1951], OCLC 53749830.
  • Henley William, Universal Dictionary of Violin & Bow Makers, Brighton; England, Amati, 1969, ISBN 0-901424-00-5.
  • Walter Hamma, Meister Italienischer Geigenbaukunst, Wilhelmshaven 1993, ISBN 3-7959-0537-0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Liuteria Parmense, su liuteria-parmense.com. URL consultato il 29 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2012).