Rhaphigaster nebulosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Rhaphigaster nebulosa
Rhaphigaster nebulosa MHNT Dos.jpg
Rhaphigaster nebulosa
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Phylum Arthropoda
Subphylum Hexapoda
Classe Insecta
Sottoclasse Pterygota
Coorte Exopterygota
Subcoorte Neoptera
Superordine Paraneoptera
Sezione Rhynchotoidea
Ordine Rhynchota
Sottordine Heteroptera
Infraordine Pentatomomorpha
Superfamiglia Pentatomoidea
Famiglia Pentatomidae
Sottofamiglia Pentatominae
Genere Rhaphigaster
Specie R. nebulosa
Nomenclatura binomiale
Rhaphigaster nebulosa
Poda, 1761

La Rhaphigaster nebulosa Poda, 1761, è un insetto della famiglia dei Pentatomidae. È l'unica specie del genere Rhaphigaster presente in Europa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

È un Rhynchota eterottero di medie dimensioni (12-15 mm), che presenta una colorazione mimetica brunastra, picchiettata di nero. Aspetto caratterizzante la specie è l'alternanza del bianco e nero lungo gli articoli formanti le antenne. La testa alloggia in un piccolo incavo del protorace, quest'ultimo ha notevoli dimensioni, così come il mesotorace, a sua volta composto principalmente da uno scutello triangolare, così ben sviluppato da ricoprire parzialmente le emielitre.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un fitofago, che s'incontra dove ci sono piante, siepi, muri soleggiati a partire dall'arrivo della primavera. Si può confondere con la cimice asiatica (Halyomorpha halys) recentemente acclimatata in Italia. A fine autunno può tentare di entrare nelle case. La sua sostanza repellente, dal pungente odore di mandorle amare, veniva impiegata industrialmente per rendere ancor più acuto l'odore di sostanze chimiche come l'acido prussico.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi