Rappresentazione intermedia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

In informatica, il termine rappresentazione intermedia indica una struttura dati generata a partire dai dati in ingresso a un programma per calcolatore dalla quale è possibile generare dati in uscita risultanti dall'elaborazione.

Le rappresentazioni intermedie generalmente mantengono gran parte (o tutta) l'informazione contenuta nei dati in ingresso. Progettata per rendere l'accesso alle informazioni e la loro elaborazione più agevoli ed efficienti, la rappresentazione intermedia spesso contiene i dati in ingresso in forma parzialmente elaborata e integrati da informazioni aggiuntive.

Un esempio classico di rappresentazione intermedia è offerto dai compilatori moderni, nei quali la sequenza di righe di testo del codice sorgente in ingresso, prima della conversione in istruzioni assemblatore per la CPU, è trasformata in una struttura dati intermedia (solitamente a grafo o albero) che consente l'analisi del flusso di controllo e il riordino di istruzioni o di intere parti del programma.