Ribellione di Hogen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La Ribellione di Hōgen (保元の乱 Hōgen no ran?)[1] fu una breve guerra guerra civile combattuta dal 28 luglio al 16 agosto 1156 per risolvere una disputa riguardo alla successione imperiale.[2] La disputa fu anche sul controllo esercitato dai Fujiwara che avevano la reggenza durante il Periodo Heian.

La Hōgen no ran produsse conseguenze inaspettate. Creò una fondazione ove la dominanza dei clan samurai sarebbe presto stata abilitata. Fu considerata l'inizio di una catena d'eventi che produsse la prima "samuraiocrazia" nella Storia del Giappone.

Contesto[modifica | modifica wikitesto]

Un conflittò si focalizzò su tre figure nel 1155. Dopo che l'Imperatore Toba e l'imperatore Sutoku abdicarono, tutti vollero impossessarsi del trono di Konoe; quando egli morì da giovane, le dinamiche di fazione cambiarono.

  • Agosto 23, 1155 (Kyūju 2, Giorno 24 del settimo mese)  : Nell'anno 14 del regno di Konoe-tennō (近衛天皇14年),l'imperatore muore; si apre una disputa su chi debba essere il suo erede;la si diede poi,la successione (senso) ,a un giovane fratello, quattordicesimogenito dell'Imperatore Toba.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kitagawa, Hiroshi et al. (1975). The Tale of the Heike, p. 783
  2. ^ Nel nome "Ribellione di Hōgen ," "Hōgen" si riferisce al nengō (Ere Giapponesi) dopo il "Kyūju" e prima dell' "Heiji." In altre parole la ribellione Hōgen ci fu durante l'Hōgen, un periodo di tempo che va dal 1156 al 1159.