Re di Romania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bandiera del Re

Re dei rumeni o Re di Romania (in rumeno: Regele Românilor, Regele României) fu il titolo ufficiale del sovrano del Regno di Romania dal 1881 al 1947, quando la monarchia fu abolita e al suo posto venne instaurato un governo di matrice comunista filo-sovietico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1862 lo stato era chiamato Principato di Romania, dopo che gli stati vassalli dell'Impero Ottomano Valacchia e Moldavia erano stati uniti nel 1859 con Alessandro Giovanni Cuza come Principe di Romania o Domnitor. Cuza era divenuto principe dei principati ancora divisi nel 1859. Fu deposto nel 1866 dal Parlamento della Romania, che invitò un principe tedesco della famiglia Hohenzollern, Carlo, a divenire il nuovo principe di Romania.

L'indipendenza della Romania dagli Ottomani fu riconosciuta nel 1878 al Congresso di Berlino; il principato divenne un regno nel 1881, con il Principe Carlo come Re Carlo I.

Quella di Romania fu una monarchia costituzionale per la gran parte della sua esistenza, con l'eccezione degli anni dal 1938 al 1939, quando Carlo II depose il governo e istituì una dittatura reale.

Nel 1927, re Ferdinando morì lasciando il Paese al Principe bambino Michele, infatti nonostante suo padre Carlo fosse in vita, quest'ultimo non desiderava regnare, ed era pertanto spesso all'estero, in viaggio per l'Europa. Il primo regno di Michele durò solo tre anni, perché il padre tornò in patria e accettò il titolo di sovrano.

Dopo dieci anni di regno, Carlo II rinunciò al titolo reale per lasciare la Romania e sposare Elena Lupescu, con la quale si stabilì in Portogallo; non tornò mai più nel suo Paese.

Nel 1944, durante il secondo regno di Michele, le forze sovietiche si avvicinarono al confine orientale della Romania. Nonostante l'allineamento politico con le Forze dell'Asse e l'alleanza con i nazisti, favorita dalla politica di Ion Antonescu, iniziò presto l'occupazione sovietica. Nel dicembre del 1947 Michele dovette abdicare e lasciare la nazione, i comunisti annunciarono così l'abolizione della monarchia.

Dopo la caduta del comunismo nel 1989 Michele visitò la Romania in mezzo a una delle più grandi folle mai viste per le strade di Bucarest.

Sovrani di Romania, Hohenzollern-Sigmaringen (1881-1947)[modifica | modifica wikitesto]

# Immagine Nome Inizio regno Fine regno Note
1
Carol I of Romania - foto01.jpg
Carlo I
Precedentemente Domnitor (Principe) di Romania dal 1866
20 aprile 1839 - 10 ottobre 1914

(75 anni)

15 marzo 1881 10 ottobre 1914
2
King Ferdinand of Romania 2.jpg
Ferdinando I 24 agosto 1865 - 20 luglio 1927

(61 anni)

10 ottobre 1914 20 luglio 1927 Nipote di Carol I
3
Michael I of Romania (1927).jpg
Michele I (I regno)
Sotto reggenza
25 ottobre 1921 - ancora in vita

(età 95)

20 luglio 1927 8 giugno 1930 Nipote di Ferdinando I
4
RetratoDeCarolI.jpeg
Carlo II 15 ottobre 1893 - 4 aprile 1953

(59 anni)

8 giugno 1930 6 settembre 1940 Figlio di Ferdinando I
3
Mihai.jpg
Michele I (II regno) 25 ottobre 1921 - ancora in vita

(età 95)

6 settembre 1940 30 dicembre 1947 Figlio di Carol II

Anche se Michele I di Romania non è il Capo di Stato, gioca un ruolo importante negli affari nazionali rumeni.

Pretendenti al trono rumeno (dal 1947)[modifica | modifica wikitesto]

# Immagine Nome Inizio rivendicazione Fine rivendicazione
1 King Michael I of Romania by Emanuel Stoica.jpg Michele I
25 ottobre 1921 - ancora in vita(età 95) 30 dicembre 1947 1 marzo 2016
2 Princess Margarita of Romania.JPG Margherita di Romania, Principessa di Hohenzollern 26 marzo 1949 (68 anni) - ancora in vita 1 marzo 2016 attuale

Sequenza temporale[modifica | modifica wikitesto]

Margherita di Romania Romania Michele I di Romania Carlo II di Romania Ferdinando I di Romania Guglielmo di Hohenzollern-Sigmaringen Leopoldo di Hohenzollern-Sigmaringen Carlo I di Romania Filippo del Belgio (1837-1905) Alessandro Giovanni Cuza

Consorti reali[modifica | modifica wikitesto]

Stendardi reali[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]