Retsina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una bottiglia di retsina

La retsina (greco: Ρετσίνα/Retsìna) è un vino da tavola di produzione greca che viene stagionato in botti con l'aggiunta di resina ed è una delle bevande alcoliche greche più popolari e di più lunga tradizione, anche dovuta alle sue caratteristiche di conservabilità.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'antichità le anfore per la conservazione del vino erano sigillate per evitare l'ossidazione della bevanda e a tale scopo veniva utilizzata una resina. Inizialmente venne utilizzata resina proveniente da qualsiasi varietà di pino mentre in tempi più moderni e con le nuove norme si è passati all'uso esclusivo della resina del pino d'Aleppo, pianta che si trova in grande abbondanza nell'Attica e in tutta la Grecia.

Si cominciò poi ad aggiungere la resina al vino stesso, in modo da produrre una sorta di velo protettivo sulla superficie del mosto in fermentazione e col tempo la retsina divenne il vino più comune ad Atene. Malgrado questo non manca nella ristorazione recente e nella distribuzione il vino non resinato.[2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il vino si trova in commercio bianco o rosato. Il bianco è più diffuso mentre il rosato (greco: κοκκίνισμα/rosato), oltre che essere meno diffuso è anche meno resinato.[1]

La produzione tradizionale di retsina si basa principalmente sui seguenti vitigni[3]:

Cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Donald Fagen, in "Home at last", cita "smooth retsina".
  • I Pooh in "Solo cari ricordi" da Parsifal citano il vino di resina.
  • Vinicio Capossela cita questo vino in "Rebetiko μου", brano presente nell'album Rebetiko Gymnastas.
  • Beppe Severgnini in "Italiani di domani" nel capitolo "Tenacia" riporta: "Cenavo con la rivista "Time Out" e mezza bottiglia di vino retsina..."
  • Max Manfredi, in "Luna Persa" intitola Retsina la quinta canzone dell'album.
  • Marco Steiner nel libro "Oltremare".
  • Nel film “Poirot: Filastrocca per un omicidio” (GBR 1996) viene citato: “È retsina signor Pierrot.. viene dal mio Paese che è molto lontano”.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b TCI, p. 25.
  2. ^ Valmartina, p. 11.
  3. ^ Robinson, p. 262.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]