Research Libraries UK

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Research Libraries UK
AbbreviazioneRLUK
Tiposocietà a responsabilità limitata
Fondazione1983
Lingua ufficialeinglese
[www.rluk.ac.uk Sito web]

Il Research Libraries UK (RLUK), precedentemente chiamato Consortium of University Research Libraries (CURL)[1], è un consorzio interbibliotecario britannico che riunisce trentadue biblitoteche universitarie, tre biblioteche nazionali e la Wellcome Collection, nel Regno Unito e in Irlanda.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il CURL nacque nel 1983 come raggruppamento informale delle sette maggiori biblioteche universitarie inglesi (Cambridge, Edimburgo, Glasgow, Leeds, Londra, Manchester e Oxford), costituito con l'obbiettivo di esplorare le possibilità di un cooperazione più stretta, in particolare, ma non esclusivamente nell'ambito dell'automazione.[3]

Nel '92, il consorzio si trasformò in una società a responsabilità limitata.[4] B Nell'aprile del '97, il numero di organizzazioni aderenti era aumentato fino a venti unità, che includevano il Trinity College di Dublino, tre biblioteche nazionali inglesi e il Welcome Institute for the History of Medicine di Londra, ammessi in qualità di membri associati.[5] Nello stesso anno, fu nominato il primo segretario esecutivo, figura creata anche per meglio gestire la maggiore complessità assunta dal soggetto.[3]

Nel 2011, la Queen's University Belfast divenne il trentesimo membro dell'RLUK, ultima delle ventiquattro università che componevano la rete del Russell Group.[6] L'Università di Exeter e la Queen Mary di Londra aderirono rispettivamente nel 2012 e nel 2014.[7][8]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Il consorzio gestisce il catalogo online Library Hub Discover[9] (ex Copac), che è alimentato dalle base di dati bibliografiche delle singole organizzazioni aderenti ed è gratuitamente accessibile tramite browser, il protocollo Z39.50, OpenURL e il protocollo di ricerca Search/Retrieve via URL.[10] Queste interfacce permettono di collegare record bibliografici di Copac da parte di siti esterni.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RLUK's Foundations in CURL, in Research Libraries UK (archiviato dall'originale il 14 novembre 2011).
  2. ^ Resesrch Libraries UK, su rluk.ac.uk, RLUK Members. URL consultato il 27 luglio 2019.
  3. ^ a b Fox, P., CURL – Research Libraries in the British Isles, in Earnshaw R. e Vince J. (a cura di), Digital Convergence – Libraries of the Future, Springer: London, 2008, pp. 75–82, DOI:10.1007/978-1-84628-903-3_6.
  4. ^ RLUK (Research Libraries UK), in Companies House. URL consultato il 27 luglio 2019.
  5. ^ CURL's Full Members, in Consortium of University Research Libraries, 1º aprile 1997 (archiviato dall'originale il 25 gennaio 1998).
  6. ^ Queen's University Belfast Becomes Newest Member of RLU, su rluk.ac.uk, 13 giugno 2011.
  7. ^ University of Exeter becomes newest member of RLUK, University of Exeter, 12 settembre 2012. URL consultato il 27 luglio 2019.
  8. ^ Queen Mary becomes newest member of RLUK, in RLUK News, 7 febbraio 2014.
  9. ^ Library Hub Discover, su discover.libraryhub.jisc.ac.uk.
  10. ^ Copac service (Jisc), Copac for Developers, su copac.ac.uk. URL consultato il 3 luglio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 giugno 2015).
  11. ^ Saints in Exile – History On-line, su www.history.ac.uk. URL consultato il 3 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2018).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Siti di approfondimento

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN133448081 · ISNI (EN0000 0001 1146 0721 · LCCN (ENnr96026101 · WorldCat Identities (ENlccn-nr96026101