Rezerva generală a aviației

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rezerva generală a aviației
Stato Romania Romania
Fondazione 1916 a Iași
Chiusura 1920
Settore Aeronautico
Prodotti aerei e motori

Rezerva generală a aviației fu la prima azienda industriale aeronautica di Romania. Fu fondata ai tempi della prima guerra mondiale e faceva parte della Direzione aeronautica a Marelui quartier generale delle forze armate. Fu attiva dal 27 settembre 1916 al 1 luglio 1920, a Iași e Bucarest. Nell'ambito della Rezervei generale a aviției vennero montati e riparati motori aeronautici e velivoli.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Per armare le forze armate per la campagna di Romania, il 27 settembre 1916, venne creato a Iași l'officina per la riparazione di velivoli e motori a Cotroceni e Băneasa.[1] Così inizia la Rezerva generală a aviației, con materiali e macchinari da Cotroceni e Băneasa.[1] Nella primavera del 1917, l'organizzazione militare dell'aeronautica era parte della Rezerva generală a aviației, subordinata alla Direcției aeronautice.[1] Alla direzione Rezervei generale a aviație cìerano l'ing. Constantin Silișteanu e il sottotenente Petre Macavei.[1]

L'attività della Rezerva generală a aviației era la riparazione e manutenzione degli aeromobili anche d'addestramento.[1] La missione francese del generale Henri Mathias Berthelot, fece sì che l'azienda montò anche velivoli francesi, così che la Rezervei generale a aviației montò e riparò aeromobili per un totale di 242 esemplari e 545 motori aeronautici.[1]

La Rezervei generale a aviației smantellò la sede di Iași nel novembre 1919, e il materiale trasferito a Bucarest. Successivamente, il 1 luglio 1920, la denominazione della fabbrica di Bucarest fu cambiata in Arsenalul aeronautic.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Balotescu, Nicolae; et al. (1984).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Balotescu, Nicolae; et al. (1984). Istoria aviației române, București: Editura Științifică și Enciclopedică.