Refrain (singolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Refrain
ArtistaLys Assia
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1956
Dischi1
Tracce2
GenerePop
EtichettaDecca
Formati7"

Refrain è un singolo della cantante svizzera Lys Assia, pubblicato nel 1956 da Decca in formato 7". Il brano ha vinto la prima edizione dell'Eurovision Song Contest.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Temi[modifica | modifica wikitesto]

Refrain racconta degli amori perduti della protagonista, quando poteva sognare nella sua adolescenza.

Eurofestival[modifica | modifica wikitesto]

"Refrain"
Svizzera
ArtistaLys Assia
Autore/iGéo Voumard (musica)
Émile Gardaz (testi)
GenereMusica leggera
Pop
Data1956

Refrain è il brano musicale vincitore dell'Eurovision Song Contest 1956, scritto da Géo Voumard ed Émile Gardaz, cantato in francese da Lys Assia, allora rappresentante della Svizzera, e la cui esecuzione al festival fu condotta dal direttore d'orchestra Fernando Paggi.

È stata la prima canzone vincitrice della manifestazione, ma non è stata la prima eseguita in rappresentanza della Svizzera. Il 1956 fu, infatti, l'unico anno in cui i paesi partecipanti proponevano due brani, in base alle regole ufficiali della manifestazione. Assia si era già esibita per seconda con la canzone Das alte Karussell (in tedesco). Le ritoccò cantare per nona, preceduta dai Paesi Bassi (con Corry Brokken) e seguita dal Belgio (rappresentato da Mony Marc).

Alla fine della serata fu annunciato, dunque, che era stata proprio Refrain a trionfare, anche se i punti non sarebbero stati mai svelati. Ignote sono anche le canzoni classificatesi al secondo e al terzo posto.

Pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Del singolo esistono più versioni pubblicate su 7" Decca. L'edizione della versione in francese (numero di catalogo D 18 265), riporta sul retro la canzone Arrivederci Roma scritta da Renato Rascel[1]. Ne esistono inoltre un'edizione con testo tedesco (D 18 266), intitolata Refrain, du gold'ner Traum aus meiner Jugendzeit, con sul retro la canzone Addio, bella Napoli[2], e una in inglese (D 18 535), intitolata Last Night (Refrains), con sul retro la canzone This Is My Boy[3]. Tutte queste edizioni sono state pubblicate nel 1956. Esiste infine un'edizione su 10" (C.16527) della versione francese con sul retro il brano Romance aux etoiles.[4]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Refrain (testo: Émile Gardaz – musica: Géo Voumard)
  2. Arrivederci, Roma (testo: Pietro Garinei, Sandro Giovannini – musica: Renato Rascel)

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 1956 - Refrain/Arrivederci, Roma (Decca, D 18 265, 7") versione in francese
  • 1956 - Refrain, du goldner Traum aus meiner Jugendzeit/Addio, bella Napoli (Decca, D 18 266, 7") versione in tedesco
  • 1956 - Last Night (Refrains)/This Is My Boy (Decca, D 18 535, 7") versione in inglese
  • Lys Assia – Refrain / Romance Aux Etoiles (Decca, C.16527, 10") versione in francese

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Refrain, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 16 febbraio 2017. Modifica su Wikidata
  2. ^ (EN) Lys Assia – Refrain, Du Gold'ner Traum Aus Meiner Jugendzeit, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) Lys Assia – Last Night (Refrains), su Discogs, Zink Media. URL consultato il 16 febbraio 2017.
  4. ^ (EN) Lys Assia – Refrain / Romance Aux Etoiles, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 16 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]