Reggio Calabria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Reggio di Calabria)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Reggio Calabria (disambigua).
Reggio di Calabria
comune
Reggio di Calabria – Stemma Reggio di Calabria – Bandiera
(dettagli)
Reggio di Calabria – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Calabria.svg Calabria
Città metropolitanaCoat of Arms of the Province of Reggio-Calabria.svg Reggio Calabria
Amministrazione
SindacoGiuseppe Falcomatà (PD) dal 29-10-2014 (2º mandato dal 6-10-2020)
Territorio
Coordinate38°06′51.98″N 15°39′00″E / 38.114439°N 15.65°E38.114439; 15.65 (Reggio di Calabria)Coordinate: 38°06′51.98″N 15°39′00″E / 38.114439°N 15.65°E38.114439; 15.65 (Reggio di Calabria)
Altitudine31 m s.l.m.
Superficie236,02 km²
Abitanti177 939[1] (30-6-2020)
Densità753,91 ab./km²
FrazioniSbarre, Archi, Catona, Gallico, Gallina, Modena, San Sperato, Mosorrofa, Ortì, Pellaro, Bocale, Gebbione, Ravagnese, San Gregorio, Saracinello
Comuni confinantiBagaladi, Calanna, Campo Calabro, Cardeto, Fiumara, Laganadi, Montebello Jonico, Motta San Giovanni, Roccaforte del Greco, Sant'Alessio in Aspromonte, Santo Stefano in Aspromonte, Villa San Giovanni
Altre informazioni
Cod. postale89121–89135
Prefisso0965
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT080063
Cod. catastaleH224
TargaRC
Cl. sismicazona 1 (sismicità alta)
Cl. climaticazona B, 772 GG[2]
Nome abitantireggini (riggitani in dialetto reggino)
(anticamente: ausoni, itali)
PatronoMadonna della Consolazione
san Giorgio
Giorno festivo23 aprile (San Giorgio);

2º sabato di Settembre (Madonna della Consolazione)

PIL procapite(nominale) € 18.854 [senza fonte]
MottoUrbs Rhegina Nobilis Insignis Fidelissima Provin(ciae) Prima Mater Et Caput
Città di Reggio la più Fedele tra le Nobili Insigni Metropoli e Capitale della Regione
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Reggio di Calabria
Reggio di Calabria
Reggio di Calabria – Mappa
Posizione del comune di Reggio Calabria all'interno dell'omonima città metropolitana
Sito istituzionale

Reggio di Calabria (AFI: [ˈrɛʤʤodikaˈlabrja][3] ascolta[?·info]; Rìggiu in dialetto reggino[4]; Ρήγι, Rìghi in greco di Calabria[5]), comunemente nota come Reggio Calabria, è un comune italiano di 177 939 abitanti[1], capoluogo dell'omonima città metropolitana, in Calabria.

Primo comune per popolazione[6], unica città metropolitana[7] della Regione, sede del Consiglio regionale della Calabria, è capofila della agglomerazione urbana c.d. Grande Reggio, che raccoglie i vari comuni della sponda calabrese dello stretto di Messina.

Insieme all'area metropolitana di Messina, rappresenta il cuore dell'Area metropolitana dello Stretto, una conurbazione frutto della continuità urbana, forte integrazione sociale ed economica tra i comuni delle due sponde dello stretto.

La città è sede del Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria, uno tra i più importanti musei italiani[8], custode di una delle più importanti collezioni di reperti della Magna Grecia[9][10], e in particolare i famosi Bronzi di Riace divenuti tra i suoi simboli identificativi.

Città più antica della Calabria greca, nonostante la sua storia trimillenaria - Ῥήγιον fu un'importante e fiorente colonia magnogreca[11] - si presenta con un impianto urbano moderno, conseguente alla ricostruzione operata all'indomani del catastrofico terremoto e maremoto del 28 dicembre 1908, il quale distrusse gran parte dell'abitato.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Vista satellitare dello stretto di Messina con Reggio Calabria posta sulla sponda orientale
Panorama notturno del centro della città
Il centro della città visto dal mare

«Io canto Reggio, l'estrema città dell'Italia marina / che si abbevera sempre all'onda di Trinacria»

(da una poesia elogiativa di Ibico, tratta dall'Antologia Palatina.)

Il territorio comunale si sviluppa lungo la costa orientale dello stretto di Messina per circa 32 km e verso est, da mare a monti, per altri 30 km circa, con zone di mezza costa, collinari e montuose. La città occupa complessivamente una superficie di 236,02 km² e si estende da un livello altimetrico minimo di 0 metri a un massimo di 1 803 m s.l.m.

Il centro storico è stato ricostruito a un'altitudine media di 31 m s.l.m. lasciando la parte costiera più bassa libera da costruzioni civili data l'eccessiva prossimità al mare che durante il maremoto del 1908 comporto migliaia di morti[12]. L'intera costa antistante il centro storico è stata dunque livellata su tre volumi, via marina bassa, via marina alta e striscia botanica. Geograficamente il nucleo principale è compreso tra la fiumara dell'Annunziata (nord) e la fiumara del Calopinace (sud), mentre il restante territorio comunale si sviluppa da Catona (nord) a Bocale (sud).

A ovest la città si affaccia sullo stretto di Messina, braccio di mare di circa 3,5 km che la separa da Messina, sponda occidentale dello stretto. Insieme le due città formano l'Area metropolitana dello Stretto[13].

Localizzazione[modifica | modifica wikitesto]

«Reggio, acroterio d'Italia»

(Tucidide, Storie, I 30 1)

Reggio è situata sulla punta dello "stivale", alle pendici dell'Aspromonte e al centro geografico del Mediterraneo, gode di un panorama unico al mondo che permette di scorgere chiaramente le coste siciliane e l'Etna, e finanche dalle sue alture le isole Eolie.

Nella frazione di Bocale la città è attraversata dal 38º parallelo, dove è stato eretto un obelisco con un monolite di marmo di Carrara, sul cui retro è inciso[14]:

Questo dono marmoreo

Frammento ed emblema della terra Apuana

Nell'abbraccio di Reggio Calabria, Atene, Smirne,

Seul, San Francisco, Cordova

Città tutte poste su questo parallelo 38º

Auspica

Orizzonti di pace

Nell'operare della cultura

(Carrara 67 Congresso Internazionale Reggio Calabria 68 - Società Dante Alighieri - 2 settembre 1987)

Nell'area metropolitana, precisamente nel comune di Brancaleone, si colloca anche il luogo più a meridione d'Italia, il Promontorio di Eracle, oggi Capo Spartivento dove è stato costruito nel 1867 il Faro di Capo Spartivento, a 64 m s.l.m. con una lanterna visibile fino a 22 miglia nautiche[15].

Risorse del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio è caratterizzato da una particolare fertilità dovuta all'abbondanza di acqua, il solo territorio metropolitano è attraversato da sette fiumare[16], e dal clima mite, nonostante l'orografia sia per lo più collinare e montuosa a strapiombo sul mare, aspetto che ha favorito le coltivazioni a terrazzamento e la lavorazione delle colture alberate che si adattano facilmente a qualsiasi terreno e svolgono al contempo una funzione drenante dell'erosione del territorio[17].

Nell'estremo nord della provicia si estende la vasta piana di Gioia Tauro dove è particolarmente diffusa la coltivazione dell'olivo, inoltre sulla costa negli anni 1970 è stato costruito il Porto di Gioia Tauro[18], infrastruttura industriale e logistica fondamentale al collegamento tra Europa e Mediterraneo.

In esso è convogliata buona parte del settore dei trasporti navali merci, il retroporto ospita diverse attività industriali collegate e no alle attività portuali ed è sede dell'Autorità Portuale di Gioia Tauro, che coordina i porti di Gioia Tauro, Corigliano, Palmi e Crotone.

Lungo la fascia costiera meridionale si sviluppano agrumi, vite e in particolare gli alberi di bergamotto, agrume aspro la cui essenza sta alla base di molte preparazioni profumiere. Trattasi di prodotto DOP dai molteplici usi che è controllato dal Consorzio di tutela del Bergamotto di Reggio Calabria dal 1931 ed è oggetto di studio costante dalla Stazione Sperimentale per le Industrie dell'Essenze e dei Derivati degli Agrumi, istituita nel 1918 per lo studio delle essenze e derivati degli agrumi e i suoi vari usi.

Negli anni 1950 gli studi della Stazione raggiunsero il massimo splendore e la città ospitò per diversi anni la Fiera internazionale delle attività agrumarie e delle essenze e degli olii e nel centro cittadino si sviluppava il Parco della Fiera agrumaria, struttura dedicata allo svolgimento della fiera.

Negli anni successivi il mutare del contesto internazionale e la miopia della classe impreditoriale e amministrativa locale ha visto la perdità sia della fiera in favore della Spagna, sia il mutamento delle strutture attinenti, il Parco venne trasformato in area verde con l'ubicazione di alcune strutture sportive cittadine ed è in parziale abbandono. Mentre le strutture fieristiche furono delocalizzate nel quartiere di pentimele, adiacenti alla stazione metropolitana e oggi sono completamente abbandonate[19]. La stessa Stazione sperimentale ha perso il controllo del Museo del Bergamotto, trasferito nel mercato coperto cittadino[20].

Segno tangibile di archeologia industriale si rivengono nel quartiere di San Gregorio, a ridosso della città, dove è ancora oggi visibile la Chimica Arenella, uno stabilimento industriale abbandonato che produceva acido citrico dall'olio essenziale di bergamotto. Inoltre, in pieno centro cittadino, affacciati sull'argine sinistro del fiume Calopinace vi sono i resti della ex fabbrica di bergamotto Vilardi [21], ulteriore segno tangibile del passato industriale cittadino.

Sempre nella costa meridionale è particolarmente diffuso l'albero di gelso, pianta essenziale in passato per la produzione della seta, essendo i suoi frutti il nutrimento preferito dai bachi. In passato la città ospitava diverse filade nella zona di Villa San Giovanni[22] e a partire dal 1600 era fortemente rinomata per la qualità dei tessuti esportati nel resto del continente[23] e la grande quantità produttiva che era espressione di sistema industriale avanzato[24][25].

La bachicoltura e l'intiera filiera produttiva della seta entrò in profonda crisi nella seconda metà del Novecento fino ad azzerarsi con la scoperta delle fibre sintetiche[26] e la modifica delle tecniche produttive.

Ulteriore risorsa del territorio è rappresentata dal turismo essendo la città al centro di un'area storico culturale antichissima, dove ad esempio gli studiosi collocano l'incontro di Odisseo con i mostri mitologici Scilla e Cariddi, descritti da Omero. Nonostante i diversi terremoti devastanti che hanno cancellato alcune delle vestigia cittadine, sono numerosissime le testimonianze del passato ancora visibili.

Morfologia del territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale della città fa parte del bacino di Reggio Calabria, una struttura di tipo graben delimitata da faglie di tipo normale e dalle horst di Campo Piale a nord e dell'Aspromonte a est. La città si estende su una superficie prevalentemente di tipo alluvionale e deltizia creatasi dal deposito di sedimenti trasportati dalle numerose fiumare che solcano il territorio. Il sistema collinare è costituito da sedimenti sabbiosi a media pendenza fino ad arrivare alle pendici dell'Aspromonte di natura cristallino-metamorfica paleozoiche mentre il litorale costiero si sviluppa con andamento relativamente sinuoso ed è contraddistinto da sporgenze e rientranze in corrispondenza dei corsi d'acqua.[27]

Idrografia[modifica | modifica wikitesto]

L'intero territorio comunale è solcato da fiumare e torrenti, che si presentano come greti in secca per la maggior parte dell'anno e si trasformano invece in corsi d'acqua impetuosi in occasione di eventi meteorici eccezionali. In passato, non sono stati infrequenti le esondazioni e gli allagamenti. La provincia è attraversata da diverse fiumare e torrenti, nel solo territorio cittadino vi sono sette fiumare, lungo l'asse nord-sud.

Le fiumare di Reggio

In città, le sette principali sono:[28]

  • Fiumara Catona con l'affluente torrente Rosalì;
  • Fiumara Gallico con l'affluente torrente San Biagio;
    • Torrente Scaccioti, che fa da confine naturale tra i quartieri di Gallico e Archi;
    • Torrente Torbido, da non confondere con l'omonimo fiume Torbido, il torrente attraversa trasversalmente il quartiere di Pentimele ed è sovrastato dal viadotto autostradale Torbido;
  • Fiumara dell'Annunziata, antico confine nord della città, oggi è interamente interrata e scorre sotto tra importanti arterie cittadine: il viale della libertà, piazzale della libertà e viale Boccioni. La sua foce è nei pressi del Lido comunale e si incrocia con la foce del torrente Caserta;
    • Torrente Caserta, anch'esso integralmente interrato, scorre sotto via Roma, da cui prende il nome il Parco Caserta;
    • Torrente Orangi, intubata, alimentava il fossato del Castello Aragonese e scorreva anticamente nella parte alta della città lungo la via Trabocchetto facendo un'ansa lungo l'attuale via del Salvatore immettendosi nel fossato dove adesso è piazza Orange;
  • Fiumara Calopinace, conosciuta in passato come fiume Apsias, era il confine sud dell'abitato. È attraversata da diversi ponti, è il principale svincolo autostradale cittadino ed è dotata di alti argini in cemento armato che in caso di piena ne arginano l'esondazione. Il tracciato e la foce sono stati parzialmente modificati nel Cinquecento per consentire la costruzione del castelnuovo a difesa della città, intervento che causo l'inabissamento di Punta calamizzi, la distruzione dell'antico monastero basiliano ivi ubicato, della fortezza stessa e del porto naturale della città;
  • Fiumara Sant'Agata, parzialmente canalizzata, per un tratto è interrata e sovrastata dalla pista di atterraggio dell'Aeroporto dello Stretto;
  • Fiumara Armo, che è interrata per un breve tratto in favore dell'aeroporto;
    • Torrente Bovetto;
  • Fiumara Valanidi, che con la sua foce divide in due il quartiere di San Gregorio;
    • Torrente Pernasiti, affluente;

Nella provincia:

  • Fiumara di Macellari;
  • Fiumara di Sant' Antonio;
  • Fiumara San Giovanni;
  • Fiumarella Lume.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Reggio Calabria Città, Stazione meteorologica di Reggio Calabria Aeroporto e Stazione meteorologica di Capo dell'Armi.

Posta sullo Stretto, a pochi metri sul livello del mare, il clima è di tipo mediterraneo.

D'estate la fresca brezza marina proveniente da nord, quasi sempre presente nel canale, e le brezze discendenti dall'Aspromonte, avvertite specialmente lungo i torrenti, contribuiscono a rendere più sopportabili le alte temperature. L'inverno è mite e breve e la temperatura non si avvicina quasi mai allo zero, con una media su base annua di 17,32 °C e una media annua delle precipitazioni piovose di 547,16 mm. Il sole è quasi una costante, con circa 300 giornate soleggiate all'anno.

Reggio Calabria
(1961-1990)
Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 14,915,116,719,223,427,530,830,628,023,519,616,415,519,829,623,722,1
T. min. mediaC) 8,18,19,111,014,818,221,722,019,115,912,19,78,611,620,615,714,2
T. max. assolutaC) 24,2
(1987)
25,2
(1979)
27,0
(1981)
30,4
(1985)
33,4
(1984)
42,0
(1982)
44,2
(1983)
39,4
(1971)
37,6
(1988)
30,4
(1973)
27,0
(1964)
26,0
(1989)
26,033,444,237,644,2
T. min. assolutaC) 0,4
(1962)
0,0
(1973)
0,0
(1973)
4,6
(1976)
7,8
(1973)
10,8
(1975)
14,4
(1962)
14,4
(1975)
11,2
(1977)
6,6
(1971)
4,6
(1975)
0,2
(1961)
0,00,010,84,60,0
Nuvolosità (okta al giorno) 4,54,54,23,72,91,80,91,32,33,23,84,44,53,61,33,13,1
Precipitazioni (mm) 75,559,047,533,518,012,56,510,034,063,069,071,5206,099,029,0166,0500,0
Giorni di pioggia 1098632124789281751969
Eliofania assoluta (ore al giorno) 3,74,55,46,68,29,710,69,77,96,24,93,74,06,710,06,36,8
  • Classificazione climatica: zona B
  • Rimasta storica la nevicata del 31 dicembre 2014: iniziata durante la nottata del 31 dicembre, continuò a nevicare per buona parte della mattinata, imbiancando la città e le zone limitrofe, nonché la dirimpettaia Messina. È una delle nevicate più intense verificatesi nella città dello Stretto [29][30][31][32][33]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia di Reggio Calabria.
Il trattato di alleanza tra Reggio e Atene, conservato al British Museum di Londra
Reggio in un'incisione cinque-seicentesca
Reggio prima del terremoto del 1908 sulla rivista "Cento Città d'Italia" del 1898
(LA)

«Urbs Rhegina Nobilis Insignis Fidelissima Provinciæ Prima Mater Et Caput»

(IT)

«Città di Reggio la più Fedele tra le Nobili Insigni Metropoli e Capitale della Provincia»

(antico motto riportato sullo stemma della città)

Età antica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rhegion.

Tra le più antiche città d'Europa, l'antica Rhegion è una delle più antiche colonie greche fondata in Italia meridionale verso la metà dell'VIII secolo a.C. (intorno al 730 a.C. [34][35]) da genti calcidesi e messeniche.

Il sito dove fu fondata la città era già abitato dagli Ausoni, ricordati da Diodoro Siculo e dagli Enotri citati da Dionigi di Alicarnasso e da Strabone, la cui presenza è attestata dal rinvenimento di tombe in loco. Secondo il mito, fu l'oracolo di Delfi a indicare loro il luogo dove fondare la nuova città: «Laddove l'Apsias, il più sacro dei fiumi, si getta nel mare, laddove, mentre sbarchi, una femmina si unisce ad un maschio, là fonda una città; (il dio) ti concede la terra ausone» (Diod. VIII,23; Strab. VI, 1,6; Her.Lem., Cost. 25; Dion.Hal., Excerpta XIX,2).

Il toponimo, similmente a Roghudi e Riace, viene interpretato come derivato da “Ruha ake”, luogo del vento nelle lingue sumero-accadiche (G. Tripodi, Atti Accad. Peloritana dei Pericolanti, 88 p. 45, 2012). L'antichità del toponimo è sostenuta da quella del fiume Apsias, derivata da Apsu, l'acqua primordiale nelle religioni mesopotamiche.

Reggio fu una tra le più importanti città della Magna Grecia raggiungendo nel V secolo a.C. una notevole importanza politica ed economica sotto il governo di Anassila che giunse a controllare entrambe le sponde dello Stretto. La polis ottenne un grande pregio artistico-culturale grazie alla sua scuola filosofica pitagorica e alle sue scuole di scultura e di poesia nelle quali si formeranno artisti come Pitagora da Reggio e Ibico.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Scuola pitagorica reggina.

Divenne alleata di Atene nella guerra del Peloponneso e successivamente fu espugnata dai siracusani di Dionigi I nel 387 a.C. Città autonoma nelle istituzioni governative, Rhegium fu importante alleata e socia navalis di Roma.

Successivamente in età imperiale divenne uno dei più importanti e floridi centri dell'Italia meridionale, essendo tra l'altro sede del Governatore della Regio III Lucania et Bruttii (Regione di Lucania e Bruzio). Era inoltre il capolinea della Via Capua-Rhegium che la collegava a Capua in Campania e attraversava tutto il versante tirrenico meridionale della penisola.

Dal Medioevo all'Ottocento[modifica | modifica wikitesto]

Con la fine dell'Impero Romano d'Occidente, divenne roccaforte dell'Impero Romano d'Oriente e delle cultura greca in Italia. In epoca tardo antica, dopo la riconquista d'Italia da parte di Giustiniano, avvenuta nel 555 al termine delle guerre gotiche, Reggio divenne capitale del Tema di Calabria e Metropoli religiosa.

Dopo il VI secolo l'amministrazione Greco Romana garantì quattro secoli di sostanziale stabilità economica e culturale. La lingua parlata a Reggio, così come in tutto il Sud della penisola e in Sicilia, era il greco. Gli scambi commerciali e i viaggi dei reggini verso l'Oriente erano all'ordine del giorno, così come avveniva tra le terre siciliane e il resto dell'Impero romano. Molti Santi calabresi furono ospiti dei monasteri greci dell'Athos e della corte imperiale a Costantinopoli.

Dal VII secolo iniziano le incursioni arabe sulle coste, che nel corso di un secolo provocheranno lo spostamento verso le colline di molti abitanti della costa ionica con lo spostamento dei centri abitati in zona montana facilmente difendibile. Sorgeranno così le acropoli di Bova, Gerace, Stilo. Le aree rivierasche verranno ripopolate solo dalla fine del '700. Al contrario, Reggio, fortificata con un castello, una cinta muraria e diversi avamposti sulle colline, rimarrà città di mare, nonostante i ripetuti attacchi e le temporanee occupazioni, a testimonianza dell'interesse strategico per il controllo militare dello Stretto, e della sua importanza come porto commerciale.

