Relazioni internazionali dell'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Le relazioni internazionali della Repubblica italiana sono quell'insieme di rapporti diplomatici ed economici intrattenuti da tale Stato con il resto del mondo. Suoi principali alleati sono i paesi della NATO e gli stati dell'UE, due entità di cui l'Italia è membro fondatore. È un importante attore del Mediterraneo e ha consolidati rapporti politici, economici, e culturali con i paesi di lingua romanza in Europa e anche nell'America Latina. L'Italia è altresì membro del G7, del G20, dell'Unione per il Mediterraneo, dell'Unione latina, e di moltre altre organizzazioni internazionali. Ha un ruolo particolare nel mondo cristiano in quanto la sua capitale Roma è la sede del Papa e il centro della Chiesa cattolica. L'Italia sta attualmente comandando varie forze multinazionali e ha molte truppe dispiegate in Medio Oriente e in tutto il mondo per missioni di mantenimento della pace e per combattere la criminalità organizzata, il commercio illegale di droga, il traffico di esseri umani, la pirateria e il terrorismo.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le tappe dell'unificazione italiana tra il 1829 e il 1871

Il Risorgimento fu, tra il 1830 e il 1870, il periodo che vide la rinascita di una coscienza nazionale. Gli italiani ottennero l'unificazione nazionale nel 1861 sotto la corona dei Savoia, diventando indipendenti dall'Austria.[2][3] A seguito della riunificazione, l'Italia è stata considerata una delle maggiori potenze occidentali.[4] Il papato ricorse all'ausilio della Francia per resistere all'unificazione, temendo che rinunciare al controllo dello Stato Pontificio avrebbe indebolito la Chiesa e avrebbe permesso ai liberali di dominare i cattolici conservatori.[5] Infine però il Regno d'Italia conquistò Roma nel 1870, facendone la capitale nel 1871, e in seguito formò la Triplice Alleanza (1882) con Germania e Austria.

Nel 1911 l'Italia combatté la guerra italo-turca contro l'Impero ottomano, garantendosi il controllo della Libia[6] Nel 1914 l'Italia aveva acquisito in Africa una colonia sulla costa del Mar Rosso (Eritrea), un grande protettorato in Somalia e autorità amministrativa nell'ex Libia turca. Al di fuori dell'Africa, l'Italia possedeva una piccola concessione a Tientsin in Cina (a seguito dell'intervento a fianco degli occidentali per stroncare la rivolta dei Boxer) e controllava il Dodecaneso, arcipelago al largo della costa turca.

L'Austria prese l'offensiva contro i termini dell'alleanza e l'Italia decise di prendere parte alla prima guerra mondiale come principale potenza alleata di Francia e Gran Bretagna. Due leader, il Primo Ministro Antonio Salandra e il Ministro degli Esteri Sidney Sonnino presero questa decisione; la loro motivazione principale era l'ottenimento del territorio austriaco etnicamente italiano, come segretamente promesso dalla Gran Bretagna e dalla Francia nel Trattato di Londra del 1915. Inoltre, l'Italia occupò l'Albania meridionale e stabilì un protettorato sull'Albania, che rimase in vigore fino al 1920.[7] Gli Alleati sconfissero l'Impero austriaco nel 1918 e l'Italia divenne uno dei quattro Grandi della conferenza di pace. Alla Conferenza di pace di Parigi del 1919, il Primo Ministro Vittorio Emanuele Orlando si concentrò quasi esclusivamente sui guadagni territoriali, ma ottenne molto meno di quanto desiderasse e gli italiani si risentirono amaramente quando fu negato loro il possesso della città di Fiume. La conferenza, sotto il controllo di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti che si rifiutarono di assegnare la Dalmazia e l'Albania all'Italia come era stato promesso dal Trattato di Londra. Gran Bretagna, Francia e Giappone si spartirono le colonie tedesche d'oltremare sotto la forma giuridica del mandato della Società delle Nazioni, escludendo l'Italia. Inoltre il Paese non ebbe alcun guadagno territoriale dal crollo dell'Impero ottomano. Scoppiarono quindi disordini civili tra i nazionalisti, che sostenevano lo sforzo bellico e si opponevano a quella che chiamavano la "vittoria mutilata" e i pacifisti di sinistra che si opponevano alla guerra.[8]

Il governo fascista che salì al potere con Benito Mussolini nel 1922 cercò di aumentare le dimensioni dell'Impero italiano e di soddisfare le pretese degli irredentisti italiani. Nel 1935-1936, nella sua Seconda invasione dell'Etiopia, l'Italia ebbe successo e fuse la sua nuova conquista con le sue più antiche colonie dell'Africa Orientale Italiana. Nel 1939, l'invase l'Albania e la incorporò nello Stato fascista. Durante la seconda guerra mondiale (1939–1945), l'Italia formò un'alleanza con il Giappone e la Germania nazista e occupò diversi territori (come parti di Francia, Grecia, Egitto e Tunisia) ma fu costretta nella pace finale ad abbandonare tutte le sue colonie e i suoi protettorati. In seguito alla guerra civile e alla depressione economica causata dalla Seconda guerra mondiale, l'Italia godette di un miracolo economico, promosse l'unità europea, si unì alla NATO e divenne un membro attivo dell'Unione Europea.[9] L'Italia ottenne la fiducia delle Nazioni Unite per amministrare il Somaliland nel 1950. Quando la Somalia divenne indipendente nel 1960, l'esperienza dell'Italia con il colonialismo terminò.

Rapporti per regione e paese[modifica | modifica wikitesto]

Africa[modifica | modifica wikitesto]

Stato Inizio delle relazioni formali Note
Algeria Algeria Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Algeria
  • L'Algeria ha un'ambasciata a Roma.
  • L'Italia ha un'ambasciata ad Algeri.
Egitto Egitto Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Egitto e Italia

Le relazioni tra i due paesi furono stabilite durante il periodo dell'Impero Romano. Tuttavia, nella Seconda guerra mondiale, le relazioni furono tese quando l'Italia invase l'Egitto. Tuttavia, dopo la guerra, le relazioni sono state ristabilite e sono cordiali. L'Egitto ha rappresentanze a Roma e Milano, mentre l'Italia ha rappresentanze al Cairo e ad Alessandria, anche le due nazioni sono membri dell'Unione per il Mediterraneo.

Le relazioni si sono parzialmente deteriorate dopo il rapimento e l'uccisione dello studente italiano Giulio Regeni. L'Egitto è stato accusato dalle autorità e dall'opinione pubblica italiane di mancanza di trasparenza.

Eritrea Eritrea
  • L'Eritrea ha un’ambasciata a Roma.
  • L'Italia ha un'ambasciata ad Asmara.
Etiopia Etiopia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Etiopia e Italia
  • L'Etiopia ha un’ambasciata a Roma.
  • L'Italia ha un'ambasciata ad Addis Abeba.
Kenya Kenya 1963 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Kenya
  • Le relazioni furono formalmente stabilite dopo che il Kenya ottenne l'indipendenza dal dominio britannico.
  • L'Italia ha un'ambasciata a Nairobi e 2 consulenti a Malindi e Mombasa.
  • Il Kenya ha un'ambasciata a Roma.
Libia Libia 1947, 2011 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Libia
  • Tra il 1911 e il 1947, la Libia fu una colonia italiana.
  • L'Italia ha un'ambasciata a Tripoli.
  • La Libia ha un'ambasciata a Roma e 2 consolati generali (a Milano e Palermo).
  • Il 4 aprile 2011, il Ministro degli Esteri Franco Frattini dichiarò la decisione dell'Italia di riconoscere il Consiglio di transizione nazionale nella città libica orientale di Bengasi come "unico interlocutore legittimo" in Libia.
Somalia Somalia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Somalia
  • Le relazioni risalgono al periodo dell'Impero Romano, secoli prima dell'istituzione del Somaliland italiano.
  • L'Italia riconosce e sostiene il governo federale della Somalia.
  • La Somalia ha un'ambasciata a Roma.
  • L'Italia ha un’ambasciata a Mogadiscio.
Sudafrica Sudafrica 1929
Tunisia Tunisia 1957

America[modifica | modifica wikitesto]

Stato Inizio delle relazioni formali Note
Argentina Argentina 1837 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Argentina e Italia
Belize Belize 1º ottobre 1982
  • Entrambi i paesi hanno instaurato relazioni diplomatiche il 1º ottobre 1982.[17]
  • Il Belize ha 2 consolati onorari a Palermo e Milano.[18]
  • L'Italia è rappresentata in Belize attraverso la sua ambasciata a Città del Messico e un consolato onorario.[19]
Brasile Brasile 1861 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Brasile e Italia
Canada Canada 1947 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Canada e Italia
Cile Cile 1864 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Cile e Italia
Colombia Colombia 1847 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Colombia e Italia
Costa Rica Costa Rica
Cuba Cuba
El Salvador El Salvador
  • El Salvador ha un'ambasciata a Roma e un consolato generale a Milano.
  • L'Italia ha un'ambasciata a San Salvador.
Guyana Guyana 1967 Entrambi i paesi stabilirono relazioni diplomatiche il 12 aprile 1967.[34]
Messico Messico 1874 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Messico
Paraguay Paraguay 1867
Perù Perù 23 dicembre 1874
Stati Uniti Stati Uniti 11 aprile 1861 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Stati Uniti d'America

Gli Stati Uniti d'America hanno un rapporto peculiare con l'Italia, poiché quest'ultima, sconfitta nella Seconda guerra mondiale, è stata un campo di battaglia segreto della Guerra Fredda. L'Italia e gli Stati Uniti sono alleati della NATO e cooperano nelle Nazioni Unite, in varie organizzazioni regionali e bilateralmente. L'Italia ha lavorato a stretto contatto con gli Stati Uniti e con altre nazioni su questioni come le operazioni della NATO e delle Nazioni Unite, nonché con l'assistenza alla Russia e ai Nuovi Stati indipendenti; il processo di pace in Medio Oriente; colloqui multilaterali.

In base a accordi bilaterali di lunga data derivanti dall'adesione alla NATO, l'Italia ospita importanti forze militari statunitensi a Vicenza e Livorno (esercito); Aviano (aeronautica militare); e Sigonella, Gaeta e Napoli - porto di origine della sesta flotta della Marina degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno ancora circa 16.000 militari di stanza in Italia. Il NATO War College si trova a Cecchignola, un quartiere di Roma.

Inoltre, continuano le indagini sull'uccisione dell'ufficiale del servizio di intelligence militare italiano Nicola Calipari da parte delle truppe statunitensi durante la liberazione di Giuliana Sgrena e sul rapimento e tortura del sospetto terrorista Abu Omar da parte di agenti della CIA.[senza fonte]

Uruguay Uruguay 1861 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Uruguay
  • L'Italia ha un'ambasciata a Montevideo e 4 consolati onorari (a Colonia, Maldonado, Melo e Paysandú).[42]
  • L'Uruguay ha un'ambasciata a Roma, un consolato generale a Milano e 4 consolati onorari (a Bologna, Genova, Livorno e Padova ).
  • Ci sono circa 1.500.000 persone di origine italiana che vivono in Uruguay.
Venezuela Venezuela 1861 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Venezuela
  • L'Italia ha un'ambasciata a Caracas e un consolato a Maracaibo.
  • Il Venezuela ha un'ambasciata a Roma e consolati generali a Milano e Napoli.

Vedi anche: italo-venezuelani

Asia[modifica | modifica wikitesto]

Stato Inizio delle relazioni formali Note
Afghanistan Afghanistan ~ 1919
  • L'Afghanistan ha un'ambasciata a Roma,[43] che è stata istituita come legazione nel 1921, ed è stata trasferita all'ambasciata nel 1960.[44] Italia ha un'ambasciata a Kabul.[45]
  • L'Italia fu tra le prime nazioni a riconoscere la sovranità dell'Afghanistan, dopo il riconoscimento del 1919 da parte dell'Unione Sovietica.[46]
  • Dopo la chiusura della Germania del 1935 con l'Afghanistan, anche l'Italia stabilì stretti rapporti. L'Afghanistan ha resistito alle chiamate da Mosca e Londra per espellere il corpo diplomatico italiano e tedesco per gran parte della Seconda guerra mondiale.[47]
  • L'Italia ha servito come luogo di esilio per due ex re afgani, Amanullah Khan (deposto nel 1929) e Mohammed Zahir Shah (deposto nel 1973).
Armenia Armenia 12 maggio 1993
Azerbaigian Azerbaigian 8 maggio 1992 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Azerbaigian e Italia
  • L'Azerbaigian ha un'ambasciata a Roma.[50]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Baku.[51]
Bangladesh Bangladesh ~ 1972 Il Bangladesh è un enorme mercato d'importazione per l'Italia. L'Italia ha un'ambasciata a Dhaka. Il Bangladesh ha un'ambasciata a Roma.
Cina Cina 1970 Vedi Relazioni bilaterali tra Italia e Repubblica Popolare Cinese

Nel 2005, l'Italia e la Repubblica popolare cinese hanno celebrato il 35 ° anniversario dell'istituzione di relazioni diplomatiche tra le due nazioni. Tuttavia, si dice che le massicce esportazioni cinesi di tessili e calzature in Italia siano una preoccupazione crescente per l'economia e la produttività dell'Italia.[52]

Corea del Sud Corea del Sud 26 giugno 1884[53] Vedi anche: Italia - Corea del Sud
  • L'istituzione di relazioni diplomatiche tra l'Italia e la Corea del Sud iniziò il 26 giugno 1884.
  • L'Italia ha un accordo sul programma di ferie di lavoro con la Corea del Sud.
  • Durante la Guerra di Corea l'Italia inviò personale medico per aiutare la Corea del Sud.
  • L'Italia ha un'ambasciata a Seul.[54]
  • La Corea del Sud ha un'ambasciata a Roma.[55]
  • Commercio bilaterale nel 2014
    • Esporta 3.115.000.000 di euro
    • Importa 5.616.000.000 di euro
  • Investimenti bilaterali nel 2014
    • Gli investimenti della Corea del Sud in Italia ammontano a 590.000.000 euro
    • Gli investimenti italiani in Corea del Sud ammontano a 484.000.000 euro
  • Il numero dei sudcoreani che vivevano in Italia nel 2012 era di circa 4.054.
  • Il primo ministro italiano Mario Monti ha visitato Seoul nel marzo 2012. (Per partecipare al vertice sulla sicurezza nucleare di Seoul)
  • Il presidente della Repubblica di Corea Park Geun-hye ha visitato Roma nell'ottobre 2014.
  • Dal 20 al 24 novembre 2011, 54 aziende italiane partecipanti, 8 associazioni di categoria e camere di commercio e 7 banche hanno tenuto oltre 300 incontri con 139 società coreane. Gli eventi sono stati promossi da Confindustria (la federazione italiana dei datori di lavoro), dall'Associazione bancaria italiana (ABI), dal Ministero dello sviluppo economico (MiSE) e dal Ministero degli affari esteri (AMF). Ha preso la forma di seminari, workshop, incontri B2B ed eventi istituzionali, nonché visite a rappresentanze dell'industria coreana. Questa è stata la prima iniziativa strutturata, con un'ampia rappresentanza commerciale in Corea, da parte del sistema economico italiano da quando è entrato in vigore l'accordo di libero scambio UE-Corea (ALS).[56]
Filippine Filippine 1947 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Filippine
  • Le relazioni bilaterali e diplomatiche tra Italia e Filippine vengono stabilite nel 1947. Un trattato di amicizia, firmato a Roma e ratificato nel dicembre 1948. L'Italia ha un'ambasciata a Manila e le Filippine hanno un'ambasciata a Roma.
Georgia Georgia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Georgia
Giappone Giappone 31 marzo 1867
India India 1950 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra India e Italia

Nel 2012, le relazioni sono peggiorate a seguito del caso Enrica Lexie

Indonesia Indonesia 1952 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Indonesia
  • Entrambe le nazioni hanno mostrato un forte desiderio di migliorare le loro relazioni, specialmente nella comprensione e nel commercio interculturali.[66]
  • L'Indonesia riconosce la posizione strategica dell'Italia e il ruolo importante nel mezzo della regione mediterranea, mentre l'Italia ha favorito le relazioni con l'Indonesia e vede l'Indonesia come leader nel sud-est asiatico.[67]
  • Le relazioni tra due paesi non sono solo importanti per colmare le due comunità regionali; Unione Europea e ASEAN, ma anche vitale come dialogo interculturale e interreligioso.[68]
  • L'Indonesia ha un'ambasciata a Roma, anch'essa accreditata a Malta, Cipro, San Marino, mentre l'Italia ha un'ambasciata a Giacarta.
Iran Iran 1862 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Iran e Italia

Il commercio tra Iran e Italia si è attestato a $ 2,7 miliardi nel 2001[69] e 3,885 miliardi di euro nel 2003.[70] Nel 2005, l'Italia è stato il terzo partner commerciale dell'Iran con il 7,5% di tutte le esportazioni verso l'Iran.[71] Italia è stato il principale partner commerciale dell'Iran nell'Unione europea all'inizio del 2006.[72] Gli scambi commerciali hanno raggiunto i 6 miliardi di euro nel 2008.[73] Sebbene l'Italia porti una grande popolazione di membri dell'MKO, così come molti altri dell'Unione europea afferma, l'Italia considera ufficialmente il gruppo un'organizzazione terroristica.[74]

Iraq Iraq Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Iraq

L'Iraq ha un'ambasciata a Roma e l'Italia ha un'ambasciata a Baghdad e un consolato generale a Bassora.

Israele Israele 1948 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Israele e Italia
Kazakistan Kazakistan 1992 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Kazakistan
  • Nel 2017, gli scambi tra il Kazakistan e l'Italia sono ammontati a 8,6 miliardi di euro, con un aumento del 13,5% rispetto al 2016.[78]
Libano Libano Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Libano
  • Entrambi i paesi sono membri dell'Unione per il Mediterraneo.
  • Il Libano ha aperto una legazione nel 1946, che è stata trasformata in un'ambasciata nel 1955.[79]
  • Entrambi i paesi hanno firmato un trattato di amicizia, cooperazione e navigazione nel 1949.
  • L'Italia ha sostenuto la ricostruzione del Libano dopo l'accordo di Taef.
  • 'Vedi anche: italo-libanesi
Malaysia Malaysia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Malaysia
Pakistan Pakistan
  • Pakistan e Italia intrattengono stretti rapporti in tutti i campi. Entrambi i paesi hanno formalmente relazioni estere amichevoli.[82] Ci sono oltre 100.000 pakistani che vivono in Italia, principalmente a Milano, Brescia e Carpi.[83]
  • Il Pakistan ha un'ambasciata a Roma e un consolato generale a Milano per rappresentanza
  • L'Italia mantiene un'ambasciata a Islamabad, un consolato generale a Karachi e un consolato onorario a Lahore.
Qatar Qatar Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Qatar
  • Il Qatar ha un'ambasciata a Roma.[84]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Doha.[84]
Thailandia Thailandia 1870
Turchia Turchia 1856
Vietnam Vietnam 23 marzo 1973

Europa[modifica | modifica wikitesto]

Stato Inizio delle relazioni formali Note
Albania Albania 1912 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Albania

Il Regno d'Italia sostenne la Dichiarazione di Indipendenza albanese nel 1912[90][91]
Protettorato italiano dell'Albania
Invasione italiana dell'Albania
Regno albanese (1939–1943)
Coloni italiani in Albania

  • L'Albania ha un'ambasciata a Roma e un consolato generale a Bari e Milano, già in altre città come Firenze e Palermo.
  • L'Italia ha un'ambasciata a Tirana e consolati ad Argirocastro, Scutari e Valona.
  • L'Italia è uno dei più forti alleati dell'Albania all'interno dell'Unione europea. Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Unione per il Mediterraneo, del Consiglio d'Europa e della NATO.
  • L'Albania ospita 20.000 migranti italiani e ha 5.000 persone di origine italiana.[92]
  • L'Italia ospita la storica comunità indigena degli Albanesi d'Italia e 900.000 albanesi di nuova immigrazione, di cui recentemente molti naturalizzati italiani.
  • L'italiano è la lingua straniera più parlata in Albania.
  • La lingua albanese è tra le lingue più parlate in Italia, quella non romanza con più parlanti attivi, con gli immigrati albanesi che compongono attualmente la seconda comunità straniera nel Paese, più gli oltre 100.000 italo-albanesi del sud d'Italia che parlano la lingua arbëreshe, versione arcaica dell'albanese comune.[93][94]
Andorra Andorra L'Italia è rappresentata in Andorra attraverso la sua ambasciata a Madrid (Spagna) e un consolato onorario ad Andorra La Vella.
Austria Austria Vedi Relazioni bilaterali tra Italia e Austria
Bielorussia Bielorussia
  • La Bielorussia ha un'ambasciata a Roma e 2 consolati onorari (a Napoli e Torino).[95]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Minsk.[96]
Belgio Belgio
  • Il Belgio ha un'ambasciata a Roma e un consolato generale a Milano.[97]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Bruxelles, 2 consolati generali (a Charleroi e Liegi) e 2 consolati (a Genk e Mons).[98][99][100][101][102]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, dell'Unione europea e della NATO.
  • Ci sono circa 172.000 persone di origine italiana che vivono in Belgio.
Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina
Bulgaria Bulgaria 1879 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Bulgaria
Croazia Croazia 17 gennaio 1992 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Croazia
  • La Croazia ha un'ambasciata a Roma, 2 consolati generali (a Milano e Trieste) e 5 consolati onorari (a Bari, Firenze, Montemitro, Napoli e Padova). [19]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Zagabria, un consolato generale a Fiume, un consolato a Spalato e 2 consolati onorari (a Buje e Pola). [20]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo del Consiglio d'Europa e dell'Unione per il Mediterraneo.
  • Ci sono circa 19.500 persone di origine italiana che vivono in Croazia.
  • Ci sono 21.360 croati che vivono in Italia.
Cipro Cipro
  • Cipro ha un'ambasciata a Roma e 5 consolati onorari (a Genova, Milano, Napoli, Perugia e Augusta).
  • L'Italia ha un'ambasciata a Nicosia e 2 consolati onorari (a Limassol e Larnaca).[106]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Unione Europea, del Consiglio d'Europa e dell'Unione per il Mediterraneo.
  • Esistono lunghi legami culturali e storici tra i due paesi, poiché Cipro ha fatto parte dell'Impero romano ed è stato un regno veneziano, mentre in Italia vi sono minoranze di lingua greca.
  • Cipro riconosce i latini, i discendenti delle famiglie veneziane cattoliche romane che si stabilirono sull'isola, come minoranza protetta, e concede la rappresentanza in parlamento.
  • Affari esteri di Cipro: elenco dei trattati bilaterali con l'Italia
Danimarca Danimarca Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Danimarca
Estonia Estonia
  • L'Italia ha riconosciuto l'Estonia il 26 gennaio 1921. L'Italia ha riconosciuto nuovamente l'Estonia il 27 agosto 1991.
  • L'Estonia ha un'ambasciata a Roma e sei consolati onorari (a Cagliari, Firenze, Genova, Milano, Napoli e Torino).[107]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Tallinn.[108]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo della NATO e dell'Unione Europea.
  • Ministero degli Affari Esteri estone sulle relazioni con l'Italia
Finlandia Finlandia Vedi anche: estere della Finlandia
Francia Francia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Francia e Italia
Germania Germania Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Germania
Grecia Grecia 1861 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Grecia e Italia

Nei tempi moderni, entrambi i paesi stabilirono relazioni diplomatiche nel 1861, immediatamente dopo l'Unità d'Italia.

  • L'Italia ha un'ambasciata ad Atene e 15 consolati onorari ad Alessandropoli, Cefalonia, Chania, Chios, Corfù, Corinto, Giannina, Candia, Kavala, Larissa, Patrasso, Rodi, Salonicco, Santorini e Volo.
  • La Grecia ha un'ambasciata a Roma, 2 consolati generali a Milano e Napoli, un consolato a Venezia e 11 consolati onorari a Trieste (Generale), Torino (Generale), Ancona, Catania, Livorno, Bari, Bologna, Brindisi, Firenze, Palermo , Perugia e un consolato portuale di Genova.
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo del Consiglio d'Europa, dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico e dell'Unione europea e della NATO.
  • Esiste una piccola comunità grecofona che vive nel sud Italia, più persone di origine greca di nuova immigrazione.
  • Un'approssimazione di 20.000 italiani cattolici romani o persone di origine italiana vivono in Grecia, la maggior parte delle quali nelle Isole Ionie, nella Grecia occidentale e nella capitale Atene.
Irlanda Irlanda
  • L'Irlanda ha un'ambasciata a Roma e un consolato onorario a Milano.[111]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Dublino.[112] e un consolato onorario a Galway.
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Unione europea e del Consiglio d'Europa.
Islanda Islanda
  • L'Islanda è rappresentata in Italia attraverso la sua ambasciata a Parigi.[113]
  • L'Italia è rappresentata in Islanda attraverso la sua ambasciata a Oslo (Norvegia) e un consolato onorario a Reykjavík.[114]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo del Consiglio d'Europa, della NATO e dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.
Kosovo Kosovo Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Kosovo

L'Italia ha riconosciuto il Kosovo il 21 febbraio 2008.[115][116] L'Italia ha un'ambasciata a Pristina dal 15 maggio 2008.[117] Il Kosovo aprirà un'ambasciata a Roma.

Lettonia Lettonia 30 agosto 1991
  • L'Italia non ha mai riconosciuto ufficialmente l'annessione degli stati baltici da parte dell'URSS.
  • Entrambi i paesi hanno rinnovato le loro relazioni diplomatiche il 30 agosto 1991.
  • Dal 1992, l'Italia ha un'ambasciata a Riga.[118]
  • La Lettonia ha un'ambasciata a Roma e 7 consolati onorari (a Bari, Firenze, Milano, Modena, Napoli, Palermo e Trieste). Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo della NATO e dell'Unione europea.[119]
  • Ministero degli Affari Esteri lettone sulle relazioni con l'Italia
Liechtenstein Liechtenstein
  • L'Italia è rappresentata nel Liechtenstein attraverso la sua ambasciata a Berna (Svizzera)
Lituania Lituania
Lussemburgo Lussemburgo 1902
  • L'Italia ha un'ambasciata nella città di Lussemburgo.[122]
  • Il Lussemburgo ha un'ambasciata a Roma e 9 consolati onorari (a Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Riccione, Torino e Venezia).[123]* Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, dell'Unione europea e della NATO.
  • Ci sono circa 30.000 persone di origine italiana che vivono in Lussemburgo.
Macedonia del Nord Macedonia del Nord 1991
  • L'Italia ha un'ambasciata a Skopje
  • La Macedonia del Nord ha un'ambasciata a Roma.
Malta Malta Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Malta
  • Entrambi i paesi hanno stabilito relazioni diplomatiche ufficiali subito dopo l'indipendenza di Malta.
  • L'Italia ha un'ambasciata a La Valletta.
  • Malta ha un'ambasciata a Roma e 18 consolati onorari (a Bari, Bologna, Brescia, Cagliari, Catania, Genova, L'Aquila, Livorno, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Reggio Calabria, Savona, Siracusa, Torino, Trieste e Venezia).
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Unione europea e dell'Unione per il Mediterraneo.
Moldavia Moldavia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Moldavia
Monaco Monaco Vedi anche: Italia-Monaco
  • L'Italia ha un'ambasciata a Monaco.
  • Monaco ha un'ambasciata a Roma e un consolato onorario a Venezia.
Montenegro Montenegro 14 giugno 2006
  • L'Italia ha riconosciuto l'indipendenza del Montenegro il 14 giugno 2006.
  • Il Montenegro ha un'ambasciata a Roma e un consolato onorario a Pisa.
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo dell'Unione per il Mediterraneo e del Consiglio d'Europa.
  • Ambasciata italiana a Podgorica
Norvegia Norvegia
Paesi Bassi Paesi Bassi
Polonia Polonia 1919 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Polonia
  • Nel 1918, l'Italia fu il primo paese in Europa a riconoscere la sovranità della Polonia.
  • L'Italia ha un'ambasciata a Varsavia e 2 consolati onorari (a Gdynia e Cracovia).[129]
  • La Polonia ha un'ambasciata a Roma e 2 consolati generali (a Catania e Milano).[130]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo del Consiglio d'Europa, dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, della NATO e dell'Unione europea.
  • Ci sono circa 50.000 polacchi che vivono in Italia.
  • La più grande religione di entrambi i paesi è il cattolicesimo romano.
Portogallo Portogallo
  • L'Italia ha un'ambasciata a Lisbona e consolati a Faro, Funchal e Oporto.
  • Il Portogallo ha un'ambasciata a Roma e consolati onorari a Milano, Torino, Venezia, Trieste, Genova, Firenze, Livorno, Napoli, Bari e Palermo.
Regno Unito Regno Unito Vedi anche: Italia - Regno Unito

Sebbene nemici durante la Seconda guerra mondiale, il Regno Unito e l'Italia hanno generalmente goduto di un rapporto cordiale e amichevole nel corso della storia. Entrambi gli stati abbracciano l'adesione alla NATO, all'OSCE e al G8[131]

Tra i 4 ei 5 milioni di turisti britannici visitano l'Italia ogni anno, mentre 1 milione di turisti italiani visitano il Regno Unito.[132] Ci sono circa 19.000 cittadini britannici che vivono in Italia e 700.000 italiani che vivono nel Regno Unito, la metà dei quali registrati presso AIRE (anagrafico di cittadini italiani che vivono all'estero).[133]

Rep. Ceca Rep. Ceca
  • La Repubblica Ceca ha un'ambasciata a Roma, un consolato generale a Milano e 5 consolati onorari (a Firenze, Napoli, Palermo, Udine e Venezia).[134][135]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Praga e un consolato onorario a Brno.[136]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo della NATO e dell'Unione Europea.
Romania Romania 23 aprile 1873 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Romania
  • L'Italia ha un'ambasciata a Bucarest, un consolato generale a Timișoara e 4 consolati onorari (a Cluj-Napoca, Costanza, Craiova e Piatra Neamţ).[137]
  • La Romania ha un'ambasciata a Roma, un consolato generale a Milano e 3 consolati onorari (a Firenze, Genova e Treviso).[138]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo della NATO e dell'Unione Europea.
  • Ci sono circa 750.000 a 1.000.000 di persone di origine rumena che vivono in Italia.
  • Vedi anche Romeni in Italia
Russia Russia Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Russia

La Russia ha un'ambasciata a Roma, cinque consolati generali a Genova, Milano e Palermo, Bari e Ancona e due consolati onorari a Pisa e Firenze, e l'Italia ha un'ambasciata a Mosca, un consolato a San Pietroburgo, due generali di console (a Ekaterinburg e Kaliningrad) e due filiali di ambasciata a (Samara e Volgograd). Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo del Consiglio d'Europa e dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

La Russia intrattiene strette relazioni con l'Italia. Nel 2006, la Russia e l'Italia hanno firmato un protocollo di cooperazione per combattere il crimine e difendere le libertà civili. Vi sono stretti legami commerciali tra i due paesi. L'Italia è il secondo importante partner commerciale della Russia nell'UE, dopo la Germania. e la sua compagnia energetica statale, ENI, ha recentemente firmato un importantissimo contratto a lungo termine con Gazprom, per importare gas russo in Italia.

Il rapporto tra Russia e Italia risale a molto tempo fa. Già negli anni '60, la FIAT italiana costruì un impianto di assemblaggio di automobili nella città sovietica di Togliatti (una città che prende il nome dal segretario del Partito comunista italiano Palmiro Togliatti). I russi hanno sempre visitato l'Italia in gran numero. Molti studenti russi vengono in Italia ogni anno per studiare arte e musica. A differenza di molti altri paesi dell'Europa occidentale, tradizionalmente l'Italia ha sempre mantenuto buoni rapporti con la Russia, anche durante l'era sovietica. In particolare, il governo Silvio Berlusconi (2001-2006) ha rafforzato i legami dell'Italia con la Russia, grazie alla sua amicizia personale con il presidente Vladimir Putin. La cooperazione si estende anche al settore dell'aviazione, tra l'Italia Alenia e la Russia Sukhoi, che stanno sviluppando congiuntamente un nuovo velivolo. Infine, per lungo tempo l'Italia ha avuto il più grande partito comunista nel mondo occidentale, con oltre 2 milioni di membri..[139]

San Marino San Marino
  • L'Italia ha un'ambasciata a San Marino.
  • San Marino ha un'ambasciata a Roma.
stemma Santa Sede Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Santa Sede

A causa delle dimensioni dello Stato della Città del Vaticano, le ambasciate accreditate presso la Santa Sede hanno sede sul territorio italiano. I trattati firmati tra l'Italia e lo Stato della Città del Vaticano consentono tali imbarazzi. L'Ambasciata d'Italia presso la Santa Sede è unica tra le ambasciate straniere in quanto è l'unica ambasciata basata sul suo territorio di origine.

La Santa Sede intrattiene relazioni diplomatiche formali con 176 stati sovrani, l'Unione Europea e l'Ordine di Malta; 69 delle missioni diplomatiche accreditate presso la Santa Sede sono situate a Roma, sebbene quei paesi abbiano due ambasciate nella stessa città, poiché, per accordo tra la Santa Sede e l'Italia, la stessa persona non può essere accreditata contemporaneamente ad entrambi. Ciò è dimostrato chiaramente dal fatto che l'Italia riconosce la Repubblica popolare cinese e, come tale, l'ambasciata cinese è a Roma. Tuttavia, lo Stato della Città del Vaticano riconosce Taiwan e, come tale, anche l'ambasciata di Taiwan presso la Santa Sede è a Roma. Poiché l'Italia è stata il primo Paese a riconoscere la Santa Sede come nazione sovrana, la loro ambasciata è stata la prima ad essere istituita.

Serbia Serbia 1879
Slovacchia Slovacchia
Slovenia Slovenia
Spagna Spagna Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Spagna

Entrambi i paesi stabilirono relazioni diplomatiche dopo l'unificazione dell'Italia. Rapporti tra l'Italia La Spagna è rimasta forte e affabile per secoli a causa di vari legami politici, culturali e storici tra le due nazioni.

Svezia Svezia
Svizzera Svizzera Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Svizzera
Ucraina Ucraina 1992 Vedi anche: Relazioni bilaterali tra Italia e Ucraina
  • L'Italia ha un'ambasciata a Kiev.[141]
  • L'Ucraina ha un'ambasciata a Roma, consolato generale a Milano e a Napoli, e 6 consolati onorari (a Bari, Firenze, Genova, Napoli, Padova e Reggio Calabria).[142]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo del Consiglio d'Europa. Ci sono circa 120.000 persone di origine ucraina che vivono in Italia.
Ungheria Ungheria
  • L'Ungheria ha un'ambasciata a Roma, un consolato generale a Milano e 11 consolati onorari (a Bari, Bologna, Firenze, Genova, Napoli, Palermo, Perugia, Trieste, Torino, Venezia e Verona).[143][144]
  • L'Italia ha un'ambasciata a Budapest e 3 consolati onorari (a Nyíregyháza, Pécs e Seghedino).[145]
  • Entrambi i paesi sono membri a pieno titolo della NATO e dell'Unione Europea.

Rapporti con le organizzazioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia è uno dei membri fondatori della Comunità Europea – ora Unione europea (UE). La nazione è stata ammessa alle Nazioni Unite nel 1955 ed è un membro della NATO, dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO), dell'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e del Consiglio d'Europa. Ha presieduto il CSCE (il precursore dell'OSCE) nel 1994, l'OSCE nel 2018, la UE nel 1996, il G8 nel 2001, il G20 (paesi industrializzati) nel 2021 e la presidenza del Consiglio dell'Unione Europea dal luglio al dicembre 2003 e dal luglio al dicembre 2014.

Il governo italiano si impegna per raggiungere il consenso delle altre nazioni europee su vari aspetti, come la difesa e la sicurezza, internamente alla UE, come nella NATO. L'integrazione europea e lo sviluppo di una difesa e di una forza di polizia comune continuano ad essere un interesse primario per l'Italia.

Nel febbraio 2007 l'Italia, la Gran Bretagna, il Canada, la Norvegia e la Russia hanno annunciato il loro comune impegno di lanciare un progetto da 1,5 miliardi di dollari per aiutare a sviluppare vaccini che potrebbero salvare milioni di vite, chiedendo ad altri di unirsi a loro.

Supporto nelle operazioni di Peacekeeping[modifica | modifica wikitesto]

L'Italia ha partecipato e ha mandato truppe in supporto delle missioni di pace dell'ONU in Somalia, Mozambico e Timor Est e fornito un supporto cruciale per le operazioni NATO ed ONU in Bosnia, Kosovo ed Albania. Il paese ha partecipato anche alle operazioni “Enduring Freedom” (OEF)[146] , International Security Assistance Force e Operazione Sostegno Risoluto in Afghanistan dal febbraio 2003 all'agosto 2021. Nell'agosto 2006 l'Italia ha mandato circa 3000 soldati in Libano per la missione di pace dell'ONU “UNIFIL”. Inoltre, dal 2 febbraio 2007 al 2010, un italiano, Claudio Graziano, è stato il comandante delle forze ONU nel Paese. L'Italia ha inoltre partecipato agli sforzi internazionali per ricostruire e stabilizzare l'Iraq attraverso il suo contingente militare di circa 3200 uomini, come volontari umanitari e altri ufficiali. Le truppe sono rimaste in Iraq fino al dicembre 2006 quando sono state ritirate dal governo Prodi.

Rapporti con gli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Relazioni bilaterali tra Italia e Stati Uniti d'America.

Le relazioni tra l'Italia e gli Stati Uniti d'America sono iniziate formalmente nel 1861.

Gli Stati Uniti intrattengono una relazione peculiare con l'Italia. Durante la Seconda Guerra Mondiale, l'Italia, in quanto stretta alleata del terzo reich ed una delle principali componenti delle potenze dell'asse, era una nazione nemica degli Stati Uniti fino al 1943, dove, con l'espulsione di Mussolini dal governo e con la nomina di Pietro Badoglio come nuovo capo del governo, venne firmato un armistizio con gli alleati, cessando le ostilità. Dopo che i nazisti liberarono Mussolini per fargli fondare la Repubblica Di Salò, l'Italia si trovò divisa in due, con il nord dominato dai nazifascisti e il sud, il quale era nelle mani degli alleati. Dopo la morte di Mussolini, il collasso della Repubblica Di Salò, la liberazione dai nazisti e dai fascisti da parte dei Partigiani e dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, l'Italia divenne una delle basi americane durante la Guerra Fredda. L'Italia e gli Stati Uniti sono alleati NATO e cooperano nell'ONU, in varie organizzazioni regionali e bilaterali. L'Italia ha lavorato con gli Stati Uniti e con altre nazioni in varie missioni, come in Mozambico, in Somalia e nel Medio Oriente. Inoltre collaborano insieme contro il traffico di droga e schiavi, oltre che contro il terrorismo.

L'Italia ospita inoltre alcune basi militari statunitensi, a Vicenza e Livorno (esercito), ad Aviano (aeronautica), a Sigonella, Gaeta e Napoli (marina; Napoli è inoltre la sede della Sesta Flotta della Marina Statunitense). Gli Stati Uniti hanno circa 16000 militari stanziati in Italia. Il NATO Defense College si trova a Roma. Sia in Italia che negli Stati Uniti hanno diverse ambasciate per ogni buon rapporto.

Le relazioni moderne sono molto buone e pacifiche. L'Italia risulta essere uno dei Paesi più amati e popolari in America e anche una delle destinazioni turistiche più gettonate; grazie soprattutto al successo del marchio Made in Italy, che ha contribuito fin dagli anni novanta ad accrescere l'apprezzamento degli americani per la cultura italiana. D'altra parte anche gli italiani dimostrano di apprezzare la cultura statunitense, e sono molti gli eventi in Italia dedicati alla cultura di massa e alla tradizione del Paese.

