Referendum abrogativi del 1997 in Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel giugno 1997 gli elettori italiani furono chiamati a votare sette referendum abrogativi.

I referendum[modifica | modifica sorgente]

Nel 1996 il Movimento dei Club Pannella-Riformatori tornava a proporre venti referendum che sottendevano un vero e proprio progetto politico di carattere generale definito «americano, liberale, libertario e liberista» che il partito voleva realizzare mediante il pronunciamento del corpo elettorale[1]. Tra questi vi erano leggi elettorali maggioritarie omogenee a tutti i livelli, la riforma della giustizia, del fisco, della sanità, ed alcuni cavalli di battaglia storici dei Radicali come aborto, obiezione di coscienza e legalizzazione delle droghe leggere.

Il 5 ottobre i Radicali diedero vita ad una campagna oratoria chiamata «Ma Perché?», un comizio no-stop in Via del Corso a Roma ed in diretta su Radio Radicale 2, per sollecitare in particolare i cittadini agiati del paese a sostenere economicamente e politicamente la campagna referendaria del movimento, poiché per battere la scarsa attenzione dei mezzi di comunicazione il partito dovette comprare numerose pagine di quotidiani a pagamento.

La sentenza di gennaio della Corte Costituzionale riduceva questi referendum abrogativi a sei.

Le tribune elettorali della RAI partirono quando mancavano ormai venti giorni dalla data della consultazione e fu solo dopo la trovata di Pannella di presentarsi nella tribuna referendaria mascherato da fantasma, per denunciare la mancanza di legalità, che i telegiornali cominciarono ad informare sull'imminente consultazione. Due trasmissioni della RAI e due di Mediaset ospitarono dibattiti referendari e soltanto una di queste venne trasmessa in prima serata: la puntata di Porta a Porta del 13 giugno.[2]

Nonostante gli appelli per coinvolgere l'ala riformatrice del Polo delle libertà e Confindustria, per riforme che vedevano molti dei loro aderenti favorevoli,[3] i Radicali rimasero isolati nella mobilitazione precedente al voto e pur ottenendo maggioranze schiaccianti di «si» (circa l'80%) i referendum non raggiunsero il quorum di partecipanti richiesto, segnando così un arresto al progetto di riforma radicale.

Gli italiani furono chiamati alle urne il 15 giugno 1997.

Privatizzazione[modifica | modifica sorgente]

Abolizione dei poteri speciali riservati al Ministro del Tesoro nelle aziende privatizzate.

Quesito: "Volete voi che sia abrogato il d.l. 31 maggio 1994, n. 332, recante "Norme per l'accelerazione delle procedure di dismissione di partecipazioni dello Stato e degli enti pubblici in società per azioni", convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 1994, n. 474, limitatamente all'articolo 2?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 790 505 30,20 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 12 880 352 87,10 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 1 910 153 12,90 (su n. votanti)
Astenuti 33 270 860 67,80 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 9 539 459 74,10%
RISPOSTA NEGATIVA NO 3 340 893 25,90%
bianche/nulle 1 910 153
Totale voti validi 12 880 352 100%

Obiezione di coscienza[modifica | modifica sorgente]

Abolizione dei limiti per essere ammessi al servizio civile in luogo del servizio militare.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 15 dicembre 1972, n. 772, recante "Norme per il riconoscimento dell'obiezione di coscienza", limitatamente alle seguenti parti: articolo 1, comma 1, limitatamente alle parole: "essere ammessi a", comma 2 ("I motivi di coscienza addotti debbono essere attinenti ad una concezione generale della vita basata su profondi convincimenti religiosi o filosofici o morali professati dal soggetto.") e comma 3, limitatamente alla parola "comunque"; articolo 2, comma 1, limitatamente alle parole: "entro 60 giorni dall'arruolamento", e comma 2 ("Gli abili e gli arruolati (recte: Gli abili ed arruolati), ammessi al ritardo e al rinvio del servizio militare per i motivi previsti dalla presente legge (recte: dalla legge), che non avessero presentato domanda nei termini stabiliti dal comma precedente, potranno produrla ai predetti organi di leva entro il 31 dicembre dell'anno precedente alla chiamata alle armi."); articolo 3, comma 1, limitatamente alle parole: "sentito il parere di una commissione circa la fondatezza e la sincerità dei motivi addotti dal richiedente"; articolo 4; articolo 8, comma 6, limitatamente alle parole: ", sentita, nei casi di cui al quarto comma, la commissione prevista dall'articolo 4?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 860 894 30,30 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 13 336 669 89,70 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 1 524 225 10,30 (su n. votanti)
Astenuti 34 193 516 69,70 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 9 561 009 71,70%
RISPOSTA NEGATIVA NO 3 775 660 28,30%
bianche/nulle 1 524 225
Totale voti validi 13 336 669 100%

Caccia[modifica | modifica sorgente]

Abolizione della possibilità per il cacciatore di entrate liberamente nel fondo altrui.

