Remi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Remi (disambigua).
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando gli attrezzi usati in nautica per vogare, vedi Remo (nautica).
Remi
Mappa delle tribù barbaree (Nell'ovale rosso i Remi)

I Remi (il nome significa i primi) erano un popolo della Gallia Belgica meridionale, ubicati nell'odierno dipartimento francese dell'Aisne, nella Piccardia. La loro capitale era dapprima Vieux Reims, a Variscourt, e poi divenne Durocortorum, oggi Reims. Cesare menziona anche l'oppidum remo di Bibrax, a sud del quale, nel 57 a.C., ottenne un'importante vittoria contro i ribelli della Gallia Belgica. Questa fortezza collinare viene ubicata a Vieux-Laon (a Saint-Thomas).

Sono menzionati più volte da Cesare nel suo De bello Gallico, di cui rimasero sempre fedeli alleati[1][2] durante tutto il periodo della conquista della Gallia da parte del proconsole romano. Il loro territorio aveva un'estensione che corrisponde più o meno agli odierni dipartimenti francesi della Marna e delle Ardenne.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cesare racconta che i Remi offrirono ostaggi e vettovaglie per l'esercito romano (De bello Gallico, II, 3.)
  2. ^ Cesare, De bello Gallico, V,54-56.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh2017004732