Ria De Simone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ria De Simone

Ria De Simone, nome all'anagrafe Maria De Simone (Roma, 6 giugno 1947Mentana, 10 novembre 1995), è stata un'attrice e cantante italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia d'arte – sua madre, Olga Romanelli, è anch'essa attrice e reciterà insieme a lei nel film La bolognese – si diploma all'Accademia nazionale d'arte drammatica e, ad appena quattordici anni, fa il suo esordio cinematografico al fianco della sorella, l'attrice Lily Romanelli, nel film Totòtruffa 62 dove è una delle collegiali compagne della figlia di Totò, interpretata da Estella Blain. Bruna, dall'aspetto mediterraneo e dal fisico prosperoso, tra il 1972 e il 1988 è stata uno dei volti più noti della commedia sexy all'italiana, dove interpretava spesso il ruolo della donna matura e sexy senza inibizioni, pur con varie incursioni in tutti i filoni del cinema di genere dal poliziottesco all'horror. Da notare che nel suo ultimo film, Un gatto nel cervello diretto da Lucio Fulci, l'attrice non compare sul set, ma il regista in realtà utilizza alcune sequenze del lavoro precedente, Quando Alice ruppe lo specchio, nella scena delle prove generali dell'opera lirica La Traviata di Giuseppe Verdi. L'ultima sua apparizione effettiva avvenne nel 1989, nella serie di telefilm Aquile diretta da Antonio Bido e Ninì Salerno. All'attività cinematografica ha associato quella di cantante, incidendo l'album Ricominciare e accompagnando il cantante Rocky Roberts in una tournée del 1987. È morta nel 1995 all'età di 48 anni per un tumore cerebrale.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manlio Gomarasca, Davide Pulici: 99 donne. Stelle e stelline del cinema italiano. Media Word, Milano, 1999 pp. 16–17
  • Enrico Lancia: Dizionario del cinema italiano. Le attrici. Gremese, Roma, 2003 p. 110

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN87302463 · ISNI (EN0000 0000 6087 6697 · SBN IT\ICCU\RAVV\481992 · LCCN (ENno2011127740 · BNF (FRcb14227555t (data) · BNE (ESXX1579541 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2011127740