Quesito: "Volete voi che sia abrogato l'articolo 842 del codice civile, approvato con regio decreto del 16 marzo 1942, n. 262, comma primo ("Il proprietario di un fondo non può impedire che vi si entri per l'esercizio della caccia, a meno che il fondo sia chiuso nei modi stabiliti dalla legge sulla caccia o vi siano colture in atto suscettibili di danno.) e comma secondo ("Egli può sempre opporsi a chi non è munito della licenza rilasciata dall'autorità.)?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 817 553 30,20 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 13 518 329 91,20 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 1 299 224 8,80 (su n. votanti)
Astenuti 34 236 857 69,80 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 10 936 576 80,90%
RISPOSTA NEGATIVA NO 2 581 753 19,10%
bianche/nulle 1 299 224
Totale voti validi 13 518 329 100%

Carriere dei magistrati: Abolizione dell'attuale sistema di progressione in carriera[modifica | modifica sorgente]

Abolizione del sistema di progressione delle carriere dei magistrati.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 25 luglio 1966, n. 570, recante "Disposizioni sulla nomina a magistrato di Corte d'appello" , e la legge 20 dicembre 1973, n. 831, recante "Modifiche dell'ordinamento giudiziario per la nomina a magistrato di Cassazione e per il conferimento degli uffici direttivi superiori" ?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 791 735 30,20 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 12 909 521 87,30 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 1 882 214 12,70 (su n. votanti)
Astenuti 34 262 675 69,80 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 10 786 069 83,60%
RISPOSTA NEGATIVA NO 2 123 452 16,40%
bianche/nulle 1 882 214
Totale voti validi 12 909 521 100%

Ordine dei giornalisti[modifica | modifica sorgente]

Abolizione dell’Ordine dei giornalisti. Promosso dai Radicali.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 3 febbraio 1963, n. 69, nel testo risultante dalle modificazioni apportate dalle leggi 20 ottobre 1964 n. 1039 e 10 giugno 1969 n. 308 e dalle sentenze della Corte costituzionale n. 11 e n. 98 del 1968, recante "Ordinamento della professione di giornalista"?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 735 975 30,00 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 12 702 450 86,20 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 2 033 525 13,80 (su n. votanti)
Astenuti 34 318 435 70,00 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 8 322 166 65,50%
RISPOSTA NEGATIVA NO 4 380 284 34,50%
bianche/nulle 2 033 525
Totale voti validi 12 702 450 100%

Incarichi extragiudiziari dei magistrati[modifica | modifica sorgente]

Abolizione della possibilità per i magistrati di assumere incarichi al di fuori delle loro attività giudiziarie.

Quesito: "Volete voi che sia abrogato il regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, recante "Ordinamento giudiziario" , limitatamente alle seguenti parti: art. 16, comma 2, limitatamente alle parole: "senza l'autorizzazione del Consiglio Superiore della Magistratura" e comma 3 ( "In tal caso, possono assumere le funzioni di arbitro unico o di presidente del collegio arbitrale ed esclusivamente negli arbitrati nei quali è parte l'Amministrazione dello Stato ovvero aziende o enti pubblici, salvo quanto previsto dal capitolato generale per le opere di competenza del Ministero dei lavori pubblici, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 16 luglio 1962, n. 1063." ), come sostituiti dall'art. 14, commi 2 e 3 della legge 2 aprile 1979, n. 97?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 812 238 30,20 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 13 040 846 88,00 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 1 771 392 12,00 (su n. votanti)
Astenuti 34 242 172 69,80 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 11 160 923 85,60%
RISPOSTA NEGATIVA NO 1 879 923 14,40%
bianche/nulle 1 771 392
Totale voti validi 13 040 846 100%

Ministero per le politiche agricole[modifica | modifica sorgente]

Abrogazione della legge che istituisce il Ministero delle Politiche Agricole.

Quesito: "Volete voi che sia abrogata la legge 4 dicembre 1993, n. 491 (Riordinamento delle competenze regionali e statali in materia agricola e forestale e istituzione del Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali)?"

totale percentuale (%)
Iscritti alle liste 49 054 410  
Votanti 14 724 261 30,10 (su n. elettori) Quorum non raggiunto
Voti validi 12 848 609 87,20 (su n. votanti)
Voti nulli o schede bianche 1 893 652 12,80 (su n. votanti)
Astenuti 34 312 149 69,90 (su n. iscritti)

Risultati[modifica | modifica sorgente]

Voti  %
RISPOSTA AFFERMATIVA 8 589 746 66,90%
RISPOSTA NEGATIVA NO 4 258 863 33,10%
bianche/nulle 1 893 652
Totale voti validi 12 848 609 100%

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Angiolo Bandinelli, Venti referendum per l'alternativa, 28 giugno 1996
  2. ^ Alessandro Oddi, La ‘ragionevole’ impar condicio, in Giurisprudenza costituzionale, n. 2, 1998
  3. ^ Confindustria e i referendum di Pannella: D'Amato, Confalonieri e Guidi a Radio Radicale, 7 maggio 1991

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]