Rapporti con la Russia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Relazioni bilaterali tra Italia e Russia.

La Russia intrattiene uno stretto rapporto con l'Italia. Nel 2006, l'Italia e la Russia hanno firmato un protocollo di cooperazione contro il crimine e per difendere i diritti civili. Ci sono inoltre stretti rapporti commerciali tra le due nazioni ed è operativa una Camera di commercio italo-russa che raggruppa le principali aziende Italiane che operano in Russia e viceversa. L'Italia è, dopo la Germania, il maggiore partner commerciale russo nella UE. L'Italia è fortemente dipendente dal gas russo e l'azienda energetica di stato italiana, l'ENI, ha recentemente firmato un contratto con Gazprom per importare gas russo in Italia. Le relazioni fra Italia e Russia durano da molto tempo. Negli anni Sessanta, la FIAT costruì un impianto di assemblaggio nella città sovietica di Togliatti (il cui nome è dedicato al segretario del PCI Palmiro Togliatti). Molti turisti russi visitano l'Italia ogni anno e tanti studenti russi vengono in Italia per studiare l'arte e la musica italiana. A differenza degli altri Paesi europei, l'Italia ha sempre mantenuto, anche durante la Guerra Fredda, un buon rapporto con la Russia.[147] Inoltre l'Italia aveva il più grande partito comunista Occidentale, con 2 milioni di iscritti.

Rapporti con la Repubblica Popolare Cinese[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Relazioni bilaterali tra Italia e Repubblica Popolare Cinese.

Nel 2005 Italia e Cina hanno celebrato il 35º anniversario dell'avvio delle relazioni diplomatiche fra i due Stati.

Rapporti con il Giappone[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Relazioni bilaterali tra Giappone e Italia.

Le relazioni tra l'Italia e il Giappone sono iniziate formalmente nel 1866,[148] ma i primi contatti tra i due Paesi risalgono almeno al XVI secolo, quando la prima missione giapponese in terra straniera giunse a Roma nel 1585 guidata da Itō Mancio.[149][150]

Nel XIX secolo Italia e Giappone videro grandi cambiamenti nella loro struttura politica e sociale, con la prima che conquistò la sua unità nazionale nel 1861 e il secondo che entrò, a partire dal 1868, in un processo di profonda modernizzazione su linee occidentali (Restaurazione Meiji). In questo stesso periodo i rapporti si fecero via via sempre più stretti, culminando con la partecipazione dei due Paesi a entrambe le guerre mondiali in qualità di alleati. Nel secondo dopoguerra Italia e Giappone furono interessati entrambi da un periodo di forte crescita economica, che permise loro di risollevarsi dalla situazione disastrosa in cui si erano ritrovati dopo la fine del conflitto e di stringere rinnovati accordi economici e commerciali, nonché attivi rapporti di collaborazione scientifica per lo sviluppo tecnologico.[151][152]

