Renuccio Renucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Renuccio Renucci (Livorno, 18801947) è stato un pittore italiano, tra i fondatori del Gruppo Labronico.

Dagli iniziali moduli stilistici tardo-divisionisti passò ad una pittura smaccatamente labronica, che prediligeva come tematiche le marine, le barche e i pescatori, facendo tesoro della lezione del suo maestro Ugo Manaresi.

Pittore dal senso decorativo molto forte, fu probabilmente il più manierista tra gli artisti di spicco del Gruppo Labronico e per questo, durante la sua vita, non ottenne quel riscontro di critica che in certe sue espressioni di punta avrebbe forse meritato.

Renucci ebbe fortune commerciali e di mercato in Toscana e soprattutto a Livorno, dove venne apprezzato per il realismo delle sue lucide composizioni. Egli si espresse al meglio in quei quadri di piccolo formato dove è chiara la sintesi dei primi echi divisionisti in una pennellata elegante ma corposa.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Razzaguta, Virtù degli artisti labronici, editrice Nuova Fortezza, 1985.