Regni romano-barbarici

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Antiche regioni del Mediterraneo occidentale ed europee
Regni romano-barbarici
I regni romano-barbarici nel 476
Localizzazione territori dell'Europa occidentale e attorno al Mediterraneo occidentale
Periodo dal V secolo d.C.
Popoli Juti, Sassoni e Angli in Britannia;
Visigoti e Suebi in Iberia;
Franchi, Visigoti e Burgundi in Gallia;
Ostrogoti e Longobardi in Italia;
Vandali e Alani in Nordafrica.

Il periodo successivo alla deposizione dell'ultimo imperatore Romolo Augusto e alla fine dell'Impero romano d'Occidente del 476 d.C. vide lo stabilizzarsi di nuovi regni, detti regni romano-barbarici (o latino-germanici o romano-germanici): essi si erano andati formando nelle ex province romane a partire dalle invasioni del V secolo e, inizialmente, erano stati formalmente dipendenti dall'impero.

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il regno fu l'unica istituzione politica nuova elaborata dagli invasori anche se ci furono importanti differenze all'interno dei popoli germanici. Schematizzando si può dire che il regno barbarico non conobbe la separazione dei poteri, concentrati tutti nelle mani del re che li aveva acquisiti per diritto di conquista, al punto che la cosa pubblica tendeva a confondersi con la sua proprietà personale e la stessa nozione di regno con la persona di chi esercitava il potere politico e assicurava la protezione militare dei sudditi, dai quali esigeva in cambio fedeltà. La monarchia dei popoli barbarici non fu territoriale bensì nazionale, ossia rappresentò chi era nato nella stessa tribù.

Nonostante il ruolo distruttivo che spesso i popoli invasori svolsero sulle terre invase, quasi tutti i nuovi regni furono a loro volta estremamente vulnerabili e in qualche caso anche molto piccoli. Alcuni, come quelli dei Burgundi nel bacino del Rodano o degli Svevi (Suebi) nella parte nord-occidentale della penisola iberica, vennero assimilati dai vicini; altri, come quelli dei Vandali o degli Ostrogoti, crollarono sotto l'offensiva di Bisanzio, che tentò di ricostruire l'unità dell'impero. Quelli dei Visigoti in Spagna e dei Franchi nelle ex province galliche invece sopravvissero, sia per la rapida integrazione tra le popolazioni dei residenti e gli invasori, sia per la collaborazione con la Chiesa e con esponenti del mondo intellettuale latino.

I Regni romano-barbarici nelle varie regioni europee[modifica | modifica sorgente]

Britannia[modifica | modifica sorgente]

Le isole britanniche ai tempi dell'eptarchia
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Eptarchia.

Nel 407 le legioni romane avevano abbandonato l'isola a se stessa. Tuttavia fu solo alla metà del secolo che Juti, Sassoni e Angli, provenienti dalla Germania e dalle coste danesi, occuparono la maggior parte dell'isola mentre i Britanni, che abitavano il sud-ovest dell'isola, per sottrarsi al loro dominio, attraversarono la Manica e si stabilirono nell'Armorica (l'attuale Bretagna). L'amministrazione romana scomparve definitivamente. Nacquero così i sette regni anglosassoni in Inghilterra dell'Eptarchia: tre regni di fondazione sassone (Essex, Sussex, Wessex) sulla costa meridionale, tre di fondazione angla (Mercia, Anglia orientale e Northumbria) nel centro-nord, uno di fondazione juta (Kent), anche se forse inizialmente il loro numero fu più elevato.

