Referendum nucleare lituano del 2008

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lituania
Coat of Arms of Lithuania

Questa voce è parte della serie:
Politica della Lituania








Altri stati · Atlante

Il 12 ottobre 2008 si è tenuto in Lituania un referendum sull'estensione delle operazioni presso la centrale nucleare di Ignalina, nonostante il fatto che la Lituania sia obbligata a chiudere Ignalina per effetto del trattato di adesione all'Unione Europea.[1][2] Contestualmente, si sono tenute le elezioni parlamentari.

All'elettorato fu presentata la domanda: "Approvo l'estensione delle operazioni della Centrale Nucleare di Ignalina per un periodo tecnico di sicurezza, non più lungo del completamento della costruzione di una nuova centrale nucleare."[3]

Il referendum è stato invalidato dalla bassa partecipazione al voto (era richiesta una soglia del 50%).

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Opzione Voti Percentuali
dei voti validi del totale
1.155.192 91,41 88,59
No 108.513 8,59 8,32
Non validi 40.162 3,08
Totale 1.303.974 100 100
Esito Affluenza: 48,44%. Quorum non superato e referendum invalidato.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Litauen: Gehen ohne Atom die Lichter aus? « DiePresse.com
  2. ^ Referendum information - The Central Electoral Commission of the Republic of Lithuania
  3. ^ Lietuvos Respublikos Seimas - Document Text

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]