Renzo Fossati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Renzo Fossati (Genova, 1931Genova, 31 ottobre 2016[1]) è stato un imprenditore e dirigente sportivo italiano, amministratore unico del Genoa dal 1967 al 1970 e presidente del Genoa dal 1975 al 1985.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Muratore originario di Quezzi costruì il suo piccolo impero nell'edilizia, poi entrò come amministratore unico del Genoa nel 1967 a soli 36 anni, carica che mantiene fino al 1970 fino alla retrocessione in serie C. Nel 1975 torna alla guida del Genoa guidandolo per dieci anni fino al 1985 in anni dove il Genoa giocava tra la bassa classifica di serie A e la serie B, durante la sua presidenza il Genoa retrocedette in serie B per ben due volte, nel 1978 e nel 1984. Il 21 luglio 2013 è stato condannato dalla Corte d'Appello a sette anni di reclusione per bancarotta fraudolenta per distrazione documentale[2]. Muore a Genova nella notte tra il 30 e il 31 ottobre 2016, all'età di 84 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genoa, è morto l'ex presidente Renzo Fossati, in Repubblica.it, 31 ottobre 2016. URL consultato il 31 ottobre 2016.
  2. ^ RENZO FOSSATI CONDANNATO A SETTE ANNI IN APPELLO
Predecessore Amministratore unico del Genoa Successore
Ugo Maria Failla 1967 - 1970 Virgilio Bazzani
Predecessore Presidente del Genoa Successore
Giacomo Berrino 1974 - 1985 Aldo Spinelli