La Britannia fu invasa nel V secolo e cristianizzata tra il V e il VI secolo. I celti irlandesi vennero evangelizzati da san Patrizio e organizzati in comunità monastiche dall'esperienza religiosa molto intensa. L'abate corrispondeva al capo villaggio e, seguendo probabilmente una tradizione molto più antica, i monaci si imbarcavano a volte su piccole imbarcazioni coperte di cuoio per raggiungere le "Isole Felici" o "Fortunate", territori che nella cultura pagana corrispondevano alle sedi degli antenati. Arrivati sicuramente alle lontane Ebridi, alcuni ipotizzano che i monaci-navigatori potessero essere arrivati fino al continente americano, come sembra avvalorare il resoconto della Navigatio sancti Brendani. Questa opera faceva parte delle narrazioni che ci hanno tramandato queste traversate, gli immrama, trascrizioni in gaelico di racconti orali più antichi. Dal punto di vista culturale il monachesimo irlandese ebbe una portata straordinaria, soprattutto nella conservazione e copia dei manoscritti antichi. Basti pensare che l'Irlanda, nemmeno colonizzata dai romani, era in Europa occidentale uno dei rarissimi luoghi dove si conoscesse ancora il greco, assieme alle aree di confine (Dalmazia, Veneto) e alle colonie greche di Roma o del sud Italia.

In Irlanda le tribù celtiche avevano ciascuna un proprio re. Periodicamente i capo tribù si riunivano sulla collina-santuario di Tara, dove eleggevano un simbolico "re supremo", con un potere più che altro sacrale.

Da un punto di vista politico la situazione dei regni anglo-sassoni ci è nota solo a grandi linee. In Britannia il nord (Scozia), l'ovest (Galles) e sud-ovest (Cornovaglia) erano occupati dai celti. Nel VI secolo i gallesi furono cristianizzati. I regni germanici erano spesso in conflitto tra loro, soggetti a guerre, scissioni e accorpamenti. Una situazione di maggior stallo si determinò nel VII-VIII secolo, quando emerse una situazione poi chiamata eptarchia cioè dei sette regni: tre angli a est (Northumbria, Mercia, Anglia orientale) e quattro sassoni (Wessex, Sussex, Essex e Kent). Dopo un breve prevalere del Kent prevalse la Northumbria, poi, nel VII secolo, la Mercia. Nel VII secolo il prestigio dell'abbazia di Iona faceva propendere per l'egemonia sulle isole britanniche della Chiesa irlandese, diversa da quella di Roma per varie caratteristiche liturgiche, disciplinari e culturali.

Fu Gregorio I ad inviare in quella che già si poteva chiamare "Gran Bretagna" (la Bretagna francese era ormai un'entità) monaci benedettini che riavvicinassero il cristianesimo irlandese a quello romano. Il più famoso di questi monaci fu Agostino, che organizzò le diocesi tra angli e juti diventandone primate e insediandosi a Canterbury. Col sinodo di Whitby (663) la chiesa britannica completò il processo di fondazione e sottomissione a quella di Roma, organizzandosi gerarchicamente attorno all'arcivescovo di Canterbury. La grande stagione culturale dell'epoca culminò con la figura di Beda il Venerabile. Il monastero di Hereford, fondato nel 680 sul fiume Wye era l'avamposto del cristianesimo romano sulla Cornovaglia e in un certo senso sul mondo celtico-irlandese.

Penisola iberica[modifica | modifica sorgente]

I Visigoti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno visigoto.

I Visigoti, cacciati dai Franchi in Spagna, assorbirono il regno nord-orientale degli Svevi e poi dei Vandali, costringendo questi ultimi a migrare verso l'Africa creando un nuovo regno più esteso, dove ricercarono la convivenza con la Chiesa locale e con l'elemento romano della popolazione. Con la conquista del regno degli Svevi nel 575, re Leovigildo allargò i confini e scelse come capitale Toledo. In questo contesto visse e operò il grande intellettuale dell'alto Medioevo Isidoro di Siviglia.

Alla fine del VI secolo i Visigoti si convertirono dall'arianesimo al credo niceno, suggellato dal battesimo di re Recaredo. Un terzo importante legislatore fu re Recesvindo, che nel 654 circa promulgò un codice unico per latini e visigoti, la Lex visigothorum. Il fiorente regno visigoto venne travolto nell'VIII secolo dai musulmani, ma la sua eredità rimase viva nel nord del paese, dal quale sarebbe partita la Reconquista cristiana. Sconfitti in parte prima da Giustiniano, poi nel 711 dall'arabo Tarik.