Dalla metà del IX secolo la Sicilia, conquistata dagli Arabi, verrà a trovarsi di fronte alle terre dell'Impero Romano, ma i commerci e gli scambi culturali continueranno.

Nel 1060 i Normanni la sottrassero per sempre ai Greco Romani, portandola progressivamente nell'ambito culturale latino sotto l'impulso papale che intendeva estendere il proprio potere sull'intera penisola. Nonostante ciò la cultura greca è sopravvissuta fino ai giorni nostri, la prevalenza dell'ortodossia orientale si è conservata fino al 16º secolo, quando, intorno al 1570, il rito greco fu abolito con la forza. Inoltre, fino al 1570 circa, i monasteri reggini e in particolare il monastero di San Nicola di Calamizzi, produssero una grandissima quantità di manoscritti conosciuti in tutto il mondo per la loro straordinaria qualità (stile o grafia di Reggio). Purtroppo la città fu spogliata di queste opere, che oggi sono custodite nella Biblioteca apostolica Vaticana a Roma, alla Biblioteca Marciana a Venezia, nella Biblioteca nazionale Austriaca di Vienna, presso il Monastero Sacro di San Giovanni il Teologo a Patmos ed in altre biblioteche nel mondo.

Tramite alterne vicende finì sotto il controllo delle casate spagnole degli Aragonesi e degli Angioni e nel 1282 durante i Vespri Siciliani si schierò al fianco di Messina e delle altre città della Sicilia orientale, con cui condivideva storia, interessi commerciali e culturali, nella rivolta anti-angioina con le forze aragonesi. Successivamente la città venne assegnata al Regno di Napoli nel XIV secolo e ottenne nuovi poteri amministrativi di larga base comunale.

Nel 15º e 16ºsecolo grazie all'introduzione dell'industrie della seta e dell'agrumicoltura, all'industria dei metalli, alla nascita della stampa tipografica, all'oreficeria, e allo sviluppo dei commerci, si ebbe un lungo periodo di benessere, che continuò, nonostante la cacciata degli ebrei nel 1515, fino alla fine del 1500.

Nei secoli 17°e 18° le frequenti incursioni barbaresche, le epidemie e l'oppressivo fiscalismo della dominazione spagnola portarono Reggio a una decadenza che culminò con il disastroso terremoto del 1783. Il sisma infatti danneggiò gravemente la città e tutta la Calabria meridionale.

Nel 1806 Napoleone occupò la città, destinandola a ducato e a suo quartier generale. Le idee napoleoniche ebbero grandi effetti nella Reggio liberale, al punto da porla al centro di alcuni avvenimenti precursori del moti del 1848, già nel 1847 i rivoluzionari Gian Domenico Romeo e il figlio Stefano tentaro di strappare la città ai Borbone finedo uccisi. Durante quegli anni molti nobili e popolani furoni condannati a morte o all'esilio.

La città fu anche protagonista nella spedizione dei Mille, all'alba del 21 agosto 1860 si svolse la Battaglia di Piazza Duomo, all'esito della quale Giuseppe Garibaldi conquistò la città. Il sindaco della città Bruno Antonio Rossi fu dunque il primo del Regno a proclamare la fine del dominio di Francesco II e l'inizio della dittatura del generale Garibaldi. Il quale, a ricordo della battaglia, scrisse:

«Un piede è posto al fin sulle ridenti sponde di Reggio e di novella gloria ornar la fronte gli argonauti invano spesseggian folti incrociatori e invano oste nemica numerosa, il dito di Dio conduce la tirannicida falange e oste e baluardi e troni son rovesciati nella polvee e riede sulle ruine del delitto il santo dell'uom diritto e libertade, e il cielo alla redente umanità sorride.»

(Giuseppe Garibaldi)

Età contemporanea e storia recente[modifica | modifica wikitesto]

Veduta del lungomare distrutto dal terremoto del 1908

Spartiacque nella storia recente della città fu il 28 dicembre 1908, quando Reggio subì uno degli eventi più catastrofici del XX secolo, il terremoto e maremoto che raggiunse magnitudo 7,1 e investì con onde altissime Reggio e Messina distruggendo, devastando e uccidendo nella sua furia qualsiasi cosa incontrasse, solo nella sponda reggina provocò la morte di circa 30 000 persone.

Subito dopo iniziò la ricostruzione della città odierna, con canoni moderni e classica pianta quadrata.

Durante il fascismo la città ospitò diverse strutture militari strategiche per il regime e fu visitata da Mussolini nel 1939. Ciò comporto che le forze Alleate, fra maggio e settembre 1943 dovettero pesantemente bombardare l'abitato per aprire la strada alle truppe dell'8ª Armata britannica, in particolare rasero al suolo i quartieri di Santa Caterina, Arangea, Tremulini e Sbarre uccidendo circa 4 000 civili.

Dopo la seconda guerra mondiale la città è cresciuta notevolmente, quasi raddoppiando la sua popolazione fino ai circa 200 000 abitanti, accogliendo molti abitanti del circondario.

Nei primi anni settanta a Reggio si ebbero sconvolgimenti di carattere amministrativo a seguito dei violenti disordini di piazza dovuti alla rivendicazione dello status di capoluogo regionale, che per effetto del nuovo statuto ordinario regionale era stato assegnato a Catanzaro. La cessazione dei disordini fu raggiunta con un compromesso che prevedeva lo divisione delle sedi istituzionali, il governo regionale insediato a Catanzaro, con sede nel Palazzo denominato Cittadella che ospita la Giunta, la Presidenza e gran parte degli uffici amministrativi, mentre il Consiglio regionale venne posto a Reggio Calabria presso Palazzo Campanella.

Tra gli anni settanta e ottanta la città attraversò un ventennio buio che favorì il dilagare della criminalità organizzata e del degrado urbano, ma a partire dai primi anni novanta ebbe inizio un periodo di rinnovamento, la cosiddetta "Primavera di Reggio"[36][37][38], per opera dall'allora sindaco Italo Falcomatà, che ha consentito alla città di ritrovare la sua identità e di favorire la ripresa sociale ed economica. La città è stata al centro di una trasformazione urbana e architettonica improntata alla modernità e all'innovazione. Una delle opere più importanti fu il completamento del Lungomare.

Nel primo decennio degli anni 2000, dal 2002 al 2010, Reggio Calabria è stata governata da Giuseppe Scopelliti, ideatore del c.d. modello Reggio, con il quale aveva portato diversi eventi mondani in città, sovvenzionando tali attività con una politica di bilancio estremamente disinvolta.

Con il passaggio al governo della Regione, sono emerse diverse irregolarità nei bilanci del comune che hanno portato la Cassazione nel 2018 ad affermare in via definitiva la responsabilità dell'ex sindaco nell'ambito del cosiddetto "Caso Fallara", con condanna a 4 anni e 7 mesi di reclusione per falso in atto pubblico.

Egli risulta infatti essere stato "l'ideatore delle falsificazioni" dei bilanci del comune durante il proprio mandato, avvalendosi "[...] dell'accondiscendenza di Orsola Fallara, in cambio di incarichi tanto remunerativi quanto illegittimi [...]"[39]. Il principale strascico di tali politiche è ancora oggi visibile, essendo il comune gravato da un debito neppure chiaramente quantificato che oscilla intorno i 400 milioni di euro (rendiconto 2019 approvato dal Comune di Reggio Calabria)[40].

Ulteriore macchia sull'amministrazione cittadina è stato lo scioglimento per contiguità mafiosa disposta dal Governo il 9 ottobre 2012, in precedenza la città è stata govenata da Demetrio Arena.

In seguito a indagini svolte dalla Commissione di accesso prefettizia, inviata a seguito di segnalazioni in merito a possibili infiltrazioni di n'drangheta, il Consiglio dei Ministri, con una decisione presa all'unanimità per espressa dichiarazione dell'allora Ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, ha disposto il commissariamento "per contiguità mafiosa del Comune di Reggio Calabria" per la durata di 18 mesi (prorogati poi a 24).

Il commissariamento è stato assicurato da una Commissione straordinaria prefettizia di tre membri inviati dal Governo centrale. Si è trattato del primo Consiglio comunale di una città capoluogo a essere sciolto per tale motivo in Italia[41]. Soltanto nel 2014, si sono svolte nuove elezioni, ed è stato eletto sindaco Giuseppe Falcomatà.

Infine, a inizio 2020 la città è stata investita dalla pandemia di COVID-19 che ha costretto a chiudere tutte le attività non necessarie su ordine del Governo centrale il 9 marzo 2020. Ciò ha consentito di salvare la cittadinanza dal diffondersi del virus.

Nomi nella storia[modifica | modifica wikitesto]

«Ecco l'antica Reggio, le cui origini si perdono nella notte dei tempi! Ecco la Reggio della Magna Grecia

(Papa Giovanni Paolo II, Reggio Calabria, 7 ottobre 1984)

Nel corso della sua millenaria storia, Reggio ha avuto differenti nomi che corrispondono all'evoluzione della città nelle epoche storiche:

Toponimi latini e demonimi[modifica | modifica wikitesto]

Varianti latine del nome[42]:

  • Rhegium
  • Rhegium Julium
  • Regium Julii
  • Reggium
  • Regium Calabriae (medioevale o ancor più tardo, dato che in antichità Calabria era il nome del Salento)

Etnonimo - sinonimi di "Reggino"[42]:

  • Rhegiensis
  • Rheginensis
  • Rhegitanus
  • Regitanus
  • Reginus
  • Reginensis

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Gonfalone di Reggio
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stemma di Reggio Calabria.

Il 12 dicembre 1934 viene firmato dal Capo del Governo Benito Mussolini il Decreto che riconosce alla città di Reggio il diritto di essere iscritta nel Libro Araldico degli Enti Morali e a far uso del suo stemma e gonfalone, per come descritti e miniati sui relativi fogli annessi[43][44]:

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

«al san Giorgio in atto di ferire con la lancia il drago, sinistrato da una donzella genuflessa in manto e corona reale, sormontata da raggi di luce uscenti dal capo, il tutto d'oro, con la scritta intorno allo scudo: URBS RHEGINA NOBILIS INSIGNIS FIDELISSIMA PROVINCIAE PRIMA MATER ET CAPUT. Capo del Littorio. Lo scudo sarà cimato da corona reale aragonese.»

Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

«Amaranto riccamente ornato di ricami d'oro e caricato dello stemma sopra descritto con l'iscrizione centrata in oro: "Città di Reggio Calabria". Le parti di metallo ed i nastri saranno dorati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto amaranto con bullette dorate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma della Città e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolorati dai colori nazionali, frangiati d'oro.»

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Titolo di Città - nastrino per uniforme ordinaria Titolo di Città
«Decreto del Capo del Governo[45]»
— 22 dicembre 1934

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Monumenti e luoghi d'interesse di Reggio Calabria, Architetture di Reggio Calabria, Palazzi civili e militari di Reggio Calabria e Storia dell'urbanistica e dell'architettura di Reggio Calabria.

La città[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso dei secoli vari eventi distruttivi, sia a opera umana sia naturale, hanno profondamente modificato la città che oggi si presenta con un aspetto moderno, effetto principalmente delle ricostruzioni avvenute dopo il terremoto e maremoto del 1908. Molte opere d'arte e degli edifici realizzati nei secoli precedenti sono andati perduti, tuttavia la città conserva esempi monumentali di pregio e antiche vestigia che testimoniano la sua storia.

Il centro della città è in prevalenza caratterizzato da palazzi in stile Liberty, senza soluzione di continuità si trovano anche esempi di neogotico come Villa Zerbi che si affiaccia direttamente sul Lungomare, con un vasto giardino interno.

Teatro Comunale Francesco Cilea

Edifici neoclassici quale il Teatro Comunale Francesco Cilea ed il Duomo cittadino, ricostruito secondo uno stile neoromanico-ecclettico con una ampia scalinata d'ingresso e tre portali. In stile eclettico si annovera Palazzo Mazzitelli.

La Chiesa di San Giorgio al Corso, in stile razionalista, la Stazione Centrale, che nel tunnel di accesso ai binari ospita dei mosaici[46] dei Bronzi di Riace e del Duomo, il MArRC - Museo Archeologico nazionale di Reggio Calabria; il Palazzo del TAR.sa del Fascio e Caserma dei Giovani Fascisti - Luigi Razza.

Diversi sono anche gli edifici in stile moderno come la Torre Nervi, il Palazzo di Vetro di Sant'Anna, il Centro Direzionale c.d. Palazzo CE.Dir., il nuovo Palazzo di Giustizia, ancora in costruzione, la Cittadella universitaria.

In stile futurista si rinvengono in particolare Palazzo Campanella, gran parte dei nuovi blocchi del Grande Ospedale Metropolitano, esso è infatti frutto della stratificazione nel tempo di diversi corpi di fabbrica tutti inglobati nella medesima struttura, con stili molto diversi tra loro, se il pronto soccorso è ospitato nella complesso futurista, ad alcune centinaia di metri è presente la struttura originaria con parchetto all'ingresso in Art Nouveau del primo Novecento. Sempre il stile futurista si annovera anche il Parco Caserta - Sport Village che ospita una piscina e diverse altre strutture sportive.

Tapis roulant di via Giudecca

Nel centro della città la via Giudecca è stata trasformata con un tapis roulant coperto in vetro che permette di attraversare dalla parte alta alla parte bassa la città, offrendo in cima uno dei punti panoramici sullo stretto.

Nella parte nord della città è stata costruita la più grande arena indoor del Mezzogiorno in puro stile futurista, il PalaCalafiore, ovale integralmente coperto dalla capienza di 8 500 posti a sedere. Sempre nel quartiere di Pentimele è presente il Palazzo Serpentone, in precedenza ospitante la Scuola superiore della Pubblica Amministrazione (SNA), ossia un complesso di edifici interamente curvilinei che sembrano ricalcare la forma sinuosa di un serpente. Nella zona sud, nel quartiere modena è presente la Scuola Allievi Carabinieri, composta da quattro corpi che ricalcano la forma di un trapezio scaleno.

Nel contesto urbano, inoltre, emergono alcune vestigia storiche di rilievo quali il Castello Aragonese, in parte distrutto dal tempo e dall'uomo per creare le strade adiacenti allo stesso, si colloca nella parte alta della città ed è lo spartiacque tra la zona alta della città e la marina. Nella sua struttura originaria era composto da quattro torri e un fossato, oggi restano soltanto le due torri esposte a sud-est ed è centro per esposizioni temporane nella grande sala Garcilaso de la Vega, Alcalde di Reggio dal 1534 al1536[47][48].

In origine la cinta muraria della fortezza racchiudeva anche la Chiesa degli Ottimati, importante chiesa normanno-bizantina del X secolo in perfetto stato di conservazione, nelle immediate adiacenze ospita il collegio dei gesuiti che l'amministrano.

Accanto ala via della Giudecca si affaccia la Chiesa di S. Maria della Cattolica, meglio conosciuta come Cattolica dei Greci, riedificata nel 1876 in stile neoclassico, è la concattedrale cittadina ed è amministrata dal Protopapa cittadino. Del 1691 è la Chiesa di Santa Maria delle Grazie, anche nota come chiesa della Graziella, opera in barocco calabrese sopravvissuta a due devastanti terremoti.

La città ricalcando una ricostruzione a pianta greca è attraversata da alcune vie trasversali che ne caratterizzano lo sviluppo, in particolare, nella costa prospiciente il canale di Sicilia è stato edificato il Lungomare Italo Falcomatà, una passeggiata di circa 2 km, su tre livelli, conosciuto come "il più bel chilometro d'Italia". Data la sua ampiezza, all'interno si collocano diverse strutture ricettive, tra le più importanti l'Arena dello Stretto - anfiteatro Ciccio Franco, collocato al centro della passeggiata a mare.

Nel livello intermedio, fruibile sia a piedi sia tramite mezzi di trasporto, sono ubicate tre delle principali strutture di trasporto cittadini, da nord verso sud, si trova l'HUB portuale, in fase di completamento, che ospita la metromare che offre collegamenti veloci con la Sicilia tramite aliscafi e con traghetti (Ro-Ro), in futuro sarà attivato l'interscambio con le linee autobus metropolitane[49]. Al centro si colloca la stazione metropolitana di Reggio Calabria Lido che permette di usufruire della metro Tamburello[50] che collega il territorio metropolitano da Rosarno a Melito Porto Salvo.

Metro Tamburello
White dot.svg  Rosarno
White dot.svg  Gioia Tauro
White dot.svg  Palmi
White dot.svg  Bagnara
White dot.svg  Favazzina
White dot.svg  Scilla
White dot.svg  Villa San Giovanni
White dot.svg  Reggio Calabria Catona
White dot.svg  Reggio Calabria Gallico
White dot.svg  Reggio Calabria Archi
White dot.svg  Reggio Calabria Pentimele
White dot.svg  Reggio Calabria Santa Caterina
White dot.svg  Reggio Calabria Lido
White dot.svg  Reggio Calabria Centrale
White dot.svg  Reggio Calabria OMECA
White dot.svg  Reggio Calabria Aeroporto
White dot.svg  Reggio Calabria San Gregorio
White dot.svg  Reggio Calabria Pellaro
White dot.svg  Reggio Calabria Bocale
White dot.svg  Motta San Giovanni-Lazzaro
White dot.svg  Saline di Reggio
White dot.svg  Annà
White dot.svg  Melito di Porto Salvo


All'estremo sud si colloca la stazione Reggio Calabria Centrale, principale hub ferroviario del Mezzogiorno, permette di accedere alla metropolitana, di usufruire dell'interscambio con bus metropolitani e di linea, con taxi ed è servita da collegamenti ferroviari a lunga percorrenza (ferrovia ionica e tirrenica) e ad alta velocità (ferrovia tirrenica).

Nel terzo livello, anche conosciuto come via Marina alta, si sviluppa la striscia botanica, una grande area verde integrata nel tessuto urbano dove sono ospitate diverse piante e alberi rari. Al suo interno diverse sono presenti ben tre siti archeologici, nella zona nord è stata ricostruita una tomba ellenistica con annessa area sacra.

Uno scorcio delle terme romane

Spostandosi in direzione sud si trovano, a breve distanza tra loro, le mura greche, resti delle fortificazioni difensive cittadine e le terme romane, ruderi di uno tra gli otto impianti termali presenti in città in epoca Romana, con resti di pavimento musivo a piccole tessere bianche e nere. Il sito denominato "Terme Romane" è tra le poche testimonianze giunte ai giorni nostri del periodo in cui la città di Rhegium Julium fu Civitas Confoederata di Roma e prosperoso Municipium dell'impero romano in Magna Grecia. Sembra infatti che l'area interessata dall'impianto termale sia di gran lunga più estesa di quanto non sia la zona visitabile del sito.

Nel centro della città, rispecchiamento del lungomare è il Corso Garibaldi, lunga arteria interamente pedonale caratterizzata da un sistema a piazze nevralgiche nelle quali si affacciano alcuni dei più importanti edifici cittadini.

Da nord, la prima è piazza De Nava, sulla quale si affaccia il MARC - Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria, proseguendo s'incontra piazza San Giorgio, prospiciente l'omonima chiesa, per arrivare subito dopo nel centro ove si trova piazza Italia, nella quale si concentrano quattro delle principali istituzioni cittadine: il Teatro Comunale Francesco Cilea, Palazzo San Giorgio, la casa comunale; il Palazzo della Prefettura; Palazzo Alvaro, sede della Città Metropolitana.

Una delle gallerie della pinacoteca

Da considerare che presso il Teatro è ospitata la Pinacoteca civica con una ragguardevole collezione di opere d'arte, tra cui spiccano due tavole rinascimentali di Antonello da Messina della metà del Quattrocento. Inoltre la piazza ospita degli scavi ipogei, visitabili e visibili anche dall'alto grazie a dei lucernai che affacciano direttamente sulla piazza, che narrano la millenaria storia di Reggio.

Successivamente si giunge a piazza Camagna, caratterizzata da una scalinata monumentale che porta al Castello. Immediatamente dopo si trova piazza Duomo, interamente restaurata, nella quale si affaccia la Cattedrale cittadina e la casa natale di Uberto Boccioni.

Nella parte finale si collocano la Villa Comunale-orto botanico Umberto I, uno dei polmoni verdi della città e piazza Garibaldi, attualmente in fase di riqualificazione, sulla quale si affaccia la stazione Reggio Calabria Centrale.

In verticale la città, essendo ubicata su di un terreno collinare-montuoso, è attraversata dalle c.d. vie cannocchiale, la cui particolarità è che dalla cima è possibile vedere, come se si stesse guardando da un cannocchiale, lo Stretto e gran parte dell'abitato, in una visione particolarmente suggestiva.

La città si caratterizza altresì per diverse piazze, centri di aggregazione della cittadinanza, che, come visto in precedenza, in gran parte si collocano lungo il corso Garibaldi.

Piazza Vittorio Emanuele II, conosciuta come piazza Italia per la collocazione della statua dell'Italia turrita da 140 anni, è posta al centro del corso Garibaldi, è sempre stata importante centro politico-amministrativo della città. Era infatti sede dell'agorà in epoca greca e sede del foro in epoca romana. L'attuale studio e i recenti scavi archeologici hanno portato alla luce resti di antiche costruzioni distribuite in varie stratificazioni. Queste percorrono la storia della città dall'VIII secolo a.C. al XV secolo d.C. (dai Greci agli Angioini). Dopo il terremoto del 1783 la piazza fu riprogettata dall'ingegner Giovan Battista Mori ed ebbe varie denominazioni fino all'attuale toponimo di piazza Vittorio Emanuele II. Nel 1869 al centro della piazza fu collocato il Monumento all'Italia dello scultore Rocco Larussa e da allora è identificata con la denominazione di Piazza Italia.

Notturna del corso Garibaldi, principale via commerciale della città

La monumentale piazza De Nava, è intitolata al reggino Giuseppe De Nava, più volte ministro del Regno d'Italia dal 1916 al 1922, forte promotore della ricostruzione di Reggio nel luogo di origine dopo il terremoto del 1908[51], della realizzazione delle vie di comunicazioni, della lotta al problema dell’alfabetizzazione, la riforma del catasto e le bonifiche.

Essa si caratterizza per essere di forma rettangolare con un leggera inclinazione che attutisce la posizione in forte pendenza del terreno. Ai quattro angoli vi sono delle aree verdi semicircolari dove crescono palme, cui si aggiungono quattro caratteristici alberi di aranci intorno al monumento omonimo. Ha cinque ingressi sui quattro diversi lati, delimitati da ventuno colonne quadrate in pietra, tutti caratterizzati dalla presenza di lampioni in stile Liberty.

Il lato che affiaccia sul corso Garibaldi, di fronte al Museo, si caratterizza per l'accesso tramite un'ampia scalinata che introduce alla piazza e conduce al monumento, posto a ridosso del lato estremo nord.

La statua monumentale è composta da un grande blocco marmoreo, opera di Francesco Jerace del 1936, dove sono rappresentate delle scene agresti espressione di quella dignità del lavoro faro della politica del De Nava. Ai lati vi sono due fontane che riprendono La nascita di venere di Sandro Botticelli, il volto di Venere che fuoriesce da una conchiglia gettando dell'acqua che si riversa in una grande vasca, simbolicamente il mare dal quale è nata Venere secondo la leggenda di Esiodo narrata nella Teogonia[52].

Monumento a Giuseppe De Nava

Al di sopra del blocco principale vi è la statua di Giuseppe De Nava, rialzata da un piccolo basamento nel quale sono scolpiti lo stemma comunale, il San Giorgio che trafigge il drago, e a fianco lo stemma della provincia di Reggio Calabria[51].

La piazza del Carmine costituiva anticamente la porta d'ingresso sud della cinta muraria, attraverso la quale i garibaldini il 21 agosto 1860 entrarono in città attraverso l'odierna via XXI agosto. Sulla piazza si affaccia l'omonima Chiesa del Carmine, nel cui interno si conserva un altare del 1787 in ricco stile barocco, appartenuto alla vecchia cattedrale distrutta dal terremoto del 1908. Decorato con marmi di colore verde e giallo, l'altare è sormontato da una nicchia e da un piccolo tempietto dove è conservata la statua in legno della Madonna del Carmine. La piazza dopo il recente restauro è stata adornata con una fontana artistica.

Piazza del Carmine, in primo piano la fontana artistica, sullo sfondo la Chiesa del Carmine, custode dell'altare barocco del 1787

Anche piazza Castello è stato oggetto di recente restauro; posta nella parte alta del centro storico della città, è un grande spazio verde con ampie zone per la socializzazione e lo svago. In essa si trova l'antico Castello aragonese che fa da proscenio all'ampio giardino verde. Il restauro ne ha permesso una migliore fruizione anche per eventi concertistici, grazie alla possibilità di installare palchi e teli insonorizzanti che creano un vero e proprio teatro all'aperto.

Piazza Garibaldi, cuore di un quartiere multietnico, si caratterizza per la maestosa statua in marmo bianco di Carrara, opera di Alessandro Monteleone, raffigurante l'eroe dei Mille. Sulla piazza si affaccia la Stazione Ferroviaria Centrale, costruita nel 1925, nel cui atrio principale si trova un bassorilievo in ceramica dello scultore Michele di Raco che raffigura la Fata Morgana. La piazza a oggi non è interamente fruibile per lavori di riqualificazione e per indagini della Soprintendenza Archeologica su alcuni resti emersi duranti i lavori[53].

Piazza Carlo Mezzacapo, chiamata impropriamente "Sant'Agostino" per via dell'omonima chiesa che vi si affaccia, è una piazza storica del centro della città di Reggio Calabria, costruita nel 1937 in stile romanico-bizantino. La piazza è dedicata a Carlo Mezzacapo, eroe del Risorgimento, e fratello di Luigi al quale è intitolata la caserma che insiste nello stesso spazio urbano. Sulla piazza si affaccia inoltre la caserma Luigi Mezzacapo.

Piazza Indipendenza si trova nel cuore della città e connette le due principali arterie cittadine del Lungomare e del Corso, ospita la Stazione Lido ed è il centro nevralgico del traffico stradale reggino. La piazza è famosa in città per le vicissitudini della sua fontana artistica, sostituita da una area verde con palme. Per questo è diventata simbolo delle originali scelte delle amministrazioni comunali, quindi argomento di una poesia del poeta satirico reggino Nicola Giunta.

La nuova Piazza Duomo

Una delle piazze restaurate da poco è piazza Duomo, antistante la Cattedrale. Rispetto la collocazione originale, dopo il sisma del 1908, è stata ricostruita alcuni metri più a sud. Celebre è la battaglia combattutavi il 21 agosto 1860 tra i garibaldini e le truppe borboniche.

Ulteriore piazza oggetto di restauro recente è piazza Orange, una piazza di piccole dimensioni, collocata tra via Filippini e la via Orange, a ridosso del Castello. Attorno a essa si snodano moltissime attività commerciali.

Per approfondire:

Statue, opere e monumenti[modifica | modifica wikitesto]

Reggio ospita diverse statue, opere e monumenti di antichissima origine custoditi presso il Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo archeologico nazionale di Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso che ospita il museo è Palazzo Piacentini, imponente struttura articolata su quattro livelli esclusivamente dedicati all'esposizione artistica dei reperti. Fu progettato da Marcello Piacentini secondo le moderne tecniche di esposizione viste nei maggiori musei europei[54].

Ingresso del MArRC visto da Piazza De Nava

Nel tempo la struttura è stata notevolmente rimodernata, in particolare l'ultimo intervento completato nel 2016 ha realizzato il grande piazzale coperto all'interno intitolato a Paolo Orsi, che permette di assistere ai restauri dei reperti durante le visite da parte del pubblico[55], e la terrazza panoramica che permette di godere della splendida vista dello Stretto di Messina e ospita eventi culturali, concerti e incontri, come l'iniziativa Notti d'estate al MArRC del 2019, che ha permesso di fruire del museo anche nelle ore notturne[56].

L'istituzione originaria del museo risale al 18 giugno 1882, presso diverse sedi provvisorie, fino alla decisione definitiva di realizzare il grande polo museale, opera rallentata nel 1932 dal rinvenimento di una necropoli ellenistica durante i lavori di costruzione[54], di cui parte dei reperti sono stati integrati nel percorso espositivo.

Il museo ospita la più grande collezione al mondo di figure bronzee dell'antica Grecia, con quattro pezzi di rarità assoluta, essendo per lo più le statue bronzee andate perdute per rifusione nei periodi più travagliati dell'antichità[57].

I Bronzi di Riace, in primo piano il Giovane (bronzo A), sullo sfondo il Vecchio (bronzo B)

Opera più prestigiosa, unicum a livello mondiale, simbolo stesso della città, sono i Bronzi di Riace, due grandi statue in bronzo, il Giovane e il Vecchio, che - secondo le più recenti ipotesi - raffigurerebbero gli eroi appartenenti al mito dei sette contro Tebe (forse Tideo e Anfiarao o Eteocle e Polinice).

I bronzi sono statue di origine greca della metà del V secolo a.C.[58], raffigurano un oplita (Bronzo A - c.d. il Giovane) e un re guerriero (Bronzo B - c.d. il Vecchio) probabilmente per mano dello stesso maestro data la notevole somiglianza[59], certamente eseguite ad Argo, nel Peloponneso, come emerso dagli esami delle terre di fusione[60] eseguito dall’Istituto Centrale del Restauro di Roma.

Insieme all'Auriga di Delfi, custodito presso il Museo Archeologico di Delfi, sono considerate le uniche testimonianze bronzee dei grandi maestri scultori dell'arte classica in Grecia e Magna Grecia[61][62].

Oltre le due statue brozee, il museo ospita una delle più grandi collezioni mondiali di reperti della magnagrecia, vasellame, oggetti funerari e mosaici della Reggio magnogreca e romana, il kouros, opera di marmo pario che si suppone rappresenti Apollo[63].

Testa maschile barbata, profilo destro, anche conosciuta come Testa di Basilea

In particolare, rivestono grande importanza i reperti emersi dal relitto di porticello, una nave oneraria affondata intorno al 400 - 375 a.C. nei pressi di Reggio, il cui carico era composto da anfore, ancore e calamai, ma soprattutto la Testa del Filosofo e la Testa maschile barbata, meglio conosciuta come Testa di Basilea. Si tratta di parti di statue in bronzo rinvenute intatte dagli scavi sottomarini effettuati a largo di Villa San Giovanni, in località porticello, nel 1970[63].

Purtroppo, il relitto è stato oggetto inizialmente di spoliazioni clandestine che hanno fatto perdere parte del prezioso carico[57].

La testa maschile barbata fu uno dei reperti sottratti, una volta recuperata dal relitto è stata trafugata da trafficanti d'arte e immessa nel mercato nero dell'antiquariato, dove è passata tra le mani di diversi collezionisti, per giungere infine all'Antikenmuseum di Basilea, dove non fu mai esposta[64].

Nel 1978, grazie all'identikit della polizia italiana, è stata riconosciuta l'opera e nel 1993 è stata effettuata la restituzione da parte del museo svizzero[64], da qui il nome di Testa di Basilea. Subito dopo è iniziato il restauro da parte dell'Istituto Centrale del Restauro di Roma[64].

Volutamente asportata con delle mazze dall'artista dell'epoca per una rifusione, come si evince dalla rottura della radice del naso spezzata, che interessa anche gli occhi[64], essa è databile presumibilmente intorno al 460-450 a.C.[64], aspetto desumibile anche dallo stile severo, all'apogeo in quel periodo, caratterizzato da realismo e semplicità dei contorni, che risultano netti e decisi[64].

Di origine magnogreca, riproduce l'immagine di un uomo con barba, probabilmente Zeus Eleutherios (‘Liberatore’), figura spesso riprodotta dalle poleis magnogreche quali Siracusa[65], Reghion e Messana per celebrare la fine della tirannide[64]. Il volto è contornato da una folta barba e la fronte è stretta da una fascia, che dal lato sinistro presenta una incisione, forse dedicata al nodo della benda, ormai perduto[64].

Testa del Filosofo

Per quanto concerne la Testa del Filosofo, con l'avvio di scavi scientifico-sistematici dal 1970, per effetto della collaborazione tra le autorità locali e l'Università della Pennsylvania, sono emersi altri reperti che hanno permesso una migliore datazione[57]. Infatti, in parallelo, il bronzo è stato oggetto di restauro dall'Istituto Centrale del Restauro di Roma, dal 1972 al 1981[57].

Collocato intorno al V secolo, è espressione sublime della ritrattistica greca, data la rara espressività e l'elevata esecuzione tecnica[57]. È discussa la sua raffigurazione, secondo le ipotesi più accreditate potrebbe essere Caronda, filosofo epicureo che le fonti ricordano come legislatore di Rhegion, o ancora un poeta quale Esiodo, oppure una figura mitica come il saggio centauro Chirone[57].

Da ottobre 2020 il bronzo è nuovamente oggetto di restauro conservativo, tramite la tecnica "a vista" nel piazzale coperto Paolo Orsi, vero e proprio laboratorio trasparente, all'interno del museo[66].

La collezione museale è arricchita anche da diversi gioielli, vasi, statuine femminili e oggetti di uso quotidiano dalla preistoria all'età del ferro, un considerevole corredo religioso delle varie Poleis magnogreche, tra cui spiccano gli oggetti funerari di Metauros, Locri Lucifero, Laos, Castellace, Varapodio e La "casa del mosaico" di Taureana[67].

In precendenza il Museo ospitava anche la collezione di opere d'arte cittadine, tuttavia data l'ampiezza del complesso artistico le tele sono state trasferite presso la Pinacoteca Civica di Reggio Calabria.

Pinacoteca civica di Reggio Calabria[modifica | modifica wikitesto]

Presso la Pinacoteca civica di Reggio Calabria sono ospitate le opere di Antonello da Messina raffiguranti l'Apparizione degli Angeli ad Abramo e San Girolamo penitente del 1460 e 1465 che aprono il percorso al visitatore[68].

La raccolta segue un percorso cronologico di esposizione che propone alcuni dipinti del XVI e XVII secolo che mette in luce un influsso artistico misto frutto delle influenze artistiche venete e meridionali, caratterizzate dal persistere dello stile bizantino che per secoli ha dominato la scena artistica locale. In particolare spiccano la Giuditta e Oloferne, il Martirio di San Bartolomeo, ascritto al Novelli, e il Cristo e l’adultera di Luca Giordano.

Gallerie della pinacoteca

Una delle opere più rilevanti del Seicento è Il Ritorno del Figlio prodigo di Mattia Preti ove è raffigurata la parabola dell'evangelista Luca (c.15, v.11-32).

Scrive Giorgio Leone "Il tema del Ritorno del figliol prodigo è stato spesso trattato da Mattia Preti nella sua lunga carriera pittorica. Alle testimonianze artistiche conosciute si possono aggiungere le già note citazioni della ‘vita’ del De Domirici, dove oltre alla tela del duca di Maddaloni (Utili 1999, p. 138) se ne ricordano altre due en pendant eseguite dal pittore per il marchese Gagliano (De Dominici 1742, p. 342), e le più recenti scoperte archivistiche, come quella del 1686 relativa ad alcuni quadri di don Silvio Sortino, fra i quali uno raffigurante una storia del figliol prodigo (Spike 1998, pp. 229,231,253). Questa frequenza del soggetto sembra in accordo con le scelte tematiche della ‘pedagogia’ controriformistica che in esso celebrava il pentimento e il perdono, lasciando trasparire significative allusioni alla Confessione – tanto dibattuta dal protestantesimo -, attraverso richiami all’autorità, all’obbedienza, alle «metamorfosi del peccato» e finanche al rispetto «del diritto alle proprie scelte» (De Maio 1983, p. 51). … Qualunque sia l’impaginazione (di ampio respiro – nelle quali rientra questa di Reggio Calabria – o di taglio ravvicinato) può essere messo in evidenza come elemento iconografico essenziale l’abbraccio fra padre e figlio, che privilegia dunque il sentimento della riconciliazione.

Fra tutti i dipinti con analogo soggetto pervenuti e di grande dimensione, questo è senz’altro il più affollato di personaggi secondari, tratti essenzialmente dal racconto evangelico, ma anche inseriti per assecondare quella ‘meraviglia’ che, come è stato rilevato (De Maio 1983, p. 51), nei gesti degli astanti amplìfìca quello del perdono del padre. Nello stesso tempo, però, l’impaginazione è caratterizzata da un’assenza di monumentalità delle figure, quasi che si volesse privilegiare l’aspetto narrativo del racconto, come del resto sembrerebbe sottolineato dall’impostazione da sotto in su e dalle molteplici ‘quinte’ che articolano e definiscono lo spazio in senso scenografico."

Sin dalle prime segnalazioni questo dipinto, oggi custodito a Reggio Calabria, è stato considerato eseguito durante gli anni napoletani del Preti, riscontrandovi ora vicinanze con il Convito di Baldassarre di Capodimonte (Montalto 1920, p. 104), ora con la tela di Le Mans (Utili 1982, p. 229), in ogni modo lo si è ritenuto databile nel corso degli anni Cinquanta, (Carandente 1971, p. 5)."[69].

Martirio di San Lorenzo - Pinacoteca Civica di Reggio Calabria

Espressione dell'arte settecentesca sono portate avanti dalle opere di Vincenzo Cannizzaro, discepolo di Francesco De Mura[70], tra cui sono da ricordare il Martirio di San Lorenzo e la Trasfigurazione di Cristo, quest'ultima ospitata presso la Galleria Nazionale di Parma[70].

Sala dei paesaggi - sulla sinistra la Quiete, sulla destra Aspromonte, opere di Giuseppe Benassai. Al centro, tra le due tele, la Nosside di Locri di F. Jerace, Pinacoteca Civica di Reggio Calabria

Ascrivibili all'Ottocento sono tre diversi generi, i paesaggi, la natura morta e la ritrattistica. Dei primi due generi, tre opere sono probabilmente attribuibili al Lorenzo De Caro[71]. Tra i paesaggi sono esposte diverse vedute di Ignazio Lavagna Fieschi e spicca l'opera La Marina di Adrien Manglard, insieme a due capolavori di Giuseppe Benassai, la Quiete e Aspromonte.

La ritrattistica è principalmente dedicata agli autori del Risorgimento in città da Spanò Bolani a Stefano Romeo a Demetrio Salazar[71].

Nella sezione dedicata al Novecento sono esposte diverse opere promosse all'epoca da Alfonso Frangipane presso le Biennali d'Arte[71].

In particolare i dipinti di Enrico Salfi, Rubens Santoro, Francesco Raffaele e Vincenzo Jerace, tutti artisti calabresi la cui presenza impreziosisce la collezione e fa di essa una interessante testimonianza di arte calabrese[71]. Diverse sono anche le testimonianze del Futurismo come Autostrada di Carlo Filosa[72], e Autostrada del sole di Benedetto Enzo, importanti esponenti dell'avaguardia futurista reggina[73].

Una parte della Galleria è dedicata alle sculture di importanti artisti calabresi.

Tra le opere marmoree si trovano[74] la Nobildonna Giuseppina De Nava e la preziosissima Nosside di Locri del 1920 di Francesco Jerace. Altresì si annoverano anche il Busto di Rosetta del 1948, di Pasquale Panetta e il Busto di Salazar di Rocco La Russa. Diversamente si pone l'opera di Emilio Caputo, Maternità, che rappresenta le figure di una donna che culla un bambino appena nato, l'uso di tratti quasi abozzati e le forme interamente curvilinee della scultura hanno un richiamo ancestrale alle opere preistoriche simboleggianti la fertilità e la celebrazione della donna[75].

Nosside di Locri di F. Jerace - Pinacoteca Civica di Reggio Calabria

Infine è custodita anche una scultura in bronzo di Saverio Gatto La spina[76], che raffigura due naiadi, una dafne è rimasta punta da una spina nel piede destro e la compagna la aiuta cercando di sfilare con le dita l'ago[77].

Palazzo della Cultura Pasquino Cupri[modifica | modifica wikitesto]

Ulteriore polo museale cittadino è il Palazzo della cultura "Pasquino Crupi", galleria d'arte novecentesca, ex befotrofio cittadino ed ex sede della Facoltà di Ingegneria[78], diverse sono le opere custodite di De Chirico, Dalì, Campigli, Carrà, Ligabue, Cascella, Fontana[79]. La collezione, del valore di 4 milioni di euro, ha una storia travagliata, essendo oggetto della confisca operata nei confronti Gioacchino Campolo, boss della 'ndranghetà soprannominato Re del videopoker. La collezione adornava la casa del boss in tutti i suoi ambienti, tant'è che una tela di Cappelli era custodita in bagno, un Ligabue sotto il letto, un Dalì in cucina, le Ballerine di Massimo Campigli e un Fontana tra il corridoio e gli altri appartamenti[80]

I dipinti sono espressione delle diverse correnti artistiche del Novecento, è possibile trovare l'eccletismo di Salvador Dalì con Fuente de vida, rappresentazione di due volti femmili che osservano il calice della vita, dal quale rispecchiano il loro stesso profilo. Nella parte bassa si può osservare in lontananza una madre con la propria figlia che indica l'orizzonte, a simboleggiare che anche la figlia a sua volta berrà da quel calice[81].

Altra opera pregevole di Salvador Dalì è Romeo e Giulietta, l'opera di una certa complessità si caratterizza per raffigurare al centro della scena la morte che è incarnata da diversi simboli, gli angeli, i due corpi in basso, il teschio al centro, e il tutto è racchiuso in una spirale acuminata, espressione della sofferenza dei due amanti[81].

Raffigurazione dell'arte naïf sono le tele del maestro Antonio Ligabue, Scoiattolo e Tigre e Serpente; il cubismo di Giorgio De Chirico con Piazza d'Italia e Le muse inquietanti[79]; e il crepuscolarismo di Michele Cascella con Vaso di fiori con arancia, Casolare in Abruzzo e Portofino.

Le Ballerine di Massimo Campigli che si può collocare nel periodo artistisco della fascinazione etrusca, le ballerie danzano su di uno sfondo avorio, riprodotte con lineamenti molto semplici, quasi indistinte nei volti, riprendendo una cultura rupestre. Gli unici colori usati, molto tenui, sono esclusivamente dedicati ai vestiti delle danzatrici.

Mino Maccari con Figure, espressione classica della sua arte decisa, violenta e potente che raffigura un gruppo di uomini intenti a parlare sullo sfondo, ignorando in primo piano l'ubriaco soccorso da un ragazzo. E ancora Giuseppe Migneco con Pescatore e Venditore di pesce, Remo Brindisi con Maternità del 1971, Antonio Bueno con Volto 1920.

Notevole è la sezione dedicata all'astrattismo con Mario Sironi Moltiplicazione II, Lucio Fontana con Concetto spaziale, attese, Luigi Veronesi in Struttura B1 del 1984, Agostino Bonalumi con Senza Titolo, Concetto Spaziale.

Altresì sono presenti due studi a gessetto rosso di Pietro Annigoni[82], ispirati al disegno rinascimentale, Un interno di giardino di Giovanni Omiccioli del 1945[82], uno Studio di donna seduta di Alberto Sughi e Pietro Dorazio con Traguardo II, intreccio di fili colorati riprodotti nella forma costante di trapezi isolsceli connessi continuamente[82], e altre ancora.

Una sezione delle opere è dedicata ai falsi d'autore, perfette riproduzioni acquistate dal collezionista come tele autentiche, ma in realtà dei falsi artistici di grandissima qualità. Tra di essi si trovano dei Guttuso con Nudo di Donna, Nudo di Donna con calze e Vaso di fiori rossi; Mario Schifano, Salvatore Fiume e Filippo Palizzi, spicca la Jacqueline au chapeau noir di Pablo Picasso del 1962, una perfetta riproduzione dell'autentico custodito al MOMA di New York[83][82][84] e Il trovatore di De Chirico, opera spesso oggetto di falsificazione d'autore, di cui si rivengono diverse copie pregevoli in diversi musei d'arte internazionali.

Oltre la grande sezione dedicata al Novecento, una parte della Galleria è riservata a opere dal XVI al XIX secolo, tra cui risaltano la Trinitas Terrestris con Santi di Scuola Spagnola del secolo XVIII, la Madonna con il bambino di artista ignoto di ambito meridionale, un crocifisso del XVII secolo di Scuola italiana, la Vanità del pittore olandese Godfried Schalcken nella quale si scorge la figura di una donna bionda, probabilmente in stato interessante, illuminata dal basso da una fiaccola, retta da un ragazzo affascinato dalla sua bellezza, intenta a specchiarsi in modo vanesio di fronte all'uomo che la osserva estasiato e al bambino[82].

Inoltre vi è una pregevolissima mappa sismica della Calabria ulteriore prima realizzata con fogli di carta assemblati nel 1784 da un frate incaricato di censire lo stato dei territori all'indomani del devastante terremoto del 1783[85].

Una parte del museo ospita la collezione "San Paolo"[86], composta da diverse icone russe e un San Giorgio sfregiato, attribuiti ad Antonello di Saliba, esponente della scuola di Antonello da Messina[87], un bozzetto raffigurante Mosè di Raffaello[85], una Madonna con bambino di Cima da Conegliano e varie opere di Antonino Cilea, Giovanni Bellini, Guido Reni, Lorenzo Lotto[87].

A impreziosire ancor di più la collezione, vi sono diversi ori e argenti del Seicento e Settecento di provenienza napoletana e siciliana, tra cui spiccano un reliquiario figurato con edicole della crocifissione e dei Santi[87], un ostensorio d'argento forgiato da Filippo Juvarra nel 1770[87] e un cofanetto in avorio riportante l'effige di Santa Rosalia del XVII secolo[87].

La città è conosciuta in tutto il mondo per il bergamotto DOP, agrume spontaneo coltivabile solo nella fascia costiera ionica di Reggio Calabria, cui è dedicato il Museo del Bergamotto. Il polo museale ospitato presso l'antico mercato coperto cittadino, racchiude al suo interno i macchinari estrattivi dal Settecento fino al Novecento. Il tutto corredato da una importante storia fotografica composta da scatti d'epoca che narrano lo sviluppo dell'industria estrattiva dell'oro verde di Calabria[88].

Una parte dell'allestimento museale è dedicato ai prodotti finiti, quali olio essenziale, essenza profumiera, la famosa acqua di colonia Calabrisella, ed anche eccentrica oggettistica varia realizzata con le bucce essiccate[89].

Porta di accesso al Castello in notturna

Castello Aragonese[modifica | modifica wikitesto]

Al centro della città è presente l'imponente Castello Aragonese, bastione difensivo oggi restaurato e adibito a galleria di esposizione temporanea per eventi e mostre.

Oggi la piazza ed il complesso sono inglobati nel centro della città, dato lo sviluppo del centro urbano, ma si suppone che in precedenza il castello fosse stato concepito come bastione angolare del muro di cinta cittadino.

Costruito dai bizantini su ordine dell'Imperatore Giustiniano, se ne documenta un primo nucleo già nel 536 d.c.[90]. La sua costruzione ed ampliamento è stato un processo graduale nel tempo che vede le sue fondamenta tra il IX e l'XI secolo, fu ampliato da Federico II di Svevia e dopo le guerre tra angioni e aragonesi per il controllo del meridione, fu ulteriormente fortificato da Giovanna I nel 1381[90].

La più importante modifica, ancora oggi visibile, è la costruzione delle due imponenti torri merlate da parte di Re Ferrante[90], oltre la creazione di un fossato alimentato dal torrente Orangi, oggi completamente interrato.

Successivamente fu aumentata la sua capienza da parte di Pietro di Toledo per poter accogliere fino a mille persone entro le proprie mura[90].

Nel 1860, con la presa della città da parte dei garibaldini, il castello divenne prigione politica e luogo di esecuzione dei ribelli al governo dittatoriale di Garibaldi[90]. Un prestigioso riconoscimento, la dichiarazione di Monumento nazionale, ha insignito le due torri merlate nel 1867[90][91].

Purtroppo il terremoto del 1908 ha fortementr danneggiato la parte più antica, tuttavia lasciando intatte le due torri merlate, cosicché è stato deciso di rimodellare la pianta cittadina eliminando la parte che occupava l'odierna via Aschenez.

Negli ultimi anni il Castello è stato completamente restaurato e reso fruibile su tre livelli, l'ampia piazza esterna che permette di ospitare palchi e concerti. Nel 2019 sul palco del Reggio Live Fest ha ospitato Max Gazzè, Carl Brave[92] e Levante, dove per quest'ultima è stato realizzato un grande palco coperto con platea, vero e proprio gran teatro sotto le stelle[93][94][95].

L'ampia terrazza sul bastione, sullo sfondo lo Stretto di Messina e la Riserva Naturale Orientata Fiumedinisi e Monte Scuderi in Sicilia

La parte interna si suddivide su tre piani, l'atrio con un grande corridoio, l'ascensore per accesso immediato all'ultimo piano e le scale che conducono al primo piano, un primo piano con terrazza esterna dove sono ospitate alcune sculture di artisti locali e sulla destra vi è la scala di accesso alla torre sud, che ospita una saletta con scolatorio per l'acqua piovana.

All'ultimo piano, nel corridoio che collega le due torri è stata ricavata l'ampia galleria dedicata a Garcilaso De La Vega, alcade di Reggio Calabria dal 1534 al 1536[96]. Dalla torre nord è possibile accedere tramite una scala a chiocciola, in parte orginale, in parte ricostruita, all'ampia terrazza che si spande sulla galleria ed il bastione sud, offrendo una vista completa sulla città e sullo Stretto.

Il Cippo marmoreo a Vittorio Emanuele III, opera di Camillo Autore del 1932, fu eretto in onore di Vittorio Emanuele III che vi sbarcò toccando per la prima volta il suolo nazionale da sovrano il 31 luglio 1900, sorge sul "Molo di Porto Salvo" antistante l'Arena dello Stretto.

Il Monumento ai Caduti, eretto sul Lungomare, fu inaugurato nel 1930 alla presenza del re Vittorio Emanuele III. Il monumento, progettato dallo scultore locale Francesco Jerace (autore per altro de L'Azione, celebre scultura del Vittoriano), è costituito da una statua in bronzo della vittoria alata recante una spada e la palma del martirio, su una colonna rostrata. Due statue in bronzo alla base rappresentano un antico guerriero bruzio, con un vistoso scudo e un fante armato su un cannone.

Il Monumento all'Italia, statua in marmo bianco di Carrara, posta al centro dell'omonima piazza.

Il Monumento al 38º parallelo, costituito da un basamento a forma di tronco di piramide (sul cui lato obliquo sono posti dei medaglioni con l'emblema delle sei città attraversate dal 38º parallelo), sorge in località Bocale, nel punto esatto dove tale parallelo incontra la strada statale 106 Jonica.

Fontane[modifica | modifica wikitesto]

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

«Reggio is indeed one vast garden, and doubtless one of the loveliest spots to be seen on earth.[97]»

(IT)

«Reggio è veramente un grande giardino, e senza dubbio uno dei posti più belli che si possano trovare sulla terra.[98]»

(Edward Lear, Diario di un viaggio a piedi)
  • Villa comunale Umberto I
    Dove la vegetazione mediterranea convive con autentiche rarità provenienti da ogni parte del mondo. Fino a qualche anno fa ospitava un giardino zoologico.[99]
  • Lungomare Falcomatà
    Un polmone verde di 2,5 km con imponenti alberi e diverse piante esotiche.
  • Parco Caserta
    Un grande spazio verde che sorge sopra quella che fu la Fiera Agrumaria, al cui interno sorgono strutture sportive di rilievo.
  • Parco della Rotonda, o Parco Robert Baden Powell
    Sorge immediatamente sotto la Piazza Rotonda, vicino al Santuario di San Paolo. Ospita un teatro e un grande spazio di verde attrezzato dove vengono svolti spettacoli di animazione e intrattenimento per minori.
  • Pineta Zerbi
    Spazio verde nei pressi della vecchia stazione Lido (oggi divenuta Museo dello strumento musicale), dove ogni due settimane si tiene un mercatino dell'antiquariato durante la domenica.
  • Parco della Mondialità
    Nel quartiere di Gallico, ospita riproduzioni delle abitazioni tipiche di antiche civiltà.
  • Villa Guarna, nel quartiere di Sbarre.
  • Il Palmarium
    Area a verde attrezzato sita nella zona prospiciente Palazzo Campanella, con piante di grande pregio e di specie talvolta uniche in Europa che provengono da tutte le cinque provincie calabresi[N 1].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

I dati raccolti durante i censimenti ufficiali della popolazione residente a Reggio hanno sempre registrato un costante aumento del numero dei suoi abitanti. Solo nel censimento del 1911 si è avuta una diminuzione dovuta alle conseguenze del catastrofico terremoto del 1908 che provocò migliaia di vittime. In soli cinquant'anni la popolazione della città è più che raddoppiata passando dalle 75.000 unità del 1911 alle oltre 150.000 del 1961.

Nel censimento del 2001 il numero degli abitanti ha oltrepassato la soglia delle 180.000 unità, tuttavia, a distanza di pochi anni (censimenti Istat 2011 e 2019) la città ha registrato una sostanziale stagnazione demografica, restando ancorata al valore raggiunto[100].

Come per molte città italiane l'area urbana nel tempo si è trasformata, e dalla città racchiusa all'interno dei confini municipali si è giunti ad un'area metropolitana, grazie alla progressiva incorporazione di piccoli comuni che circondano la città che ormai vanno a formare con essa un complesso tessuto urbanistico. Abitanti censiti[101]

Nota: il diagramma si riferisce all'attuale comune di Reggio Calabria a partire dal 1938. I dati precedenti sono riferiti alla somma della popolazione dei singoli comuni che poi saranno inglobati formando il comune attuale

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

I cittadini stranieri residenti a Reggio di Calabria, al 31 dicembre 2019, sono 12.361[102]. Le comunità nazionali più numerose sono:

  1. Romania 2990
  2. Marocco 2312
  3. Filippine 1448
  4. India 1212
  5. Ucraina 806
  6. Georgia 514
  7. Polonia 438
  8. Nigeria 289
  9. Cina 263
  10. Moldavia 189

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Culto religioso nell'antica polis reggina.
Chiesa Cristiana Evangelica Pentecostale ADI in via S. Giuseppe

La città, come del resto l'intera Calabria, conosce due fasi ben distinte di storia religiosa[103][104]:

  • la prima di influenza greco-bizantina, con gli effetti dell'iconoclastica e della provenienza di un clero "basiliano" dalle terre dell'Impero d'Oriente, con l'annessione dell'intera Calabria in questo impero fino all'arrivo dei Normanni, con Roberto il Guiscardo, che favorirono la latinizzazione della diocesi, in accordo con la Curia Romana.
  • la seconda fase iniziò con la diffusione della Controriforma, dell'organizzazione ecclesiastica prevista dalla normativa tridentina, con la latinizzazione dei cleri locali, con l'espansione degli ordini religiosi, Domenicani, Francescani, Gesuiti, che oltre ad avviare un capillare processo di catechizzazione della popolazione si fecero propulsori e sostenitori di grandi movimenti confraternali.

La prima confessione religiosa della città è quella cattolica, il cui culto è retto dall'Arcidiocesi metropolita di Reggio Calabria-Bova, fondata da San Paolo Apostolo nel 61 d.C.[105] Sono presenti numerose comunità appartenenti ad altri culti, ciascuno afferente a uno o più luoghi cittadini (come la chiesa Valdese di via Possidonea, la chiesa pentecostale delle Assemblee di Dio in Italia in via S.Giuseppe[106] la Cappella greco-ortodossa di Sant'Elia lo Speleota[107], la Chiesa Cattolica dei Greci e la nuova Chiesa ortodossa di San Paolo dei greci del rione Sbarre[108]).

Il seminario arcivescovile "Pio XI", fondato 25 agosto 1565 dopo il Concilio di Trento, è il primo sorto in Calabria ed una tra le più antiche istituzioni del settore.[senza fonte]

Lingue e dialetti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dialetto reggino e Dialetti calabresi.

Il reggino è, tra i dialetti calabresi e della Calabria meridionale, quello che si è evoluto maggiormente negli anni. Inizialmente l'idioma reggino, nato dal greco dei primi coloni calcidesi, fu parlato fino all'età bizantina senza subire notevoli influenze da altre lingue; successivamente fu arricchito dal latino, non tanto durante l'impero romano ma, più probabilmente, in epoca medioevale con l'arrivo dei normanni.

Reggio è stata infatti per millenni "roccaforte" della cultura greca in Italia.[109]

Ne sono oggi testimonianza vari elementi:

  • la presenza di alcune minoranze linguistiche di grecofono (dialetto greco-calabro), localizzate in alcune zone della provincia o in alcuni rioni cittadini, costituite da nuclei di ellenofoni a cui si sono sommati recenti insediamenti di immigrazione dall'Aspromonte grecanico;
  • la presenza di molte famiglie con cognomi di origine greca. Ad esempio, il cognome più comune in città è "Romeo", che è un eponimo o nome greco di famiglia e che significa, ancora oggi, per i Greci: "Romani grecizzati di Costantinopoli".

Quella che era la lingua parlata prima dell'anno mille a Reggio Calabria, piena di influenze dal greco antico e ampiamente diffusa fino a qualche secolo fa in tutta la Calabria meridionale, oggi risulta quasi completamente scomparsa poiché ha perso molto in favore dell'unità linguistica nazionale (l'italiano) e del dialetto neolatino della Sicilia e della Calabria.

Su di essa però si sono sviluppati un tipo di dialetto e una parlata molto particolari che l'avvicinano alle varietà parlate in Sicilia, tanto da costituirne un vero e proprio dialetto siciliano. Tutto questo conferisce al dialetto reggino una "cadenza" (accento) siciliana.

Infatti il dialetto reggino, nell'area compresa tra Scilla e Bova, presenta un'assenza delle consonanti "dure", tipiche del resto della Calabria, e manifesta delle forti corrispondenze linguistico-lessicali con il dialetto messinese.

Il reggino e il messinese, due dialetti molto simili, differiscono solo per alcune variazioni nell'intonazione e per poche varianti nell'uso delle consonanti.

Istituzioni, enti e associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il palazzo di Giustizia della città

Reggio Calabria è sede di diverse istituzioni regionali e nazionali, tra cui:

Ospedali[modifica | modifica wikitesto]

Le principali aziende e strutture ospedaliere sono:

Qualità della vita e problematiche della città[modifica | modifica wikitesto]

La città, nonostante le potenzialità inespresse di cui è portatrice, ha nel tempo sofferto sempre maggiormente delle diverse problematiche irrisolte, al punto tale da pregiudicare molto spesso lo sviluppo economico, sociale e culturale della stessa.

Disoccupazione[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei problemi principali è il tasso di disoccupazione che interessa sia la città. Più volte l'analisi condotta annualmente dal Il Sole 24 Ore sulla qualità della vita delle province italiane[119][120], ne ha sottolineato l'incidenza, soprattutto sulle prospettive per i più giovani. Inoltre, altrettanto alto è il tasso percentuale di NEET (giovani non occupati e non in istruzione e formazione)[121].

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La città non dispone di collegamento alla rete ferroviaria ad alta velocità, nonostante i treni vi facciano tappa[122][123]; risulta in progettazione la realizzazione del progetto di adeguamento della rete ferroviaria sulla tratta Salerno-Reggio Calabria[124].

L'Aeroporto dello Stretto "Tito Minniti", scalo aereo cittadino, dopo un notevole calo dei passeggeri in transito negli ultimi anni[125], sarà oggetto di importanti interventi di ristrutturazione e messa in sicurezza, finalizzati al rilancio della aerostazione[126][127]. Sul territorio cittadino è attivo il sistema ferroviario metropolitano "Tamburello" che attraversa la città metropolitana, connettendo l'asse Melito di Porto Salvo - Rosarno.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'indice di Legambiente sull'ecosistema urbano 2019, Reggio Calabria si trova in 71ª posizione su 104, con il punteggio percentuale di 49,26%[128].

Criminalità[modifica | modifica wikitesto]

La 'ndrangheta[modifica | modifica wikitesto]

Reggio Calabria vista dal quartiere di Gallina

La 'ndrangheta è il fattore principale che ha reso Reggio e la Calabria tristemente famosa. Essa è una piaga che ha diminuito e condizionato le potenzialità economiche e turistiche della città e del suo comprensorio.

La derivazione diretta dal termine greco andragathía, (ανδραγαθια) vuol dire "virilità", "coraggio", nel senso di "associazione di uomini valenti"; o secondo un'altra etimologia deriverebbere dal toponimo "Andragathia Regio", che in età moderna designava un'ampia zona comprendente Calabria e Basilicata. Nata dunque a metà dell'Ottocento, la 'ndrangheta si afferma nei successivi 50 anni -grazie alla scarsa presenza nel territorio delle autorità- imponendosi in tutta la regione.

La mancanza di una "cupola ", una struttura capace di governo unitario capace di regolare i conflitti, ha causato una lunga serie di faide e guerre tra le 'ndrine (famiglie 'ndranghetiste). Nella seconda metà degli anni ottanta le strade di Reggio furono insanguinate da una guerra di 'ndrangheta tra le famiglie che facevano capo ai due boss Paolo De Stefano e Antonino Imerti. Proprio in quel periodo avvenivano le segretissime "riunioni di Polsi", vani tentativi di creare un'autorità mafiosa che potesse bloccare la sanguinosa guerra cominciata nel 1985. Questa guerra tra clan si concluse grazie alla mediazione dei boss di Cosa nostra solo nel 1991. La confessione di Filippo Barreca (già legato ai servizi segreti) descrive infatti l'opera di mediazione svolta da Paolo Romeo, e l'accordo tra i De Stefano e gli Imerti.

Gli effetti della "pace" tra le cosche furono di lunga durata e ben visibili ancora oggi. Prima conferma di questo fu una considerevole, netta e costante diminuzione degli omicidi mafiosi in provincia di Reggio. I dati forniti dal prefetto di Reggio per il periodo 1990-2001 sono particolarmente significativi.

Quello che però appare evidente è che alcune zone della città e della sua provincia continuano a essere controllate da famiglie 'ndranghetiste, che spesso rendono impossibile lo sviluppo economico attraverso il racket o il controllo diretto delle imprese.

Dopo la cosiddetta "pace mafiosa", nei primi anni novanta si venne a creare una struttura di comando che faceva da unione tra le maggiori 'ndrine calabresi. Ciò era simile, anche se non uguale, alla Commissione di Cosa nostra, che si riunisce solo per decidere in merito a questioni particolarmente importanti. Questa pseudo-organizzazione impegna tutte le 'ndrine al rispetto di tali decisioni lasciandole nel contempo libere ed autonome scelte per ciò che riguarda il resto delle attività mafiose. In questo modo la 'ndrangheta ha superato una storica mancanza di direzione unitaria riuscendo a garantire sia un certo controllo delle questioni più importanti, sia un ampio margine di autonomia alle singole 'ndrine, caratteristica tipica della plurisecolare mafia calabrese.

A causa degli ultimi eventi criminosi avvenuti in città e legati alla n'drangheta, il 28 gennaio 2010 si è tenuto nella Prefettura della città un Consiglio dei ministri straordinario per adottare un provvedimento legislativo articolato in 10 punti contro le organizzazioni criminali italiane (Cosa Nostra-'Ndrangheta-Camorra-Sacra Corona Unita)[129].

Il 9 ottobre 2012 il Comune di Reggio Calabria, guidato dal PdL Demetrio Arena, viene sciolto dal Ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri per "contiguità" ad ambienti mafiosi e gestito da una Commissione straordinaria prefettizia.

Con il processo Gotha è stata individuata la componente "riservata" della 'ndrangheta reggina.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

Dove fu stampata la prima Bibbia Ebraica

Reggio detiene un singolare primato in materia di pubblicazioni. Infatti proprio qui fu stampata la prima edizione ebraica della Bibbia. Nell'anno 1475 (agli albori della stampa) vi era un fiorente ghetto ebraico nell'attuale zona intorno alla via Giudecca, in cui fervevano laboratori artigianali e molteplici attività commerciali. Presso una delle prime stamperie della storia con sede nella Giudecca di Reggio, fu infatti stampata il 5 febbraio 1475 la prima versione ebraica della Bibbia, secondo quanto riportato sulla "Storia di Reggio Calabria", di Domenico Spanò Bolani. Inoltre lo storico Vito Capialbi così scriveva nelle sue "Memorie delle Tipografie Calabresi":

«In quest'antica e illustre città di Reggio posta all'estrema punta d'Italia di rimpetto alla Sicilia, vide la sua luce la prima edizione ebraica della Bibbia nel mese di Adar dell'anno 5235 della creazione del mondo, vale a dire tra il febbraio e il marzo dell'era cristiana anno 1475.

Fu dessa il Commentario al Pentateuco di Rabbi Salomone Jarco impresso da un tale Abramo Garton figliuolo di Isacco, del quale niun'altra notizia mi è riuscito di raccogliere. E sebbene nell'istesso anno si fosse stampato in Pieve di Sacco, terra nel Padovano, il Rabbi Jacobi Ben Ascer Arba Jurim, ch'è la più antica delle altre edizioni ebraiche conosciute, pure dessa trovandosi impressa colla data del mese Jamuz, per quattro mesi posteriore devesi riputare.»

(Vito Capialbi, Memorie delle Tipografie Calabresi, 1835)
La copia anastatica del Pentateuco di Rabbi Salomone Jarco è visionabile presso la Biblioteca comunale "Pietro De Nava". (Jewish Encyclopedia per approfondimenti)

Reggio è sede di numerose biblioteche tra cui:

  • Archivio di Stato di Reggio Calabria, istituito nel 1852 con legge borbonica del 1818. Fu trasferito alle dipendenze dell'amministrazione provinciale nel 1866, divenne Archivio provinciale di Stato nel 1932 e Sezione di Archivio di Stato nel 1939. Successivamente con il DPR del 30 settembre n. 1409 del 1963 assunse l'attuale denominazione di Archivio di Stato, da cui dipendono le due sezioni di Locri e Palmi istituite con decreti ministeriali del 1965.
  • Biblioteca dell'Archivio di Stato, nata contestualmente all'archivio, è costituita da 7.701 volumi e opuscoli, 244 testate di periodici per un totale di 4037 annate, editi tra il XVIII e il XXI secolo, in parte ricevuti dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e in parte ricevuti in omaggio. I testi conservati riguardano la storia politica, economica, sociale, culturale italiana e calabrese con particolare riferimento a Reggio e alla sua provincia. Sono inoltre qui conservate alcune biblioteche private:
    • Biblioteca Visalli, donata nel 1847;
    • Biblioteca Plutino, depositata nel 1986;
    • Biblioteca Foti, depositata nel 1993.
  • Biblioteca del Consiglio Regionale della Calabria, nata nel 1973, conta oggi oltre 40 000 volumi. L'accesso è consentito al pubblico, in particolar modo agli studenti universitari provenienti dalle facoltà di giurisprudenza, architettura e ingegneria dell'Università Mediterranea per la preparazione di esami, esercitazioni, tesine, dissertazioni di laurea, con consultazione in sede, prestito e scambio interbibliotecario. La biblioteca è formata da tre sezioni: la sezione multidisciplinare dotata di 30 000 volumi, la sezione giuridica dotata di circa 9 000 volumi e banche dati su CD-ROM, la sezione dedicata alla Calabria con circa 6 500 volumi. Tra i quali il più antico "Historia dé Svevi nel conquisto dé Regni di Napoli, e di Sicilia per l'Imperatore Enrico Sefto" di Don Carlo Calà, che risale al XVII secolo.
  • Biblioteca comunale "Pietro De Nava", fondata nel 1818, è la più antica tra le biblioteche calabresi e custodisce volumi risalenti al XIII secolo. Complessivamente il patrimonio bibliografico conta 115.000 opere, mentre quello emerografico 424 raccolte. La Biblioteca De Nava gestisce inoltre le altre biblioteche comunali dislocate nei quartieri periferici della città.
  • Biblioteca del Museo Nazionale della Magna Grecia, ricca biblioteca con oltre 10 000 volumi.
  • Biblioteca della Sovrintendenza Archeologica della Calabria
  • Biblioteca Arcivescovile "Mons. Antonio Lanza", che conta 35 000 volumi di carattere teologico, biblico e storico.
  • Biblioteca "San Nilo" del Seminario pontificio Pio XI, che conta oltre 18 000 volumi di carattere Teologico, biblico e storico.
  • Biblioteca dell'Università per stranieri "Dante Alighieri"
  • Biblioteca dell'Accademia di belle arti
  • Biblioteca Zanotti Bianco
  • Biblioteca del Centro di Documentazione Europea
  • Biblioteca della Stazione Sperimentale per le Industrie delle Essenze
  • Biblioteche dell'Università degli studi "Mediterranea". Tutte le facoltà universitarie di Reggio hanno creato delle proprie biblioteche, molto rilevanti sia dal punto di vista numerico sia qualitativo. Tra di esse spiccano per ampiezza la Biblioteca della Facoltà di Architettura e la Biblioteca della Facoltà di Agraria, che hanno sede nel polo universitario di Feo di Vito. Queste hanno preso parte alla realizzazione del Catalogo Collettivo dei Periodici delle Biblioteche di Reggio Calabria, coordinato e promosso dalla Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, pubblicato nel 1999 in formato cartaceo ed elettronico:
  • La Biblioteca Centrale della Facoltà di Architettura, istituita nel 1969 come biblioteca dell'Istituto Universitario Statale di Architettura, comprende opere di consultazione generale, urbanistica, tecnologia, progettazione architettonica, storia dell'arte, restauro, storia dell'architettura, sociologia, materie giuridiche e economiche, scienze e cultura generale. Dispone inoltre di una sezione "Calabria", è socia del Coordinamento Nazionale delle Biblioteche di Architettura (CNBA) ed è partner nel progetto dell'Assessorato Cultura Istruzione Beni Culturali della Regione Calabria per la costituzione del Sistema Bibliotecario Regionale – Polo di Reggio Calabria. Offre un Patrimonio di 30 000 monografie, 210 periodici correnti, 3 200 tesi di laurea.
  • La Biblioteca Centrale della Facoltà di Agraria nasce nel 1986 come centro autonomo, negli anni novanta con la costruzione del nuovo polo universitario dell'ateneo reggino. Viene trasferita presso la sede di Feo di Vito, permettendo applicare moderni e funzionali criteri di organizzazione. Dal 2000 è stata assorbita dal Centro di Gestione della Facoltà di Agraria. Il patrimonio della biblioteca comprende circa 2 800 monografie, 150 periodici di cui 44 in corso, la raccolta delle tesi di laurea della facoltà a partire dal 1986.
  • Biblioteca della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione (SSPA), che offre un patrimonio librario di 19.100 volumi e 312 testate di periodici.
Scorcio di Palazzo Zani, sede della facolta di giurisprudenza della Mediterranea

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Scuole a Reggio Calabria

Hanno sede a Reggio Calabria 16 scuole medie inferiori (13 delle quali statali) e le seguenti scuole superiori:

  • liceo classico Tommaso Campanella
  • liceo classico Convitto nazionale di Stato Tommaso Campanella
  • istituto tecnico settore economico e turistico "Piria - Ferraris - Da Empoli”
  • liceo "Tommaso Gullì"
  • liceo scientifico "Leonardo Da Vinci"
  • liceo scientifico "Alessandro Volta"
  • liceo artistico "M. Preti - A. Frangipane"
  • istituto tecnico tecnologico "Panella - Vallauri"
  • istituto d'istruzione superiore "Righi - Guerrisi"[130]
  • istituto professionale "Boccioni - Fermi"
  • istituto alberghiero associato IPALBTUR Villa San Giovanni

Università[modifica | modifica wikitesto]

Reggio è un centro di istruzione con due università e altre istituzioni di livello universitario sul territorio:

  • Università degli Studi "Mediterranea" (UNIRC), fondata nel 1968, divenne università statale dal 1982. Comprendeva inizialmente sei facoltà, alcune delle quali con sedi dislocate a Catanzaro. L'università degli studi di Reggio rappresenta oggi, per le collaborazioni con le città che si affacciano sul bacino del mediterraneo, uno dei riferimenti a carattere culturale e scientifico dell'area, soprattutto grazie ai dipartimenti specializzati nello studio urbanistico delle "città mediterranee". È frequentata da circa 11.000 studenti e comprende 4 facoltà (Architettura, Ingegneria, Giurisprudenza e Agraria, che ha una sede anche a Lamezia Terme).
  • Università per stranieri "Dante Alighieri" (UNISTRADA), fondata nel 1984 con l'intento di contribuire alla conoscenza della lingua e della cultura italiana, comprende le facoltà di Docenza di lingua italiana a stranieri, Lingue e culture del bacino Mediterraneo, Mediazione linguistica culturale.

Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

  • Istituto di Biomedicina e Immunologia Molecolare “A. Monroy”

È un istituto di ricerca del CNR-IBIM[133] che ha sede presso l'Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto & Centro Regionale dell'Ipertensione Arteriosa e del Metabolismo Idro-elettrolitico del Grande Ospedale Metropolitano “Bianchi - Melacrino - Morelli” di Reggio Calabria. Lo scopo dell'Unità di Ricerca è quella di effettuare ricerche indipendenti o in collaborazione con altri enti pubblici o privati nel campo della Fisiopatologia, della Genetica e dell'Epidemiologia clinica delle malattie renali e dell'ipertensione arteriosa e di promuovere l'aggiornamento culturale e tecnologico di settore in campo nazionale e nell'Italia meridionale in particolare.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo Agrumario: La Macchina Calabrese per l'antica lavorazione del bergamotto
  • Museo archeologico nazionale (MArRC), considerato uno dei più importanti musei della Magna Grecia. L'edificio del Piacentini è ricco di collezioni archeologiche con numerosissimi reperti provenienti dalle antiche città-stato nei siti della Calabria, Basilicata e Sicilia. Oltre ai famosissimi Bronzi di Riace, per i quali è stato avviato l'iter per il riconoscimento dall'UNESCO come patrimonio mondiale dell'umanità[134], il Museo di Reggio annovera tra i suoi pezzi più importanti: la testa del filosofo, il Kuros di Reggio, la testa di Apollo, il gruppo dei Dioscuri, le tavole bronzee dell'archivio del tempio di Zeus di Locri Epizefiri, le collezioni di pinakes, oltre a gioielli e monete varie di diverse epoche storiche. Nel 2014, dopo un periodo di restauri, ha riaperto alla fruizione, ma solo per le sue opere principali (compresi i bronzi di Riace, la testa del filosofo e il kouros di Reggio). Le opere sono collocate presso il piano terra dell'edificio museale, l'unico piano aperto al pubblico.
  • Pinacoteca civica, situata presso il Teatro Francesco Cilea, comprende un considerevole numero di opere di maestri quali Mattia Preti, Luca Giordano, Vincenzo Cannizzaro, Giuseppe Benassai, Ignazio Lavagna Fieschi, Andrea Cefaly e Lionello Spada. Vi si possono ammirare anche due tavolette di Antonello da Messina (Abramo servito dagli angeli e San Girolamo penitente), frammenti architettonico-decorativi e sculture in marmo e oggetti di devozione privata e dipinti su tela e tavola, provenienti da raccolte private e collezioni civiche e statali e risalenti a un arco di tempo compreso tra il VII secolo e il XIX secolo.
  • Museo diocesano, l'edificio che ospita il Museo si trova accanto alla Cattedrale;
  • Castello Aragonese, testimone dell'antica storia cittadina, ospita oggi numerose mostre d'arte;
  • Museo San Paolo, nato negli anni trenta è una delle più importanti esposizioni d'oggetti d'arte in città, con una ricca collezione di elementi bizantini e normanni; il museo conserva una delle più ampie collezioni di icone d'Italia
  • Planetario Provinciale "Pythagoras", svolge un'intensa attività divulgativa e didattica riguardante l'astronomia e le scienze a essa collegata;
  • Museo dell'artigianato tessile, della seta, del costume e della moda calabrese, illustra la storia dell'artigianato tessile in Calabria dal periodo greco fino al 1948. Oltre ai tessuti vi sono i macchinari utilizzati per la lavorazione e campioni di materia prima (cotone, lana, seta);
  • Museo di biologia e paleontologia marina, la collezione documenta la storia del mondo animale e vegetale del passato e si compone della sezione di paleontologia, comprendente reperti fossili catalogati per era geologica e per tipi, e della sezione di Biologia marina, comprendente esemplari marini attualmente viventi (conchiglie, invertebrati, pesci abissali dello Stretto)[135];
  • Museo Agrumario, situato all'interno della Stazione sperimentale per le industrie delle essenze e dei derivati dagli agrumi (SSEA), ospita diversi macchinari utilizzati per l'estrazione del succo e delle essenze dagli agrumi tra cui la Macchina da bergamotti "Gangeri", derivata dal modello di Macchina Calabrese inventato nel 1840 da Nicola Barillà. Inoltre il museo ospita una raccolta fotografica che illustra la coltivazione, la raccolta e la lavorazione del gelsomino e la coltivazione del papavero da oppio;
  • Museo del Presepio, lo si può vedere alle spalle della chiesa della Cattolica dei Greci[136];
  • Museo dello strumento musicale, si trova all'interno della Pineta Zerbi, nei locali della vecchia stazione Lido;
  • Museo Etnografico, si trova nel quartiere di Pellaro;
  • Piccolo Museo della Civiltà Contadina, si trova nella frazione di Ortì;
  • Museo della 'ndrangheta, si trova in una villa confiscata a una cosca mafiosa locale nel rione di Croce Valanidi. È nato con lo scopo di demitizzare il fenomeno mafioso calabrese, di smuovere le coscienze a riacquistare quella dignità fondamentale per combattere la mafia e la sua subcultura. All'interno del museo, oltre all'esposizione di fotografie dei più pericolosi latitanti, di scene della "guerra di mafia" e alla consultazione di documenti inerenti al fenomeno mafioso, si realizzano alcuni progetti e attività che coinvolgono gli studenti delle scuole delle provincie di Reggio Calabria, Vibo Valentia, Messina e Palermo;
  • Museo di Storia della Farmacia e Biblioteca Rabainisia, è uno spazio museale ricavato all'interno di un antico convento greco-bizantino nel rione di Ravagnese, l'antica Rabainisia, che fu un insediamento greco-bizantino. All'interno del museo sono custoditi molti reperti tra i quali un mortaio in bronzo del 1630, un distillatore in vetro, un torchio in ghisa per agrumi, e un torchio e raccoglitore per essenze del bergamotto in legno risalente al 1800. È presente, inoltre, una ricca raccolta di vecchi trattati di medicina.[137]
  • Palazzo della Cultura "Pasquino Crupi", contenente la ricca collezione di quadri confiscata definitivamente dallo Stato a Gioacchino Campolo, il “re dei videopoker”, da de Chirico a Dalì, da Sironi a Carrà, passando per Fontana e Ligabue, accanto a numerosi artisti del 1600 e del 1700, per un totale di 125 quadri. È presente inoltre la donazione del senatore Guglielmo Calarco, con esposte circa 86 opere di artisti quali Bava, Bonfà, Russo, Mintom, oltre alla Biblioteca che raccoglie inestimabili libri rari dal Settecento all’Ottocento, e infine un'esposizione di artisti reggini.

Media[modifica | modifica wikitesto]

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Le emittenti radiofoniche ricevibili nel comune sono molteplici[138]. Oltre a quelle a carattere nazionale, tra le più rilevanti a livello locale troviamo:

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Televisioni locali italiane (Calabria).

La città ha effettuato il passaggio al digitale terrestre nel luglio 2012, completando così la copertura nazionale; sono inoltre ricevibili le emittenti Sky e Mediaset Premium. Tra le principali reti a carattere locale vi sono:

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Ogni anno in città si tiene il Reggio Calabria Filmfest.

Tra i film ambientati a Reggio Calabria:

Arte[modifica | modifica wikitesto]

A Reggio ha sede l'Accademia di belle arti. Nota anche come Accademia dello Stretto, fu fondata nel 1967 da Alfonso Frangipane e comprendeva inizialmente due sezioni di pittura e scultura, a completamento delle scuole d'arte della città. Comprende oggi le facoltà di pittura, scultura, grafica, decorazione, scenografia, fumetto ed illustrazione, comunicazione e didattica dell'arte e progettazione della moda[140].

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Teatri di Reggio Calabria.
La grande sala del Teatro Cilea a forma di ferro di cavallo

Il perno storico del teatro cittadino è il Teatro Francesco Cilea dove si svolge la stagione concertistica, dei balletti, d'opera e di prosa. Al suo interno opera il "Coro Lirico Francesco Cilea", composto in massima parte da giovani diplomati in canto presso i Conservatori calabresi e di Messina, il coro è nato nel 1981 e si è costituito in Cooperativa nel maggio 1983[141]. In città è presente presso l'auditorium "Cipresseto" la residenza teatrale "TeatRhegion" che rappresenta una struttura di teatro stabile con una propria produzione e programmazione annuale di attività che spaziano dalla musica, al teatro e alla danza classica[142]. Di pregio risulta anche essere l'attività svolta nei mesi estivi all'Arena Neri del rione Catona dove si tiene il Festival Catonateatro. Al Politeama Siracusa opera il Laboratorio teatrale dell'Università Mediterranea “Le nozze”[143].

Giangiurgolo e la Commedia dell'Arte[modifica | modifica wikitesto]

Giangurgolo maschera di Reggio e della Calabria

La tradizione tipicamente italiana della Commedia dell'Arte ebbe a Reggio e in Calabria un valido esempio dato dalla maschera di Giangurgolo. Nata a Napoli, la maschera fu successivamente importata a Reggio e in Calabria[144][145] per mettere in ridicolo le persone che imitavano i cavalieri siciliani "spagnoleggianti". Ha un naso enorme e una spada altrettanto smisurata che pende su un fianco, indossa un alto cappello a cono, un corpetto stretto e soprattutto i pantaloni a sbuffo a strisce gialle e rosse (particolare significativo che riproduce i colori d'Aragona). La maschera dunque rappresenta uno scherzo della città verso i dominatori aragonesi e spagnoli. Risale al 1618 la notizia di un attore, Natale Consalvo, che lavorava nelle vesti di Capitan Giangurgolo. Più tardi, quando nel XVIII secolo la Sicilia fu data ai Savoia vi fu una massiccia migrazione di nobili spagnoli siciliani verso la città di Reggio dall'altra parte dello Stretto, e la maschera sarebbe stata dunque adattata a questi nobili siciliani decaduti.

Giangurgolo è dunque una maschera usata contro i dominatori, considerati "inutili eroi" bravi soltanto con le chiacchiere, che era protagonista sui palcoscenici dei teatri sei e settecenteschi tanto quanto lo era in strada. Infatti in una incisione dell'abate Jean-Claude Richard de Saint-Non, che descrive "i dintorni di Reggio", è chiaramente visibile in una scena di commedia un pezzo di teatro fatto per strada dove è protagonista Giangurgolo, uno Zanni con il lungo cappello e la spada.

Tuttavia la maschera più comune a Reggio e più sentita dal popolo è indubbiamente Giufà, inteso come uno stolto sempliciotto e di cui si narrano numerose storielle. La nascita di Giufà è contesa tra Anatolia, odierna Turchia, Iran e Afganistan, ma è più probabilmente in Turchia che occorre cercare le origini di Giufà. Successivamente il personaggio si diffuse con nomi simili in tutta l'area mediterranea, Africa Settentrionale, Grecia, Balcania, Albania. Malta, Spagna e infine Sicilia da dove poi approdò a Reggio. Pare che l'originario Giufà fosse un filosofo dell'XI secolo, buontempone e non uno stolto. A Reggio è' rimasto famoso il detto "è bona lavata sta trippa?" (traduzione: è lavata bene questa trippa?) per indicare qualcosa fatta male. Rimane pure il giudizio di una nobildonna, moglie di un ingegnere della "ricostruzione", che sentenziò: "Reggio è la città di Giufà, ma il calcio lo dà".

Musica[modifica | modifica wikitesto]

A Reggio è presente il Conservatorio di Musica "Francesco Cilea". Fondato nel 1927, fu il primo conservatorio istituito in Calabria e il quindicesimo tra i 57 conservatori d'Italia (l'unico tra Napoli e Palermo fino al 1970). Attualmente diretto da Antonino Sorgonà, è stato guidato, tra gli altri, da Alessandro Cicognini, Terenzio Gargiulo e Paolo Renosto. Comprende oggi circa 800 studenti e 98 docenti, svolgendo attività didattica, artistica e di ricerca. I corsi di studio si articolano in Arpa, Basso tuba, Canto, Chitarra, Clarinetto, Clavicembalo, Composizione, Contrabbasso, Corno, Didattica della musica, Discipline musicali, Fagotto, Fisarmonica, Flauto, Jazz, Oboe, Organo, Percussioni, Pianoforte, Sassofono, Tromba, Trombone, Viola, Violino e Violoncello.

Cucina[modifica | modifica wikitesto]

Un piatto di frìttuli

Patria di gran parte delle specialità della cucina calabrese, la gastronomia di Reggio è infatti abbastanza varia. Pur risentendo di notevoli influenze da parte della cucina napoletana e di quella siciliana mantiene, comunque, una sua tipicità, legata ai prodotti della terra e del mare sul quale la città si affaccia.

  • Tra i primi piatti tipici: "pasta ca muddhica e chi lici, i maccarruni 'i casa cu ragù, pasta 'ncasciata, pasta e facioli chi brocculi a paisana, mmaccu di favi alla riggitana, pasta chi cucuzzeddhi, pasta chi cacocciuli";
  • Tra i secondi di carne: u suffrittu, i bracioletti, u bruschittu, l'ova chi curcuci, pizzaiola chi patati a riggitana, u ficatu a' riggitana, satizzu frittu chi patati;
  • Tra i secondi di verdura: a parmigiana, a tortera 'i caccioffùli, i mmuddcati;
  • Tra i contorni: I brocculi 'ffucati, pomodori peperoni e melanzane ripiene, i patati caccioffùli topinambur alla mascisc, pipi e patati ;
  • tra piattini i rinforzu o (antipasti): mulingiani sutt'ogghiu, pumaroru sicchi, livi scacciati, purpetti, biscottu a capunata;
  • Tra i piatti di pesce ricordiamo: a turtera chi lici, i cutuletti 'i spatula, i custardeddhi 'infarinati e fritti (=costardella molto simile alla più delicata aguglia), i ventriceddhi 'i piscistoccu, u piscispata a rriggitana, piscispata 'rustùtu cu'sarmurìgghiu, u piscistoccu a trappitara, u piscistoccu a gghiotta, u piscistoccu a 'nzalata. Inoltre tra i pesci che si pescano in provincia di Reggio Calabria in presenza di fondale sabbioso (Melito Porto Salvo) ed in Calabria (Soverato - Paola) va ricordato il pesce topo detto "i surici"[146][147] anche detto Pesce pettine (Xyrichtys novacula), simile alla carne della sogliola da mangiare infarinato e fritto.
  • Tra i salumi e formaggi specialmente tipico u satizzu cu finocchiu sarbaggiu e pipi niru, suppizzati, capicolli, ricotteddha salata, pecurinu i Carditu;
  • Tra i dolci: i crispeddhi i Natali cu zuccuru, ca licia o ca pumaroru sicca; i petrali i Natali, u turruni gelatu, a Pignolata, i cuddhuraci i Pasca, le susumelle, le paste di mandorla, la Pastiera di pasqua, la granita con panna e brioches artigianale, il gelato tra cui la Crema reggina, i cannolicchi (cannoli piccoli) ecc. ecc.
  • Tra i vini: il Pellaro Igt, l'Arghillà Igt, il Palizzi Igt, lo Scilla Igt.[148]
  • Tra le bevande: la gassosa al caffè, il bergotto (liquore al gusto di bergamotto), il piparillo /liquore al peperoncino) e la spuma.

Sono della tradizione anche le frittole (i frìttuli), ossia tutte le parti del maiale che non si usano per fare insaccati o salati, come il muso, le orecchie, la pancia, le cotiche, i rognoni, le costine, il cuore, i piedini, i gamboni ecc. cotti nel proprio grasso sugna per ore a fuoco lentissimo. Anche i curcuci (sottoprodotto delle frittole).

Molte preparazioni della cucina calabrese sono legate alle festività. Così i petrali a Natale, la pignolata a Carnevale, u soffrittu i capretto al Sabato Santo, il capretto arrostito e cudduracia Pasqua, a pitta chi curcuci al Lunedì dell'Angelo e a pasta ncasciata a Ferragosto.

L'antico culto di San Giorgio[modifica | modifica wikitesto]

Scudo di San Giorgio che uccide il drago sulla Statua dell'Angelo Tutelare in piazza S.Giorgio

L'origine dell'antichissimo culto reggino a San Giorgio risale agli inizi dell'XI secolo ed è legato all'episodio che portò Reggio a infliggere una sconfitta ai saraceni che, occupata la vicina Sicilia, insidiavano le coste calabresi. Nel 1086 il saraceno Bonavert di Siracusa sbarcò a Reggio distruggendo il monastero di San Nicolò sulla Punta Calamizzi e la chiesa di San Giorgio danneggiando le effigi dei Santi. Ma il Duca Ruggero Borsa contrattaccò e inseguì Bonavert, lo uccise in battaglia e conquistò Siracusa. Per questa vittoria i reggini adottarono San Giorgio a loro protettore, la leggenda popolare legata all'episodio di per sé reale vuole infatti che Ruggero sia stato assistito dal Santo contro Bonavert. Proprio a questo periodo corrisponde del resto la devozione della città a Giorgio, il "cavaliere dei santi, santo dei cavalieri".

Icona (custodita nella chiesa di San Giorgio Extra) di San Giorgio che uccide il drago, sullo sfondo il Duomo e la città di Reggio

L'Arcivescovo Antonio Maria De Lorenzo documenta l'antichissima tradizione della città di Reggio nel culto verso il suo patrono San Giorgio, è scritto infatti che al santo furono dedicate molte chiese della città (San Giorgio di Sartiano in La Judeca, San Giorgio di Lagonia, San Giorgio intra moenia e San Giorgio extra moenia).

In particolare nella Chiesa di San Giorgio al Corso, tuttora esistente nel cuore della città, con un solenne atto ai piedi dell'altare del santo patrono si chiudevano ogni anno le elezioni municipali. Pubblicate le liste elettorali al palazzo di città, venivano poi sorteggiati i consiglieri. Quindi tra questi si decidevano sei nomi che venivano chiusi dentro palline di argento e messi in borsette separate secondo i ceti, che a loro volta erano poste sull'altare di San Giorgio. L'ultimo giorno dell'elezione, dopo la messa dello Spirito Santo, avveniva per mano di un bambino l'estrazione dei tre sindaci che avrebbero governato per un anno il comune. Nella chiesa di San Giorgio extra moenia (San Giorgio fuori le mura) ancora oggi esistente nel quartiere omonimo di San Giorgio Extra, è custodita un'icona del Santo.

Curioso è inoltre il legame del termine Drago (legato all'iconografia di San Giorgio) con il greco Draco (Serpente), termine che designava la zona di Punta Calamizzi prima dello sprofondamento della stessa nel XVI secolo.

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

La "Vara" con l'effige della Madonna della Consolazione in processione
  • Festa di San Giorgio, il 23 aprile;[senza fonte]
  • Reggio Estate - Il più bel chilometro d'Estate (Estate Reggina): Rappresenta, nelle sue varie forme, un appuntamento fisso per i reggini. Il comune organizza, per tutta l'estate, una serie di eventi culturali e di spettacoli;[15]
  • Reggio Calabria Filmfest: Si tiene ogni anno in primavera e nasce dall'idea di mettere a confronto il cinema italiano di ieri e di oggi, attraverso omaggi e retrospettive ad autori del passato e una vetrina sulle opere più recenti, con alcune anteprime. Durante il corso del festival che dura alcuni giorni viene attribuito il "Leopoldo Trieste Award-Città di Reggio Calabria" a due interpreti emergenti del cinema italiano.[Cisono incongruenze con la voce a sé stante]
  • Ecojazz: Rassegna estiva di jazz nazionale e internazionale, che da molti anni rappresenta a Reggio un punto di riferimento nel cartellone degli eventi estivi. Si tiene generalmente nel quartiere di Pellaro[16].
  • Catonateatro: è una rassegna di teatro e musica con artisti del panorama nazionale ed internazionale. Si tiene da luglio a settembre all'Arena Neri, nel quartiere Catona.
  • Festival della Cultura: Manifestazione annuale che si svolge l'11 febbraio, coinvolgendo entrambe le sponde dello Stretto. Le edizioni dispari si svolgono a Reggio Calabria e le pari a Messina. Il Festival offre una panoramica della cultura mediterranea, durante l'evento viene inoltre consegnato il premio "Stretto Metropolitano", un riconoscimento per quelle personalità reggine e messinesi che si sono contraddistinte a livello nazionale ed internazionale.[senza fonte]
  • Festival dello Stretto : Nel mese di agosto, giunto alla VI edizione[quando?], è una rassegna etnico-musicale in cui, attraverso l'uso delle proprie lingue locali, innumerevoli artisti interpretano vicende, usi e abitudini del territorio del Sud-Italia. Numerose sono infatti le partecipazioni tra cui quelle di "Enzo Avitabile e i Bottari", i "Folkabbestia" e gli "Asteriskos" del "Womad" di Peter Gabriel.
  • Regata di Ulisse: Un evento di sport e cultura che si svolge ogni anno alla fine di agosto per cinque giorni, finalizzato al ricordo della Magna Grecia e del viaggio di Ulisse. Vi partecipano enti locali da tutta Italia;[senza fonte]
  • Festa della Madonna della Consolazione: dal secondo sabato di settembre, per una settimana si festeggia in tutta la città. Si celebra l'effigie della Madonna con una caratteristica processione dalla basilica dell'Eremo alla Cattedrale. Viene festeggiata tra le caratteristiche bancarelle, i luna park allestiti per l'occasione e gli spettacoli;
  • Giovani Voci: Patrocinato dall'Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, il Concorso Canoro "Giovani Voci" è una manifestazione musicale che si svolge ogni anno, nel mese di luglio, presso il Teatro Greco del Parco della Mondialità di Gallico - Reggio Calabria. Giunto nel 2011 alla settima edizione, vi partecipano concorrenti provenienti anche da fuori Regione.[senza fonte]
  • Corrireggio: Organizzata da Legambiente Calabria[149] fin dalla prima edizione del 1983, si svolge ogni 25 aprile sul Lungomare Falcomatà[150][151][152][153].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Reggio calabria panorama san paolo.jpg
Ingrandisci
Vista da Piazza Rotonda di alcuni quartieri a sud di Reggio. Sullo sfondo lo stretto di Messina e l'Etna

Urbanistica[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'urbanistica e dell'architettura di Reggio Calabria.

Nella sua lunga storia la città ha subito profonde trasformazioni del tessuto urbano, le cui tracce sono evidenti sia in superficie sia nelle stratificazioni archeologiche del sottosuolo.

Tali trasformazioni sono riconducibili sia a eventi naturali disastrosi (terremoti, maremoti, dissesti idrogeologici) che ne hanno cancellato la grandezza e la memoria storico-architettonica raggiunta nella sua millenaria storia, sia a interventi non sempre felici dell'uomo che ne hanno in parte stravolto la fisionomia: ci riferiamo in particolare agli anni dal 1960 al 1990. Solo dagli anni novanta sembra ci sia una maggiore consapevolezza dei danni apportati al territorio e una voglia di ricostruzione che certamente dovrà durare ancora molti anni. Per agevolare uno sviluppo urbanistico più funzionale alle moderne esigenze di espansione della città e riqualificare alcuni quartieri periferici cresciuti in modo disordinato e deturpati dall'abusivismo edilizio, l'Amministrazione comunale si sta dotando di un nuovo "piano urbanistico strutturale" in sostituzione del vigente "Piano Regolatore Generale" redatto dall'architetto Ludovico Quaroni nel 1970[154].

Dopo il terremoto del 1908 la città è stata ricostruita con lunghe strade diritte, più ampie di quelle antiche e con palazzi prevalentemente ispirati al Liberty[155]. Il centro storico della città ha un impianto urbanistico a scacchiera e presenta interessanti realtà architettoniche, civili e religiose.

Caratterizzato da rilievi continui e persistenti e da fasce perpendicolari alla costa tratteggiate da corsi d'acqua, il territorio è però attraversato da numerose strade che consentono un collegamento fra i quartieri, i sobborghi periferici e i paesi dell'hinterland, gran parte dei quali sono anche serviti dalle linee ferroviarie. Sono molto caratteristiche le "traverse" o "strade cannocchiale" in discesa e con una splendida vista del mare. Tutt'oggi comunque la città non ha un vero e proprio piano regolatore e questa mancanza unita ala strade distrutte, manda la città in un caos urbano.

Quartieri e circoscrizioni municipali[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Quartieri di Reggio Calabria.
Suddivisione del territorio comunale di Reggio

I 33 quartieri di Reggio sono ripartiti in 15 circoscrizioni comunali, comprendenti a loro volta altri rioni e sobborghi:

Circoscrizione[156] Quartieri Superficie in km² Popolazione Densità ab./km²
I Centro storico 1,41 10.403 7.378
II Pineta Zerbi - Tremulini - Eremo 2,77 12.919 4.663
III Santa Caterina - San Brunello - Vito 6,12 10.705 1.749
IV Trabocchetto - Condera - Spirito Santo 5,22 17.933 3.435
V Rione Ferrovieri - Stadio - Gebbione 2,27 18.262 8.044
VI Sbarre 1,87 19.757 10.565
VII San Giorgio - Modena - San Sperato 2,74 15.309 5.587
VIII Catona - Salìce - Rosalì - Villa San Giuseppe 16,74 13.746 821
IX Gallico - Sambatello 8,97 10.947 1.220
X Archi 8,96 8.929 996
XI Ortì - Podàrgoni - Terreti 68,14 2.289 33
XII Cannavò - Mosorrofa - Cataforìo 39,38 7.163 181
XIII Ravagnese 20,30 16.821 828
XIV Gallina 25,43 7.283 286
XV Pellaro 25,13 13.111 521
Totale 236 185.577 788

Dei 185 577 abitanti di Reggio Calabria, 105 288 vivono nel centro della città in una superficie di 22,4 km² (dalla prima alle settima circoscrizione) con una densità media di 4 700 ab./km².

La densità complessiva della città è circa 790 ab./km², nei 236,02 km² del Comune che includono anche alcune piccole frazioni situate alle pendici dell'Aspromonte.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

«I dintorni di Reggio sono in genere molto deliziosi e non si vedono che campagne coperte di gelsi, aranceti, limoneti, vigneti. La maggior parte della seta che si produce in Calabria si coltiva in questi luoghi; Reggio ne vende per ottantamila libbre all'anno.»

(Hermann von Riedesel, Reise durch Sicilien und Grossgriechenland, Zurigo, 1771)
Un tipico uliveto reggino
Stabilimento della Coca-Cola

Reggio attualmente non dispone di un tessuto industriale adeguato, sebbene prima del terremoto del 1908 e dell'Unità d'Italia abbia conosciuto un florido sviluppo economico dovuto principalmente all'industria e al commercio della seta e delle essenze del bergamotto. Molteplici e sfavorevoli episodi storici, fra i quali il catastrofico sisma di inizio Novecento, hanno costretto la città a ripartire quasi da zero nel XX secolo.

Nei decenni trascorsi sono state progettate e in parte realizzate alcune iniziative industriali, anche grazie ai contributi pubblici del "Pacchetto Colombo". Molte di queste iniziative non sono decollate, come ad esempio il polo chimico di Saline Joniche mai entrato in funzione, o quello tessile di San Gregorio attualmente in crisi. Alcune infrastrutture dell'area, come nel caso del Porto di Gioia Tauro, sono state riconvertite ad altri usi.

La città negli ultimi anni ha cercato di operare una riconversione della sua economia al turismo, essendo naturalmente favorito dalla presenza di importantissime vestigia del passato, dalla sua ricca storia e dalle bellezze naturali. A tal proposito alcuni investimenti pubblici e privati, atti a recuperare il patrimonio storico, hanno favorito la nascita di diverse strutture alberghiere (bed & breakfast e alcuni hotel). Il settore, tuttavia, è in una prima fase di crescita e non rappresenta ancora un grande volano occupazionale per la città.

Favoriti dal clima mite e tipicamente mediterraneo, sono particolarmente sviluppati i settori dell'agricoltura tradizionalmente più esclusivi dell'area reggina, come il bergamotto o certe varietà di gelsomino. Anche in questo caso, tuttavia, la relativa industria di trasformazione non ha raggiunto dimensioni significative.

Secondo l'indice di benessere redatto da Il Sole 24 ORE, nel 2009 Reggio Calabria risulta l'ottantaquattresima provincia d'Italia in classifica[157].

Agricoltura[modifica | modifica wikitesto]

Per la diversità climatica delle varie zone del territorio, a Reggio esistono coltivazioni molto varie. Tra di esse spiccano due particolari piante che riescono ad attecchire solo in questa zona:

Oltre a quelle tipiche, nel reggino vengono coltivate molte altre varietà di specie vegetali, tra cui le più diffuse sono:

Industria e artigianato[modifica | modifica wikitesto]

Le ceramiche calcidesi di Reggio

Gli scavi nella colonia greca di Rhegion hanno restituito un gran numero di esemplari di ceramica calcidese. Benché l'origine di questa classe ceramica sia ancora discussa, una delle ipotesi maggiormente sostenute ne assegna la produzione ad una bottega di artigiani di origine calcidese stabilita nella zona di Rhegion.[158] Alcuni di questi esemplari sono oggi custoditi al Museo del Louvre di Parigi ed al British Museum di Londra.

Anfora calcidese del Gruppo dell'anfora di Lipsia, trovata a Rhegion e conservata al Louvre di Parigi.

Il tessuto industriale cittadino è costituito da aziende di medie e piccole dimensioni operanti principalmente nell'estrazione dell'essenza di bergamotto e produzione di profumi; nell'assemblaggio di vagoni ferroviari; nella fabbricazione di macchinari industriali; nella produzione di materie plastiche e prodotti chimici; nella lavorazione, produzione, trasformazione e conservazione di prodotti agroalimentari; nella produzione di materiali per l'edilizia; nella produzione di mobili[159]. Sono presenti, inoltre, alcune concerie (settore in crescita).

Le aziende si sviluppano prevalentemente in poli e in aree industriali che sorgono in città e nell'area metropolitana. Si segnalano fra di esse:

  • nel polo industriale di via Padova del rione Gebbione, oltre ad altre aziende, sorge l'impianto industriale delle O.me.ca S.p.A. (Officine Meccaniche Calabresi), dal 2015 divenuta Hitachi. Vi si assemblano i vagoni ferroviari per la Ansaldo Breda S.p.A., principale società italiana di costruzioni di veicoli per il trasporto ferroviario e metropolitano;
  • nel quartiere di Pellaro l'impianto industriale della SoCIB SpA (Società Calabrese Imbottigliamento Bevande gassate) si occupava della produzione e dell'imbottigliamento delle bevande della The Coca-Cola company. Lo stabilimento è stato chiuso a inizio 2009, in seguito all'acquisizione della SoCIB da parte della Coca-Cola Hellenic Bottling Company S.A.;[160]
  • nel polo industriale di Campo Calabro, si trova l'impianto produttivo della Caffè Mauro S.p.A, azienda a diffusione nazionale;
  • alcune aziende sorgono nel polo industriale tessile e agrumario di San Gregorio;
  • nel polo industriale di Saline Joniche opera la Diano Cementi S.p.A. (Gruppo DIANO) per la produzione di cemento, e le Officine Grandi Riparazioni (OGR) delle Ferrovie dello Stato (queste ultime mai realmente entrate in attività);
  • le cave per l'estrazione di Pietra reggina sorgono nella zona di Capo dell'Armi;
  • infrastruttura industriale di rilievo è il porto di Gioia Tauro, uno dei più grandi scali di container del Mediterraneo. Negli ultimi anni questo porto è stato riconvertito all'uso attuale dall'originario progetto (non portato a termine) del V polo siderurgico di Reggio Calabria, anch'esso facente parte del pacchetto Colombo[161].

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Il settore del commercio è particolarmente attivo e dinamico sia nel centro cittadino (maggiormente nella zona del Corso Garibaldi), sia nelle periferie dove negli ultimi anni sono sorte numerose nuove attività commerciali di grandi dimensioni. Il commercio è l'attività principale della città. Storicamente Reggio esportava prodotti locali, quali seta, semilavorati e soprattutto i derivati agrumari (vista l'esclusività della coltivazione, fra tutte, del bergamotto).

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

Uno degli stabilimenti balneari nel centro della città

Reggio è sede del particolare e raro fenomeno ottico-mitologico della Fata Morgana, durante il quale la costa siciliana sembra distare solo pochi metri ed è possibile distinguere molto bene case, auto e persone.