Le relazioni moderne sono buone e l'Italia risulta essere uno dei Paesi più amati in Giappone e una delle destinazioni turistiche europee più gettonate, grazie soprattutto al successo del marchio Made in Italy che ha contribuito, fin dagli anni novanta del XX secolo, ad accrescere l'apprezzamento dei giapponesi per la cultura italiana. D'altra parte anche gli italiani dimostrano di apprezzare la cultura giapponese, e sono molti gli eventi in Italia dedicati alla cultura di massa e alla tradizione e arte del Paese nipponico.[153][154][155][156]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (IT) Documento programmatico pluriennale per la Difesa per il triennio 2014-2016.
  2. ^ Martin Collier, Italian Unification 1820–71 (2003)
  3. ^ Taylor, Struggle for Mastery pp. 99–125.
  4. ^ (FR) L'Italie : un destin européen, su ladocumentationfrancaise.fr, La Documentation.
  5. ^ E.E.Y. Hales, Pio Nono: A Study in European Politics and Religion in the Nineteenth Century, 1954.
  6. ^ Charles Stevenson, A Box of Sand: The Italo-Ottoman War 1911–1912: The First Land, Sea and Air War (2014).
  7. ^ Nigel Thomas. Armies in the Balkans 1914–18. Osprey Publishing, 2001, p. 17.
  8. ^ H. James Burgwyn, The legend of the mutilated victory: Italy, the Great War, and the Paris Peace Conference, 1915-1919 (1993).
  9. ^ Sara Lorenzini, "The roots of a 'statesman': De Gasperi's foreign policy," Modern Italy (2009) 14#4 pp 473–484.
  10. ^ Ambasciata d'Italia - Pretoria, su ambpretoria.esteri.it.
  11. ^ Consolato - Cape Town, su conscapetown.esteri.it.
  12. ^ Ambasciata del Sudafrica Roma/Italia, su sudafrica.it.
  13. ^ Ambasciata d'Italia - Tunisi, su ambtunisi.esteri.it.
  14. ^ Bienvenido a República Italiana - República Italiana, su eital.cancilleria.gov.ar.
  15. ^ Bienvenido a Consulado General y Centro de Promoción Comercial en Milán - Consulado General y Centro de Promoción Comercial en Milán, su cmila.cancilleria.gov.ar.
  16. ^ Ambasciata d'Italia - Buenos Aires, su ambbuenosaires.esteri.it.
  17. ^ Listings (PDF), su mfa.gov.bz. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2017).
  18. ^ Kudzai Pahwa, Italy, su mfa.gov.bz. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2019).
  19. ^ Mexico - New Italian honorary consul appointed in Playa del Carmen, su esteri.it.
  20. ^ Menu, su roma.itamaraty.gov.br.
  21. ^ Página Inicial, su milao.itamaraty.gov.br.
  22. ^ Ambasciata d'Italia - Brasilia, su ambbrasilia.esteri.it.
  23. ^ Foreign Affairs Trade and Development Canada Government of Canada, Contact Us, su canadainternational.gc.ca.
  24. ^ Ambasciata d'Italia - Ottawa, su ambottawa.esteri.it.
  25. ^ Consolato Generale - Toronto, su constoronto.esteri.it.
  26. ^ Consolato Generale - Vancouver, su consvancouver.esteri.it.
  27. ^ Ministerio de Relaciones Exteriores de Chile, Embajada de Chile en Italia - Chile en el Exterior, su Chile en el Exterior. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 9 novembre 2014).
  28. ^ Ambasciata d'Italia - Santiago, su ambsantiago.esteri.it.
  29. ^ - Embajada de Colombia en Italia, su italia.embajada.gov.co.
  30. ^ Ambasciata d'Italia - Bogota, su ambbogota.esteri.it.
  31. ^ La rete consolare, su ambbogota.esteri.it.
  32. ^ Embassy of Cuba in Italy, su misiones.minrex.gob.cu. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2017).
  33. ^ Embassy of Italy in Havana, su amblavana.esteri.it. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale l'11 agosto 2017).
  34. ^ Archived copy (PDF), su minfor.gov.gy. URL consultato il 24 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  35. ^ Inicio, su embamex.sre.gob.mx.
  36. ^ Inicio, su consulmex.sre.gob.mx.
  37. ^ Ambasciata d'Italia - Città del Messico, su ambcittadelmessico.esteri.it.
  38. ^ Ambasciata d'Italia - Assunzione, su ambassunzione.esteri.it.
  39. ^ (ES) Paraguay embassy in Rome, su mre.gov.py. URL consultato il 19 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2012).
  40. ^ Ambasciata d'Italia - Lima, su amblima.esteri.it.
  41. ^ Embassy of Peru in Rome, su ambasciataperu.it. URL consultato il 13 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2014).
  42. ^ Ambasciata d'Italia - Montevideo, su ambmontevideo.esteri.it.
  43. ^ Embassy of the Islamic Republic of Afghanistan in Italy, su afghanistanembassyitaly.com. URL consultato il 23 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2011).
  44. ^ Embassy history Archiviato il 7 gennaio 2010 in Internet Archive., Embassy of the Islamic Republic of Afghanistan in Italy
  45. ^ Ambasciata d'Italia - Kabul, su ambkabul.esteri.it.
  46. ^ Amin Saikal, Ravan Farhadi, Kirill Nourzhanov. Modern Afghanistan: a history of struggle and survival. I.B.Tauris, 2006. ISBN 1-84511-316-0, ISBN 978-1-84511-316-2. Pg 64
  47. ^ Tom Lansford. A bitter harvest: US foreign policy and Afghanistan. Ashgate Publishing, Ltd., 2003 ISBN 0-7546-3615-1, ISBN 978-0-7546-3615-1. Pg 2
  48. ^ Armenian embassy in Rome, su Ambasciata della Repubblica d'Armenia. URL consultato il 1º gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2008).
  49. ^ Ambasciata d'Italia - Jerevan, su ambjerevan.esteri.it.
  50. ^ FS, Ambasciata della Repubblica dell'Azerbaigian, su azembassy.it.
  51. ^ Ambasciata d'Italia - Baku, su ambbaku.esteri.it.
  52. ^ english@peopledaily.com.cn, People's Daily Online -- China-Italy relations experiencing "powerful acceleration": Fini, su english.people.com.cn.
  53. ^ Archived copy, su mofa.go.kr. URL consultato il 5 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 24 dicembre 2013).
  54. ^ Archived copy, su ambseoul.esteri.it. URL consultato il 3 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2015).
  55. ^ (KO) 주 이탈리아 대한민국 대사관, su ita.mofa.go.kr, 30 marzo 2018. URL consultato il 1º gennaio 2022 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2017).
  56. ^ System Italy: Stronger economic relations between Italy and South Korea, su esteri.it. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  57. ^ Georgian embassy in Rome, su embassy.mfa.gov.ge (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  58. ^ Italian embassy in Tbilissi, su ambtbilisi.esteri.it.
  59. ^ Ambasciata d'Italia - Tokyo, su ambtokyo.esteri.it.
  60. ^ Italian general consulate in Osaka, su consosaka.esteri.it. URL consultato il 19 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  61. ^ Ambasciata del Giappone in Italia, su it.emb-japan.go.jp.
  62. ^ Japanese general consulate in Milan (in Italian and Japanese only), su milano.it.emb-japan.go.jp.
  63. ^ Embassy of India, Rome, Italy, su indianembassyrome.in. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  64. ^ Ambasciata d'Italia - New Delhi, su ambnewdelhi.esteri.it.
  65. ^ Consolato Generale - Mumbai, su consmumbai.esteri.it.
  66. ^ png/dic, Italy to boost relations with RI, honors 3 Indonesians, in The Jakarta Post, 2 giugno 2012. URL consultato il 14 giugno 2013.
  67. ^ Italy-Indonesia: possible trade increase from $4.5 to 25 billion - partnership for major investments, says Terzi, su esteri.it, Ministry of Foreign Affairs of Italy, 24 aprile 2012. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2020).
  68. ^ Mathias Hariyadi, Jakarta and Rome promoting interfaith dialogue to counter extremism, su asianews.it, Asia News, 24 aprile 2012. URL consultato il 14 giugno 2013.
  69. ^ Iran-Italy trade hits dlrs 2.7 bn in 1st 11 months, su payvand.com. URL consultato il 13 aprile 2018.
  70. ^ Archived copy, su iran-daily.com. URL consultato il 27 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 4 ottobre 2008).
  71. ^ The Cost of Economic Sanctions on Major Exporters to Iran, su payvand.com. URL consultato il 13 aprile 2018.
  72. ^ Italy remains top trading partner of Iran in EU, su payvand.com.
  73. ^ Iran-daily.com Archiviato il 7 giugno 2009 in Internet Archive.
  74. ^ [1]
  75. ^ Italian general consulates in West Jerusalem and East Jerusalem, su consgerusalemme.esteri.it. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 13 marzo 2012).
  76. ^ Ambasciata d'Italia - Telaviv, su ambtelaviv.esteri.it.
  77. ^ Israeli embassy in Rome (in Italian only), su rome.mfa.gov.il.
  78. ^ Meeting in Rome: Kazakhstan, Italy discuss cooperation across many spheres, su inform.kz.
  79. ^ (IT) Lebanese Embassy in Italy Archiviato il 28 novembre 2020 in Internet Archive.
  80. ^ Ambasciata d'Italia a Kuala Lumpur, su ambkualalumpur.esteri.it, Ambasciata d'Italia a Kuala Lumpur. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  81. ^ Malaysia Embassy In Rome, su kln.gov.my, Ministry of Foreign Affairs, Malaysia. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  82. ^ Pakistantimes.net. URL consultato il 19 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2005).
  83. ^ Idea.int Archiviato il 21 agosto 2010 in Internet Archive.
  84. ^ a b Qatar-Italy Relations, su rome.embassy.qa, Qatar Embassy in Rome. URL consultato il 1º giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2018).
  85. ^ La rete consolare, su Ambasciata d'Italia Bangkok. URL consultato il 24 gennaio 2017.
  86. ^ Thai embassy in Rome, su mfa.go.th. URL consultato il 19 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale il 5 giugno 2012).
  87. ^ Ambasciata d'Italia - Ankara, su ambankara.esteri.it.
  88. ^ Benvenuto – Bobi 2001 – Just another WordPress site, su ambasciataditurchia.it. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 31 agosto 2009).
  89. ^ Ambasciata d'Italia - Hanoi, su ambhanoi.esteri.it.
  90. ^ L'Italia e l'Albania condividono contesti storici, politici, religiosi e culturali che si sono più volte incrociati. Partecipazione attiva della classe intellettuale e politica albanese d'Italia (arbëreshë) all'indipendenza albanese dall'Impero ottomano.
