Revolutions (Jean-Michel Jarre)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Revolutions
ArtistaJean-Michel Jarre
Tipo albumStudio
Pubblicazione1988
Durata44:24
Dischi1
Tracce7
GenereMusica elettronica
EtichettaDisques Dreyfus
ProduttoreJean-Michel Jarre
Jean-Michel Jarre - cronologia
Album precedente
(1986)
Album successivo
(1989)

Revolutions è l'ottavo album in studio di Jean-Michel Jarre, pubblicato nel 1988 dalla Disques Dreyfus. L'album ha raggiunto la seconda posizione nella classifica britannica, il miglior risultato di Jarre dopo Oxygène. Il concerto a Londra denominato Destination Docklands coincise con la pubblicazione del disco.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Strumenti[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dell'album è eseguita con il sintetizzatore Roland D-50 e la maggior parte delle programmazioni dei suoni sono state prelevate da archivi preesistenti e riunite in un archivio unico, più tardi condiviso con rivista francese Keyboard Magazine[senza fonte].

Brani[modifica | modifica wikitesto]

Esistono due versioni dell'album, una originale e una rimasterizzata digitalmente che differiscono fra loro poiché contengono due versioni differenti della title-track. Nella versione originale, il tema di introduzione del brano è suonato con un flauto turco, mentre nella versione rimasterizzata, dove il brano è rinominato Revolution, Revolutions viene eseguito da un'orchestra di chitarre Arabe. In quest'ultima versione è presente anche un differente accompagnamento vocale, eseguito da una cantante araba.

Il brano London Kid è il frutto di una collaborazione con Hank Marvin. Marvin viveva a Perth, in Australia, e ai tempi lui e Jarre composero il brano insieme, comunicando tramite collegamenti telefonici.

Come sottolineato nelle note finali del disco, il brano September è stato così nominato in onore dell'attivista audafricana dell'ANC Dulcie September, che fu assassinata a Parigi il 29 marzo 1988.

Coppa del Mondo di Rugby 2007[modifica | modifica wikitesto]

Il brano Industrial Revolution - Part 2 è stato usato come inno in occasione della Coppa del Mondo di rugby 2007 giocata in Francia. Veniva suonato all'inizio di ogni partita durante l'ingresso delle squadre in campo.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Versione originale del 1988[modifica | modifica wikitesto]

  1. Industrial Revolution - 16:49
    1. Ouverture - 5:20
    2. Part 1 - 5:08
    3. Part 2 - 2:18
    4. Part 3 - 3:47
  2. London Kid - 4:28
  3. Revolutions - 4:57
  4. Tokyo Kid - 5:21
  5. Computer Weekend - 4:42
  6. September - 3:53
  7. The Emigrant - 4:10

Versione rimasterizzata del 1994[modifica | modifica wikitesto]

  1. Industrial Revolution: Overture - 5:20
  2. Industrial Revolution Part 1 - 5:08
  3. Industrial Revolution Part 2 - 2:18
  4. Industrial Revolution Part 3 - 3:47
  5. London Kid - 4:34
  6. Revolution, Revolutions - 4:55
  7. Tokyo Kid - 5:18
  8. Computer Week-End - 4:38
  9. September - 3:52
  10. The Emigrant - 4:05

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica