Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Repliche della statua della Libertà

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La statua della Libertà è probabilmente il monumento più famoso della città di New York e di tutti gli Stati Uniti d'America. Inoltre, il suo carattere universale di allegoria della libertà le ha conferito notorietà a livello mondiale. Per questo numerose repliche del monumento, più o meno grandi, sono state realizzate dalla sua inaugurazione nel 1886.

A causa del suo status di monumento universale, la statua della Libertà è stata riprodotta a grandezze diverse in numerose parti del globo[1]. Queste riproduzioni vanno dalle semplici miniature souvenir che si trovano nei negozi del museo della struttura, alle riproduzioni in grande scala che risiedono all'ingresso di alcune città, perché legate in qualche modo alla storia del monumento o di qualcuno dei suoi creatori, oppure semplicemente perché la statua costituisce uno dei principali simboli della libertà nel mondo[1].

Le prime riproduzioni della statua, realizzate dall'impresa Gaget Gautier (da cui il sostantivo gadget in inglese) sono state commercializzate e distribuite alle numerose personalità presenti alla cerimonia di inaugurazione il 28 ottobre 1886. Queste prime riproduzioni furono così i modelli per le diverse repliche costruite successivamente. La maggior parte di esse oggi si trova in Francia e negli Stati Uniti[2], sebbene se ne trovino anche in numerosi altri Paesi, tra cui l'Austria, la Germania, l'Italia, il Giappone, la Cina, e anche il Vietnam, anticamente colonia francese.

Francia[modifica | modifica wikitesto]

Statua della Libertà sulle rive della Senna, a Parigi. Donata alla città nel 1889, è rivolta ad ovest, verso l'originale nel porto di New York.

Due riproduzioni della statua della Libertà si trovano a Parigi. Una si trova nei giardini del Lussemburgo. Un'altra, più grande (11,50 metri), è vicino al pont de Grenelle sull'Allée des Cygnes, un'isola sulla Senna, nelle vicinanze del vecchio laboratorio di Bartholdi. Donata alla città il 15 novembre 1889, guarda verso l'oceano Atlantico, verso la sua "sorella maggiore" nel porto di New York, eretta tre anni prima.

Una copia a grandezza naturale della torcia si trova vicino agli Champs Elysées. Fu donata alla città per le celebrazioni del Centenario dell'inaugurazione della statua. La torcia si trova all'ingresso del tunnel de l’Alma, il tristemente noto tunnel automobilistico dove la notte del 31 agosto 1997 avvenne il tragico incidente in cui persero la vita la principessa Diana, il suo compagno Dodi Al-Fayed e l'autista Henri Paul. Dato che l'accesso al tunnel è vietato ai pedoni, la torcia divenne un monumento commemorativo "non ufficiale" della principessa.

Un'altra riproduzione, alta 2,5 metri, è sita a Bordeaux. Una prima replica fu abbattuta e fusa dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Fu rimpiazzata nel 2000, e vi fu apposta una targa commemorativa delle vittime degli attentati dell'11 settembre.

Esiste un'altra riproduzione nel nord-ovest della Francia, nella cittadina di Barentin, vicino a Rouen, nella Senna Marittima. Costruita in poliestere, alta 13,5 m e dal peso di 3 tonnellate, fu realizzata per un film francese del 1965, Le Cerveau (Il cervello), diretto da Gérard Oury e interpretato da Jean-Paul Belmondo e Bourvil.[3] Dopo aver soggiornato nei locali della dogana di Saint-Maurice, non essendo stata sdoganata, la statua avrebbe dovuto essere distrutta. È stato grazie all'azione di Belmondo, del sindaco di Barentin all'epoca, e di Gérard Oury che questa statua fu conservata. Sistemata il 21 agosto 1969 su una piazza, fu spostata sulla piattaforma di Mesnil-Roux, dominando così la nuova estensione della città; dal 2 aprile 1990 si trova al centro di una rotonda.

Un'altra replica, dorata, si trova nel centro della città di Saint-Cyr-sur-Mer vicino a Marsiglia.[4][5]

Una replica alta 12 metri a Colmar, la città natale di Frédéric-Auguste Bartholdi, fu inaugurata il 4 luglio 2004 per commemorare il centesimo anniversario della sua morte. Essa è situata all'ingresso nord della città[6][7]. Il Museo Bartholdi di Colmar contiene numerosi modelli di varie dimensioni costruiti da Bartholdi durante la progettazione della statua[8].

Una lista non esaustiva, dato che non tutte sono note, delle diverse riproduzioni di Lady Liberty in Francia:

Altre riproduzioni conosciute:

Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Replica a grandezza naturale del volto della statua.

Dal 1902 al 2002, una replica alta 11 metri fu posizionata sul tetto della Liberty Warehouse.[9] Nel febbraio del 2002, la statua fu rimossa dai proprietari dell'edificio per permettere l'espansione di quest'ultimo[10]. Fu donata al Brooklyn Museum of Art, dove venne posizionata nel giardino delle sculture nell'ottobre 2005, in onore dei poliziotti, pompieri e altro personale di emergenza uccisi negli attacchi dell'11 settembre[11].

Una scultura in bronzo della statua è in esposizione al Metropolitan Museum of Art di New York.[12]

Duluth, nel Minnesota, ne possiede una piccola copia sul lato ovest del Duluth Entertainment Convention Center, in mezzo ad una radura circondata da alberi di pino, dove può passare inosservata. Fu donata alla città da alcuni discendenti di Bartholdi ivi residenti.[13][14]

Tra il 1949 e il 1951, circa 200 repliche alte 2,5 metri in rame furono comprate dall'associazione dei Boy Scouts of America e donate a varie città degli USA. Queste statue, prodotte in massa, non sono particolarmente accurate (uno dei loro conservatori notò che "il volto non è maturo come quello della vera statua. È più rotondo, e più come quello di una ragazzina"), ma esse sono egualmente benvolute, in special modo a seguito degli attacchi dell'11 settembre. Molte di queste sono state perse o sono andate distrutte, ma coloro che si occupano della loro conservazione ne hanno contate circa un centinaio, e un reparto dei BSA del Wyoming ha collezionato fotografie di più di 90 di queste repliche.[15][16]

Una replica in scala 1:2 è ubicata al New York-New York Hotel & Casino di Las Vegas, Nevada.[17][18][19][20]

La città di Sioux Falls, nel Sud Dakota, ha eretto una riproduzione in bronzo alta 2,7 metri nel parco di McKennan come rimpiazzo di una precedente replica in legno scomparsa da lungo tempo[21]

Una piccola riproduzione si trova a Mountain Brook, un sobborgo di Birmingham, Alabama.[22][23][24]

Due repliche di 12 metri sono situate in cima al Liberty Building di Buffalo, New York, circa 108 metri sopra il livello della strada[25][26].

Una riproduzione di 7,6 metri giace su una banchina di un ponte della ferrovia nei dintorni di Dauphin, sul fiume Susquehanna a Harrisburg, in Pennsylvania. Fu costruita da un attivista del luogo, Gene Stilp, il 2 luglio 1986; era fatta di tende veneziane ed era alta 5,5 metri. Sei anni più tardi, dopo essere stata distrutta da una tempesta, fu ricostruita dallo stesso Stilp con l'aiuto di altri concittadini, in legno, metallo, vetro e fibra di vetro, della grandezza attuale.[27][28][29]

La Lego ha commercializzato una riproduzione costituita da 2882 mattoncini, alta quasi un metro. Il prodotto ha riscosso un grande successo presso gli appassionati di Lego: dopo essere uscita di produzione, a causa delle pressanti richieste della clientela la confezione è stata rimessa in vendita.[30] Una riproduzione molto più grande costruita interamente in Lego è visibile presso il parco Legoland di Billund, in Danimarca.[31] Una versione più piccola di quest'ultimo è esposta nel parco Legoland in California.

Una riproduzione alta 7,5 metri della statua, che innalza una croce cristiana e regge i Dieci comandamenti, chiamata la "statua della liberazione attraverso Cristo", è stata costruita da una chiesa di predominanza afroamericana a Memphis, nel Tennessee, il 4 luglio 2006.[32]

Una piccola riproduzione si trova nel palazzo del governo della contea di Cherokee, a Tahlequah, nell'Oklahoma, un regalo della sezione locale dei Boy scout nel 1950.[33]

Anche Fargo, città più popolosa del Dakota del Nord, possiede una replica della statua, all'ingresso del ponte della Main Avenue.[34]

Un'altra replica si trova nel palazzo del Governo del Kansas, a Topeka.

Resto del mondo[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1887 al 1945, una copia della statua fu esposta ad Hanoi. Alta 2,75 metri, fu eretta dal governo coloniale francese dopo essere stata spedita dalla Francia per un'esposizione. Era conosciuta presso la popolazione locale, ignara della sua storia, come Tượng Bà đầm xòe (La statua della signora col vestito aperto). Quando i francesi persero il controllo dell'Indocina durante la seconda guerra mondiale, la statua fu rovesciata il 1º agosto 1945, poiché, insieme con altre statue erette dai francesi, venne considerata un retaggio del governo coloniale[35].

Durante la Protesta di piazza Tiananmen del 1989, gli studenti cinesi che manifestavano a Pechino costruirono una raffigurazione alta 10 metri chiamata la Dea della Democrazia; lo scultore Tsao Tsing-yuan disse di averla creata intenzionalmente dissimile dalla statua della Libertà per evitare che fosse "troppo apertamente filo-americana".

Nel 1897 una replica di 123 centimetri in ferro e bronzo fu eretta a Cenicero, in Spagna, per onorare i combattenti locali della Prima guerra carlista. Fu rimossa nel 1936 durante la dittatura di Francisco Franco, riposizionata nel 1976 e spostata in interni nel 1997 a causa del progressivo deterioramento. Al suo posto è stata piazzata una nuova statua in bronzo[36].

Replica della statua della Libertà a Odaiba, che domina il Rainbow Bridge nella baia di Tokyo

In Giappone, la statua della Libertà arrivò a Odaiba, l'isola artificiale di Tokyo, da aprile 1998 a maggio del 1999, dono della Francia, per celebrare le proficue relazioni commerciali fra i due Paesi. A causa della sua popolarità, nel 2000 una replica fu eretta nello stesso luogo. In Giappone è presente anche un'altra piccola riproduzione, nell'Amerikamura , quartiere dello shopping di Osaka.

Una replica più piccola si trova nel villaggio norvegese di Visnes, creata col rame estratto dalla miniera locale. [37]

Replica in scala ridotta, esposta alla miniera di rame di Visnes, Karmøy, in Norvegia.

Una riproduzione si erge sul tetto dell'hotel Victory a Priština, nel Kosovo (Serbia).[38]

Nel parco di divertimento Minimundus, vicino al Wörthersee, in Carinzia (Austria), si trova un'altra replica della statua.[39]

Ne esiste anche una piccola replica situata nella base della RAF di Lakenheath, costruita col rame avanzato dall'originale.[40]

Una copia alta 35 metri è nel parco a tema tedesco Heide Park a Soltau, in un lago solcato da riproduzioni delle navi a vapore del Mississippi. Pesa 28 tonnellate, è costituita da poliuretano su uno scheletro d'acciaio con rivestimento in poliestere; fu progettata dall'artista olandese Gerla Spee.[41]

All'ingresso della località spagnola di Cadaqués ne esiste una copia che ha la particolarità di avere due braccia sollevate entrambe con la torcia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Exhibitions: Replica of the Statue of Liberty, Brooklyn Museum. URL consultato il 19 giugno 2007.
  2. ^ (EN) Replica Statue of Liberty Search, Troop 101. URL consultato il 25 giugno 2007 (archiviato dall'url originale il 22 novembre 2008).
  3. ^ (FR) Les Statues dans le monde, su statueofliberty.info. URL consultato il 28 maggio 2006 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2006).: Immagine e descrizione della replica di Barentin dal sito web personale di un appassionato della statua della Libertà.
  4. ^ (EN) Paul Lewis, France Celebrates Mlle. Liberté, su query.nytimes.com, 29 giugno 2006. URL consultato il 28 maggio 2006.
    «"But from Oct. 14 to 18, the little Mediterranean town of St. Cyr-sur-Mer, near Marseilles, which has its own Statue of Liberty, plans celebrations to coincide with the true anniversary of the statue's unveiling in New York."».
  5. ^ (FR) Les Statues dans le monde, su statueofliberty.info. URL consultato il 28 maggio 2006 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2007).: Immagine e descrizione della replica di Saint Cyr Sur Mer dal sito web personale di un appassionato della statua della Libertà.
  6. ^ (EN) Statue of Freedom Archiviato il 15 giugno 2010 in Internet Archive., Colmar, Alsace, France, Birthplace of Auguste Bartholdi. Gary Feuerstein, personal website
  7. ^ Another Statue of Liberty, Colmar, France. Internationalliving.com website.
  8. ^ (EN) Construction of the Statue Archiviato il 4 giugno 2011 in Internet Archive., National Park Service Historical Handbook
  9. ^ (EN) Little Liberty – photographs and descriptions
  10. ^ (EN) Statue of Liberty—Liberty Warehouse Archiviato il 15 ottobre 2008 in Internet Archive. – description, news item on statue's relocation
  11. ^ (EN) New York Architecture Images - Liberty Warehouse
  12. ^ Insecula.com, "Statue de la Liberté: Elément 1 sur 11", su insecula.com. URL consultato il 1º giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 9 maggio 2006).
  13. ^ Menzione sul sito civico Archiviato il 24 giugno 2008 in Internet Archive. (Replica di Duluth)
  14. ^ Fotografia su un forum online (Replica di Duluth)
  15. ^ Restoring the Little Sisters of Lady Liberty Archiviato il 23 agosto 2006 in Internet Archive., articolo su American Profile
  16. ^ BSA Troop 101, Cheyenne (Wyoming) Archiviato il 22 novembre 2008 in Internet Archive. Foto e posizioni di più di 90 repliche
  17. ^ (EN) New York, New York Hotel and Casino, Las Vegas Archiviato il 13 giugno 2006 in Internet Archive. (visibile in una piccola foto della facciata di New York in miniatura)
  18. ^ (EN) Levine, Arthur: "Don't Make Mine Manhattan--Manhattan Express Roller Coaster, New York, New York Hotel & Casino, Las Vegas"[1] (Una recensione sfavorevole dell'ottovolante finisce così: "Ad essere sinceri, la vista dell'ottovolante che costeggia Lady Liberty, specialmente di notte, è notevole. Il mio consiglio: evitate di farci un giro, e guardatela dalla strada, gratis."
  19. ^ (EN) "New York, New York" ("Virtual Tourist's" visitor review) [2] (Immagine piccola)
  20. ^ (EN) "Vegasworld.com" Copia archiviata, su users.tinyworld.co.uk. URL consultato il 1º giugno 2006 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2006). (Immagini più grandi)
  21. ^ Statue of Liberty unveiling[collegamento interrotto], Sioux Falls Parks and Recreation news
  22. ^ (EN) (sito web, proprietà incerta) la statua della libertà di Birmingham Archiviato il 29 agosto 2006 in Internet Archive. con foto.
  23. ^ Roadside America: Birmingham, Alabama - Statue of Liberty Replica con commenti degli utenti. Segna come indirizzo "516 Liberty Pkwy., Birmingham, AL"
  24. ^ Google Maps, immagine del satellite della replica di Birmingham, 33.4822212 N -86.706902W
  25. ^ Liberty Building, Emporis architectural website, con immagini
  26. ^ Buffalo - Liberty Building, PlanetWare, sito dedicato ai viaggi
  27. ^ (EN) Mark Scolforo, Master of props lends visual effects to memorable publicity campaigns[collegamento interrotto], Associated Press, 2004.
  28. ^ (EN) U. S. Fish and Wildlife Service, Susquehanna River Trail[collegamento interrotto], "Statua della libertà di Dauphin"
  29. ^ (EN) Sito web personale di R. Craig Kochel, Immagine della statua di Stilp [3]
  30. ^ LEGO Set Reference Lego replica
  31. ^ (EN) La replica in mattoncini LEGO in Danimarca, su trekearth.com. URL consultato il 25/09/2007.
  32. ^ Untitled Document
  33. ^ (EN) Statue of Liberty Replica, Tahlequah, Oklahoma, Leisure and Sport Review, 2006. URL consultato il 07/10/2006 (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2006).
  34. ^ Copia archiviata, su fargomoorhead.org. URL consultato il 5 settembre 2007 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2007).
  35. ^ (VI) Vietnam Net article Archiviato il 8 luglio 2006 in Internet Archive. (Hanoi replica: in vietnamita, con immagini)
  36. ^ (ES) Estatua de la Libertad Archiviato il 17 settembre 2007 in Internet Archive..
  37. ^ (EN) http://www.olavsrosa.no/en/objektinfo.aspx?id=27787
  38. ^ (EN) Morgan Smith, Investors should take a closer look at Kosovo, Denver Business Journal, 25 luglio 2003.
    «It was quite a change to arrive in Pristina, where the main street is named after Bill Clinton and my hotel, the Hotel Victory, has a replica of the Statue of Liberty built on its rooftop.(Fu un bel cambiamento arrivare a Pristina, dove la via principale è intitolata a Bill Clinton, e il mio hotel, l'hotel Victory, ha una riproduzione della statua della Libertà costruita sul tetto.)».
  39. ^ Minimundus replica Archiviato il 17 marzo 2007 in Internet Archive.
  40. ^ (EN) pag.4[collegamento interrotto]
  41. ^ Mappa dell'Heide Park, che mostra il lago e la statua.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Arte Portale Arte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di arte