Renesmee Cullen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renesmee Carlie Cullen
Universo Twilight
Saga Serie di Twilight
Lingua orig. Inglese
Soprannome

Nessie/Ness

Autore Stephenie Meyer
Editore Little, Brown and Company
1ª app. in Breaking Dawn
Ultima app. in Breaking Dawn
Editore it. Fazi Editore - Lain (collana)
Interpretata da Mackenzie Foy (bambina), Christie Burke (adolescente)
Specie Ibrida vampira/umana
Sesso Femmina
Luogo di nascita Forks, Washington
Abilità
  • Forza e resistenza sovrumane
  • Super-velocità
  • Immortalità
  • Far affluire i suoi pensieri nelle menti degli altri con il tocco della mano materializzandoli in immagini (l'opposto di Edward)
  • Può penetrare qualsiasi scudo mentale (l'opposto di Bella).
Affiliazione * Clan dei Cullen
Parenti

Renesmee Carlie Cullen, a volte soprannominata Nessie, è un personaggio della saga di Twilight scritta da Stephenie Meyer. Interpretata da bambina da Mackenzie Foy e, solo alla fine, dalla diciottenne Christie Burke. In parti minori, nelle varie fasi della crescita, Renesmee è interpretata anche da Rachel St. Gelais, Sierra Pitkin e Eliza Faria.

Storia personale e caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Renesmee è la prima ed unica figlia di Edward Cullen ed Isabella Swan, una dei pochi bambini metà umana e metà vampiro ad avere ancora entrambi i genitori. Questo perché (secondo i romanzi della Meyer) le donne umane che concepiscono figli da vampiri muoiono al momento del parto per i gravissimi danni riportati dal loro fisico, incapace di sopportare la crescita accelerata di un feto non umano di incredibile forza. Durante il parto di Bella, però, Edward è riuscito a salvarle la vita trasformandola in vampira, un attimo prima che fosse troppo tardi. Il suo nome nasce dall'unione tra quello di Renée (madre di Bella) ed Esme (madre di Edward), mentre il suo secondo nome è l'incrocio di quello di Charlie (padre di Bella) e quello di Carlisle (padre di Edward). Renesmee viene descritta da Bella e Charlie come una bambina di straordinaria bellezza: ha le guance rosse, le palpebre color lavanda pallido, gli occhi color cioccolato di Bella, i capelli color bronzo come Edward, ricci come il nonno Charlie, lunghi fino alla vita; il viso invece assomiglia molto al padre. Già dalla nascita ha tutti i denti da latte, con le fossette sulle guance quando sorride, e a causa della sua crescita rapidissima si mantiene molto magra. Renesmee ha sviluppato un amore incommensurabile per sua madre già quando si trovava nel suo grembo, come scopre Edward durante la gravidanza di Bella. Egli riesce a captare i pensieri della creatura che Bella porta in grembo, e, compresa la natura di questo nuovo essere pensante, desiste dal proposito iniziale di far abortire la ragazza. Mite e comunicativa, Renesmee riesce a controllare facilmente la sua sete e le viene insegnato ad avere rispetto per la vita, in ogni sua forma, anche grazie ai membri della sua famiglia che sono sia vampiri, che umani, che licantropi. Nessie è l'unico componente della famiglia Cullen a nutrirsi di sangue umano oltre a quello animale. È un tipo molto competitivo, infatti Jacob ed Edward, per farle cacciare animali, la sfidano a chi prenderà il più grosso. A detta di Bella, le piace giocare con le cose luccicanti. Fin dalla nascita si scopre che, pur essendo metà umana, Renesmee ha sviluppato due sensi supplementari, il primo consente di trasmettere i propri pensieri mediante il contatto del palmo delle mani (il contrario del potere di Edward, il padre, che legge nel pensiero senza contatto) e può penetrare qualsiasi scudo psichico (il contrario del potere di Bella, la madre, la cui mente è impenetrabile per una sorta di scudo psichico).

Capacità[modifica | modifica sorgente]

Renesmee è un ibrido tra vampiro e umano: ciò significa che cresce ad una velocità rapidissima (secondo Edward, ogni mese che passa lei ne cresce di sei), e la sua mente si sviluppa ancora più velocemente, rendendola molto intelligente già pochi giorni dopo la sua nascita. Non è velenosa, ma ha la pelle dura come quella di un vampiro: è capace di dormire e piangere, può sopravvivere anche col cibo umano (ma preferisce di gran lunga bere sangue), ha forza e rapidità tipiche dei vampiri, e una vocina "da soprano". Il suo cuore batte a ritmo velocissimo, "come le ali di un uccello in gabbia", e nelle sue vene scorre sangue, rendendola capace di arrossire. La sua temperatura corporea è poco superiore a quella umana, quindi di circa 38/39°. Dopo aver avuto la testimonianza di un altro mezzo-vampiro, Nahuel, vengono a sapere che la piccola raggiungerà la maturità a circa 7 anni, come affermato da Nahuel stesso[1], poi smetterà di crescere e sarà immortale come un vampiro. Ha il potere di mostrare i suoi pensieri e ricordi toccando il volto di qualcuno con la mano, passando ogni scudo. Carlisle suppone che sia un capovolgimento del dono di Edward, il quale ha la capacità di leggere il pensiero, e del dono di Bella, che ha uno scudo mentale e tiene tutti fuori da esso, mentre nessuno riesce a tenere fuori Renesmee. (Renesmee ha inoltre delle somiglianze con i licantropi, infatti la sua temperatura corporea è superiore a quella umana e Alice non riesce a prevedere il suo futuro)[2]

Relazioni[modifica | modifica sorgente]

Renesmee è molto affezionata a Jacob, per via dell'imprinting che il giovane licantropo ha avuto con lei, ed ha un atteggiamento molto possessivo nei suoi confronti, definendolo dall'inizio "il mio Jacob"; nella sua famiglia, vuole molto bene ai suoi genitori, a Rosalie, la quale si è presa cura di lei durante la trasformazione di Bella, ed a Charlie, suo nonno materno. Tra i vampiri incontrati tra i fatti di Breaking Dawn il suo affetto va a Carmen del clan di Denali, ed a Zafrina l'amazzone, per via del suo dono, quello di poter mostrare delle immagini molto verosimili, che Renesmee chiama "belle foto". Al contrario prova una spiccata antipatia per Leah Clearwater.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Stephenie Meyer, Breaking Dawn, Londra, Atom, 2008. cap. 35, Nahuel parla di come si è sviluppato.
  2. ^ Stephenie Meyer, Breaking Dawn, Fazi Editore, 2008. cap. 34, Dichiarazioni. Bella si rende conto che il suo scudo ha delle falle ed Edward le espone le sue teorie al riguardo.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]