Repubblica di Molossia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 39°19′21.9″N 119°32′20.8″E / 39.32275°N 119.539111°E39.32275; 119.539111

Repubblica di Molossia
𐐡𐐯𐐹𐐲𐐺𐑊𐐮 𐐲𐑂 𐐣𐐬𐑊𐐫𐑅𐐨𐐲
micronazione
Repubblica di Molossia 𐐡𐐯𐐹𐐲𐐺𐑊𐐮 𐐲𐑂 𐐣𐐬𐑊𐐫𐑅𐐨𐐲 – Bandiera Repubblica di Molossia 𐐡𐐯𐐹𐐲𐐺𐑊𐐮 𐐲𐑂 𐐣𐐬𐑊𐐫𐑅𐐨𐐲 - Stemma
Repubblica di Molossia - Localizzazione
Status
Dichiarazione d'indipendenza 3 settembre 1999
Territori rivendicati - Residenza personale del fondatore Kevin Baugh[1]
- Area rurale nella California meridionale
- Area marina 750 km a sud-ovest del Messico
Dati amministrativi
Nome completo (EN) Republic of Molossia
Governo Ufficialmente repubblica presidenziale costituzionale benché de facto dittatura militare
Capo di Stato Kevin Baugh
Inno "Fair Molossia is Our Home"
Motto Nothing Ventured, Nothing Gained
Informazioni generali
Lingua inglese, tedesco, esperanto, alfabeto deseret
Capitale/Capoluogo Baughton
Area 0.0053 km²
Popolazione 27[1] ab.  (2012)
Continente America
Fuso orario UTC -7 ore e 41 minuti
Valuta Valora
Prefisso tel. +1 775
Repubblica di Molossia - Mappa

Molossia, ufficialmente Repubblica of Molossia, è una autoproclamata micronazione, situata vicino Dayton, nello stato federale del Nevada, negli Stati Uniti d'America.

Fondata da Kevin Baugh ufficialmente nel 1999, la micronazione è costituita solamente dalla casa del presidente e dai 5 300  di proprietà circostante.

Il nome Molossia deriva dalla parola spagnola morro che significa "collinetta rocciosa". Baugh ha dichiarato che non c'è collegamento con l'antica tribù greca dei Molossi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Molossia nasce come la Repubblica Democratica Popolare di Molossia, uno stato con governo comunista, nel giugno 1999. Pochi mesi dopo, l'idea dello stato comunista viene abbandonato facendo così nascere, nel settembre del 1999 la Repubblica di Molossia. La micronazione è il risultato di un progetto d'infanzia dello stesso Baugh che naque negli anni 70 come un Impero immaginario chiamato "La Grande Repubblica di Vuldstein".[2]

Il 14 novembre 2012, Kevin Baugh creò una petizione sul sito ufficiale del governo americano, durante la campagna We The People chiedendo il formale riconoscimento della sua nazione come indipendente dagli Stati Uniti d'America. La petizione non raggiunse il voto minimo di firme per il riconoscimento.[3]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Sede del Governo

Molossia è formata da due proprietà (in precedenza tre) entrambe all'interno degli Stati Uniti, intestate a Baugh. La prima è chiamata provincia di Harmony ed è la più piccola, con solamente poco più di un acro in dimensioni. È dove ha sede la capitale Baughston, la casa della famiglia Baugh, la sede del Governo.[4] La seconda proprietà è Desert Homestead Province ed è localizzata nella California meridionale. Baugh la ereditò nel 2005 dopo la morte di suo nonno; da allora questa regione ha la funzione di monumento in memoria del defunto James E. Baugh.[5]

Fino al 2005 Baugh possedeva anche una proprietà chiamatà Colonia Farfalla nella California settentrionale. Questa proprietà fu venduta quando Baugh ereditò Desert Homestead Province.