Gli Svevi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno suebo.

Il regno suebo fu il primo regno a separarsi dall'Impero romano e a battere propria moneta. Situato in Galizia e in Lusitania settentrionale, venne creato nel 410 e scomparve nel 584, dopo un secolo di lento declino. Fu meno esteso del regno ostrogoto d'Italia o di quello visigoto della Spagna romana, e non acquisì mai una forte rilevanza politica. Dopo che il regno venne conquistato dai Visigoti nel 585, Braulione di Saragozza descrisse la regione come "l'estremo occidente di uno stato illetterato dove non si sente altro che venti tempestosi".

Gallia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Gallia tardo-antica e alto-medioevale.

Molte delle popolazioni germaniche che si erano riversate sulla Gallia a partire dagli inizi del secolo (406-409), si spostarono quindi verso altre regioni (Vandali, Alani e Svevi), mentre i Visigoti, i Burgundi e i Franchi crearono regni, che allargarono progressivamente il proprio territorio a spese delle terre dell'Impero romano, fino all'unificazione di gran parte del territorio della Gallia sotto il re dei Franchi Clodoveo I.

I Franchi[modifica | modifica sorgente]

Battesimo di Clodoveo, Maestro Saint Gilles (1500 circa), National Gallery di Washington
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno franco.

I Franchi erano un gruppo etnico che comprendeva una lega di tribù di varie etnie (Sigambri, Bructeri, Catti, Cherusci, Salii, Camavi...) che, dopo essersi distinti in numerose scorrerie, soprattutto tra il 274 e il 275, furono fatti stanziare come prigionieri nelle aree spopolate dell'Impero da Diocleziano, quali contadini e all'occorrenza soldati (notevoli erano le capacità militari di questo popolo), soprattutto nell'area della Gallia settentrionale. Già nel IV secolo si conoscono Franchi che fecero carriera nell'esercito romano arrivando anche a cariche di rilievo.

Nel V secolo i Franchi si erano stabilizzati nella Gallia centrale come foederati, incaricati di difendere la frontiera del Reno contro Alani, Svevi e Vandali. Probabilmente non tutte le tribù seguivano univocamente le decisioni generali, per cui nel 440 circa l'esercito imperiale si scontrò, vincendo, contro alcune fazioni presso Vicus Helena (vicino l'odierna Arras). Tale scontro ebbe come conseguenza la formazione di un'enclave franca attorno a Tournai, mentre altri piccoli regni si andavano creando attorno a Treviri. Alcuni Franchi parteciparono come alleati dei Romani contro Attila nella battaglia dei Campi Catalunici del 451.

Con il disfacimento dell'impero d'Occidente i Franchi si stanziarono con maggiore libertà oltre il Reno, creando due regni principali: i Franchi dell'ovest, i Salii, nella valle della Schelda tra Cambrai, Arras, Tournus e Tongres, e i Franchi dell'est, i Ripuari,[1] da "ripa" (del Reno), nella Mosella, presso Treviri, Magonza, Colonia e Metz.

I Salii di re Clodoveo batterono Siagrio, semiribelle all'Impero, nel 486 presso Soissons. Quest'ultimo, fuggito, venne riconsegnato ai franchi dai Visigoti di Alarico II della Gallia del Sud e quindi giustiziato. In quel caso i Franchi, una delle popolazioni germaniche meno latinizzate, si fecero paradossalmente fautori della legalità imperiale, rendendo anche sudditanza formale a Zenone di Costantinopoli.

La dinastia regale dei Franchi ebbe origine dai Salii (si parla infatti di stirpe salica) gravitanti attorno a Tournai. Dal semileggendario Meroveo (secondo la tradizione germanico-pagana di discendenza divina) era nato Childerico, da cui nacque nel 454 Clodoveo, vero fondatore di quella che si chiamò poi dinastia dei merovingi. Salito al potere nel 481, egli coalizzò le tribù dei Franchi e iniziò una politica di espansione a spese di Alemanni, Turingi, Burgundi (con i quali stese un'alleanza) e Visigoti (della Gallia del Sud, dove furono stanziati fino al 507, quando furono costretti a varcare i Pirenei), occupando anche l'ultima enclave romana (Regno di Soissons) di Siagrio, nella valle della Senna.

Clodoveo scelse come capitale Lutetia, poi chiamata Parigi, a conclusione del processo di conquista culminato verso il 490. L'espansione dei Franchi, che possedevano ormai quasi tutta la Gallia, attirò l'attenzione di Teodorico, che cercò di aiutare i Visigoti inviando loro delle truppe, sia dell'imperatore Anastasio che invece cercò di allearsi con Clodoveo per ridimensionare i Goti e ottenerne la sottomissione formale. L'offerta di Anastasio da una parte avrebbe potuto legittimare le conquiste agli occhi dei sudditi romani; dall'altra averebbe messo i Franchi in lotta contro i popoli germani ben molti più vicini geograficamente e culturalmente. Inoltre il regno franco era l'ultimo ancora pagano in Europa.

Re Clodoveo fece allora una scelta singolare, cioè quella di convertirsi, imponendo il battesimo al proprio popolo, non secondo la fede ariana, predominante nei popoli germanici, ma secondo il credo niceno accettando di sottomettersi solo e soltanto al vescovo di Roma. La scelta ebbe una portata storica molto forte, in quanto i Franchi furono di fatto il primo popolo che accettò il primato del vescovo di Roma. Le ragioni di tale scelta possono essere individuate nella volontà di Clodoveo di legittimarsi direttamente da Roma (e dall'Impero delle origini quindi), non da Costantinopoli, e di ribadire la propria identità nazionale con una scelta diversa da quella degli altri popoli germanici. Accantonata la liturgia già in uso dai vescovi gallo-romani, Clodoveo fece applicare la liturgia e la disciplina del vescovo dell'Urbe, il suo popolo "figlio primogenito della Chiesa romana". Dall'altra parte la conversione presentò anche alcuni rischi per la casa regnante, perché avrebbe potuto scontentare i suoi maggiori fedeli di cultura pagana e toglieva alla sua dinastia l'aura sacrale derivata dalle leggende. Nella pratica comunque l'accettazione del cristianesimo non va vista come assoluta, poiché quelle popolazioni spesso avevano credenze religiose sincretiche e sicuramente convissero con i vecchi costumi religiosi e militari tradizionali.

L'Historia francorum di Gregorio di Tours data la conversione di Clodoveo al natale del 496, respinta ormai da molti storici che la collocano al 506, alla vigilia del conflitto con gli ariani Visigoti.[2] I principali artefici della conversione regale, sempre secondo Gregorio, furono la burgunda regina Clotilde e Remigio di Reims, vescovo di Reims. Dopo la conversione Clodoveo chiese ad Anastasio la dignità consolare, che ottenne ("proconsole") con le insegne relative.

Il regno di Clodoveo si frammentò tra gli eredi, secondo le usanze del tempo che consideravano le conquiste territoriali alla stregua del patrimonio personale di beni mobili. Il re Pipino il Breve, figlio di Carlo Martello vincitore di Poitiers, si fece ungere dal papa diventando un re-sacerdote.

I Visigoti[modifica | modifica sorgente]

Manoscritto del Breviario di Alarico conservato alla Università di Auvergne (Clermont I), Francia, X secolo
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno visigoto.

Durante il periodo del dominio visigoto nella Gallia meridionale, con capitale Tolosa, i sovrani si distinsero per la loro attenzione alla legislazione, che venne messa per iscritto: Eurico promosse il più antico codice di leggi germaniche, il Codex euricianus (470 circa), mentre Alarico II fece fare un compendio del diritto romano teodosiano per la popolazione latina chiamata Lex romana visigothorum o Breviarium alaricianum (506).

Sconfitti dai Franchi di Clodoveo nel 507 (battaglia di Vuoillé presso Poitiers), furono costretti a ritirarsi in Spagna, oltre i Pirenei, dove svilupparono un regno ispirato ai modelli romani (la popolazione autoctona, rispetto ai Visigoti, era sicuramente in maggioranza), con leggi scritte e una ricca cultura.

I Burgundi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno dei Burgundi.

I Burgundi nella prima metà del V secolo si erano stabiliti con lo status di foederati tra Meno e Reno. Il loro regno di Gundahar venne distrutto verso il 436 dagli Unni, allora arruolati da Ezio, e una traccia dell'avvenimento si trova probabilmente nel Nibelungenlied, celebre saga del XII secolo che metteva per iscritto una lunga tradizione orale, dove re Gunther e la sua stirpe sono eliminati da Attila, re degli unni, come vendetta per aver fatto uccidere l'eroe Sigfrido.

Ezio permise poi ai Burgundi di stanziarsi tra la Saona e il Rodano, in quella che da essi prenderà il nome di Borgogna, per difendere i passi alpini. Il loro regno resse fino al 532 quando vennero travolti dai Franchi.

Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia si costituirono due regni latino-germanici: prima quello degli Ostrogoti (488-553), poi quello dei Longobardi (568-774).

Gli Ostrogoti[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno ostrogoto.

I Goti, provenienti dalla Germania settentrionale o dalla Scandinavia, erano una confederazione di più etnie segnalate dal II secolo e divise in due grandi gruppi a partire dal III secolo: i Visigoti (insediati tra Baltico e Mar Nero) e gli Ostrogoti (nell'odierna Ucraina). Grande importanza nella loro conversione al cristianesimo di stampo ariano ebbe il vescovo Ulfila, che tradusse la Bibbia in goto, prima ancora che venisse tradotta in latino.

Sia per la pressione di altre popolazioni, sia per dissidi interni (come la persecuzione dei cristiani di Atalaulfo), i Goti iniziarono a spostarsi verso ovest. Alarico I guidò i Visigoti in Italia fino al Meridione, mentre il suo successore Ataulfo cambiò rotta dirigendosi verso la Gallia meridionale e infine la Spagna. Gli Ostrogoti invece erano rimasti nell'Europa centro orientale, in particolare nella pianura della Pannonia, dove vivevano subordinati agli Unni. Divenuti foederati dell'Impero romano d'Oriente, si insediarono in Macedonia, ma l'Imperatore, che non li voleva così vicini ai propri confini, li indirizzò in Italia, dando al loro re Teodorico, che a lungo aveva risieduto e si era istruito a Costantinopoli, il titolo di patrizio, col quale lo insigniva della difesa di Roma e del governo di Italia e Dalmazia per suo conto.

Arrivato in Italia Teodorico sconfisse gli Eruli e uccise Odoacre nel 493. Pose la capitale a Ravenna e inaugurò una politica di convivenza tra Goti e Romani per molti versi originale. Teodorico era formalmente l'unico dei Goti ad avere la cittadinanza romana grazie al titolo ricevuto, mentre la sua popolazione, solo federata, era autorizzata a occuparsi delle cose militari, mentre i Romani si occupavano di quelle civili, distinguendo quindi i compiti e gli assetti civili e giuridici delle due popolazioni. Attento a non creare attriti (il suo popolo era ariano, mentre i Romani seguivano il cristianesimo niceno) inaugurò una stagione di architettura monumentale nella sua capitale facendo realizzare edifici separati per i due culti. Si circondò di brillanti intellettuali (Cassiodoro, Boezio, Simmaco) e rivide la legislazione.

In politica estera cercò di allearsi agli altri regni barbarici con una serie di politiche matrimoniali, specialmente con i Visigoti, i Franchi e i Burgundi, facendo sì che iniziasse a configurarsi una sorta di federazione germanica d'Occidente: la Gothia, che avrebbe dovuto diventare la controparte della Romanitas.

La sua politica iniziò a mostrare segni di fallimento dal 520 circa, quando gli intrighi dell'Impero e l'intransigenza degli stessi capi Goti contro la popolazione latina iniziarono a farsi sentire. La risposta di Teodorico, ormai alla soglia della vecchiaia, fu quella di diventare più sospettoso e di intraprendere persecuzioni contro i suoi nemici, spesso immaginari, come accadde con l'imprigionamento di Boezio, che proprio in quell'occasione scrisse il De consolatione philosophiae.

Morto Teodorico (526), si scatenarono le lotte per la successione, che vennero annullate dalla forza dell'invasione bizantina delle guerre gotiche (535-553).

I Longobardi[modifica | modifica sorgente]

Croce nastriforme, VII secolo, 10 cm, Verona, Museo di Castel Vecchio
Lastrina dello Scudo di Stabio, arte longobarda del VII secolo, bronzo dorato, Berna, Historisches museum
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Regno longobardo.

I longobardi (in origine winnili) erano una popolazione dalle origini incerte, segnalati da Velleio Patercolo nel I secolo alle foci dell'Elba e un secolo dopo da Tacito negli stessi luoghi. La loro tradizione più tarda li indica come provenienti dalla Scandinavia, ma i ritrovamenti archeologici sembrano non confermare questa ipotesi. Attraversata l'Europa orientale, giunsero in Boemia verso il V secolo, per poi stanziarsi in Pannonia, dove si scontrarono prima con gli Eruli, poi con i Gepidi, sconfitti grazie all'aiuto degli Avari, un popolo nomade di etnia turco-mongolica. Con questi ultimi si scontrarono poi a causa della pressione delle tribù slave, che li costrinsero a entrare in Italia, appena devastata dalla sanguinosa guerra gotica e quindi meno pronta che mai a una difesa a oltranza.

Il loro duro dominio annullò gli effetti della guerra voluta da Giustiniano, e si stabilì dal Nord Italia alla Toscana, comprese alcune zone del centro (come il ducato di Spoleto) e del sud (ducato di Benevento). Animati da spirito di conquista e distruzione essi non si comportarono da foederati, ma si dettero anche a massacri prima di ingentilirsi gradualmente verso la fine del VI secolo, quando iniziarono anche a convertirsi dall'arianesimo al credo niceno della Chiesa di Roma.

La loro capitale era Pavia, dove risiedeva il re, mentre il territorio era amministrato da 35 o 36 duchi. In ciascun ducato un gastaldo si occupava degli interessi del re, mentre l'aristocrazia era composta da una serie di guerrieri possessori detti "arimanni".

Clefi, succeduto al primo re in Italia Alboino, ordinò un durissimo trattamento dei latini. Dopo un decennio di vacanza e lotte tra i duchi venne nominato re Autari (584-590), quindi Agilulfo (590-615), che ne sposò la vedova Teodolinda, la quale ebbe un ruolo centrale nel processo di conversione anche per la sua amicizia con papa Gregorio Magno. Non tutti i duchi accettarono il nuovo credo e la sua applicazione fu lunga. Con l'editto di Rotari venne messo per iscritto (in latino) il corpus di leggi longobarde, spesso mutuate da leggi germaniche modificate: per esempio, la fehde (la faida), ovvero la vendetta, fu sostituita da una compensazione in denaro (il guidrigildo). La definitiva conversione avvenne attorno alla metà del VII secolo, quando ormai la società longobarda era profondamente mutata rispetto alle origini.

Nordafrica[modifica | modifica sorgente]

I Vandali[modifica | modifica sorgente]

Il sacco di Roma dei Vandali, stampa acquarellata di Heinrich Leutemann (1824–1904), 1860–80 circa
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi regno dei Vandali.

