Rex Gordon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Rex Gordon, pseudonimo di Stanley Bennett Hough (Preston, 25 febbraio 1917Falmouth, 1998), è stato uno scrittore di fantascienza britannico.

Autore prolifico negli anni cinquanta-sessanta, con Prigioniero del silenzio (No Man Friday, 1956) imbastì un romanzo fantascientifico controverso e suggestivo, avvicinandosi al modello del celebre Robinson Crusoe di Defoe per poi giocare a stravolgerne alcuni punti essenziali[senza fonte]. Di Gordon sono apparsi anche Utopia 239 (id., 1954), Caverna nel tempo (The Time Factor, 1964), Il pianeta della solitudine (The Yellow Fraction, 1969).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

(Parziale)

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Utopia 239 (id, 1954); I Romanzi del Cosmo 18, Ponzoni Editore, Milano 1958; in La rivolta degli umani, Cosmo. I capolavori della fantascienza 8, Ponzoni Editore, Milano 1962
  • Prigioniero del silenzio (No Man Friday, 1956; First on Mars 1957, versione britannica); Urania 168, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1958; Classici-Fantascienza 27, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1979
  • I mondi di Eklos (First to the Stars, 1959; aka The Worlds of Eclos, 1961); Urania 746, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1978
  • Caverna nel tempo (The Time Factor, 1964; aka First Through Time, 1962); Urania 383, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1965; Urania 835, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1980
  • Utopia Minus X (1966) aka The Paw of God
  • Mission in Guemo (1967) (firmato come S B Hough)
  • Il pianeta della solitudine (The Yellow Fraction, 1969); Slan. Il Meglio della Fantascienza, Libra Editrice, Bologna 1975

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN21773053 · ISNI (EN0000 0000 4575 3496 · LCCN (ENno99013080 · GND (DE108450945 · BNF (FRcb16675091t (data)