  91. ^ Microsoft Word - Cult prof English version.doc (PDF), su fp6migratoryflows.uniba.it. URL consultato il 13 aprile 2018 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2016).
  92. ^ Italians 'seeking work in Albania', su bbc.com, 6 giugno 2014.
  93. ^ Il legame che lega l'Italia e l'Albania passa anche dalle relazioni religiose (le missioni dei monaci basiliani italo-albanesi nel sud d'Albania nel XVII sec. e le più recenti missioni dei monaci di Grottaferrata e delle suore Basiliane Figlie di Santa Macrina nuovamente in Albania nel XX sec., alle circoscrizioni bizantine della Chiesa cattolica italo-albanese di Lungro (CS), Piana degli Albanesi (PA) e il Monastero di Grottaferrata (RM), alle interazioni universitarie (le varie Cattedra di Lingua e Letteratura Albanese nelle Università degli Studi di Napoli, Palermo, Roma, Cosenza, Firenze, Padova, Bari).
  94. ^ In Italy Online - Ethnic Italy - The History of Albanians in Italy, su initaly.com. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  95. ^ Belarus Fake Embassy – I'm a student from Belarus, passionate about politics and this is my personal blog, su belembassy.it. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2009).
  96. ^ Ambasciata d'Italia - Minsk, su ambminsk.esteri.it.
  97. ^ Diplomatie.be.
  98. ^ Ambasciata d'Italia - Bruxelles, su ambbruxelles.esteri.it.
  99. ^ Consolato Generale - Charleroi, su conscharleroi.esteri.it.
  100. ^ Italian general consulate in Liège (in French and Italian only), su consmons.esteri.it. URL consultato il 21 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2009).
  101. ^ Italian consulate in Genk (in Dutch and Italian only), su consgenk.esteri.it. URL consultato il 21 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 27 aprile 2009).
  102. ^ Italian consulate in Mons (in French and Italian only), su consmons.esteri.it. URL consultato il 21 giugno 2009 (archiviato dall'url originale il 7 giugno 2009).
  103. ^ Министерство на външните работи, su Министерство на външните работи. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2009).
  104. ^ Bulgarian embassy in Rome, su mfa.bg. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2009).
  105. ^ Italian embassy in Sofia.
  106. ^ Ambasciata d'Italia - Nicosia, su ambnicosia.esteri.it.
  107. ^ Estonian Embassy in Rome, su estemb.it. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 20 febbraio 2015).
  108. ^ Ambasciata d'Italia - Tallinn, su ambtallinn.esteri.it.
  109. ^ Ambasciata d'Italia - Helsinki, su ambhelsinki.esteri.it.
  110. ^ Suomen suurlähetystö, Rooma, su finland.it.
  111. ^ Irish embassy in Rome, su embassyofireland.it, 21 maggio 2010. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  112. ^ Italian embassy in Dublin, su ambdublino.esteri.it, 19 maggio 2009. URL consultato il 24 ottobre 2010.
  113. ^ Icelandic embassy in Paris (also accredited to Italy), su iceland.org. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2011).
  114. ^ Ambasciata d'Italia - Oslo, su amboslo.esteri.it.
  115. ^ Consiglio dei Ministri n. 93 del 21 febbraio 2008, su governo.it, Italian Council of Ministers, 21 febbraio 2008. URL consultato il 18 marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2015).
  116. ^ Kosovo, Italia riconosce indipendenza, in La Stampa, 21 febbraio 2008. URL consultato il 18 marzo 2008.
  117. ^ "Italy appoints Ambassador to Kosovo" newkosovareport.com 16 May 2008 Link accessed 15/05/08
  118. ^ Ambasciata d'Italia - Riga, su ambriga.esteri.it.
  119. ^ Embassy of Latvia in Italy, su mfa.gov.lv.
  120. ^ Ambasciata d'Italia - Vilnius, su ambvilnius.esteri.it.
  121. ^ Lithuanian embassy in Rome, su it.mfa.lt. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 22 maggio 2013).
  122. ^ Anagrafe, su amblussemburgo.esteri.it.
  123. ^ Ambasciata del Lussemburgo a Roma: Tutte le info che cerchi, su Ambasciata Lussemburgo.
  124. ^ Ministerie van Buitenlandse Zaken, Nederland wereldwijd - Nederlandwereldwijd.nl, su mfa.nl (archiviato dall'url originale il 5 maggio 2007).
  125. ^ Ministerie van Buitenlandse Zaken, Nederland wereldwijd - Nederlandwereldwijd.nl, su mfa.nl (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2007).
  126. ^ Ministerie van Buitenlandse Zaken, Nederland wereldwijd - Nederlandwereldwijd.nl, su mfa.nl (archiviato dall'url originale il 2 maggio 2007).
  127. ^ Ambasciata d'Italia - L'Aja, su amblaja.esteri.it.
  128. ^ Italian general consulate in Amsterdam (in Dutch and Italian only), su consamsterdam.esteri.it. URL consultato il 19 dicembre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 luglio 2014).
  129. ^ Gli uffici, su ambvarsavia.esteri.it.
  130. ^ Poland embassy in Rome Archiviato il 10 febbraio 2009 in Internet Archive.
  131. ^ Embassy of Italy in London: Political Cooperation
  132. ^ Foreign & Commonwealth Office - GOV.UK, su fco.gov.uk.
  133. ^ (IT) Italiani nel Regno Unito tra studio e lavoro: ecco quanti sono Archiviato il 12 luglio 2018 in Internet Archive.
  134. ^ Czech embassy in Rome, su mzv.cz.
  135. ^ Czech general consulate in Milan, su mzv.cz.
  136. ^ Ambasciata d'Italia - Praga, su ambpraga.esteri.it.
  137. ^ Ambasciata d'Italia - Bucarest, su ambbucarest.esteri.it.
  138. ^ AMBASADA ROMÂNIEI în Republica Italiană, su roma.mae.ro.
  139. ^ Italy, Russia sign 'protocol of cooperation' - Pravda.Ru Archiviato il 29 settembre 2007 in Internet Archive.
  140. ^ Ambasciata d'Italia - Belgrado, su ambbelgrado.esteri.it.
  141. ^ Ambasciata d'Italia - Kiev, su ambkiev.esteri.it.
  142. ^ Sedi consolari ucraine in Italia., su ucrainaviaggi.com.
  143. ^ Hungarian embassy in Rome (in Hungarian and Italian only), su mfa.gov.hu. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2016).
  144. ^ Hungarian general consulate in Milan (in Hungarian and Italian only), su mfa.gov.hu. URL consultato il 25 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 14 settembre 2017).
  145. ^ Ambasciata d'Italia - Budapest, su ambbudapest.esteri.it.
  146. ^ corriere.it
  147. ^ Italia primo partner della Russia, su archiviostorico.corriere.it.
  148. ^ La sede, su ambtokyo.esteri.it, Ambasciata d'Italia a Tokyo. URL consultato il 22 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 28 luglio 2014).
  149. ^ Maria Matilde Benzoni, Americhe e modernità. Un itinerario fra storia e storiografia dal 1492 ad oggi, Franco Angeli Edizioni, 2012, p. 133, ISBN 88-204-0408-7.
  150. ^ Il beato Nakaura, su Santamariadellorto.it. URL consultato il 22 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2014).
  151. ^ (EN) Italy and Japan -- opposites attract!, su asiancenturyinstitute.com, Asian Century Institute, 25 marzo 2014. URL consultato il 24 dicembre 2014.
  152. ^ Innovare per Competere: Quali Opportunità per Italia e Giappone - Le relazioni industriali e le collaborazioni bilaterali fra Italia e Giappone (PDF), su ijbg.ice.it, Italy-Japan Business Group, 2008. URL consultato il 23 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2014).
  153. ^ (EN) Toshio Miyake, Il boom dell’Italia in Giappone: riflessioni critiche su Occidentalismo e Italianismo (abstract), in Rivista dell'Associazione di Teoria e Storia Comparata della Letteratura, vol. 1, n. 1, 2011, DOI:10.13125/2039-6597/100, ISSN 2039-6597 (WC · ACNP). URL consultato il 26 dicembre 2014.
  154. ^ Interscambio commerciale, su ambtokyo.esteri.it, Ambasciata d'Italia a Tokyo. URL consultato il 26 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 27 dicembre 2014).
  155. ^ Flussi turistici (Giappone), su Infomercatiesteri.it, Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, 10 gennaio 2014. URL consultato il 26 dicembre 2014.
  156. ^ Relazioni Italia Giappone/Relazioni culturali, su it.emb-japan.go.jp, Ambasciata del Giappone in Italia. URL consultato il 26 dicembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Azzi, Stephen Corrado. "The Historiography of Fascist Foreign Policy," Historical Journal (1993) 36#1 pp. 187–203 in JSTOR
  • Bosworth, Richard. Italy and the wider world 1860-1960 (2013) excerpt
  • Bosworth, Richard. Italy: The Least of the Great Powers: Italian Foreign Policy Before the First World War (1979)
  • Bosworth, Richard. Mussolini (2002) excerpt and text search
  • Burgwyn, H. James. The legend of the mutilated victory: Italy, the Great War, and the Paris Peace Conference, 1915-1919 (1993).
  • Burgwyn, H. James. Italian Foreign Policy in the Interwar Period, 1918-1940 (1997) excerpt and text search
  • Cassels, Alan. Italian Foreign Policy, 1918-1945: A Guide to Research and Research Materials (1997)
  • Chabod, Federico. Italian Foreign Policy (1996) excerpt and text search
  • Faherty, Douglas M. Italian Foreign Policy: Trends for the Twenty-First Century (2012) excerpt
  • Gooch, John. Mussolini and his Generals: The Armed Forces and Fascist Foreign Policy, 1922-1940 (2007) excerpt and text search
  • Lowe, C. J. and F. Marzari. Italian Foreign Policy, 1870-1940 (2001)
  • Maurizio Marinelli, Giovanni Andornino, Italy's Encounter with Modern China: Imperial dreams, strategic ambitions, New York: Palgrave Macmillan, 2014.
  • Maurizio Marinelli, "The Genesis of the Italian Concession in Tianjin: A Combination of Wishful Thinking and Realpolitik". Journal of Modern Italian Studies, 15 (4), 2010: 536-556.
  • Sette, Alessandro. "L'Albania nella strategia diplomatica italiana (1871-1915)", Nuova Rivista Storica, Vol. CII, n. 1 (2018), 321-378.
  • Smith, Denis Mack. Modern Italy: A Political History (1997)
  • Taylor, A.J.P. The Struggle for Mastery in Europe 1848–1918 (1954), covers all European diplomacy

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]