I Vandali erano un'etnia germanica di area orientale, originaria della zona tra Slovacchia e Transilvania. Tra il 406 e il 409, suddivisi in Silingi e Asdingi, avevano oltrepassato un Reno sguarnito da truppe, richiamate da Stilicone per fronteggiare l'emergenza dei goti di Alarico e di Radagaiso. Attraverso la Gallia, i Vandali giunsero nella Spagna insediandosi con gli Alani e gli Suebi (o Svevi) in Galizia, Lusitania e Betica, che da essi prese in nome di "Vandalucia" (Andalusia); il cronista ispanico Idazio così descrive la spartizione della Spagna del 411:

« [I barbari] si spartirono tra loro i vari lotti delle province per insediarvisi: i Vandali [Hasding] si impadronirono della Galizia, gli Svevi di quella parte della Galizia situata lungo la costa occidentale dell'Oceano. Gli Alani ebbero la Lusitania e la Cartaginense, mentre i Vandali Siling si presero la Betica. Gli spagnoli delle città e delle roccaforti che erano sopravvissuti al disastro si arresero in schiavitù ai barbari che spadroneggiavano in tutte le province. »
(Idazio, Cronaca, s.a. 411.)

I Vandali Asdingi si stanziarono dunque insieme agli Svevi in Galizia, i Vandali Silingi ottennero la Betica, mentre gli Alani si stabilirono in Lusitania e Cartaginense. Tra il 416 e il 418, tuttavia, i Visigoti, foederati di Roma, condotti da re Wallia, avevano inflitto pesanti perdite ai barbari in Spagna, annientando i Silingi in Betica e infliggendo perdite così pesanti agli Alani nella Lusitania e nella Cartaginense che essi furono costretti a chiedere protezione ai Vandali Asdingi in Galizia.[3] Il re dei Vandali Asdingi, rinforzato dagli Alani che avevano chiesto di unirsi con i Vandali in un unico popolo, divenne dunque da allora in poi "re dei Vandali e degli Alani". Nel 420 i Vandali e gli Alani abbandonarono la Galizia migrando in Betica, dove nel 422 inflissero una pesante sconfitta all'esercito romano inviato per annientarli.[4]

L'arrivo dei Visigoti aveva quindi costretto i Vandali e gli Alani a migrare più a sud, raggiungendo l'Africa del nord tra il 429 e il 430. Tra il 430 e il 442 conquistarono in successione la Mauretania, la Numidia, Cartagine e l'Africa Proconsolare. Agostino d'Ippona morì settantaseienne mentre essi cingevano d'assedio Ippona, la città di cui era vescovo (presso l'odierna Annaba in Algeria). Dall'Africa, grazie alla discreta capacità nell'organizzazione delle flotte, giunsero in Sardegna, Corsica, Sicilia e nelle Baleari.

Genserico guidò via mare il suo popolo dal Nord-Africa verso Roma nel 455. Sebbene essi fossero cristiani (anche se convertiti all'arianesimo), saccheggiarono Roma in forma molto più spietata di quanto avesse fatto Alarico quarantacinque anni prima. Tale saccheggio fu formalmente giustificato da Genserico con il desiderio di riprendere la città dall'usurpatore Petronio Massimo, assassino di Valentiniano III.[5]

Il regno dei Vandali sopravvisse fino al 534 quando venne riconquistato dai Bizantini in seguito alla guerra vandalica. In seguito, nel VII secolo, l'Africa fu conquistata dagli Arabi musulmani: Cartagine cadde in mano islamica nel 698.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Il termine apparve solo a partire dall'VII secolo.
  2. ^ Cardini-Montesano, cit., pag. 79.
  3. ^ Idazio, Cronaca, s.a. 418.
  4. ^ Idazio, Cronaca, s.a. 422.
  5. ^ Procopio, Storia delle guerre, III, 5 (o Guerra vandalica, I, 5).

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]