Renato Bordone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Renato Bordone nel 2007.

Renato Bordone (Torino, 21 gennaio 1948Villafranca d'Asti, 2 gennaio 2011) è stato uno storico italiano, ordinario di Storia medievale presso la Facoltà di Lettere dell'Università di Torino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bordone si è occupato in prevalenza di storia urbana medievale in tutti i suoi aspetti politico-istituzionali, culturali, sociali ed economici.

Dal 1972 collaboratore del "Bollettino storico bibliografico subalpino" e membro del comitato di redazione della rivista “Società e Storia”.

Ha approfondito, in numerosi lavori, i rapporti fra il mondo comunale e la dominazione sveva.
È l'autore de "La società cittadina del regno d'Italia. Formazione e sviluppo delle caratteristiche urbane nei secoli XI e XII" del 1987, e del volume "Araldica astigiana", del 2001.

Dal 2003 ha insegnato Storia dell'Alimentazione presso la Facoltà di Agraria nelle sedi di Grugliasco e di Asti.

Ha pubblicato oltre 200 opere ed è intervenuto in seminari universitari e congressi internazionali in Italia, Francia e Germania.

Nel 1996 è stato tra i fautori della nascita ad Asti del “Centro di studi sui Lombardi, sul credito e sulla banca” curando nel 2005 il volume "I Lombardi in Europa nel Medioevo".

Ideatore e promotore del progetto di ricerca storico territoriale dedicato ai Comuni piemontesi è stato direttore del Centro Interuniversitario di Storia Territoriale "Goffredo Casalis"[1] fino al 2009. Muore prematuramente a causa di un infarto.

Incarichi[modifica | modifica wikitesto]

  • Renato Bordone è stato il presidente del Centro Studi sui Lombardi e sul credito nel Medioevo[2].
    Il gruppo di studiosi comprendente Gian Giacomo Fissore, Jean Louis Gaulin, Maria Giuseppina Muzzarelli, Luciano Palermo, Giovanna Petti Balbi, Giacomo Todeschini, studia ed analizza le vicende politiche ed economiche delle casane astigiane, finanza e promuove ricerche e studi in merito.
  • Collaboratore nella stesura del Platano, la rivista ufficiale della Società di Studi Astesi.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Un'attiva minoranza etnica nell'Alto Medioevo: gli Alamanni del Comitato di Asti, Tubingen, Niemeyer, 1974
  • Città e territorio nell'alto Medioevo. La società astigiana dal dominio dei Franchi all'affermazione comunale, Torino, Biblioteca Storica Subalpina, 1980
  • La societa urbana nell'Italia comunale (secoli 11.-14.), Torino, Loescher, 1984
  • Memoria del tempo e comportamento cittadino nel Medioevo italiano, Torino, Paravia/Scriptorium, 1997 ISBN 88-4556-126-7
  • Lo specchio di Shalott: l'invenzione del Medioevo nella cultura dell'Ottocento, Napoli, Liguori, 1993
  • Uno stato d'animo. Memoria del tempo e comportamenti urbani nel mondo comunale italiano, Firenze, Firenze University Press, 2002 ISBN 88-8453-028-8
  • (con Guido Castelnuovo e Gian Maria Varanini) Le aristocrazie dai signori rurali al patriziato , Bari-Roma, Laterza, 2004, ISBN 88-4207-241-9
  • (con Giuseppe Sergi) Dieci secoli di Medioevo, Torino, Einaudi, 2009
  • "Martino di Loreto", (con Luigi Piccatto) racconto a disegni della comunità collinare tra Langa e Monferrato nel 1100, Scrittura Pura, 2006

Memoria[modifica | modifica wikitesto]

Alla memoria del professor Bordone è stato intitolato ad Asti:

  • Il Centro di studi sui Lombardi, sul credito e sulla banca.

A Villafranca d'Asti sono stati a lui dedicati:

  • L'Archivio Storico dell'Opera Pia Sant'Elena (9 aprile 2011)
  • La Biblioteca dell'Opera Pia Sant'Elena (9 aprile 2011)

Sarà anche a lui intitolato un salone polifunzionale di proprietà del Comune (in data da definirsi)

Note[modifica | modifica wikitesto]

[non chiaro]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN61558803 · ISNI (EN0000 0000 8140 3565 · SBN IT\ICCU\CFIV\049934 · LCCN (ENn78088450 · GND (DE131765124 · BNF (FRcb120205634 (data) · BAV ADV10226725