Riarrangiamento di Amadori

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il riarrangiamento di Amadori è l'isomerizzazione, catalizzata da un acido o da una base, di un N-glicoside di un aldoso al corrispondente 1-amino-1-deossi-chetoso.[1][2] Si tratta di una reazione importante nella chimica dei carboidrati.

Facendo reagire il D-mannosio (1 forma chiusa - 2 forma aperta) con ammoniaca si forma un 1-1-amino-alcool (3) instabile che perde acqua e forma una glicosilammina che esiste in due forme in equilibrio tra loro, forma iminica (5) aperta e forma hemiaminica (4) chiusa, e che costituisce il punto di partenza per il riarrangiamento di Amadori.[3]

Riarrangiamento di Amadori

Mediante trattamento della glicosilammina con piridina e anidride acetica si ha la formazione del corrispondente 1-amino-1-deossi-chetoso (6).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ M. Amadori, Atti. reale accad. nazl. Lincei, [6] 2, 337 (1925); [6] 9, 68, 226 (1929); [6] 13, 72 (1931)
  2. ^ Strategic Applications of Named Reactions in Organic Synthesis (Paperback) by Laszlo Kurti, Barbara Czako ISBN 0-12-429785-4
  3. ^ Mutarotation, Hydrolysis, and Rearrangement Reactions of Glycosylamines HORACE S. ISBELL and HARRIET L. FRUSH J. Org. Chem. 1958, 23(9), 1309 - 1319. (DOI: 10.1021/jo01103a019)
chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia