Re Nudo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la fiaba da cui origina il modo di dire, vedi I vestiti nuovi dell'imperatore.
Re Nudo
StatoItalia Italia
Linguaitaliano
Periodicitàmensile
Genererivista
FondatoreAndrea Valcarenghi, intellettuali ed artisti vari
Fondazionenovembre 1970, luglio-ottobre 1996
Chiusura1980
SedeMilano, poi Siena
EditoreRe Nudo Edizioni
Sito webwww.renudo.it/
 

Re Nudo è stata una delle principali riviste italiane dedicate alla controcultura e alla controinformazione, di natura libertaria, fondata a Milano nel novembre 1970[1] da un gruppo di intellettuali e di artisti, tra i quali Andrea Valcarenghi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La contestazione giovanile[modifica | modifica wikitesto]

La rivista diffonde in Italia informazioni e tematiche proprie della cultura underground internazionale: musica, droghe, sessualità libera, pratiche sociali alternative, fumetti. La redazione è fortemente critica nei confronti dell'area più settaria e dogmatica del Movimento Studentesco, considerata moralista.

Nel 1971 la redazione del giornale si divide sul delicato tema dei finanziamenti e della pubblicità: nel giugno di quell'anno parte del gruppo redazionale, capeggiato dai membri della sua "ala situazionista" (tra cui Gianni-Emilio Simonetti), opera una sorta di scissione e manda alle stampe, in cinquemila copie, Re Nudo Colpo di mano. Si tratta comunque di una provocazione temporanea: dall'edizione successiva Re Nudo torna ad essere prodotto dal gruppo guidato da Valcarenghi, e alla fine del 1972 la rivista inizia ad ospitare anche pubblicità esterne al movimento.

Si segnala anche la proposta, lanciata nel numero di gennaio 1972, di dare vita al nuovo movimento delle Pantere Bianche (ispirate alle "White Panthers" statunitensi di John Sinclair): un tentativo di unire i tradizionali temi controculturali all'impegno verso temi politici come l'aborto, il divorzio, le condizioni nelle carceri, il disagio delle periferie urbane, osservati secondo la prospettiva della lotta di classe. Questa iniziativa porta ad un'ulteriore scissione da parte di alcuni redattori romani, più inclini ad una visione hippie della rivista[2]

Re Nudo prosegue la sua attività sino al 1980.

Nella primavera 1984 il grafico Aldo Campanozzi dà vita ad una effimera ripresa della testata Re Nudo. Ne viene pubblicato un solo numero (A. 1 n. 1 nuova serie), lontano dai temi classici della rivista.

I Festival del proletariato giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Festival del proletariato giovanile.

La rivista Re Nudo organizzò in Lombardia dal 1971 al 1977 i Festival del proletariato giovanile con moltissimi gruppi musicali e cantautori italiani dell'epoca, la prima edizione del 1971 si tenne a Ballabio vicino Lecco, la seconda del 1972 sulle rive del Po a Zerbo, la terza del 1973 ad Alpe del Viceré in provincia di Como e dalla quarta alla sesta edizione a Parco Lambro a Milano.

Il nuovo Re Nudo[modifica | modifica wikitesto]

L'11 luglio 1996 ai Giardini di Castel Sant'Angelo in Roma, Andrea Valcarenghi presenta il numero 0 della nuova serie che inizia le sue regolari pubblicazioni mensili dal 4 ottobre successivo.

I temi trattati dalla rivista riguardano l'ecologia olistica e la ricerca interiore. Tra i collaboratori vi sono Giorgio Gaber, Claudio Rocchi, Franco Bolelli, Michele Serra, Fabrizio De André, Lidia Ravera, Franco Battiato, Barbara Alberti, Gabriele La Porta, Vasco Rossi.

Estate 2008: dopo 105 numeri rinnova la grafica e diventa trimestrale. Ogni numero è monografico per approfondire una tematica, con cinquanta pagine in più dedicate all'argomento principale, raggiungendo così una foliazione di oltre cento pagine a colori.

Altro cambiamento: Re Nudo resetta la numerazione e esce in coedizione con l'editore Cerchio della Luna, che coprendo da tempo uno simile spazio editoriale sulla tematica, garantisce un più' ampio circuito librario. Questa scelta dopo due anni di distribuzione Free Press risponde ad una esigenza[non chiaro]di un nuovo pubblico di ricercatori interessati ai processi evolutivi, desiderosi di uno spazio di approfondimento organico che una rivista tradizionale, per la brevità dei testi, non può dare.

In questa nuova fase viene creato Comitato dei Garanti per una visione pluralista della ricerca interiore, sempre nell'ambito di percorsi spirituali ed evolutivi rigorosi e selettivi, lontani dalle tematiche new age. che insieme alla direzione della rivista dovrebbe garantire ai lettori l'autonomia di Re Nudo da condizionamenti economici o politici e la continuità della linea editoriale.

Hanno aderito al Comitato dei Garanti: Andrea Valcarenghi, Franco Battiato, Piero Verni, Claudio Fucci, Fabrizio Ponzetta, Nitamo Montecucco, Auro Proietti, Enrico Cheli, Musicanti d'Amore.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Re Nudo - Idee ed Esperienze per l'Evoluzione dell'Essere
  2. ^ Francesco Ciaponi, Underground. Ascesa e declino di un'altra editoria, Costa & Nolan, 2007, pag. 120
  3. ^ Fonte dell'aggiornamento il sito ufficiale di Re Nudo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]