Refrigeratore di Einstein–Szilárd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La richiesta di brevetto di Einstein e Szilárd.
Disegno del brevetto con annotazioni.

Il refrigeratore di Einstein–Szilárd è un frigorifero ad assorbimento privo di parti mobili, che funziona a pressione costante e che per il suo funzionamento richiede esclusivamente una fonte di calore. Fu inventato nel 1926 congiuntamente da Albert Einstein e dal suo allora studente Leó Szilárd, il quale lo brevettò negli Stati Uniti l'11 dicembre 1930.[1]

Si tratta di un progetto alternativo del dispositivo inventato nel 1922 dagli svedesi Baltzar von Platen e Carl Munters.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1926 al 1934 Einstein e Szilárd collaborarono a migliorare la tecnologia della refrigerazione domestica, motivati dalla notizia di un incidente nel quale i componenti di una famiglia di Berlino erano stati uccisi dalle esalazioni tossiche fuoriuscite dal loro frigorifero a causa della rottura di una guarnizione.

Einstein e Szilárd pensarono ad un apparato privo di parti mobili, perché sarebbe stato eliminato il rischio di un guasto alle guarnizioni. I due scienziati esplorarono quindi le applicazioni pratiche di differenti cicli di refrigerazione. Einstein sfruttò la sua esperienza maturata quando lavorava all'Ufficio Brevetti svizzero per registrare diverse sue invenzioni in vari paesi. I due scienziati ottennero 45 brevetti per tre differenti modelli. È probabile che la maggior parte di tali invenzioni sia stata sviluppata da Szilárd, mentre si suppone che Einstein abbia contribuito principalmente come consulente per la stesura dei documenti da presentare,[2] anche se alcuni ipotizzano che il contributo di Einstein sia andato anche oltre.[3]

Degli apparati descritti nei brevetti furono costruite solo alcune unità dimostrative. Il brevetto più promettente venne acquistato dall'azienda svedese Electrolux per 750 dollari, ma non venne mai messo in produzione.[3]

Sviluppi recenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel settembre del 2008 all'Università di Oxford è stato attivato un progetto triennale, con a capo Malcolm McCulloch, al fine di sviluppare delle apparecchiature più robuste che potessero essere utilizzate in luoghi privi di energia elettrica; il team ha realizzato un prototipo che, migliorando il progetto iniziale e cambiando le miscele di gas utilizzate, ha permesso di quadruplicare l'efficienza.[4] Un frigorifero simile è stato proposto da Adam Grosser in un TED Talk nel 2008,[5] ma non è ancora in produzione.

Nel 2016 Will Broadway ha vinto il James Dyson Award per un refrigeratore per vaccini basato su tale tecnologia.[6] La maggior parte dei vaccini richiede infatti una refrigerazione costante, cosicché la mancanza di infrastrutture in grado di mantenere correttamente la catena del freddo è uno dei problemi che rendono difficile lo svolgimento di efficaci campagne vaccinali nelle zone più disagiate.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) US1781541, United States Patent and Trademark Office, Stati Uniti d'America.
  2. ^ (EN) Geene Dannen, The Einstein–Szilard Refrigerators [collegamento interrotto], in Scientific American, vol. 276, n. 1, 1997, pp. 90–95, DOI:10.1038/scientificamerican0197-90.
  3. ^ a b (EN) Sam Kean, Caesar's Last Breath, New York, Hachette, 2017, ISBN 978-0-316-38163-5. URL consultato il 24 luglio 2017.
  4. ^ (EN) Jha Alok, Einstein fridge design can help global cooling, The Guardian, 21 settembre 2008.
  5. ^ (EN) Adam Grosser and his sustainable fridge
  6. ^ (EN) Einstein-inspired Isobar vaccine cooling system wins UK James Dyson award, in The Guardian, 8 settembne 2016. URL consultato l'8 settembre 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Einstein, A., L. Szilárd, "Refrigeration" (Appl: 16 December 1927; Priority: Germany, 16 December 1926) (EN) US1781541, United States Patent and Trademark Office, Stati Uniti d'America., 11 November 1930.
  • (EN) Einstein, A., L. Szilárd, "Accompanying notes and remarks for Pat. No. 1,781,541". Mandeville Special Collections Library USC. Box 35, Folder 3, 1927; 52 pages.
  • (EN) Einstein, A., L. Szilárd, "Improvements Relating to Refrigerating Apparatus." (Appl: 16 December. 1927; Priority: Germany, 16 December 1926). Patent Number 282,428 (United Kingdom). Complete accept.: 5 November 1928.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]