Altro aspetto peculiare della città è la coltivazione, nei suoi dintorni, del bergamotto, agrume che cresce solo in una ristretta fascia costiera (larga circa tre km all'interno del litorale reggino), che si estende da Scilla a Brancaleone per circa 85 km.

Tra le attrazioni di Reggio vi sono i Bronzi di Riace, retaggio delle origini magnogreche della città: insieme al Museo Archeologico Nazionale della Magna Grecia che li custodisce, i due bronzi sono una delle principali mete turistiche della città dello Stretto.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Termine dell'Autostrada A2 e innesto del Raccordo RA04 che la collega con la SS 106 Jonica

La città è il capolinea delle direttrici stradali provenienti da Salerno e Taranto. La principale infrastruttura stradale che collega la città è l'Autostrada A2 del Mediterraneo.

Reggio è inoltre capolinea della strada statale 18 Tirrena Inferiore, che parte da Napoli, e della strada statale 106 Jonica, che parte da Taranto. È dunque il crocevia delle dorsali europee ovest-est (E90) e nord-sud (E45).

La tangenziale cittadina corre in fascia collinare e collega i diversi quartieri della città tra loro e con i comuni limitrofi attraverso un sistema di quindici svincoli. Si sviluppa lungo tratti dell'A2, del Raccordo autostradale 4 e sul primo tratto della SS106.

Inoltre intorno alla città gravitano la strada statale 183 Aspromonte-Jonio, che circonda la città innestandosi sulla strada statale 112 a Delianuova per giungere a Melito di Porto Salvo e la strada statale 184 delle Gambarie, che partendo dal quartiere di Gallico collega la città alla località sciistica di Gambarie d'Aspromonte.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Mappa delle ferrovie nel territorio comunale
Metro Tamburello
White dot.svg  Rosarno
White dot.svg  Gioia Tauro
White dot.svg  Palmi
White dot.svg  Bagnara
White dot.svg  Favazzina
White dot.svg  Scilla
White dot.svg  Villa San Giovanni
White dot.svg  Reggio Calabria Catona
White dot.svg  Reggio Calabria Gallico
White dot.svg  Reggio Calabria Archi
White dot.svg  Reggio Calabria Pentimele
White dot.svg  Reggio Calabria Santa Caterina
White dot.svg  Reggio Calabria Lido
White dot.svg  Reggio Calabria Centrale
White dot.svg  Reggio Calabria OMECA
White dot.svg  Reggio Calabria Aeroporto
White dot.svg  Reggio Calabria San Gregorio
White dot.svg  Reggio Calabria Pellaro
White dot.svg  Reggio Calabria Bocale
White dot.svg  Motta San Giovanni-Lazzaro
White dot.svg  Saline di Reggio
White dot.svg  Annà
White dot.svg  Melito di Porto Salvo

La stazione di Reggio Calabria Centrale è il maggiore scalo della Calabria e punto di diramazione di due importanti linee ferroviarie: la Ferrovia Tirrenica Meridionale che collega la città con Salerno, Napoli e Roma, e la Ferrovia Jonica che la collega a Taranto e Bari.

La prima ha doppio binario elettrificato. Inizialmente era stata ipotizzata la costruzione di una nuova linea ad alta velocità da affiancare alla Tirrenica, ma in seguito si è deciso, per motivi economici e tecnici, che era più conveniente rimodernare la linea esistente per innalzare la velocità consentita e ridurre i tempi di percorrenza dei treni[162].

La seconda è a doppio binario ed elettrificata fino a Melito di Porto Salvo, da Melito a Sibari a binario unico e non elettrificata e da Sibari a Taranto elettrificata e a binario unico. Il tratto Catanzaro Lido-Sibari è attualmente in corso di elettrificazione. Seguirà poi l'elettrificazione del tratto Melito di Porto Salvo-Catanzaro Lido. La fine dei lavori è prevista per il 2023[163].

Dal 2008 è entrato in funzione il servizio ferroviario suburbano Tamburello, gestito da RFI, che copre la tratta metropolitana tra Melito e Rosarno, servendo l'interno territorio metropolitano. In particolare, nel territorio comunale sono presenti le seguenti stazioni che coincidono con le stazioni ferroviarie:

Porti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Traghettamento nello stretto di Messina.
Il porto della città

Il porto di Reggio Calabria, costituito da un bacino artificiale, collega la città con le isole Eolie, Messina e Malta. Con oltre 3 milioni di passeggeri trasportati all'anno, è il quinto in Italia nel settore al 2016[164]. Il porto reggino svolge anche la funzione diportistica, disponendo di una darsena turistica.

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

L'aeroporto della città

La città è servita da un aeroporto, noto anche come Aeroporto dello Stretto e intitolato all'eroe di guerra Tito Minniti, che serve anche la città metropolitana di Messina, situato nella zona sud della città, a circa quattro chilometri dal centro cittadino.

Mobilità urbana[modifica | modifica wikitesto]

Il servizio di trasporti pubblici per l'area urbana è gestito principalmente da ATAM, che conta 40 linee urbane, e in aggiunta 2 extraurbane, una per Gambarie (319) e una per Cardeto (320)[165]. Le altre linee extraurbane sono gestite da società private sotto contratto di servizio con la regione Calabria, quali Federico, S.C.A.R., Costa Viola Bus e Ferrovie della Calabria.

Nel luglio 2009 è stato inaugurato un sistema di tapis roulant che collega la zona costiera con quella collinare della città nel suo centro storico. I lavori hanno interessato la via Giudecca che è stata dotata di 6 tapis-roulant. A completamento del sistema mobile è in fase di realizzazione un impianto ascensore, che collegherà la via Possidonea (parte terminale del tapis roulant) con la via Reggio Campi[166][167].

Fra il 1918 e il 1937 la città era servita da una linea tranviaria urbana gestita dalla Società Anonima Tramvie di Reggio Calabria (SATRC).

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Sindaci di Reggio Calabria.
Palazzo San Giorgio (il Municipio), opera dell'architetto Ernesto Basile, affacciato su Piazza Italia

Dal 27 ottobre 2014 il sindaco è Giuseppe Falcomatà[168], subentrato alla commissione straordinaria antimafia che ha retto il comune dal 2012 al 2014.

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Consolati[modifica | modifica wikitesto]

Reggio è sede dei consolati onorari[175] di Filippine, Malta, Polonia, Svizzera, Ucraina e Bielorussia.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Principali impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Veduta panoramica dello Stadio Granillo
Il PalaCalafiore visto dagli spalti
Regata velica di fronte al lungomare
  • Stadio Oreste Granillo, 27.543 posti, è il maggiore stadio della regione e ospita gli incontri della Reggina. Ha anche ospitato gli incontri della stagione 2012-2013 dell'HinterReggio Calcio;
  • Stadio Campoli di Bocale, 3.500 posti circa (1000 coperti), dotato di manto erboso sintetico di ultimissima generazione da mm 45.
  • Stadio Comunale Ravagnese, 1.500 posti circa, ospitava gli incontri della seconda squadra calcistica della città, l'HinterReggio. Ospita le gare casalinghe dell'Audax Ravagnese.
  • Stadio comunale Gallico Carlo Pontorieri, 1.200 posti circa;
  • Stadio comunale San Cristoforo di rugby, in erba, 1.400 posti circa;
  • Stadio del baseball/softball di Reggio Calabria, viale Calabria - 1.800 posti coperti;
  • PalaCalafiore (detto anche PalaPentimele, dal nome del quartiere dove sorge), è il più grande palazzo dello sport calabrese, dotato di circa 8.450 posti a sedere;
  • PalaBotteghelle, struttura da 1.500 posti che affaccia sull'omonimo piazzale;
  • Centro sportivo Sant'Agata, sede del vivaio, della preparazione atletica e gli allenamenti della Reggina dotato di 2 campi regolamentari in erba e uno regolamentare in sintetico più altri 3 campi in sintetico, dotato di palestra, centro fisioterapia, alloggi e servizi ristoro;
  • Centro sportivo "Reggio Village" (già HinterReggio Village), ex sede del vivaio dell'HinterReggio, composto da 5 campi in erba sintetica di cui uno regolamentare con una gradinata da 700 posti a sedere. Attualmente è in uso dalla società A.S.D. Valanidi Calcio Giovanile - Scuola Calcio Francesco Cozza;
  • Centro sportivo "Piero Viola", 700 posti coperti; è un complesso organizzato per la vita e la formazione dell'atleta, con campi da basket polifunzionali attrezzati elettronicamente, palestre, 4 campi da tennis, un centro per fisioterapia, un centro di controllo sanitario, alloggi e servizi ristoro;
  • Palestra Piero Viola (Scatolone), ospita partite di basket e pallavolo, capienza 500 posti;
  • Palestra Giulio Campagna (Palloncino) - Volley - 700 posti;
  • Palestra Lotta e Pugilato più piscina comunale;
  • Campo CONI di atletica leggera 1.000 posti;
  • Parco Caserta, complesso sportivo polifunzionale dove sorgono due piscine di cui una semiolimpionica omologata CONI, una pista per pattinaggio artistico e per hockey con tribuna, sale per fitness, arti marziali e palestre[176];
  • Golf Club Montechiarello con campo 9 buche[177];
  • Circolo Tennis "Rocco Polimeni"[178];
  • Tennis Club "Three Brothers Pharaon"

Principali società sportive[modifica | modifica wikitesto]

Reggio vanta una lunga tradizione sportiva, che ha portato alcune delle sue squadre a militare nelle massime categorie.

Calcio[modifica | modifica wikitesto]

Calcio a 5[modifica | modifica wikitesto]

Maschile[modifica | modifica wikitesto]
  • La principale squadra è stata il Reggio Calcio a 5. Il team amaranto ha disputato 12 stagioni consecutive tra serie A e serie A2, fino alla mancata iscrizione in serie A nel 2008. La seconda società cittadina per importanza è stata la Real Reggio Tremulini che arrivò a disputare una stagione di serie A2 prima di fondersi nel 2010 con la Licogest Vibo Calcio a 5. Da questa unione nacque la CADI Reggio Vibo Valentia, che si sciolse appena due anni più tardi.
Femminile[modifica | modifica wikitesto]
  • La principale squadra è la Polisportiva Pro Reggina 97. La squadra amaranto nella stagione 2011-2012 ha partecipato per la prima volta alla serie A vincendo lo scudetto e battendo tutti i record. Il campionato 2012-2013 è iniziato con la vittoria della Supercoppa italiana.

Sollevamento pesi[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. Rogolino's Dream Team Reggio Calabria di Carmelo Rogolino, squadra agonistica di pesistica olimpica.

Pallacanestro[modifica | modifica wikitesto]

Baseball[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. San Giorgio Baseball e Softball.

Hockey in-line[modifica | modifica wikitesto]

  • Hockey Rhegium Reggio Calabria, che ora gioca in serie B. La stessa società ha vinto nel 2002 il campionato nazionale under 18 aggiudicandosi lo scudetto di categoria.

Pallavolo femminile[modifica | modifica wikitesto]

Altre società di volley femminile della città sono state:

  • la Pallavolo Gallico che disputò campionati di serie A1;
  • la Nausicaa che disputò la serie A1;
  • la Mangiatorella che arrivò in serie A2.

Pallavolo maschile[modifica | modifica wikitesto]

  • Luck A.S. Volley (nota in passato come Jonicagrumi, squadra che nel 1984 approdò in serie A2);
  • A.S. Mymamy;
  • Volley Sport Catona, milita in serie B2.

Pallamano[modifica | modifica wikitesto]

Scherma[modifica | modifica wikitesto]

  • Accademia della scherma Reggio Calabria, società fondata nel 2010, a oggi una delle maggiori società schermistiche della Calabria. Durante la stagione 2017/2018 riesce a ottenere un titolo nazionale nella spada femminile individuale grazie all’atleta Maria Chiara Pellicanó. Tuttora rimane l’unica società calabrese ad avere ottenuto un primo posto a livello nazionale.

Rugby a 15[modifica | modifica wikitesto]

  • San Giorgio Rugby Reggio Calabria, promossa in serie B per la stagione 2011-2012;
  • Società Sportiva Rugby Reggio Calabria, che milita in Serie B;
  • Polisportiva Rugby Reggio Calabria, che milita attualmente nel campionato di serie C1;
  • Rugby Reggio Calabria, che milita anch'essa nel campionato di serie C.

Softball[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D San Giorgio Baseball e Softball, che milita oggi nel campionato di serie C.

Tennis[modifica | modifica wikitesto]

  • A.S.D. Three Brothers Pharaon di Gallico, che milita nel campionato nazionale di Serie B.

Vela[modifica | modifica wikitesto]

  • La particolare configurazione di rada dei Giunchi e il vento sempre presente, favoriscono un'intensa attività velica e sportiva, di cui il lungomare Falcomatà fa da cornice e grande tribuna naturale. Il Circolo velico di Reggio è stato fondato nel 1882 e organizza da diversi anni la Mediterranean Cup, regata internazionale della classe Optimist.

Eventi sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Automobilismo

Francesco Siracusa alla guida
Pasquale Placido alla partenza

Negli anni cinquanta, si svolgeva sul lungomare di Reggio un'importante manifestazione automobilistica. A essa parteciparono piloti di livello nazionale, tra cui due reggini: Francesco Siracusa (campione italiano con la Stanguellini) e Pasquale Placido, vincitore della corsa nel 1955 su Giaur. Tra i due si era instaurata una sana e sportiva rivalità, alla quale aderiva buona parte della città che si divideva nel tifare per l'uno o per l'altro pilota. Il barone Placido, napoletano di origini, rappresentava la borghesia tradizionale e fondiaria, mentre il commendatore Siracusa (concessionario Lancia) quella cittadina, nuova ed emergente.

Negli ultimi anni la città ospita nell'area Tempietto del lungomare l'Arcobaleno Motor Show, evento motoristico di rilevanza nazionale, giunto alla quinta edizione.[179]

Ciclismo

Pallavolo

Reggio ha ospitato il World Grand Prix di pallavolo femminile:

Tennis

  • Nel 2009 Reggio ha ospitato presso il Circolo Tennis Rocco Polimeni, la finale di Fed Cup: massima competizione a squadre del tennis femminile.

Riferimenti letterari[modifica | modifica wikitesto]

Illustrazione ottocentesca di Edward Lear che mostra Reggio, il Castello aragonese, il vulcano Etna e la tipica vegetazione costituita da agave, fichi d'India, palme e agrumi
Particolare de Il trionfo della morte di Pieter Bruegel il Vecchio (Il Prado, Madrid), in cui si riconosce sullo sfondo il profilo di Reggio e la Torre di Pentimele, il pittore fiammingo fu a Reggio nel XVI secolo e in quest'opera fa riferimento ai suoi appunti di viaggio in cui descrive l'attacco dei pirati di Dragut sulla spiaggia del quartiere di Archi

Numerosi scrittori e poeti hanno ambientato le loro opere o parte di esse a Reggio. Tra i titoli più significativi si citano i seguenti:

«Laddove l'Apsias, il più sacro dei fiumi, si getta nel mare, laddove, mentre sbarchi una femmina si unisce ad un maschio, là fonda una città; il Dio ti concede la terra ausone.»

«Reggio, acroterio d'Italia.»

«e quel corno d'Ausonia che s'imborga di Bari, di Gaeta e di Catona da ove Tronto e Verde in mare sgorga»

«Si può dire che i dintorni di Reggio, così come le strade che l'attraversano, formano un giardino continuo, e uno dei più deliziosi»

«Reggio è un grande giardino, uno dei luoghi più belli che si possono trovare sulla terra.»

«Reggio è una delle città che si staccano da quante se ne vedono nelle lunghe traversate dalle Alpi allo Jonio per formare un tipo, un carattere, un popolo a parte.»

  • Giovanni Pascoli in "Un poeta di lingua morta" nella raccolta "Pensieri e discorsi" (1914), ricordando il latinista reggino Diego Vitrioli, descrive così il mare di Reggio:

«Questo mare è pieno di voci e questo cielo è pieno di visioni. Ululano ancora le Nereidi obliate in questo mare, e in questo cielo spesso ondeggiano pensili le città morte. Questo è un luogo sacro, dove le onde greche vengono a cercare le latine; e qui si fondono formando nella serenità del mattino un immenso bagno di purissimi metalli scintillanti nel liquefarsi, e qui si adagiano rendendo, tra i vapori della sera, imagine di grandi porpore cangianti di tutte le sfumature delle conchiglie. È un luogo sacro questo. Tra Scilla e Messina, in fondo al mare, sotto il cobalto azzurrissimo, sotto i metalli scintillanti dell'aurora, sotto le porpore iridescenti dell'occaso, è appiattata, dicono, la morte; non quella, per dir così, che coglie dalle piante umane ora il fiore ora il frutto, lasciando i rami liberi di fiorire ancora e di fruttare; ma quella che secca le piante stesse; non quella che pota, ma quella che sradica; non quella che lascia dietro sé lacrime, ma quella cui segue l'oblio. Tale potenza nascosta donde s'irradia la rovina e lo stritolio, ha annullato qui tanta storia, tanta bellezza, tanta grandezza. Ma ne è rimasta come l'orma nel cielo, come l'eco nel mare. Qui dove è quasi distrutta la storia, resta la poesia.»

(Un monumento sul lungomare Falcomatà riporta questi versi.)
  • In Acque e terre (1927), raccolta di poesie scritte durante il periodo in cui visse e lavorò a Reggio, il poeta Salvatore Quasimodo decantò la natura del luogo.
  • Lo scrittore Corrado Alvaro in Gente in Aspromonte (1930) descrive minuziosamente il costume della provincia reggina.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inaugurato il 23 dicembre del 2009, il Palmarium è stato ideato e realizzato dalla Regione Calabria.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ISTAT - Bilancio demografico mensile 30 giugno 2020, su demo.istat.it. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  3. ^ DiPI Online - Dizionario di Pronuncia Italiana, su dipionline.it. URL consultato l'8 giugno 2013.
  4. ^ Mimmo Milasi, Scenza 'i Rriggiu. Proverbi e modi di dire della tradizione orale reggina, Laruffa, 2003, ISBN 978-88-7221-214-1.
  5. ^ Filmato audio Alessandro, Tetrafillon Films, Viaggio nella Calabria Greca - parte 2/8, su YouTube, 30 settembre 2008, a 3 min 32 s. URL consultato il 29 aprile 2018.
    «Tra i minuti 3.32 e 4.43, Lorenzo Zavettieri pronuncia il nome greco-calabro (Rìghi) al minuto 4.17».
  6. ^ Comuni della Calabria per popolazione, su Tuttitalia.it. URL consultato il 21 settembre 2020.
  7. ^ In base al comma 2 dell'art.23 della legge sul federalismo fiscale e sulle autonomie locali approvata il 29 aprile 2009 e pubblicata in G.U. il 5.5.2009 fonte Archiviato il 30 settembre 2018 in Internet Archive.
  8. ^ Museo archeologico, è boom di visitatori con l'inizio del 2020, su www.avveniredicalabria.it. URL consultato il 21 settembre 2020.
  9. ^ Le collezioni, su MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA. URL consultato il 21 settembre 2020.
  10. ^ DigiArt 2016, in http://digi-art.it/wp/wp-content/uploads/2017/08/Catalogo-digiArt-2016-6mb-WEB.pdf (21.09.2020).
  11. ^ (EN) The University of Chicago Library Woodhouse's; English-Greek Dictionary, su artflx.uchicago.edu, p. 1024. URL consultato il 2 maggio 2018.
  12. ^ John Dickie, Una catastrofe patriottica: 1908: il terremoto di Messina, Gius.Laterza & Figli Spa, 1º aprile 2014, ISBN 978-88-581-1346-2. URL consultato il 22 settembre 2020.
  13. ^ Reggio Calabria e Messina conurbate a confronto con le principali Città Metropolitane italiane. Un'analisi prospettica, su Newz.it.
  14. ^ Monumento al 38º Parallelo - Reggio Calabria / Rrìggiu / Righi, su wikimapia.org. URL consultato il 22 settembre 2020.
  15. ^ admin, Il faro di Capo Spartivento. L'occhio del mar Ionio., su Pro-Loco Brancaleone, 25 dicembre 2017. URL consultato il 22 settembre 2020.
  16. ^ Francesco Nucara, La grande Reggio: Una storia della città, Gangemi Editore, 21 dicembre 2015, ISBN 978-88-492-8188-0. URL consultato il 23 settembre 2020.
  17. ^ INFC, su www.sian.it. URL consultato il 23 settembre 2020.
  18. ^ Fulvio Mazza, Gioia Tauro: storia, cultura, economia, Rubbettino Editore, 2004, ISBN 978-88-498-1059-2. URL consultato il 23 settembre 2020.
  19. ^ YouReporterNEWS, La ex Fiera di Reggio Calabria in uno stato scandaloso, su YouReporter. URL consultato il 25 settembre 2020.
  20. ^ Informazioni Museo del Bergamotto di Reggio Calabria - Notizie | Città di Reggio Calabria, su www.reggiocal.it. URL consultato il 25 settembre 2020.
  21. ^ Reggio, ex fabbrica di bergamotto: abbandono e degrado, su strill.it, 21 giugno 2010. URL consultato il 25 settembre 2020.
  22. ^ Cinzia Capalbo, Seta e moda: dalla filiera della seta alla produzione tessile, Rubbettino Editore, 2004, ISBN 978-88-498-0829-2. URL consultato il 25 settembre 2020.
  23. ^ Domenico Spanò-Bolani, Storia di Reggio Calabria da' tempi primitivi sino all'anno di Cristo 1797 Domenico Spanò Bolani: Dal 1600 al 1797 cronachetta - tavole cronologiche, Stamperia e cartiere del Fibreno, 1857. URL consultato il 25 settembre 2020.
  24. ^ Rosalba Ragosta, Napoli, città della seta: produzione e mercato in età moderna, Donzelli Editore, 2009, ISBN 978-88-6036-337-4. URL consultato il 25 settembre 2020.
  25. ^ Rosario Battaglia, L'ultimo splendore: Messina tra rilancio e decadenza (1815-1920), Rubbettino Editore, 2003, ISBN 978-88-498-0622-9. URL consultato il 25 settembre 2020.
  26. ^ Giancarlo Bertolotti e Vincenzo Capitelli, Dizionario delle materie plastiche, Tecniche Nuove, 2007, ISBN 978-88-481-1670-1. URL consultato il 25 settembre 2020.
  27. ^ [1] Archiviato il 17 novembre 2011 in Internet Archive. Morfologia della città.
  28. ^ [2] Archiviato il 17 novembre 2011 in Internet Archive. Corsi d'acqua.
  29. ^ [3]
  30. ^ [4]
  31. ^ [5]
  32. ^ [6]
  33. ^ [7]
  34. ^ [8]
  35. ^ [9]
  36. ^ Helios Magazine - Centro Studi e rivista di scienze, cultura e società, su heliosmag.it. URL consultato il 02-02-2009 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2006).
  37. ^ Valeria Bellantoni, La tesi di Italo ora è un libro (PDF), in Il Quotidiano della Calabria, 14 dicembre 2004. URL consultato il 2 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2006).
  38. ^ Reggio trionfa Scopelliti [collegamento interrotto], su Corriere.it, 29 maggio 2007. URL consultato il 2 febbraio 2009.
  39. ^ Caso Fallara, le motivazioni della Cassazione: «Giuseppe Scopelliti ideatore delle falsificazioni», su newz.it, 20 luglio 2018. URL consultato il 7 agosto 2020.
  40. ^ Reggio, ok a maggioranza al Rendiconto 2019: disavanzo "schizzato" a 400 milioni, su Calabria7, 31 luglio 2020. URL consultato il 27 settembre 2020.
  41. ^ Cdm scioglie Comune Reggio Calabria, ANSA.it, 9 ottobre 2012. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  42. ^ a b RBMS >> Committees >> Bibliographic Standards Committee, su rbms.info. URL consultato il 16 aprile 2011 (archiviato dall'url originale il 20 maggio 2011).
  43. ^ Stemma, su royalbed.it. URL consultato il 30 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2011).
  44. ^ http://www.fondazionemediterranea.eu/attivita/lezioni-reggine/la-storia-del-gonfalone-di-reggio-calabria.html[collegamento interrotto]
  45. ^ Gazzetta Ufficiale del Regno d'Italia N.300 del 22 dicembre 1934.
  46. ^ Stazione centrale di piazza Garibaldi, il sottopasso si trasforma in galleria d'arte, su ReggioToday. URL consultato il 30 settembre 2020.
  47. ^ Francesca Chiara Siclari, Garcilaso de la Vega alcalde di Reggio Calabria 1534-1536, Città del Sole Edizioni, 2013, ISBN 978-88-7351-661-3. URL consultato il 30 settembre 2020.
  48. ^ (ES) Garcilaso de la Vega, Obra completa de Garcilaso de la Vega, EDAF, 25 luglio 2017, ISBN 978-84-414-3783-8. URL consultato il 30 settembre 2020.
  49. ^ Reggio Calabria: approvato il progetto per le opere complementari dell’area di collegamento tra il porto e il Lungomare, su strill.it, 6 dicembre 2019. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  50. ^ Ferrovie, circolano meno treni al Sud che in Lombardia. Calabria avanti a piccoli passi, su Zoom24, 17 gennaio 2018. URL consultato il 1º ottobre 2020.
  51. ^ a b Piazza De Nava | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  52. ^ La nascita di Venere di Sandro Botticelli: analisi, su arteworld.it, 15 febbraio 2018. URL consultato il 14 ottobre 2020.
  53. ^ Trovati resti di una città segreta sotto Reggio Calabria, su lastampa.it, 14 maggio 2016. URL consultato il 2 ottobre 2020.
  54. ^ a b La nostra storia, su MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  55. ^ Reggio Calabria, restauro “a vista” per la Testa del Filosofo, su CN24. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  56. ^ Comunicato Stampa, Notti d'estate al MArRC: ecco il programma degli eventi in terrazza, su CityNow, 10 luglio 2019. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  57. ^ a b c d e f Art Bonus - Testa del Filosofo, su artbonus.gov.it. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  58. ^ Livello D, su MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  59. ^ www.bronziriace.it, https://www.bronziriace.it/la-storia/. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  60. ^ La Storia, su I Bronzi di Riace, 25 aprile 2019. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  61. ^ La storia dei Bronzi di Riace, su bronziriace.it.
  62. ^ Il livello D - I Bronzi di Riace, su museoarcheologicoreggiocalabria.it.
  63. ^ a b Livello D, su MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA. URL consultato il 5 ottobre 2020.
  64. ^ a b c d e f g h Testa maschile barbata, cosiddetta “Testa di Basilea”, su Restituzioni. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  65. ^ Alberto Campana, Una semisconosciuta emissione bronzea di Siracusa, in Panorama Numismatico - https://www.panorama-numismatico.com/wp-content/uploads/UNA-SEMISCONOSCIUTA-EMISSIONE-BRONZEA-DI-SIRACUSA-.pdf, n. 11/2014.
  66. ^ Reggio Calabria, restauro “a vista” per la Testa del Filosofo, su CN24. URL consultato il 16 ottobre 2020.
  67. ^ Livello C, su MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI REGGIO CALABRIA. URL consultato il 5 ottobre 2020.
  68. ^ Pinacoteca Civica di Reggio Calabria - IreSud Calabria - I Musei della Calabria in rete, su www.iresudcalabria.it. URL consultato il 5 ottobre 2020.
  69. ^ Mattia Preti, Il Cavalier Calabrese – Electa Napoli, 1999, su mattia-preti.it.
  70. ^ a b CANNIZZARO, Vincenzo in "Dizionario Biografico", su www.treccani.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  71. ^ a b c d Pinacoteca Civica di Reggio Calabria - IreSud Calabria - I Musei della Calabria in rete, su www.iresudcalabria.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  72. ^ Autostrada, su www.europeana.eu. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  73. ^ Autostrada del sole | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  74. ^ Pinacoteca Civica - Sculture - Home | Città di Reggio Calabria, su www.reggiocal.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  75. ^ Il percorso espositivo | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  76. ^ La spina | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  77. ^ museid italia - Cultura Italia: La Spina, su www.culturaitalia.it. URL consultato il 6 ottobre 2020.
  78. ^ Palazzo della Cultura Pasquino Crupi | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  79. ^ a b De Chirico, Dalì, Carrà: a Reggio Calabria il museo dei capolavori confiscati ai boss, su La Repubblica, 6 maggio 2016. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  80. ^ ARTE it Srl, Dalla cucina dell'imprenditore al Palazzo della Cultura: quelle tele di Fontana, de Chirico, Dalì restituite allo Stato - Reggio Calabria - Arte.it, su www.arte.it. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  81. ^ a b Marco Enrico Giacomelli, Fuente de vita e Romeo e Giulietta, di Salvator Dalì | Artribune, su artribune.com. URL consultato il 7 ottobre 2020.
  82. ^ a b c d e A REGGIO CALABRIA L'ARTE 'TORNA ARTE', di Giulia Bonardi, su News-Art. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  83. ^ Pablo Picasso. Jacqueline in Black Hat (Jacqueline au chapeau noir), state three. 1962 | MoMA, su The Museum of Modern Art. URL consultato il 9 ottobre 2020.
  84. ^ Giuseppe Baldessarro, I tesori sequestrati al boss in mostra a Reggio Calabria, in https://www.repubblica.it/speciali/arte/2013/08/10/news/i_tesori_d_arte_sequestrati_al_boss_in_mostra_a_reggio_calabria-64565245/#gallery-slider=64576462, 10 agosto 2013.
  85. ^ a b ARTE it Srl, Dalla cucina dell'imprenditore al Palazzo della Cultura: quelle tele di Fontana, de Chirico, Dalì restituite allo Stato - Reggio Calabria - Arte.it, su www.arte.it. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  86. ^ A Reggio Calabria apre il Palazzo della Cultura: la rivincita della legalità, su Artspecialday, 11 maggio 2016. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  87. ^ a b c d e Palazzo della Cultura Pasquino Crupi | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato l'8 ottobre 2020.
  88. ^ Il Bergamotto: oro verde di Calabria, su www.prontoestate.it. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  89. ^ Museo del Bergamotto | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  90. ^ a b c d e f Castello Aragonese, su www.autostradadelmediterraneo.it. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  91. ^ Castello Aragonese | Turismo Reggio Calabria, su turismo.reggiocal.it. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  92. ^ Reggio Calabria: Carl Brave fa esplodere d’entusiasmo Piazza Castello [GALLERY], su Stretto Web, 7 agosto 2019. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  93. ^ Reggio Live Fest 2019 - Home | Città di Reggio Calabria, su www.comune.reggio-calabria.it. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  94. ^ Al Reggio Live Fest arriva Levante a Piazza Castello, su strill.it, 8 agosto 2019. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  95. ^ Reggio Live Fest: Levante incanta Piazza Castello [FOTO], su Stretto Web, 10 agosto 2019. URL consultato il 13 ottobre 2020.
  96. ^ Francesca Chiara Siclari, Garcilaso de la Vega alcalde di Reggio Calabria 1534-1536, Città del Sole Edizioni, 2013, ISBN 978-88-7351-661-3. URL consultato il 15 ottobre 2020.
  97. ^ Edward Lear, Edward Lear in Southern Italy: Journals of a Landscape Painter in Southern Calabria and the Kingdom of Naples, W. Kimber, 1964 [1852], p. 31.
  98. ^ Edward Lear, Diario di un viaggio a piedi, Rubbettino Editore, 2009 [1852], p. 23, ISBN 978-88-498-2519-0.
  99. ^ [10] La villa Comunale
  100. ^ Popolazione residente al 1º gennaio : Calabria, su dati.istat.it. URL consultato il 30 giugno 2020.
  101. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  102. ^ Dato Istat al 31/12/2019, su demo.istat.it. URL consultato il 7 agosto 2020.
  103. ^ cfr pag.96 Tempo religioso e tempo storico: saggi e note di Storia sociale e religiosa, vol.3, Gabriele De Rosa
  104. ^ Francesco Russo, Storia dell'Archidiocesi di Reggio Calabria, Ed. Laurenziana-Napoli 1961, vol I, pag.236
  105. ^ Fanno parte della provincia reggina e le diocesi suffraganee: diocesi di Locri-Gerace (e Santa Maria di Polsi); diocesi di Oppido Mamertina-Palmi; diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea
  106. ^ Sito web della chiesa pentecostale ADI a Reggio Calabria
  107. ^ Chiese Ortodosse Il Italia
  108. ^ Chiesa ortodossa a Reggio Calabria - LASTAMPA.it, su lastampa.it. URL consultato il 2 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2012).
  109. ^ F. Mosino, Dal Greco antico al Greco moderno in Calabria e Basilicata, Reggio Calabria, Pontari, 1995
  110. ^ Guardia Costiera - Direzione Marittima di Reggio Calabria Archiviato il 25 giugno 2007 in Internet Archive.
  111. ^ Agenzia delle dogane e dei Monopoli - Ufficio delle Dogane di Reggio Calabria - Campania e Calabria, su www.adm.gov.it. URL consultato il 27 giugno 2020.
  112. ^ Soprintendenza Archeologia della Calabria - Segretariato Regionale del MiBACT Calabria, su www.beniculturalicalabria.it. URL consultato il 27 giugno 2020.
  113. ^ Fonte sull'ente
  114. ^ Sito Ufficiale della Corte d'Appello di Reggio Calabria, su www.ca.reggiocalabria.giustizia.it. URL consultato il 27 giugno 2020.
  115. ^ Reggio Calabria | Avvocatura Generale dello Stato, su www.avvocaturastato.it, 22 novembre 2010. URL consultato il 27 giugno 2020.
  116. ^ Agenzia, su www.benisequestraticonfiscati.it. URL consultato il 27 giugno 2020.
  117. ^ Sedi, su www.benisequestraticonfiscati.it. URL consultato il 27 giugno 2020.
  118. ^ http://www.consorziodelbergamotto.it/[collegamento interrotto]
  119. ^ La qualità della vita a Reggio Calabria nel 2019 | Il Sole 24 ORE, su www.ilsole24ore.com. URL consultato il 30 giugno 2020.
  120. ^ Qualità della vita 2008, su ilsole24ore.com. URL consultato il 5 febbraio 2009 (archiviato dall'url originale il 16 ottobre 2012).
  121. ^ Dato rilevato su base regionale, ma facilmente evincibile dalla differenza tra tasso di occupazione e tasso di disoccupazione, rilevato in 35,1 punti percentuali. Cfr.: NEET (giovani non occupati e non in istruzione e formazione): Dati regionali (%), su dati.istat.it. URL consultato il 6 luglio 2020.
  122. ^ Trenitalia, la ripartenza è verso Sud. Esordisce il Frecciarossa Torino-Reggio Calabria diretto, su la Repubblica, 21 maggio 2020. URL consultato il 30 giugno 2020.
  123. ^ Italo. Treni raddoppiati per l'estate. E arriva il Torino-Reggio Calabria, su la Repubblica, 15 giugno 2020. URL consultato il 30 giugno 2020.
  124. ^ Lorenzo Pallotta, Ferrovie, De Micheli: "L’Alta Velocità Reggio Calabria – Salerno si farà", su Ferrovie.Info. URL consultato il 30 giugno 2020.
  125. ^ Dati Annuali, su Assaeroporti. URL consultato il 30 giugno 2020.
  126. ^ Aeroporto di Reggio Calabria, 25 milioni per ristrutturazione e messa in sicurezza, su dire.it, 12 giugno 2020. URL consultato il 30 giugno 2020.
  127. ^ Reggio Calabria, ecco tutte le SCHEDE dei progetti che daranno un nuovo volto all'Aeroporto dello Stretto [RENDERING, FOTO e VIDEO], su Stretto Web, 8 agosto 2019. URL consultato il 30 giugno 2020.
  128. ^ (PDF) Ecosistema urbano 2019 (PDF), su legambiente.it. URL consultato il 7 agosto 2020.
  129. ^ Copia archiviata, su tempostretto.it. URL consultato il 31 gennaio 2010 (archiviato dall'url originale il 30 gennaio 2010). Riunione straordinaria Consiglio dei ministri in città
  130. ^ ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE "AUGUSTO RIGHI", su lnx.itgrighi.gov.it. URL consultato il 28 luglio 2017.
  131. ^ Sito dell'ISSR - Istituto Superiore Scienze Religiose "Monsignor Vincenzo Zoccali"
  132. ^ sito della Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Reggio Calabria
  133. ^ CNR - IBIM | Reggio Calabria Archiviato il 28 ottobre 2011 in Internet Archive.
  134. ^ [11] iter riconoscimento Bronzi di Riace "patrimonio dell'umanità"
  135. ^ [12] Museo di Biologia e paleontologia
  136. ^ Sito del Museo del Presepio Archiviato il 2 giugno 2009 in Internet Archive.
  137. ^ [13][collegamento interrotto] fonte sul museo di storia della Farmacia
  138. ^ Frequenze radio reggio calabria | stazione radio reggio calabria | Radio Online, in reggio calabria. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  139. ^ Tv: Reggio Calabria, Caligiuri sul set de 'Il giudice meschino' con Zingaretti. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  140. ^ Accademia di Belle Arti - Reggio Calabria, su www.accademiabelleartirc.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  141. ^ Coro Lirico Francesco Cilea
  142. ^ fonte
  143. ^ fonte
  144. ^ Maschere italiane, di Constantina Fiorini, Giunti, 2003 ISBN 88-440-2606-6 ISBN 9788844026066
  145. ^ Giangurgolo e la Commedia dell'arte, Alfredo Barbina, Rubbettino, 1989
  146. ^ Pesca pettine - surice
  147. ^ Pesce pettine (Xyrichthys novacula) - Scheda di MondoMarino.net...il mare in rete
  148. ^ Vintripodi Calabria Archiviato il 23 luglio 2012 in Internet Archive.
  149. ^ Legambiente Calabria, su calabria.legambiente.it. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 15 gennaio 2018).
  150. ^ Corrireggio per tutti, su www.quicalabria.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  151. ^ SCIROCCOnews, su SCIROCCOnews. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 29 luglio 2016).
  152. ^ SCIROCCOnews, su SCIROCCOnews. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2016).
  153. ^ Mnews - Recensioni Offerte Amazon, su Mnews - Recensioni Offerte Amazon. URL consultato il 15 gennaio 2018 (archiviato dall'url originale il 23 dicembre 2016).
  154. ^ [14] Archiviato il 17 novembre 2011 in Internet Archive. Nuovo piano urbanistico della città
  155. ^ mappa satellitare di Reggio C.
  156. ^ Città di Reggio Calabria, La popolazione nelle Circoscrizioni Anno 2007, su www.reggiocal.it. URL consultato il 14 gennaio 2018.
  157. ^ Gli otto indicatori e la graduatoria delle 103 province, da Il Sole 24 ore
  158. ^ Canciani 1994, EAA, s.v. Calcidesi, vasi.
  159. ^ Atlante cartografico dell'artigianato, vol. 3, Roma, A.C.I., 1985, p. 14,15.
  160. ^ Beverfood.com Edizioni, DOPO L’ACQUISIZIONE DI SOCIB, LA COCA-COLA HBC ITALIA CHIUDE GLI STABILIMENTI DI REGGIO CALABRIA E BARI E RAFFORZA QUELLO DI MARCIANISE, in beverfood.com, 15 aprile 2009. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  161. ^ Webgenesys, Autorita' portuale di Gioia Tauro, su www.portodigioiatauro.it. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  162. ^ Francesco Storai, Ferrovie, Gentile (RFI): "L'AV al sud? Non serve, basta velocizzare linee tradizionali", su Ferrovie.Info. URL consultato il 24 luglio 2019.
  163. ^ Calabria: partiti i lavori per l’elettrificazione della linea Jonica - Comunicati - FSNews, su www.fsnews.it. URL consultato il 24 luglio 2019.
  164. ^ Traffico Merci e Passeggeri nei principali Porti Italiani - MIT, su dati.mit.gov.it. URL consultato il 24 luglio 2019.
  165. ^ A.T.A.M. **Azienda Trasporti per l'Area Metropolitana** (Città di Reggio Calabria), su www.atam.rc.it. URL consultato il 24 luglio 2019.
  166. ^ Strill.it[collegamento interrotto]
  167. ^ fonte
  168. ^ Risultati elezioni comunali 2014 - Repubblica.it, su repubblica.it.
  169. ^ Comunicazione e Forme, su www.formedicomunicazione.com. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  170. ^ www.e-patras.gr - Città Gemellate, su e-patras.gr. URL consultato il 23 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2010).
  171. ^ Omar Masso campione Italian Style bartender 2017 - Notizie Calabria, in Ntacalabria.it, 14 gennaio 2018. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  172. ^ Gemellaggio tra Roma e Reggio Calabria - Reggio Calabria, su www.calabriaonline.com. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  173. ^ Roma Capitale | Accesso all'area riservata, su Roma capitale. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  174. ^ Associazione TECLA - Sito Ufficiale, su www.tecla.org. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  175. ^ Elenco consolati in Italia (PDF), Ministero degli Esteri. URL consultato il 7 maggio 2014.
  176. ^ Sito di Parco Caserta, su parcocaserta.it. URL consultato il 21-01-2009 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2006).
  177. ^ Sito del Golf Club Montechiarello, su montechiarellogolf.it. URL consultato il 21-01-2009 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2007).
  178. ^ Sito del circolo Polimeni, su ctpolimeni.eu. URL consultato il 07-11-2009 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  179. ^ ARCOBALENO MOTOR SHOW Reggio Calabria - Mondomotoriblog

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • F. Canciani, Calcidesi, vasi, in Enciclopedia dell'arte antica classica e orientale (Secondo supplemento), Roma, Istituto della enciclopedia italiana, 1994.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Simboli di Reggio

Trasporti

Altro

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN144248442 · LCCN (ENn80132105 · GND (DE4103588-4 · BNF (FRcb11998794r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80132105
Reggio Calabria Portale Reggio Calabria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Reggio Calabria