Molossia rivendica anche un punto nell'Oceano Pacifico chiamato Neptune Deep, a circa 750 km (470 mi) a sud-ovest del Messico.[6]

Governo[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente Kevin Baugh

Proclamazione[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica di Molossia dichiara di essere uno stato sovrano, indipendente, enclave degli Stati Uniti d'America. Uno stato-nazione a tutti gli effetti dotato di potere sovrano, giuridico e politico sul suo territorio e su tutti i suoi cittadini.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Molossia è una repubblica governata da una costituzione creata da una assemblea nazionale e altri organi statali.[7] Ciononostante in Molossia vige la legge marziale e il presidente Kevin Baugh possiede tutti i poteri governativi, incluse le relazioni internazionali, rendendo la assemblea nazionale un organo consultivo con nessun potere effettivo.

Relazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

La Molossia riconosce diverse altre micronazioni. Visite tra i microstati si svolgono regolarmente a Baughton.[8] Il governo Molossiano dichiara di essere stato uno dei primi paesi a riconoscere il Kosovo come nazione indipendente, soltanto poche ore dopo la loro autoproclamazione il 17 febbraio 2008; il presidente Baugh mandò una ufficiale lettera di riconoscimento al nuovo governo in questa occasione.[9]

Servizio Postale e Telegrafico Molossiano[modifica | modifica wikitesto]

Il Servizio Postale e Telegrafico Molossiano funziona solamente all'interno della micronazione, a causa del mancato riconoscimento da parte di altri stati. Questo organo statale al momento produce dei francobolli celebrativi della Repubblica.[10][11][12][13]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Benché limitato, il turismo è un elemento importante per Molossia. Nel 2008 Molossia ha dichiarato che in media riceve 14 visitatori l'anno.[14] I visitatori possono organizzare un tour guidato tra il 15 aprile e il 15 ottobre contattando il governo molossiano.[8] Benché un passaporto non sia necessario per l'ingresso, coloro che lo portano potranno avere la stampa del visto una volta oltrepassato il confine.[15]

Alcuni articoli sono proibiti nella Repubblica di Molossia quali spinaci, lampadine a incandescenza, tabacco e pesce gatto.[16]

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Molossia è apparsa tra varie altre micronazioni nel manga giapponese Hetalia Axis Powers. È principalmente vista interagire con altre micronazioni come Sealand, Seborga e Wy.

Il settimanale italiano Internazionale ha dedicato alla Repubblica di Molossia un articolo il 2 agosto 2013.[17][18]

Molossia fa inoltre comparsa nel libro, edito da Lonely Planet, Micronations: Lonely Planet Guide to Home-Made Nations.[19]

Appare nella miniserie web Kickassia, con protagonista il recensore di film americano Doug Walker, meglio conosciuto come Nostalgia Critic.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Informazioni generali sulla Repubblica di Molossia, Repubblica di Molossia.
  2. ^ Repubblica di Molossia, Storia dell Repubblica di Molossia.
  3. ^ Repubblica di Molossia, Petizione per la Casa Bianca, 14 novembre 2012.
  4. ^ Repubblica di Molossia, Descrizione di Baughton.
  5. ^ Repubblica di Molossia, Descrizione di Desert Homestead Province.
  6. ^ Repubblica di Molossia, Neptune Deep.
  7. ^ Repubblica di Molossia, Assemblea Nazionale Molossiana.
  8. ^ a b Repubblica di Molossia, Turismo e visite di Stato.
  9. ^ Repubblica di Molossia, Riconoscimento del Kosovo da parte della Repubblica di Molossia.
  10. ^ Repubblica di Molossia, Dettaglio francobollo.
  11. ^ Repubblica di Molossia, Francobolli molossiani.
  12. ^ Repubblica di Molossia, Servizi Postali e Telegrafici Molossiani pagina 2.
  13. ^ Repubblica di Molossia, Servizi Postali e Telegrafici Molossiani.
  14. ^ Intervista con Kevin Baugh.
  15. ^ Stampo del Visto della Molossia.
  16. ^ Repubblica di Molossia, Stabilimento della dogana molossiana.
  17. ^ Repubblica di Molossia in Internazionale, 2 agosto 2013.
  18. ^ Scan digitale dell'articolo da l'Internazionale.
  19. ^ John Ryan, George Dunford, Simon Sellars, Micronations: Lonely Planet Guide to Home-Made Nations, Melbourne, Australia, Lonely Planet Publications, 2006.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]