Rete Trentino Grande Guerra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Logo della rete Trentino Grande Guerra

La Rete Trentino Grande Guerra è un sistema museale e territoriale della Provincia autonoma di Trento che ha l'obiettivo di mettere in rete e valorizzare il patrimonio legato alla Prima Guerra mondiale. Il progetto è nato il 5 giugno 2009 ed è coordinato dal Museo storico italiano della guerra di Rovereto[1].

Obiettivi[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo la fine della Grande Guerra numerosi cacciatori di reperti si sono interessati alla raccolta e alla conservazione di cimeli risalenti al conflitto; in poco tempo su tutto il territorio provinciale, soprattutto lungo i vecchi territori di confine, sono sorti dei musei per raccogliere e valorizzare questo vasto patrimonio. Nel 2009, per cercare di collegare maggiormente questi musei (di dimensioni generalmente medio-piccole), su iniziativa privata nasce la Rete Trentino Grande Guerra[2].

L'obiettivo principale è quello di mettere in rete musei, associazioni ed enti territoriali sul territorio trentino legati alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio correlato alla Prima Guerra mondiale, occupandosi anche di coordinare gli eventi al fine di organizzare una migliore proposta culturale.

La Rete è partner dell'iniziativa "Trentino '14-'18 - Dalla Guerra alla Pace", progetto della Provincia autonoma di Trento di coordinamento degli eventi dal 2014 al 2018 legati alla celebrazione del centenario del primo conflitto mondiale.

Musei aderenti[modifica | modifica wikitesto]

Al 2017 la Rete è composta da 19 tra musei e fondazioni storiche:[3]

  1. Pejo 1914 - 1918. La guerra sulla porta, Peio
  2. Museo della Guerra di Vermiglio, Vermiglio
  3. Forte Strino, Vermiglio
  4. Museo della Guerra Bianca adamellina, Spiazzo
  5. Museo della Grande Guerra in Valle del Chiese, Valdaone
  6. Museo garibaldino e della Grande Guerra, Ledro
  7. MAG Museo Alto Garda, Riva del Garda
  8. Museo storico italiano della guerra, Rovereto
  9. Forte Belvedere Gschwent, Lavarone
  10. Centro Documentazione Luserna, Luserna
  11. Mostra permanente della Grande Guerra in Valsugana e sul Lagorai, Borgo Valsugana
  12. Mostra permanente della Grande Guerra sul Lagorai, Canal San Bovo
  13. Collezione di cimeli del Rifugio Cauriol, Ziano di Fiemme
  14. Associazione "Sul fronte dei ricordi", Moena
  15. Museo della Grande Guerra 1914 - 1918, Canazei
  16. Museo nazionale storico degli Alpini, Trento
  17. Museo storico del Trentino, Trento
  18. Museo dell'aeronautica Gianni Caproni, Trento
  19. Museo casa De Gasperi, Pieve Tesino

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La Rete, su trentinograndeguerra.it. URL consultato il 25 marzo 2017.
  2. ^ I progetti, su trentinograndeguerra.it. URL consultato il 25 marzo 2017.
  3. ^ I musei, su trentinograndeguerra.it. URL consultato il 26 marzo 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Museo Storico Italiano della Guerra, Guida ai musei della Grande Guerra in Trentino, Rovereto, Edizioni Osiride, 2011
  • Museo Storico Italiano della Guerra, Annali - N°23, Rovereto, 2015

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]