Renegades (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Renegades
Artista Rage Against the Machine
Tipo album Cover
Pubblicazione 5 dicembre 2000
Durata 51 min.: 27 s.
Genere Rap metal
Funk metal
Hard rock
Etichetta Epic Records
Produttore Rick Rubin, Rage Against the Machine
Registrazione 2000
Certificazioni
Dischi d'oro Regno Unito Regno Unito[1]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platino Australia Australia[2]
(vendite: 70 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 1 000 000+)
Rage Against the Machine - cronologia
Album precedente
(1999)

Renegades è il quarto ed ultimo album inciso in studio dalla band californiana Rage Against the Machine, per commemorare l'abbandono della band da parte di Zack de la Rocha e conseguentemente la fine di una formazione che in pochi anni ha scritto una pagina importante sia nella storia del cross-over sia nelle lotte sociali di un America a loro giudizio sempre più malata.

In questo album, composto esclusivamente di brani cover, i Rage Against the Machine confermano le forti influenze hip-hop che ne hanno sempre caratterizzato lo stile, ma non dimenticano di essere stati una delle migliori rock-band degli anni novanta e così propongono, senza deturparle ma anzi valorizzandole, cover di Bob Dylan, Rolling Stones e Bruce Springsteen.

La copertina è una parodia dell'icona pop LOVE di Robert Indiana.

Booklet[modifica | modifica wikitesto]

Il booklet dell'album contiene una poesia di Josh Koppel:
"I write messages on money.
It's my own form of social protest.
A letter printed on paper that no one will destroy
passed indiscriminately across race, class and gender lines
and written in the blood that keeps the beast alive.
A quiet little hijacking
on the way to the check-out counter
And a federal crime.
I hope that someone will find my message one day when they really need it.
Like I do."

Scrivo messaggi sul denaro.
È la mia forma di protesta sociale.
Una lettera stampata sulla carta che nessuno distruggerà
passata indiscriminatamente attraverso i confini di razza, classe e sesso
e scritta nel sangue che mantiene in vita la bestia.
Una piccola, tranquilla rapina
sulla via della cassa
E un crimine federale.
Spero che qualcuno trovi il mio messaggio un giorno quando ne avrà veramente bisogno.
Come faccio io.

L'artwork finisce con la fotografia di un dollaro col messaggio "YOU ARE NOT A SLAVE" ("TU NON SEI UNO SCHIAVO") scritta nel retro.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Microphone Fiend (Eric B. & Rakim) - 5:02
  2. Pistol Grip Pump (Volume 10) - 3:18
  3. Kick Out the Jams (MC5; contiene parti di More Bounce to the Ounce di Zapp) - 3:11
  4. Renegades of Funk (Afrika Bambaataa; contiene parti di Scorpio di Dennis Coffey) - 4:35
  5. Beautiful World (Devo) - 2:35
  6. I’m Housin’ (EPMD) - 4:56
  7. In My Eyes (Minor Threat) - 2:54
  8. How I Could Just Kill a Man (Cypress Hill) - 4:04
  9. The Ghost of Tom Joad (Bruce Springsteen) - 5:38
  10. Down on the Street (Stooges) - 3:39
  11. Street Fighting Man (Rolling Stones) - 4:42
  12. Maggie's Farm (Bob Dylan) - 6:54
  13. Kick Out the Jams* (Live at the Grand Olympic Auditorium) - 4:31
  14. How I Could Just Kill a Man* (Live at the Grand Olympic Auditorium) - 5:13

* = pezzi inclusi solo nella versione limitata europea e australiana dell'album

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Crediti[modifica | modifica wikitesto]

  • B-Real dei Cypress Hill - voce in How i could just Kill a Man (Live at The Grand Olympic Auditorium), bonus track edizione australiana e europea
  • Rick Rubin - Produttore (tranne "The Ghost Of Tom Joad")
  • Brendan O'Brien – Produttore di "The Ghost Of Tom Joad"
  • Jim Scott – Ingegnere
  • David Schiffman – Ingegnere
  • Rich Costey - Missaggio (tranne "The Ghost Of Tom Joad" e "Street Fighting Man")
  • D. Sardy – Missaggio "The Ghost Of Tom Joad" e "Street Fighting Man"
  • Katie Teasdale – assistente
  • Darren Mora – assistente
  • Matt Marin – assistente
  • Mike Scotella – assistente
  • Geoof Walcha – assistente
  • Rich Veltrop – assistente
  • Greg Fidelman – digitalizzazione
  • Mark Moreau – digitalizzazione
  • Lindsay Chase – coordinatore produzione
  • Jake Sexton – coordinatore politico
  • Jake Koppell – librettino

Posizioni in classifica[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Anno Classifica Posizione
2000 The Billboard 200 #14
2000 Top Canadian Albums #13
2000 Top Internet Albums #14

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Singolo Classifica Posizione
2000 "Renegades of Funk" Modern Rock Tracks #9
2000 "Renegades of Funk" Mainstream Rock Tracks #19
2001 "How I Could Just Kill A Man" Modern Rock Tracks #37
2001 "How I Could Just Kill A Man" Mainstream Rock Tracks #39

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal
  1. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Rage Against the Machine" in "Keywords", dunque premere "Search".
  2. ^ (EN) ARIA Charts – Accreditations – 2000 Albums, ARIA Charts. URL consultato il 27 maggio 2015.
  3. ^ (EN) Gold & Platinum Searchable Database, RIAA. URL consultato il 27 maggio 2015.